News:

Sostenete DC Leaguers (scopri come).

Menu principale

Top & Flop 2022

Aperto da Ryo Narushima, 14 Dicembre 2022, 09:59:01

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Ryo Narushima

TOP & FLOP 2022



POSTATE I VOSTRI MIGLIORI E PEGGIORI VIDEOGAME DELL'ANNO!

Valgono solo i titoli che avete finito nel corso del 2022

Scadenza: 31 Dicembre


My Collection --> @minimalvworld


SisselMarston

Tutto in ordine sparso, non una classifica.



TOP:



GOW: Rangarok: Non c'è molto da dire. In realtà si, ma non in uno spazio cosi esiguo. Seguito di quel capolavoro del 2018, che migliora molto reparti del precedente, già di altissimo livello, seppur forse il precedente più autoriale, in cui la mano di Barlog si sentiva e che qui si sente assente, ma fa niente di fronte a tanta qualità produttiva, in quasi ogni comparto, di quelle che ne escono pochi ogni anno, o anni. Insomma il GOTY.



Madison: Finalmente un horror decente tra le ondate di horror indie che escono, come il buonissimo Tormented Souls. Di per se non un capolavoro, ma ottima sorpresa che non mi aspettavo. Ha personalità e idee, ed è anche l'horror più spaventoso giocato, e si non esagero, nonostante sul finale bari con abuso di jumpscare fino a diventare quasi frustrante, ma sempre efficaci come terrore.



Mario Conigli 2: Il primo è uno dei migliori giochi Ubisoft degli ultimi 5-6, forse di più, di una Ubisoft ormai decadente, e dove questi Rabbids non possono non risplendere come outsiders qualitativi. Di certo non il seguito che mi aspettavo, di certo non un MOTS ma tutt'altro, che ci mette un attimo ad ingranare, e che ripeto ha qualche amarezza, diciamo nel fatto che sia decisamente più permissivo e meno strategico del precedente, davvero buono nel suo cercare di accontentare tutti, in una visione che amalgamava bene il suo dover essere giocato da tutti senza essere proibitivo in quanto meccaniche e difficoltà, ad avere una finezza strategica che emergeva abbastanza spesso, che questo seguito viene smorzato tanto, e troppo, ma il 2 rimane comunque un gioco ottimo, che diventa abbastanza assuefacente, anche per il suo essere di certo più veloce negli scontri, questo figlio per assurdo del suo essere smorzato nella componente strategica che dicevo, che lo rende ancora più piacevole appunto, e vario.



Evil West: Detto in maniera veloce, un clone di GOW 2018, simile quei cloni di Gears che uscivano in epoca ps3, che copiavano meccaniche e anche le animazioni come questo. Detto questo, il gioco però ha personalità rispetto ai cloni di Gears, di cui forse se ne salvavano 1 o 2, e anche qualche idea carina e inedita nel combat che rendono il gioco molto piacevole, e nonché divertente. Non tutto splende, con un level design mediocre che a volte si alza a sufficiente sporadicamente, che si riflette nelle arene non sempre buone, con tanto di personaggio che qualche volte ci si blocca in parti dello scenario, o ingenuità varie e scontri non troppi equilibrati. Nonostante questo, il gioco rimane una piccola sorpresa. Non ottimo, ma buono si.



Sonic Frontiers: L'idea del gioco alla base del gioco la trovavo davvero bella all'annuncio, un Sonic però adventure, ma davvero adventure, non come i 2 Adventure omonimo della saga, però il gioco dai video sembrava una merda, ma merda rara, di quella brutta che puzza, insomma ci avevo fatto croce. Esce e nonostante i commenti positivi mi continuava a sembrare bruttino, ma mi aveva cambiato un attimo l'umore verso il gioco. Arriva il Black Friday e vedo che il gioco ormai sta a 35€, a 20 giorni dall'uscita, mi sono fatto tentare e l'ho preso, rischiando, e devo dire che ho fatto bene. Il gioco non è straordinario, è comunque clunky in molte cose, e con cose di game design che non mi spiego, quindi tutta la struttura dei collezionibile, opzionali e story related, ma in se discreto, e non poco visto che mi sembrava una merda, nonché buona base per i successivi.



Kirby Forgotten Land: Se non fosse per GOW, questo Kirby se la sarebbe giocata con Conigli 2, quindi a tutto Switch, di cui è stato un ottimo anno, nonostante a me siano interessati solo questi 2 citati. Niente da dire, un platform non originale, molto derivativo da un 3D World, ma comunque con molto personalità, soprattutto grazie alle meccaniche caratteristiche della saga di Kirby 2D finalmente messe in un contesto 3D. Abbastanza vario in quello che propone e sempre divertente e di qualità anche nei suoi momenti peggiori, che non sono troppi in realtà. Ovviamente il fatto che il gioco sia molto facile potrebbe scoraggiare molto, ma passateci sopra, ne vale la pena se siete fan del genere o orfani di esponenti 3D. Voglio il seguito, quindi Ninty muoviti. Visto che ci sei, ma un Donkey Kong 3D ? No ? Chiedo.



FLOP:



Ghostwire Tokyo: Ci speravo abbastanza visto che il setting era fantastico, il combat sembrava altrettanto interessante e quasi originale, con questo suo misto di shooter e melee, ma il gioco è davvero troppo moscio, nella stessa ludica il cui combat non si è rivelato cosi bello e struttura di gioco, un open non divertente da esplorare o semplicemente soddisfacente. In se il gioco dove arrivato io non ha neanche un picco, o una qualsiasi voglia idea interessante.



Fobia: St. Dinfna Hotel:
C'è poco da dire, fa parte dell'ondata di indie horror degli ultimi anni, su cui tantissimi si buttano, ma che in realtà nulla a da dire come personalità, un clone di RE7 ma che induce solo a rigiocare quello visto che questo FOBIA senza una sua identità, e ludicamente mediocrissimo.



ai: The Somnium Files - nirvanA Initiative: Sono abbastanza fan del primo, che neanche dovevo prendere ma che comprai dopo aver provato a caso la demo che mi incuriosi molto, e ne rimasi stupito, tanto da riprovarci con altri giochi dell'autore che non mi avevano preso, quindi 999, che finalmente riuscii a continuare e adorai, quindi avevo molto aspettative in questo, nonostante la delusione di Wolrd's End Club, e nonostante sappia Uchikoshi un attimo forse bollito. Alla fine mi sono ritrovato un gioco che appunto non faceva nulla di buono in quello che doveva fare, la trama, con robe che mi hanno fatto gridare per quanto brutto o stupide. Non è orribile o che, ma una delusione abbastanza cocente, di quelle che fanno male.



The Chant: Discorso simile a Fobia. Non ha troppo da dire, nonostante alla fine sia anche piacevolino, ma nel complesso mediocre, soprattutto combat, e che cerca di fare troppo l'AAA nell'estetica e meccaniche senza poterlo permettere.



A Plague Tale: Requiem: Il primo lo adorai. Un gioco limitato sicuramente, ma che alla fine faceva discretamente, se non bene, quello che voleva fare, senza esagerare, senza strafare, cosa che al contrario il seguito cerca di fare, tentando il colpaccio, cercando di copiare TLOU2, ma senza riuscirci, senza poterselo permettere nelle meccaniche ludiche, non avendo le stesse teste dei Cagnacci, e si vede in tutto, dal level design a game design. Anche ritmo pessimo, troppe parti non giocate che sminchiano il pacing.
Chiariamoci non un brutto gioco, ne del tutto sconsigliato, a patto di determinati gusti visto le molte cose che potrebbero essere indigeste del titolo, soprattutto se si soffrono i titoli narrativi, alla fine un gioco che viaggia sul 7, con assolute qualità produttive, che a fronte di un'ottimizzazione cosi cosi su ogni piattaforma, ha un impianto tecnico notevole, e una narrativa e regia nei filmati davvero buona, nonostante la sceneggiatura in se non eccellente, come non lo era neanche il primo che scadeva male nel finale, che è sicuramente discreta e sicuramente piacevole in questo seguito, probabilmente per molti uno dei motivi per mandare avanti il titolo, ma anche fin troppa ingenua a volte, o con più di qualche caduta negativa



Saints Row: Ci ho giocato poco, avrò fatto un 5 ore scarse forse... Mi è bastato. Fa tutto peggio del 3, che aveva un ottimo shooting, che era divertente, folle, originale quasi, con idee, tante idee, questo al contrario fa tutto peggio nelle cose elencate sopra. Gioco del 2022 più vecchio di uno di un decennio prima. Mediocre fino ad essere insopportabile.



Road 96:
Non brutto, sicuramente anche sufficiente, però che non regge il peso di quello che vuole fare, nei temi che di certo non sono leggerini ma che vengono affrontati in maniera leggerina, senza una reale profondità, o molta qualità, come un libro per bambini che cerca di spiegare argomenti enormi nella loro complicatezza, ma semplificandoli, quasi banalizzandoli, con anche clichè assortiti. Il tutto non reggendo neanche nella ludica, che si presenta di certo non scontata nella sua struttura procedurale, ma che anche qui non regge il passo di quello che vuole fare. Ho trovato migliore il limitatissimo 11-11, degli stessi autori.





Al di fuori di questi, ci sono stati anche di titoli usciti in altri anni come:



TOP:




Fatal Frame V: L'avevo preso al D1 di WiiU, e non mi aveva preso, e francamente avevo messo una pietra sulla saga. Qualche mese fa mi è venuta voglia, di quelle che mi vengono ogni tanto e mi fanno rischiare, e ho preso la remaster, facendo bene. Il gioco è difettato sicuramente, con tipo il riciclo maggiore che io abbia visto in un titolo, davvero mai visto un titolo che ricicla cosi tanto se stesso, e una narrativa davvero noiosa dopo un po' con questo suo voler essere raccontata solo tramite documenti, essendo anche troppo arzigogolata per quello che propone, ma mi ha messo voglia di provare i precedenti che avevo ignorato.



Knack 2:
Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler.
[/Spoiler]



White Night: Semplicemente un buon horror, non perfetto ma del tutto funzionante, con un'ottima estetica e atmosfera, con anche una narrativa non straordinaria ma che ha più di qualche momento, nonostante il twist finale molto prevedibile, che rende bene nel suo voler essere noir e imitare lo stile del genere. Ripeto, nonostante non sia straordinario è un indie horror che è di certo consigliato agli amanti del genere, nonostante non faccia di per terrore o altro, e che di certo oggi non è comune nel panorama del genere, nonostante parliamo di un titolo di 7 anni fa e non 15 anni.



Sonic Boom - Fuoco e Giaccio: Probabilmente esagerato, un gioco sul 7 andante, ma semplicemente gli voglio bene e lo voglio premiare. Non mi aspettavo nulla, invece più che discreto, nonostante sia ripetitivo alla lunga, e nonostante cerchi di variare con diverse e più cose da fare, il gioco è ben ben costruito, nonché piacevole e divertente, e fa bene l'accoppiata platform misto a velocità dei Capitoli 2D, quindi come piace a me. Direi quasi sottovalutato. Dei 3 giochi su Sonic Boom credo sia il migliore, nonché l'unico meritevole.



FLOP:



Silent Hill: Homecoming: Non merita molte parole. Caga e piscia in faccia alla saga in quasi tutto, soprattutto lore, iniziando bene ma svaccando man mano, con anche una ludica che vorrebbe essere migliore dei precedenti, almeno lato combat, che di certo ha una base decente ma fatta dimmerda, che fa solo bestemmiare e incazzare per quanto arronzata. Fa riflettere quanto Arkham Asylum, uscito un 2 anni dopo, abbia aiutato a creare un combat decente nei videogiochi non action, anche non per forza copiando il freeflow. Ritornando ad Homecoming, gioco che non ha messo guizzo o idea, nulla che si possa definire interessante, ma che ha solo la fortuna di essere piacevole per via delle meccaniche base della saga, comunque presenti, ma basta, tutto qua. La saga dei giochi Occidentali qualcosa ha fatto bene, con perle autoriali come Shattered Memories, o Downpour, che ha picchi postivi nonostante il suo non essere pulito e abbastanza poraccione in molte cose, ma che rispetta la saga, con molte cuore e identità, cosa che Homecoming non fa, tutto il contrario.



Demon Turf: Mah, boh. Carina l'idea del personaggio 2D in contesto 3D, ma solo estetica che non si riflette nel gameplay, per il resto niente di entusiasmante. Di per se il platform è anche discreto, ma non so, neanche straordinario, forse riempito con troppa roba secondaria. Tutto il gioco comunque parecchio strano, che in se mi ha fatto chiedere perché ci stessi perdendo tempo, cosa che con un gioco non deve mai avvenire.

Ryo Narushima

Homecoming a me piacque solo come Otherworld, mi ricordò un po' il tre. Peccato per Saints Row, lo proverò sicuramente un giorno, però non sei il primo che non ne parla benissimo, è stato dimenticato in fretta come capitolo.



Io quest'anno non ho giocato moltissimi titoli, mi sono concentrato più al recupero degli ultimi capitoli Pokémon, ma è stato lo stesso un 2022 divertente perchè sto affrontando il brand da vero appassionato completista.

Questa la lista completa, in grassetto i titoli coi voti più alti o che mi sono piaciuti di più:

Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler.


Vincitori assoluti Yakuza 5 e Turtles in Time che si sono beccati un bel 9 pieno.

Al secondo posto le espansioni di Pokémon Spada che risollevano una gen tutt'altro che esaltante, Let's Go che si è rivelato una bella sorpresa e Arceus che ho apprezzato molto a livello di novità proposte. Fantastico anche il nuovo Streets of Rage.

Nelle delusioni forse ci metto Control, non un brutto titolo, ma non mi ha detto molto, l'ho apprezzato di più nel post-game.

Si becca la flop anche Pokémon Scarlatto, che nonostante sia il gioco su cui sto passando più ore quest'anno e offra uno dei finali più maturi e tristi della serie, resta un titolo che poteva dare molto di più nei singoli dettagli.

My Collection --> @minimalvworld


Ben-Point

Non ho giocato molto quest'anno, ma per fortuna nessuna esperienza mi ha deluso del tutto.

Returnal (difficile e punitivo ma non troppo, così da permettere al giocatore di migliorarsi sempre ad ogni partita e di premiarlo una volta ottenute le abilità giuste; sound design da paura; ambientazioni che possono ripetersi, essendo ovviamente un roguelike, ma che restano comunque ben fatte; come già detto in altri topic, se lo avessi giocato l'anno scorso sarebbe stato di certo il mio GOTY)

Star Wars Jedi: Fallen Order (esperienza molto piacevole nell'universo di Star Wars, ambientato cronologicamente 5 anni dopo La Vendetta dei Sith; il combattimento può essere abbastanza macchinoso durante le prime fasi, ma una volta che riesci ad ottenere le varie abilità puoi trovare modi variegati per scontrarti con i nemici (anche se ammetto di non aver mai imparato bene a fare i parry :asd:); la storia riprende molte tematiche già trattate in Star Wars, ma con una certa freschezza per farti legare ai personaggi; ci sono state alcune scelte narrative lasciate un po' in sordina o poco trattate, ma nel compenso un buon gioco che spero possa migliorarsi col suo seguito in uscita)

Prey [2017] (un immersive sim survival horror su cui ho speso molte ore; Talos I, la stazione spaziale dove ti ritrovi intrappolato, è come se fosse un "parco giochi" infestato da alieni; non che ci siano così tante cose da fare all'interno oltre alle classiche quest principali e secondarie, ma l'atmosfera e le ambientazioni sono molto curate e piene di segreti con cui il gioco ti premia per l'esplorazione; i concetti sono interessanti, e mi sarebbe tanto piaciuto vederle svilupparsi in un seguito che, a causa anche delle scarse vendite, non vedremo mai... Proprio come il Prey 2 originale)


"The hell am I even doin'?"

Det. Bullock

#4
Top
Thief: Gold
Return to Monkey Island
Legend of Grimrock II
Remember Me
Steven Universe: Unleash The Light
Vampire Survivors
Trine
Trine 2
Fez
Inner Space
Amid Evil
Thimbleweed Park
Loom
Dandara
Dear Esther: Landmark Edition
Mark of The Ninja
Bud Spencer and Terence Hill: Slaps & Beans
Soul Reaver 2
Ender Lilies: Quietus of The Knights

Flop
Jalopy
Tomb Raider 3
Blood Omen 2
Dark Souls II: Scholar of The First Sin
A Normal Lost Phone
Brothers: A Tale of Two Sons
Doom 2016

EDIT

Aggiunto Ender Lilies, che non contavo di iniziare o finire prima dell'anno nuovo.
"I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
"People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor
Il mio canale Youtube.

Ben-Point

Citazione di: Det. Bullock il 27 Dicembre 2022, 12:18:18Top
Thief: Gold
Return to Monkey Island
Legend of Grimrock II
Remember Me
Steven Universe: Unleash The Light
Vampire Survivors
Trine
Trine 2
Fez
Inner Space
Amid Evil
Thimbleweed Park
Loom
Dandara
Dear Esther: Landmark Edition
Mark of The Ninja
Bud Spencer and Terence Hill: Slaps & Beans
Soul Reaver 2

Flop
Jalopy
Tomb Raider 3
Blood Omen 2
Dark Souls II: Scholar of The First Sin
A Normal Lost Phone
Brothers: A Tale of Two Sons
Doom 2016

Peccato che non vedremo mai il seguito di Fez per colpa anche dell'idiozia del suo creatore. :nono:

Giusto per curiosità, cosa ti ha lasciato deluso di Doom (2016)?

"The hell am I even doin'?"

Det. Bullock

Citazione di: Ben-Point il 27 Dicembre 2022, 22:57:07Peccato che non vedremo mai il seguito di Fez per colpa anche dell'idiozia del suo creatore. :nono:

Giusto per curiosità, cosa ti ha lasciato deluso di Doom (2016)?

Diciamo che i "flop" non sono tanto roba brutta brutta quanto roba un po' meh o, nel caso di Jalopy, che aveva qualche bug di troppo (sul serio, già nel tutorial mi è capitato un bug che impediva di proseguire).

Doom 2016 ha il problema di essere ancora ancorato ad alcune convenzioni moderne che non mi piacciono come i chekcpoint messi un po' a caso, livelli chesembrano aperti all'esplorazione ma in realtà spesso ti impediscono di tornare indietro a esplorare.

È un evento nel senso che finalmente c'è uno shooter tripla A che non cerca di fare un clone di Halo o di CoD, ma Amid Evil per esempio è molto meglio come gioco.
"I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
"People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor
Il mio canale Youtube.