Autore Topic: Superboy's Legion di Alan Davis  (Letto 6078 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Azrael

  • Batman Inc.
  • *
  • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
  • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
  • Post: 153985
  • La Vittoria Sta Nei Preparativi
    • Blog Azrael
Re: Superboy's Legion di Alan Davis
« Risposta #15 il: 23 Marzo 2012, 15:32:26 »
  • Ah, ho notato che la carta è diversa dal solito, è tipo quella che ha usato la planeta per i volumi come "Flash Omnibus di Johns" o "La Morte di Superman Omnibus"
    INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE



    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Lois Lane

    • Visitatore
    Re: Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #16 il: 23 Marzo 2012, 15:52:27 »
  • è meno lucida infatti e lo preferisco alla grande   :lol:

    sono molto alla buona io ma se c'è una cosa che mi da fastidio è il riflesso sul lucido  :lol:

    Offline Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 153985
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re: Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #17 il: 23 Marzo 2012, 15:55:04 »
  • è meno lucida infatti e lo preferisco alla grande   :lol:

    sono molto alla buona io ma se c'è una cosa che mi da fastidio è il riflesso sul lucido  :lol:

    Ma infatti è di lusso, perchè difficilmente si rovina questa carta  :ahsisi:
    INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE



    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Lois Lane

    • Visitatore
    Re: Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #18 il: 25 Marzo 2012, 21:22:15 »
  • Sono a oltre metà volume...ho poco tempo per leggere e mi ritrovo ad ogni tavola fermo ad ammirare la bravura di Davis.

    E' incredibile che regia abbia quando disegna. Quando deve mostrare i poteri di un super-eroe (che è una parte essenziale del fumetto super-eroistico) lo fa talmente bene che ti sembra di star vivendo quella scena.

    E' tutto equilibrato, pulito, mai volgare, tamarro.

    La storia è divertentissima. Silver age pura, ben fatta, con ottimi dialoghi, caratterizzazioni "cambiate" ma ben fatte e una trama votata all'avventura molto carina. Qui c'è proprio il cuore del fumetto d'avventura intergalattico/supereroistico alla maniera silver age, ma con una narrazione comunque più moderna, tanto è che in alcuni punti osa anche con qualche scena più duretta.

    Spoiler: ShowHide
    Superboy è veramente insopportabile  :lolle: Ma comunque ben caratterizzato! Farmer ha compreso bene il personaggio e ne ha diviso le due matrici più importanti: da una parte quella grezza ed interiore che sicuramente è presente in Kal-El....Kal è sicuramente geneticamente portato alla bontà. E poi c'è quella dell'educazione, che ha poi reso Kal il grande Superman, cioè Clark Kent. Mancando Clark Kent, parte fondamentale e vera di Kal, manca anche il Superboy(man) che tutti conosciamo.

    Molto bello. E tutto si ripercuote anche sulla creazione della Legione dei Super-Eroi, che nasce proprio per seguire le orme di Superman.




    Post Uniti: 26 Marzo 2012, 15:31:28
    Finito.

    Storia deliziosa! Davvero deliziosa! avrebbe potuto scriverla un Johns una storia così.

    Spoiler: ShowHide
    L'elseword è duplice: da una parte Kal-el che appare nel futuro, lontano dal tempo degli eroi. E dall'altra l'assenza della guida morale dei Kent nella vita del giovane kryptoniano.

    Già solo l'aver messo in evidenza questo aspetto in modo più o meno esplicito conferma una comprensione del mito di Superman veramente valida. Uno dei due grandi fulcri dell'essenza di Superman: Clark Kent.

    Qui Kal è un giovane nerd se vogliamo, amante degli eroi del passato, ed è stato adottato da una brava persona ma decisamente diversa dai Kent: R.J. Brande, l'uomo più ricco della galassia, nonché colui che nella continuity ufficiale ha contribuito alla creazione della Legione dei Super-eroi.

    La Legione originaria nasce dal desiderio di tre ragazzi, Cosmic boy, Saturn girl e Lightning lad, di seguire i valori e le gesta del mitico Superman, il più grande eroe di tutti i tempi.

    Questo futuro tuttavia non ha un passato con Superman su cui basarsi. Kal infatti durante la sua corsa verso la Terra è andato ad incagliarsi con la navicella spaziale su un meteorite ed è rimasto chiuse dentro la sua speciale incubatrice in una stasi che lo ha preservato fino a che R. J. Brande non lo ha ritrovato.

    Per secoli quindi Kal-el è rimasto congelato e ha potuto riprendere la sua crescita solo nel futuro, nel XXX secolo.

    Come figlio di Brande ha potuto godere di agi, privilegi e spensieratezza molto diversi del giovane Clark.

    Nel futuro Kal ha potuto manifestare senza paure i proprio poteri che tuttavia ha sempre utilizzato senza freno, con disinvoltura ma anche incoscienza.

    Bellissimo notare che anche questo tipo di apparente libertà non lo abbia portato a sentirsi meno solo. L'ipotesi che le ristrettezze impostegli dai Kent, se eliminate, lo avrebbero reso più felice, sembra non trovare accoglimento in questa storia.

    Kal è affascinato dai grandi eroi del passato e si veste come loro, adottando un costume variopinto e un nomignolo "Superboy", anche se privo di utilità per semplici scorribande nello spazio.

    Kal rimane essenzialmente buono di spirito e di certo non si può dire che Brande non sia una brava persona, positiva! Ma il suo status di grande manager ha fatto sì che, comunque, Kal vivesse una vita diversa da Clark Kent, e diventasse meno responsabile.

    La legione inizialmente nasce quindi su capriccio di Kal che cerca di riunire ragazzi dotati di super-poteri in modo da ricordare la mitica Justice League. Bella è stata la scena delle selezioni, chiara citazione di questa:



    I Legionari sono quasi tutti uguali, differiscono in piccoli particolari. Carino che Cosmic boy e Saturn girl qui siano una felice e consolidata coppia ad esempio. Bella (e poi triste) l'amicizia tra Sun boy e Colossal boy. Come bellissima il legame fra Invisible kid e Braniac 5, quest'ultimo privato della ben nota arroganza e supponenza.

    L'incoscienza di Kal ben si vede nella tragica fine di Colossal boy.

    Ma da questo errore si vede poi l'altra grande peculiarità di Kal-el: oltre all'educazione Kent, il fulcro di Superman è la sua capacità di ispirare.

    E il richiamo alla mitica saga di Crisi Infinita per un fan di Superman come me è quasi automatico: pesanti e potenti furono le parole che Johns fece dire da Batman a Superman: "l'ultima volta che hai ispirato qualcuno è stato quando sei morto".

    Superman è valori eccezionali ma è anche ispirazione. Lui ispira ad essere un eroe, ispira con la sua tenacia e la sua convinzione! Fu colui che ispirò i grandi eroi de passato, colui che ispirò la Legione dei Super-eroi!

    Pur mancando l'educazione dei Kent, rimane la sua capacità di ispirare, ed ecco che la Legione non si ferma perchè, come dice un da poco arrivato Lightning lad, " Il suo coraggio ispira gli altri a seguirne l'esempio"

    Una perfetta antitesi alla frase pungente di Batman di Crisi Infinita, ma di egual spessore laddove comprende il grande potere di Superman: saper ispirare.

    Superman ispira gli eroi del suo tempo, a prescindere da quello questo sia, e come ho sempre pensato, l'idea di Superman, la sua figura, è configurata per essere ispirazione anche per il lettore che non deve necessariamente connettersi con lui, ma solo comprenderne il messaggio.

    L'avversario è il nemico di sempre...Luthor. Nel passato Luthor è stato sconfitto solo per metà da Batman, l'unico che, seppur scatenando una rovinosa terza guerra mondiale, si è davvero opposto al più grande criminale di tutti i tempi. Luthor fece quello che con Superman non gli riuscirà mai: screditare gli eroi.

    Superman ha il potere di contrastare la capacità di Luthor di seminare odio e zizzania. Luthor ancora una volta rappresenta quelle persone ciniche, egoiste che adorano distruggere i buoni esempi affinchè questi non mettano in luce la propria mediocrità.

    il genio che si ritiene un dio destinato alla grandezza, che schifa gli altri dall'alto della proprio cultura posticcia, e che teme il buon sentimento, che teme la bontà e gli esempi degli eroi perchè sa che la sua luce artificiale nulla può contro quella vera di un sole che brilla.

    Luthor alla fine però non viene neanche propriamente sconfitto da Superboy. Si sconfigge da solo, la più grande perdita è stata se stesso che si è chiuso in un buco ad avvizzire, creandosi un avatar cybernetico, un personaggio che ha vissuto per lui.


    Senza Clark Kent, Kal abbandona la vita dell'eroe lasciandola ai suoi amici, alleati, e compagni di avventura....sotto il comando del prode Ultra-boy, nasce la Legione dei super-eroi!


     


    E quindi che storia è stata? Una storia bellissima di amicizia, di valori, e di avventura. Un fumetto sci-fi e super-eroistico di ottima fattura, divertente e in grado di farti anche riflettere sulla figura di Superman.

    Disegnato in modo magistrale da Alan Davis, il quale ha saputo rendere il mondo della Legione ancora una volta semplicemente fantastico.

    Consiglio la lettura a tutti coloro che amano si SUPER-EROI. Quelli con un mantello, che combattono per i valori dei giusti e sfoggiano poteri immensi con un sorriso. I veri super-eroi insomma.

    L'edizione si è confermata ottima, di fattura perfetta, bella da vedere. Bravissima Lion...e....GRAZIE da un fan sincero ed appassionato di Superman e della Legione dei Super-eroi.  :up:
    « Ultima modifica: 26 Marzo 2012, 15:31:28 da Clark Kent »

    Offline rplant

    • **
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 925
    Re: Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #19 il: 30 Marzo 2012, 15:42:56 »
  • Bellissima storia e disegni fantastici! Mi ha fatto tornare ai tempi di "JLA Il Chiodo" (sempre di Davis) in quanto ad entusiasmo, coinvolgimento e purezza dell'ideale supereroistico, ad avercene di storie così! La trama poi ha quel giusto di "cervellotico" che te la fa apprezzare di più, oltre ad alcuni spunti che donano un sapore moderno all'opera (risale al 2001, assurdo che non ci fosse ancora stata proposta in Italia, fortunatamente ci ha pensato la Lion). I disegni poi meritano un discorso a parte per la loro grandezza, non smetti mai di ammirarli. Infine l'edizione è veramente ben fatta: copertina cartonata elegante, carta simil-cartoncino che rende benissimo la stampa ed i colori, traduzioni e redazionali sempre competenti. Insomma, un prodotto decisamente ottimo e consigliato!

    Lois Lane

    • Visitatore
    Re: Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #20 il: 30 Marzo 2012, 16:06:12 »
  •  :clap: :clap: :quoto: :quoto: tutto quanto.

    ma in particolare:

    Citazione
    Mi ha fatto tornare ai tempi di "JLA Il Chiodo" (sempre di Davis) in quanto ad entusiasmo, coinvolgimento e purezza dell'ideale supereroistico, ad avercene di storie così!

    Vero! Questi elseworld di Davis sono proprio belli belli. Sarebbe bello se ogni tanto ne sfornasse qualcuna. :sisi:

    Offline Rain

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6208
    • When It Rains...
    Re:Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #21 il: 25 Novembre 2018, 11:45:34 »
  • Molto piacevole questo volume.
    Mi aspettavo comunque una maggior sperimentazione visto che è un elseworld.
    La prima parte l'ho trovata migliore, con un grado migliore di introspettiva dei personaggi, la seconda è più concentrata sullo scontro con i cattivi e diventa un pò confusa.

    Magnifici come sempre i disegni di Davis!

    Voto 6     

    La pioggia è vita; la pioggia è la discesa del cielo sulla terra; senza la pioggia, non ci potrebbe essere vita. (John Updike)

    Sostieni DC Leaguers
    http://www.dcleaguers.it/forum/new-leaguers/aiuto-per-rinnovo-201920/

    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 19125
    • Sostieni DCLeaguers!
    Re:Superboy's Legion di Alan Davis
    « Risposta #22 il: 25 Novembre 2018, 13:44:28 »
  • Io mi aspettavo di più quando l'ho letto. Niente di eccezionale, abbastanza gradevole sul momento.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)