LA NOTTE DEI GUFI ARRIVA A GOTHAM!

Scritto da Raffaele Radaelli il 26 febbraio 2012 in Batman e Fumetti DC Comics con nessun commento

Da quando il reboot DC è iniziato, il talentuoso scrittore Scott Snyder, supportato dai fantastici disegni di Greg Capullo (che DC Leaguers ha recentemente intervistato per voi), ha tenuto tutti i lettori con il fiato sospeso, mettendo il Cavaliere Oscuro di fronte ad una nuova e temibilissima minaccia: la Corte dei Gufi.

Gotham City è da sempre ritenuta la città del Pipistrello, così come Batman è sempre stato convinto di conoscere nel profondo la propria città. Ma Snyder fin da Batman #1 ha insinuato il dubbio in Bruce e nei lettori, che la metropoli gothamita potrebbe essere appartenuta, e potrebbe appartenere ancora, a qualcun altro.

Beware the court of owls,
that watches all the time,
ruling Gotham from a shadow perch,
behind granite and lime.


Alla Corte dei Gufi stai attento,
perchè ti guarda tutto il tempo,
governando Gotham, all’ombra appollaiata,
dietro granito e malta.
They watch you at your hearth,
they watch you in your bed,
speak not a whispered word of them
or they’ll send the Talon for your head.


Ti guardano fin nel fondo del cuore,
ti osservano nel letto senza rumore,
non dir nemmeno un sussurro su di loro
o manderanno l’Artiglio a finire il lavoro.

Questa filastrocca, creata dallo stesso Snyder, è usata abitualmente a Gotham per intimorire i propri figli, creando uno spauracchio, simile al nostro “Uomo Nero”.
Nei primi numeri di Batman, Bruce ha scoperto a sue spese, che la Corte dei Gufi non è solo una leggenda, bensì un’ organizzazione segreta realmente esistente, e presente a Gotham da centinaia di anni. Sappiamo ancora poco sul loro conto, però una cosa è certa: ritengono di essere i veri padroni di Gotham e sono pronti a lottare per riconquistare l’anima della città, strappondola a quel Pipistrello che pensava di averla fatta propria.

Ma perchè proprio i gufi?
Snyder ha fatto qualche ricerca, e nel regno animale, alcune specie di gufi cacciano e mangiano anche i pipistrelli, il che li rende nemici naturali. Inoltre, i gufi piacciono molto allo scrittore, che li ritiene spaventosi e inquietanti, nel modo in cui semplicemente restano appollaiati e si limitano a guardarti silenziosamente. A volte sembra quasi che, nonostante siano di fronte a noi, vogliano rendersi invisibili alla vista, semplicemente con uno sforzo di volontà. E questo aspetto ben si adatta alla nostra storia: un’organizzazione che si trova a Gotham da lungo tempo, che osserva nell’ombra, considerandosi invisibile e capace di agire impunita.

In Batman #6, lo scontro tra Batman e la Corte dei Gufi diventa sempre più acceso, con questi ultimi pronti a risvegliare (o resuscitare?) tutti i Talon (Artiglio in italiano) del passato, ossia gli agenti operativi, i sicari, gli assassini di questa associazione.

Ecco quindi che l’attacco alla città avverrà sulle testate del Bat-mondo proprio a Maggio 2012, anche se è stato confermato che non sarà un classico cross-over fra i diversi titoli.
Ogni serie, infatti, sarà leggibile a sè: non sarà necessario, per comprendere l’evento, leggere “All Star Western”, “Catwoman”, “Birds of Prey”, “Batgirl”, “Batwing”, “Nightwing”, “Batman and Robin”, “Red Hood”, “The Dark Knight” e “Detective Comics” (queste le testate interessate dall’evento). Questa “Notte dei Gufi” sarà inserita da ciascun autore all’interno delle proprie storyline, senza bisogno di sapere nient’altro per apprezzare ciò che sta succedendo.

L’evento racconterà i fatti di una notte, durante la quale la Corte dei Gufi sguinzaglierà i propri Artigli sulla città, attaccando Batman e i suoi alleati. La maggior parte delle testate sarà interessata dall’evento solamente nel numero di Maggio; mentre alcune, tra cui “Nightwing”, dedicheranno due numeri alla narrazione di questi fatti.
In particolare, “The Dark Knight”, a differenza delle altre serie, mostrerà gli eventi da una diversa prospettiva: assumerà, infatti, il punto di vista di uno di questi Talon.

In queste settimane la DC Comics sta svelando i bozzetti di Greg Capullo per i diversi Talon che faranno la loro comparsa a Gotham.

Anche le back-up stories (incluse a partire da da Batman #8, scritte da Scott Snyder e James Tynion IV, disegnate da Rafael Albuquerque) avranno il loro Talon.
La star di American Vampire, Rafael Albuquerque ne ha curato il design, affermando di aver conferito al personaggio un aspetto “clericale”, cerimoniale, ma al tempo stesso, mantiene un look che possa essere adatto ad un assassino. Rafael ha dichiarato di aver seguito il meraviglioso lavoro fatto da Capullo sul Talon originale, ma cercando di discostarsi un po’, usando più cuoio che metallo, e un mantello, in modo da dare al personaggio un aspetto quasi religioso.

Le descrizioni fornite insieme alle immagini di questi letali assassini, ci informano che le loro prime apparizioni a Gotham sono avenute anche centinaia di anni fa! Questo non fa che aumentare il senso di timore e inquietudine nei confronti di questa Corte dei Gufi, che, a quanto sembra, è in possesso di poteri e conoscenze fuori dal comune, tanto da poter “resuscitare” i propri guerrieri dalle epoche passate.

Negli ultimi anni, Batman è stato posto di fronte a sfide sempre più difficili. Riuscirà questa volta a fronteggiare l’attacco?


Informazioni sull'autore

Raffaele Radaelli [Bruce Wayne]Classe 1987, ama sezionare e analizzare fino al più piccolo particolare ogni storia. Affascinato dagli strabilianti risultati che si possono ottenere dalla commistione di testi e immagini, nutre una grande passione per Batman, Morrison, Gaiman, Moore... senza dimenticare il mitico Sergio Toppi, che ha fatto nascere la sua passione per il medium fumetto.Leggi tutti gli articoli di Raffaele Radaelli