News:

Sostenete DC Leaguers (scopri come).

Menu principale

Batman di Norm Breyfogle

Aperto da Azrael, 01 Marzo 2011, 19:18:24

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Azrael

Il Batman di Breyfogle - Leggete L'articolo di Simone Sperati sul nostro Sito
Approfondimento: Catman e Catwoman: ieri e oggi


   
Batman di Norm Breyfogle n.1
   
Edizione originale: Detective Comics #579, 582-594, 596 USA
Testi: Joe Dufy, John Wagner, Alan Grant, Mike W. Barr
Disegni: Norm Breyfogle
Formato: Libro cartonato, 352 pp., a colori.
Prezzo: 30 €
Uscita: 13 Maggio
   
Nella sua interminabile crociata contro il crimine, Batman si trova ora ad affrontare nuovi minacciosi avversari: il Ventriloquo e il suo inseparabile Scarface, L´uomo corrosivo, Kadaver, l´Acchiappatopi, Cornelius Stirk... spietati criminali ansiosi di ingrossare le fila della variopinta galleria di nemici dell´Uomo Pipistrello. Ma il protettore di Gotham dovrà mettercela tutta anche per sventare due minacce su scala globale: il traffico di droga e il terrorismo...

Con questo volume, Planeta De Agostini inaugura un´antologia di cinque volumi dedicata alle storie del Cavaliere Oscuro disegnate da Norm Breyfogle e pubblicate originariamente sulle varie serie regolari di Batman. Una collezione impedibile che già da questo primo numero ci offre alcune delle collaborazioni di Breyfogle con gli sceneggiatori britannici John Wagner e Alan Grant, risalenti alla mitica Detective Comics, una collana che alla fine degli anni Ottanta diventò un vero classico del fumetto grazie proprio a questi autori.


CitazioneVolume 1: Detective Comics #579, 582-594, 596 - contiene "Febbre", la prima (o una delle prime) apparizione di Scarface e poi la prima apparizione dell'Acchiappatopi
Sono tutte storie Pubblicate (Batman N.5 e 15-23) dalla Glenat!
Detective Comics #582 ("Millenium") pubblicato su Justice League N.16/17 Ed.Play Press




Batman di Norm Breyfogle n.2
   
Edizione originale:  Detective Comics #597, 601-614 USA
Testi: Joe Dufy, John Wagner, Alan Grant
Disegni: Norm Breyfogle , Eduardo Barreto
Formato: Libro cartonato, 352 pp., a colori.
Prezzo: 30 €
Uscita: 10 Giugno

Bande criminali che dettano legge per le strade; mafie che conducono i loro sporchi affari con metodi
a dir poco violenti; esseri sovrannaturali... Nel tentativo di mantenere l'ordine e far rispettare la legge,
Batman dovrà affrontare un'infinità di nuove minacce, oltre a misurarsi con i "soliti sospetti" dei bassi
fondi di Gotham City: gente come Clayface, il Pinguino, Catwoman e Catman. E a tutto questo si aggiunge
l'inaspettata irruzione sulla scena di un nuovo giustiziere mascherato di nome Anarky, deciso a lottare sia
contro il crimine che contro l'ordine politico costituito, destabilizzandolo per sempre...

In questo secondo numero (di cinque) della nostra nuova antologia incentrata sulla figura di Norm Breyfogle, vi proporremo alcuni dei suoi più celebri lavori realizzati insieme ad Alan Grant: archi di storie che portano sotto la luce dei riflettori alcuni dei classici nemici dell'Uomo Pipistrello dandone un'interpretazione a dir poco impeccabile ma anche personaggi nuovi e accattivanti interamente frutto della loro immaginazione e collaborazione.


CitazioneVolume 2: Detective Comics #597, 601-614 - abbiamo la storia coi Clayface e l'introduzione di Anarky
I Numeri 597 e i numeri dal 601 - al 607 (Batman N.28 e 37-40) Pubblicati dalla Glenat!
I restanti sono totalmente Inediti!





Batman di Norm Breyfogle n.3
   
Edizione originale:  Detective Comics #615-621, 627, Batman #448-449, 455-459 USA
Testi: Alan Grant, Marv Wolfman, Mike W. Barr
Disegni: Norm Breyfogle , Jim Aparo, Mark Bright
Formato: Libro cartonato, 352 pp., a colori.
Prezzo: 30 €
Uscita: 8 Luglio

La crociata contro il crimine intrapresa da Batman incontra nuovi ostacoli, a partire dall´ennesimo piano di Oswald Cobblepot, il temibile e ambizioso Pinguino, che promette di rivoluzionare il terrorismo internazionale. Un problema in più per il Cavaliere Oscuro, che deve anche risolvere una serie di delitti di stampo rituale compiuti a Gotham City e aiutare Tim Drake, giovanissimo aspirante al ruolo di Robin i cui genitori sono stati rapiti. Troppi grattacapi, per un Bruce Wayne che è anche preoccupato dal possibile ritorno del Joker...


Questa terza uscita dell´antologia in cinque volumi incentrata sull´opera di Norm Breyfogle è particolarmente significativa; non sono perché attesta il passaggio dalla serie Detective Comics a Batman – sempre accompagnato dallo sceneggiatore Alan Grant – ma anche per l´arrivo di Tim Drake, ultima incarnazione del Ragazzo Meraviglia, la cui uniforme fu ridisegnata per l´occasione nientemeno che da Neal Adams.


CitazioneVolume 3: Detective Comics #615-621, 627, Batman #448-449, 455-459 - Riti di Passaggio e The Penguin Affaire
I Numeri di Detective Comics 615-617, 627 Sono Inediti
I Numeri di Detective Comics 618-621 (Universo DC: Robin #1) sono editi dalla Planeta!
I Numeri di Batman 448-449 (Batman - Arkham #3) e 455-457 (Universo DC: Robin #1) sono editi dalla Planeta!
I Numeri di Batman 458-459 Sono Inediti



Batman di Norm Breyfogle n.4
   
Edizione originale: Batman #460-466, 470-474, Detective Comics #639-641. Legends of the Dark Knight #27 USA
Testi: Alan Grant, Denny O'Neil , Peter Milligan
Disegni: Norm Breyfogle , Jim Aparo , Chris Sprouse
Formato: Libro cartonato, 368 pp., a colori.
Prezzo: 30 €
Uscita: Agosto

I criminali di Gotham City non hanno alcuna intenzione di dare tregua all'Uomo Pipistrello: prima il nostro eroe ha dovuto affrontare un'organizzazione dedita alla tratta di giovani donne; poi se l'è vista con alcuni franchi tiratori, intenti a seminare il caos in un nuovo parco dei divertimenti; infine, è stato testimone dell'ennesimo ritorno in scena di Killer Croc... e ora è la volta della richiesta d'aiuto di Wonder Woman, che metterà Batman sulle tracce di un caso apparentemente collegato con la saga Guerra di Dei. E come se tutto questo non bastasse per tenere impegnato il Cavaliere Oscuro, l'alter ego di Bruce Wayne si vedrà obbligato a estendere il suo raggio di azione, arrivando fino a San Francisco e a Rio de Janeiro per neutralizzare una serie di minacce che richiedono la sua presenza. L'antologia che ripropone le storie realizzate da Norm Breyfogle sulle varie collane dedicate al Crociato Incappucciato si avvia ormai alla sua conclusione con questo volume che raccoglie altri nuovi episodi della se  e regolare Batman (realizzati in coppia con lo sceneggiatore Alan Grant) e di alcuni crossover, orchestrati dalla DC Comics, a cui Norm prese parte e che videro all'opera anche autori del calibro di Denny O'Neil, Peter Milligan, Jim Aparo e Chris Sprouse.

CitazioneVolume 4: Batman #460-466, 470-474, Detective Comics #639-641. Legends of the Dark Knight #27.
I Numeri di Batman N.460-464 Sono Inediti!
I Numeri di Batman N.465-466 (Universo DC: Robin #1) Editi dalla Planeta!
I Numeri di Batman N.470-474 Sono Inediti!
I Numeri di Detective Comics N.639-641 Inediti!
E Legends of TDK N.27 è Inedito!





Batman di Norm Breyfogle n.5
   
Edizione originale: Batman #475-476, 556, Detective Comics #642, Shadow of the Bat #1-5, 50, 65-67. USA
Testi: Alan Grant, Marv Wolfman, Mike W. Barr
Disegni: Norm Breyfogle, Jim Aparo, Mark Bright
Formato: Libro cartonato, 360 pp., a colori.
Prezzo: 30 €
Uscita: Settembre

In questo quinto volume del Batman di Breyfogle, il Cavaliere Oscuro dovrà affrontare il Ventriloquo e il suo inseparabile Scarface e cercare di arginare la rivolta scoppiata all'interno dell'Akham Asylum, il famigerato ospedale psichiatrico, vero e proprio nido di follia e malvagità sempre gravido di nuovi "mostri",  ome l'inquietante Mr. Zsasz. Come se non bastasse, l'Uomo Pipistrello sarà costretto a ricorrere a ogni mezzo a sua disposizione per evitare che Gotham perda la speranza dopo il cataclisma che l'ha interessata (nell'omonima saga, Cataclisma)... Con il presente albo si conclude questa antologia di cinque numeri nella quale vi abbiamo riproposto i vari contributi di Norm Breyfogle all'universo narrativo dell'alter ego di Bruce Wayne. Le storie illustrate da Breyfogle, apparse originariamente su Detective Comics, Batman e Shadow of the Bat, da un lato si sono dimostrate un ottimo esempio della costante evoluzione di questo artista e dall'altro ci hanno fornito un assaggio della perfetta sintonia cr  tiva raggiunta da Norm con lo sceneggiatore scozzese Alan Grant sulla serie dedicata al difensore di Gotham City.

CitazioneVolume 5: Batman #475-476, 556, Detective Comics #642, Shadow of the Bat #1-5, 50, 65-67.
I Numeri di Batman N.475-476 (Batman - Arkham #10) Sono Editi dalla Planeta!
Il Numero di Batman N.556 (Batman #75 - Batman La Leggenda N.10) è Edito dalla Play Press e Planeta!
Detective Comics N.642 (Batman - Arkham #10) Edito dalla Planeta
Shadow of the Bat N.1-4 (Batman - Arkham #11 + Batman La Leggenda #48 + Batman: Shadow of The Bat Vol.1)
N.50 (Batman #43 Ed.Play Press e Batman la Leggenda #97) N.65-67 (Batman la leggenda #84) Editi dalla Planeta!
Shadow of the Bat N.5 (Batman: Shadow of The Bat Vol.1) Edito dalla Planeta!
INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE

The Batman (2022) - Batcycle 🦇 REEL

The Batman (2022) McFarlane by Jim Lee 🦇 REEL 🦇



Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
Combatteremo le idee con idee migliori

Azrael

#1
Dal Sito Planeta

Citazione
Una prospettiva diversa

Maggio 1939: Batman esordisce nel mondo dei fumetti sulle pagine di Detective Comics #27. Da allora, sono stati moltissimi gli autori che hanno contribuito con i loro apporti alla preziosa eredità lasciataci da Bob Kane e Bill Finger. Sceneggiatori e disegnatori che, ricorrendo agli stili più disparati e alle tendenze narrative del momento, hanno dato forma a oltre settant'anni di avventure. Ciascuno di loro ha impresso il suo personalissimo marchio sul personaggio, utilizzando toni di volta in volta diversi, e contribuendo spesso con caratterizzazioni del personaggio che si discostavano un po' dalla sua figura antonomastica. Il ritratto del Cavaliere Oscuro ne ha in parte risentito in termini di coerenza e mutevolezza; il suo universo narrativo, invece, di cui Gotham City rappresenta l'epicentro, non è stato minimamente scalfito da questa "incoerenza": anzi, ha permesso ai lettori di apprezzare personalissime versioni dell'Uomo Pipistrello ideate da alcuni dei più rinomati professionisti della Nona Arte e di conoscere diverse sfaccettature del personaggio.

Il volume che tenete fra le mani, inaugura una nuova antologia interamente dedicata al lavoro realizzato da uno di questi autori che, alla fine degli anni Ottanta, diventò uno dei punti di riferimento tra i disegnatori delle storie del Crociato Incappucciato: Norm Breyfogle. Attraverso cinque volumi di ristampe –e tralasciando speciali e one-shots vari– ripercorreremo in ordine cronologico i contributi dell'arista sulle serie regolari dedicate a Bruce Wayne e al suo alter ego supereroistico: Detective Comics, Batman, Shadow of the Bat e Legends of the Dark Knight. Centinaia di pagine che ci permetteranno di apprezzare la costante evoluzione di questo autore e di recuperare anche storie che meritano senza dubbio di essere rilette.

Per adesso, ci concentreremo sulle storie realizzate da Breyfogle per la storica collana dell'Uomo Pipistrello, sulla quale arrivò in modo un po' rocambolesco. Quando Dennis O'Neil decise che era necessario sostituire Mike W. Barr come sceneggiatore di Detective Comics, l'editor pensò di alimentare ulteriormente la cosiddetta "British Invasion" che stava dilagando nel panorama fumettistico statunitense in quel periodo. L'obiettivo era quello di aumentare le vendite che, basse com'erano, rischiavano di mettere in serio pericolo la sopravvivenza della serie. Per riuscire nell'impresa, O'Neil ricorse al talento di due sceneggiatori navigati che stavano realizzando un eccellente lavoro su Judge Dredd (2000 AD): John Wagner e Alan Grant. Per dare un maggior impulso al progetto approvato da O'Neil, era evidente che ci voleva un disegnatore in grado di sostituire più che degnamente Alan Davis, Todd McFarlane e Jim Baikie (quest'ultimo firmò una decina di numeri di transizione tra la gestione Davis-McFarlane e quella di Breyfogle).

Fu allora che saltò fuori il nome di Norman Keith Breyfogle (Iowa, USA; 1960), laureato in Pittura e Illustrazione presso la Northern Michigan University. La carriera professionale di Norman subì un momento di svolta quando l'agente Mike Friedrich diede un'occhiata al suo portfolio. A partire da allora, Breyfogle cominciò ad aumentare il suo bagaglio di esperienze all'interno del mondo dei comics, grazie a titoli molto diversi tra loro, come New Talent Showcase, Bob Violence, Tales of Terror, Marvel Fanfare, e Whisper. Ma la sua grande opportunità arrivò con la rivoluzione che sconvolse il parco testate dell'Uomo Pipistrello. A quel punto, Norman ebbe finalmente la possibilità di misurarsi con un personaggio che ammirava sin dai tempi della serie televisiva con Adam West.

Come avrete modo di notare nelle due storie di Batman di Norm Breyfogle n.01, Breyfogle esordì su Detective Comics prima dei due sceneggiatori britannici. Il primo episodio, pubblicato nel 1987, rappresenta uno degli ultimi albi della serie scritti da Barr, con il Dottore del crimine nelle vesti di avversario dell'Uomo Pipistrello. Il secondo, invece, sceneggiato da Jo Duffy, è legato agli eventi del crossover Millennium. Ma il vero salto qualitativo Breyfogle lo compie con l'arrivo sulla testata di Grant e Wagner, due sceneggiatori che amavano osare e che già nella loro prima avventura stupirono i lettori con la presentazione di un nuovo personaggio, Arnold Wesker –meglio noto come il Ventriloquo– e del suo inseparabile Scarface, protagonisti di una storia violenta ambientata sullo sfondo del traffico di droga e della tossicodipendenza.

Invece di abusare dei criminali classici, i nuovi autori si imposero proponendo figure nuove di zecca, creati da loro stessi, come l'Acchiappatopi, Uomo corrosivo e Kadaver. Ma la collaborazione tra Grant e Wagner si concluse da lì a poco. Quando Grant ricevette il primo assegno corrispondete alle royalties derivanti dalla serie, rimanendo deluso per il compenso ricevuto, decise di andarsene dopo soli cinque numeri (anche se il suo nome continuerà ad apparire nei credits per altri sette albi in ossequio a ragioni strettamente contrattuali). A partire da quel momento, la sceneggiatura passò interamente nelle mani di Alan Grant il quale formerà con Breyfogle uno dei team creativi più rappresentativi nella storia dell'Uomo Pipistrello. I due autori fecero vivere a Batman un'avventura ambientata a Londra, ricordando la figura del rivoluzionario Guy Fawkes –che ha ispirato anche V for Vendetta, di Alan Moore e David Lloyd– si addentrarono nei meandri della cultura aborigena australiana, crearono lo spaventoso Cornelius Stirk, e si soffermarono sui pericoli insiti nel traffico di droga.

Tutto questo attraverso 15 numeri che rappresentano uno dei periodi più interessanti nella storia di Batman, e anche uno dei primi passi nel processo di apprendimento e perfezionamento di un disegnatore che seppe condensare l'influenza di grandi autori –da Neal Adams a Joe Kubert, passando per Jim Aparo e Gil Kane– a beneficio di un'evoluzione costante e di una versione del personaggio assai dinamica. Lo stesso Breyfogle riconosce che la sua versatilità "è riconducibile alle tecniche che utilizzo di volta in volta e alla mia duttilità. Difficilmente ripropongo il medesimo disegno in due pagine diverse; preferisco invece che ciascuna tavola sviluppi una propria identità in funzione alle esigenze della sceneggiatura".

Un'ambizione artistica di cui i lettori avranno un assaggio nei prossimi volumi di Batman di Norm Breyfogle, dove continueremo ad analizzare la storia degli albi presentati e l'evoluzione di questo indimenticabile autore, uno dei primi a guardare il Cavaliere Oscuro da una prospettiva diversa.


David Fernández

Alcune Tavole Del 1°Volume:

Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler.


-------------------------------------

Dalla Planeta:

Citazione
L'inizio e la fine

Dopo quattro memorabili numeri che hanno offerto ai lettori un'opportunità unica per ripercorrere gli esordi, la crescita artistica e la definitiva consacrazione di Norm Breyfogle all'interno dell'industria fumettistica statunitense durante gli anni Novanta, la nostra antologia si avvia verso la sua gloriosa conclusione. Questo quinto numero, che raccoglie i più recenti apporti dell'autore al mondo dell'Uomo Pipistrello – al quale nel corso di oltre settant'anni hanno dato il loro contributo generazioni di sceneggiatori e disegnatori rendendo Batman uno dei personaggi più famosi della Nona Arte – rappresenta una sorta di metaforico "punto e a capo" nella storia del Cavaliere Oscuro e nella carriera dello stesso Breyfogle, uno dei principali artefici del mito del Crociato Mascherato.

Le storie che leggerete a breve, oltre a concludere una specie di percorso che il fumettista originario dell'Iowa cominciò a delineare nel 1987, si impongono per essere tra i lavori più importanti realizzati dal disegnatore nell'arco della sua vita professionale; per intenderci, sono i classici episodi che saltano subito alla mente quando si cerca di tracciare la carriera di un artista menzionando i suoi contributi più significativi. Tralasciando per un attimo il fascino più immediato ed evidente di queste storie (oltre 300 pagine infarcite di fantastici disegni e generosi balloon), varrebbe la pena soffermarci per un attimo sulle tematiche e sottotrame che gli autori della serie imbastirono nel corso della loro gestione della collana. Quelle sviluppate da Alan Grant e Norm Breyfogle sulla serie regolare Batman erano idee e spunti sintomatici di un periodo chiave per il fumetto mainstream. L'albo che tenete fra le mani, in particolare, si apre con la storia che segnò il congedo dei due autori dalla collana dell'Uomo Pipistrello dopo un periodo di circa un anno e mezzo. Ironia della sorte, l'episodio conclusivo del loro story arc istituisce una specie di parallelismo con il loro esordio avvenuto su Detective Comics, sotto la guida di John Wagner (Batman di Norm Breyfogle numero 1) e nel segno di due personaggi nuovi di zecca creati dagli stessi Alan e Norm: il Ventriloquo e Scarface. I due villain ritorneranno in scena proprio sulle pagine che seguono, all'interno di un crossover tra le due collane dedicate all'Uomo Pipistrello (Batman e Detective Comics) suggellando il definitivo addio dei due autori al mondo di Batman e chiudendo questo ciclo ideale. Nell'emozionante storia che ci riguarda da vicino, sceneggiatore e disegnatore poterono contare sull'inestimabile contributo di Jim Aparo e delle sue matite fatate. Fu poi proprio Aparo, una leggenda nel mondo dei comics, il cui nome è da sempre associato a quello del Cavaliere Oscuro, insieme a Doug Moench a subentrare alla team creativo Grant-Breyfogle quando i due lasciarono la serie.

Con il senno di poi, appare evidente che le storie ideate da Grant e Breyfogle furono notevolmente influenzate dall'imminente uscita di Batman – Il ritorno, nuovo adattamento cinematografico delle avventure dell'Uomo Pipistrello, diretto da Tim Burton e risalente al 1992 (si trattava per la precisione del secondo film dedicato a Batman realizzato dal regista): l'idea della DC Comics era di sfruttare questa nuova ondata di batmania – alla quale contribuì anche l'eccellente serie televisiva Batman: The Animated Series, ideata da Bruce Timm – pensando che fosse il momento più opportuno per accrescere il parco testate dell'Uomo Pipistrello. Venne così creata una collana nuova di zecca, intitolata Shadow of the Bat, la quale divenne l'ennesimo banco di prova per il nostro artista, qui ancora una volta coadiuvato dal suo inseparabile collega. Dopo aver maturato cinque anni sulle storie del Cavaliere Oscuro, Grant e Breyfogle si sentivano sicuri di sé e non ci misero molto a pianificare una partenza con il botto per questa nuova testata, dando vita a nuovi interessanti personaggi, come Jeremiah Arkham e l'inquietante Mr. Zsasz. Ma dopo questo primo arco di storie e un one-shot, gli eventi presero una piega del tutto inaspettata: il disegnatore lasciò la serie accettando un'offerta che avrebbe fatto gola a chiunque, maturata in seno al boom dell'industria fumettistica americana degli anni Novanta che aveva assistito alla nascita di una nuova, promettente casa editrice... la Malibu Comics. Come ricorda lo stesso Breyfogle: "Non avevo intenzione di lasciare Batman, ma mi venne offerta la possibilità di fare qualcosa di completamente nuovo per la Malibu: Prime, la collana di punta della neonata casa editrice. Era un progetto del tutto diverso rispetto a quello su cui avevo lavorato fino a quel momento. L'offerta era molto allettante, sia dal punto di vista economico che creativo, visto che avrei avuto anche la possibilità di pubblicare la mia serie Metaphysique... che allora non aveva nemmeno un titolo! Per farla breve, quelli della Malibu si offrirono di pubblicare le mie storie e i miei personaggi".

Dopo appena tre anni, Breyfogle ritornò alla DC Comics per fornire il suo contributo su Shadow of the Bat #50. Su quel numero celebrativo Norm fece di nuovo coppia con Grant, l'amico e sceneggiatore scozzese. A distanza di un anno da quell'esperienza dal sapore nostalgico, i due unirono nuovamente il loro estro creativo dando vita a un nuovo story arc del personaggio che trovate raccolto proprio su queste pagine. Quel rincontro sembrò risvegliare l'affinità artistica fra i due fumettisti che, dopo quella volta, si produssero in altre storie quali Batman: The Abduction e Dreamland (il suo sequel) o come la miniserie (divenuta poi serie regolare) dedicata a una delle loro creazioni più famose e più ricordate dai fan: Anarky. Dopo queste collaborazioni, però, le apparizioni di Breyfogle su nuovi progetti delle grandi case editrici americane cominciarono a farsi sempre più  sporadiche: qualche albo di Superman, vari one-shots, Flashpoint – una storia del Velocista Scarlatto facente parte della linea Elseworlds – un nuovo numero di Batman incentrato sull'analisi delle conseguenze di Cataclisma, qualche saltuaria collaborazione con la Marvel e un anno come disegnatore regolare della collana dedicata dallo Spettro, la cui conclusione rappresentò un momento di svolta nella carriera dell'artista. A partire da quel momento, infatti, Breyfogle cominciò ad allargare i suoi orizzonti professionali, contemplando possibilità fino a quel momenti impensabili: Norm iniziò quindi a svolgere vari incarichi come illustratore e varie commissions su progetti per case editrici di secondo piano, come la Speakeasy Comics, la Angel Gate Press e la A First Salvo. Nel 2008, ha iniziato a collaborare su varie testate della Archie Comics, una delle case editrici per eccellenza degli Stati Uniti sin dalla sua creazione, avvenuta nel lontano 1939.

Con un certo gusto e atteggiamento anticonformista – pur dando la giusta importanza ai successi ottenuto con i suoi lavori – il disegnatore osserva: "Mi sarebbe piaciuto poter tornare a disegnare Batman, 10 o 20 anni dopo, in una fase successiva della mia carriera, quando ero all'apice delle mie possibilità come artista. Ma se mi venisse data la possibilità di riscrivere la storia, non so se avrei il coraggio di tornare indietro e cambiare la mia scelta. Davvero, sono molto soddisfatto di quello che ho fatto". E a buon diritto, ci viene da aggiungere. Breyfogle è stato come un amico più che un disegnatore; Norm ha fornito un preziosissimo contributo al mito dell'Uomo Pipistrello, inscrivendo il suo nome a chiare lettere nella storia del personaggio e illustrando uno degli story arc più belli e celebrati.

All'inizio di questa introduzione dicevamo che il quinto numero di questa antologia rappresenta un punto e a capo nella relazione di Norm Breyfogle con questo personaggio che lo ha accompagnato sin dall'infanzia. Un rapporto che ora sembra destinato a ricucirsi visto che, a quanto si dice, Norm parteciperà – insieme all'inseparabile Alan Grant – a Retroactive, il nuovo macroevento orchestrato dalla DC Comics all'interno del quale i due autori avranno la possibilità di rendere il loro personale omaggio al Batman degli anni Novanta... a quell'eroe che loro stessi aiutarono a costruire. In attesa di godervi questo tanto atteso rincontro, non vi resta che rileggervi i cinque volumi del Batman di Breyfogle: una prova unica dell'incessante ricerca, del lavoro, dell'innegabile talento e della costante evoluzione di un fumettista che merita a tutti gli effetti di essere ricordato come uno dei più grandi innovatori della leggenda dell'Uomo Pipistrello.


David Fernández


Alcune Tavole del 5°Volume:

Spiacente, ma non sei autorizzato a visualizzare il contenuto degli spoiler.
INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE

The Batman (2022) - Batcycle 🦇 REEL

The Batman (2022) McFarlane by Jim Lee 🦇 REEL 🦇



Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
Combatteremo le idee con idee migliori

Matches Malone

Evvai si comincia, venerdì mio!

The Dark Knight

Spero vivamente che il fumettaro ne faccia arrivare anche una copia per me...gli ho detto di tenermela da parte e mi ha detto che non sa se può perchè l'ha ordinato contato solo per gli abbonati... :mmm: Però gli ho chiesto di tenetmelo da una settiamna a questa parte e quindi deve per forza farmelo arrivare... :sisi: Anche se magari arriverà mercoledì e non venerdì. Comunque non vedo l'ora!  :batman:
"And as the sun, that had been too afraid to show its face in this city, started to turn the black into grey, I smiled. Not out of happiness. But because I knew... that one day, I wouldn't have to do this anymore. One day, I could stop fighting. Because one day... I would win. One day, there will be no pain, no loss, no crime. Because of me, because I fight. For you. One day, I will win." Batman - Bruce Wayne


Slask

mmm, i colori sono un po' troppo sgargianti e chiari, non me li ricordavo così...       cmq se le storie valgono, ci passerò sopra.

Selina Kyle

Volume che prenderò sicuramente, adesso non posso per ragioni logistiche, ma cercherò di rimediare quest'estate. ;)
Sono proprio curiosa di leggere, più avanti, queste storie di cui tanto si è parlato.. credo sia un Batman piuttosto diverso da quello di oggi, molto in linea con le atmosfere "cupe" dell'epoca. Barr, Alan Grant.. sono scrittori che hanno avuto sicuramente un sacco di meriti, con approcci interessanti e originali. Qualche volta scrivono ancora e recuperano elementi d'epoca, per la gioia dei fan.  :D

Bella iniziativa.  :up:


Una mela al giorno...

Green Hankey

domani mio  :777:

Non ci dovrebbero essere problemi con le copie anche se non l'avevo ordinato.
I've got new kidneys. I don't like the colour.

Frank Miller

Sabato sarà mio..o forse la prossima settimana, dato che in fumetteria la roba arriva sempre in ritardo..basta che arrivi! -_-

"Avremmo potuto cambiare il mondo..e ora guardaci..io sono diventato un problema politico e tu..tu sei una barzelletta...voglio che ricordi, Clark..negli anni che verranno..nei tuoi momenti più intimi..voglio che ricordi la mia mano attorno alla tua gola..voglio che ricordi l'unico uomo che ti ha battuto.."


Murnau

Una ristampa di queste storie l'aspettavo da quasi vent'anni, come pure per SotB. L'ideale sarebbe se facessero anche Dixon/Nolan, Moench/Jones, Barr/Davis, Starlin/Aparo e Peter Milligan, più qualche volume singolo per le saghe Anno Tre e Uu posto solitario in cui morire.
Vendo vari Alan Moore, Grant Morrison, Frank Miller




Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                   La notte, 1961

Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                    Il cielo sopra Berlino, 1987

Green Hankey

Secondo me se questa venderà bene, ne proporranno di altre con gli autori che hai nominato.

Preghiamo che traduzione, lettering e la edizioni siano a posto  :pray:
I've got new kidneys. I don't like the colour.

Azrael

E' mioooooooooooooooooooooooooooooo  :batman: :batman: :batman:

Ragazzi sono belle storie ci sono tutti personaggi di un certo calibro , per niente banali , trattano temi importanti come la droga!
Insomma un batman da amare  :wub:
INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE

The Batman (2022) - Batcycle 🦇 REEL

The Batman (2022) McFarlane by Jim Lee 🦇 REEL 🦇



Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
Combatteremo le idee con idee migliori

Marlow

Le prime bat-storie che abbia letto, da piccolissimo (non che allora potessi capirne granché).Grande idea una ristampa del genere...nostalgia...nostalgia canaglia...

Lois Lane

#12
devo vedere come sono messo con i soldi...la voglia di prenderlo è tantissima. molte storie già le ho se ricordo bene (ho albi glenat) ma un qualcsa di più integrale potrebbe essere utile  :sisi:

Post Uniti: 12 Maggio 2011, 15:25:20

ho visto che avete fatto un lavorone eccezionale per vedere il già edito!!  :o

Azrael

Citazione di: Clark Kent il 12 Maggio 2011, 15:20:30
ho visto che avete fatto un lavorone eccezionale per vedere il già edito!!  :o

Grazie   :batman:

Sono Troppo Nerd  :D
INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE

The Batman (2022) - Batcycle 🦇 REEL

The Batman (2022) McFarlane by Jim Lee 🦇 REEL 🦇



Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
Combatteremo le idee con idee migliori

Green Hankey

ma Holy Terror non lo mettono?
I've got new kidneys. I don't like the colour.