Scritto da Edoardo Ghiringhelli il 28 dicembre 2011 in Batman e Interviste con 2 commenti

Nei giorni scorsi vi avevamo annunciato l’imminente intervista a David Hine, apprezzato scrittore d’oltremanica che ha di recente conquistato l’attenzione dei fan DC grazie alle sue storie dedicate al Cavaliere Oscuro. Ecco per voi le sue risposte alle nostre domande (in inglese e in italiano) che esplorano la sua carriera presente e passata ad ampio spettro. Buone Feste a tutti!



Jeremiah Arkham

1- In “Arkham Reborn” you dealt with a symbol of Batman mythology as the Arkham Asylum. Black Mask was the very centre of the story, but would you like to write other Batman villains? They’re as famous as the Bat himself.

CopertinaFor me it has always been the villains that made Batman interesting. I have written one Two-Face story for the ‘Joker’s Asylum’ series of one-shots. There have also been brief appearances of Mr Freeze, Killer Croc and a few others in Arkham Reborn. If I could choose an existing villain to write I think it would be The Scarecrow or The Mortician, the real horror-based characters. Two-Face and the Joker are fantastic, but they have been written so many times by so many great writers it’s hard to think of a new way to treat those villains. I prefer the challenge of coming up with new characters, new villains.

2- Writing and drawing comic-books means being “artists”, and artists sometimes are considered eccentric and “mad”. Is there any of your colleagues that you’d lock in Arkham? We’re joking of course. XD

I think you’re quite right. Most of the people I work with are definitely a little disturbed. My collaborator on The Bulletproof Coffin, Shaky Kane, has spent some time in an institution, but he came out crazier than when he went in. He’s usually okay as long as he keeps taking the medication.

3- “Arkham Reborn” is a true descent into the darker corners of human mind: the sick human mind. A lot of writers think that in order to fight a mad man another one is necessary, and Batman can be considered mad in a lot of ways. Do you agree? Why is the connection among Batman and his freaks so unbreakable?

Bruce Wayne was pushed over the edge on the day his parents were killed in front of him. That much is well-established, and his solution (to become a crime-fighting creature of the night) was probably the only way he could keep any kind of grip on his sanity. But there is an argument that his obsession has brought the villains he fights into existence. There has to be some reason the crazies are all attracted to Gotham. In a sense the villains are all a distorted reflection of Batman, each one an extreme version of a psychosis. They each represent a side of human nature that Batman loathes, but there’s an inference that each of those flaws must exist somewhere in Batman too. He keeps those impulses suppressed, but they seem to erupt elsewhere in the form of these extreme villains. I would suggest that Gotham is a metaphor for Bruce Wayne’s own subconscious, where he must continually fight his own inner demons.

4- Raggedy Man is an eerie presence in “Arkham Reborn” and he should be inspired to a popular American nusery rhyme (almost unknown in Italy): is this connected to your childhood memories? How did you decide to use it for a story and build up a character around it?

The Raggedy Man is very much an American folk tale, not linked to my own English childhood. I was looking around for inspiration for a new villain. I have always thought that the best nursery rhymes have disturbing elements to them, so I trawled the internet, looking for unfamiliar children’s songs and came across a weird animated version of James Whitcomb Riley reading his own poem. It totally freaked me out and I knew I’d found my source for a terrifying villain. This is the link:

I would guess that many of my American readers would know the poem. The words are very disturbing and although the Raggedy Man initially appears to be harmless, there are some really sinister elements about the way he plays with kids and the mysterious burning down of a barn. Reading and listening to the poem, the twisted child-killer of the story gradually came into focus, along with his costume made of ‘souvenirs’ from all the children he killed.

5- In “Batman: Impostors” action prevails, making the story different from “Arkham: Reborn”. The intimate dimension of Arkham is replaced by urban chaos: is this correct? What’s the reason of this choice? And David, you don’t like flash mobs? XD

I love flash mobs. They inject some very welcome elements of chaos into Urban life. You’re quite right that Batman: Imposters was a very different approach to Batman from my previous work. At the time the story was published in Detective Comics I wasn’t able to talk about the inspiration for the concept because it was still in development, but now the online game Gotham City Imposters is about to be released and a beta version is already available. Link here:
Back in 2010 I was approached to come up with a four-issue story based on the game. Development time on video games runs to several years and at that time the characters and settings had been designed but the animation was only just starting. I was given lots of screen shots of the weapons, characters and costumes and my task was to come up with a plot line. There was clearly a strong element of humour in the way the citizens of Gotham were emulating Batman and The Joker by setting up rival gangs and bringing anarchy to the streets. This was a total contrast to the dark stories that had preceded it and I knew going in that there would be a lot of regular readers who would not like it.

I also had a brief to write the character of Batman in a generic way, so that the reader wasn’t sure if it was Dick Grayson or Bruce Wayne under the mask. Again a lot of readers found that off-putting, but that was the way it had to be. This story was intended to go hand-in-hand with the game, and by the time the game came out, Bruce would once again be wearing the mask of The Batman. If you read the story carefully you’ll see that in the flashback sequences, both Bruce (as Batman) and Dick (as Robin) were always present, so Batman in the present day, could be either of them.

Within the remit of the brief I’m very pleased with the way the story turned out. The humour turns very dark indeed as the origin of the Imposter Joker is gradually revealed. But the story should be read on its own, not as part of the Batman continuity of the time.

6- In Italy “Judgment on Gotham” (a “Batman” crossover with “Red Robin” and “Gotham City Sirens”) is going to be published at the beginning of 2012. You wrote the “Batman” parts, would you like to introduce this story to the fans?

This story came about because my run on Azrael was coming to an end. The sales on the Azrael monthly had been quite poor from the start. I hoped that when artist Guillem March and I came on board, we would be able to turn them around, but the downward impetus of the sales was too strong. We had some great reviews, particularly for the ‘Killer of Saints’ arc, but sales continued to fall. The last issues of Azrael featured a super-powered Islamic character called Fireball, who planned to bring the fire of God down in vengeance on America. Manipulated by Ra’s al Ghul, Azrael was persuaded to join him. The long-term plans for Azrael would have had him as a Second Coming of Christ, bringing about an apocalyptic war with the intention of Ra’s ruling the Earth with Azrael as the Messianic leader of a new worldwide religion that united Muslims, Christians, Jews and probably most other religions too. Unless of course, Batman could stop him. That story would have run over a fairly long period, but with the book coming to an end I was offered the chance to wind up the story line in a short cross-over series instead. It was a very truncated version of the story I wanted to tell, but it did give us the chance to give Azrael’s story some kind of conclusion.

The premise of the story is that Azrael has come to judge Gotham in the same way that God judged Sodom and Gomorrah. In the Bible, Abraham was challenged to find ten righteous men. If he could do it, the cities would be spared. Abraham failed of course and Sodom and Gomorrah were destroyed. In the case of Gotham, Batman was challenged to find one righteous hero. In the event it comes down to a test of Red Robin, Batman and Catwoman. If each of them fails to prove that they are truly righteous, Gotham will burn. In the course of the story we learn something about the past of Dick Grayson that shows that his motivation in becoming a costumed hero is more complex than we previously thought.

7- In the past two years you wrote different stories connected to the bat-world, including a storyarc for “Batman&Robin”. “Arkham Reborn” was a real gem: what’s your general idea about Batman stories at the moment? Bruce Wayne and his allies went through a lot of changes, and the Dark Knight world really seem to fit your style.

There’s a lot of horror and eccentricity attached to the Batman character and I find that fascinating. The character has always been ripe for psychoanalysis, as Dr Fredric Wertham suggested back in the nineteen-fifties. I think Wertham actually made a lot of valid points. It’s just unfortunate that his concern for the vulnerable minds of adolescent readers led to him campaigning for comics censorship. I loved everything that Grant Morrison has been doing with the character. He has an incredible talent for getting to the heart and soul of the iconic characters of American comics and finding a new way of portraying them, without betraying the essence of what they are about. In fact he tends to distil them down to their purest form and then push them to their limits. I’m interested to see how the character is going to develop in the new DC Universe.

8- “Batman Incorporated”, written by Grant Morrison, provided an opportunity for you to write Nightrunner, the Batman of Paris, in the Batman Annual #28/Detective Comics Annual #12 story. You created him with Kyle Higgins: could you tell us something more about this character? Did you enjoy playing with the typical elements of Batman (the commissioner, the asylum, the villains) in a different context?

I was asked by group editor Mike Marts to do a two-part story for the Batman and Detective annuals, to feature a new Batman as part of the Batman Incorporated concept, and I had the choice of any country not already covered. I know France fairly well as my long-term partner is French and I lived with her in Paris for a while. I did indeed enjoy creating alternative versions of Gordon and particularly the Jardin Noir – the French equivalent of Arkham – and also the inmates, who featured briefly in the Batman and Robin one-shot. I would love to go back to Le Jardin Noir in the future and delve a bit more in the surreal craziness that goes on there.

For the actual French Batman, I wanted a character who was very different to Bruce Wayne. He had to be a person from the streets. Someone who wears the Batman cowl has to be a great athlete and be able to fight crime without super-powers. That has always been the core of Batman – unlike other super heroes he actually has no super-powers. He is just a regular human who pushes his natural mental and physical abilities to the max. I love the whole culture that has built up around the Parkour street runners and it seemed the perfect background for our French Batman. I wanted this character to be part of a minority group – there have been a lot of demonstrations and even riots based in the underprivileged areas of Paris. The unrest is focused on ethnic minorities who suffer the highest levels of unemployment and lowest standard of living. I chose to go for a French Algerian, representing a group who suffer the most discrimination in French society. He would be the opposite of the sophisticated, wealthy socialite, Bruce Wayne.

Mike wanted to give Kyle Higgins a chance to try out on a major character so he suggested Kyle do the backup strips in the annuals, featuring Nightrunner’s origin. I sent Kyle loads of background material and footage of the unrest in the banlieues of Paris and Kyle went on to write a terrific origin story.

9- Nightrunner’s story allowed you to deal with important social issues. Do you think it’s important doing this through comics? What do you also think of the controversy about the character?

It’s inevitable that some social issues are going to arise at some point. I wouldn’t want to look like I’m preaching so it’s not usually the focal point of the story, but there’s usually a political or social subtext to my stories somewhere. I think my atheism came through pretty strongly on Azrael and I’ve been called a commie enough times to assume my politics are showing. I’m not a Communist and atheism is the only ‘-ism’ I’ll lay claim to, but on most issues I tend to the socialist viewpoint.

The ‘controversy’ around Nightrunner was manufactured by extremist anti-Islamic web sites, which I believe were mostly based in the USA. The character wasn’t intended to be controversial but there are bigots in this world who foam at the mouth at the very word ‘Muslim’. A Muslim hero? So what? Incredibly some people interpreted that to mean I’m an Islamist. Idiots and bigots are best ignored.

10- Your “Spider-Man Noir” stories drawn by the Italian artist Carmine Di Giandomenico were a big success. We really liked the particular rewriting of some main characters such as Aunt May, Ben Urich, Spidey of course and the villains. What’s your opinion about this project? Do you think that stories, characters and atmospheres inspired to the 30’s – 40’s are so popular nowadays because we are living a moment of economical/political crisis?

I think when Fabrice Sapolsky first suggested the idea of a ‘Pulp Spider-Man’ to me it was before the current economic crisis really began, but you may be right that its popularity is a reflection of current problems. I’ve noticed sales of the collection have started to take off again recently. Fabrice and I have a great love of pulps and film noir and it was just a great chance to write one of our favourite characters in that style. Once we fixed on the time period it seemed to follow naturally that the Depression and then the rise of Nazism and the build up to the Second World War would become an integral part of the story. I loved the idea of Aunt May and Uncle Ben being communists. After all a lot of Americans were communist back then, particularly the working classes and unemployed. I also enjoyed making the villains carnival freaks. We originally pitched a whole series of Pulp titles. Our X-Men would have been freaks in a traveling carnival, with Professor X as the owner of the show.

Carmine did a great job on the art. He always excels at period settings and of course he has that European feel to the art, which I love. Most of my favourite comics creators are from Europe – Tardi, Pratt, Loustal, Hermann and so on. It’ refreshing to see someone drawing Marvel comics in a non-super hero style.

I do think the Noir line has run its course now. Maybe too many titles in too short a period. But it remains one of my favourite pieces of work.

11- You wrote also a story about Daredevil called “Redemption” which explored the relationship between justice and vigilantism, so the conflict between Matt Murdock and his masked identity, including a lot of law-related elements. Why did you choose to focus on Matt as a lawyer and less on the vigilante?

When Marvel first approached me to write for them I wasn’t that much into super hero comics. I collected them when I was younger, but I had moved away towards more underground/alternative comics and graphic novels in preference to the monthlies. But Joe Quesada was very open to me pitching something that wasn’t super hero based. I had written a novel, which I hadn’t found a publisher for, and that was what I adapted into the Redemption story. I took elements of that story, which was originally set in London and then mixed in elements of the West Memphis Three case in America. This was a long-running case of miscarriage of justice, where three young men were found guilty of a crime they almost certainly didn’t commit. They were convicted primarily on the basis of their taste in music and the way they dressed. I could identify with that. The West Memphis Three finally walked free earlier this year after 18 years in prison.

I presented the story as a legal thriller with Matt Murdock defending. I changed some of the basics, so that there were two guys and a girl standing trial instead of three young men, and a few other things, but the essence of the case was accurate. I spent several months researching the case and the whole legal system in America and I can promise you that everything is totally authentic. I was very pleased to hear from readers who worked in the legal system who said they found it very true to life, and one reader actually decided to study to become a lawyer after reading the story!

It always fascinated me that Matt Murdock would be a lawyer and yet take to vigilanteism at night. That seemed like an admission of failure. If the law doesn’t work, then the system needs to be changed. That’s the message of Daredevil: Redemption. And I also hope that I got across my own view that no society that condemns its own citizens to death can be considered truly civilized.

12- In 2012 you are writing “Darkness” (from issue #101), one of the main icons from the 90’s. What will be your take on the character? Could you describe this project?

It’s strange that I have ended up writing so many of the iconic characters from American comics. The Darkness is one of my favourites. Along with Spawn these were super anti-heroes. They both follow a very dubious moral code and yet both have a core of humanity. I find it more interesting to search for the ‘good’ in an apparently wicked character like Jackie Estacado, than to write stories about good guy heroes. I’ve been given pretty much a blank slate with the character. If you’ve been following the storyline in Artifacts you’ll know that we’re heading towards a devastating event in the Top Cow Universe and that this is going to lead to Rebirth. New creative teams on Witchblade and The Darkness are taking the characters into new directions. Because of its popularity, Ron Marz is going to write Artifacts as an ongoing series. Tim Seeley from Image Comics’ Hack/Slash is taking over writing Witchblade and I get The Darkness, along with artist Jeremy Haun, who drew the Arkham Reborn series.

We’re planning to take the book further into horror territory and away from the trappings of super heroes. The dark mythological background is very close to the feel of H P Lovecraft and Jeremy will be drawing the manifestations of The Darkness in a very abstract demonic way. The Darkness is a dark force from prehistory that rises up from the shadows, just as dark psychological impulses rise from the subconscious.

Jackie Estacado has had the essence of The Darkness embedded in his DNA since the moment of his conception. I believe that he has always used that knowledge to justify his behaviour. He commits evil acts because it’s in his genetic make-up. But what if he were able to completely separate himself from The Darkness? Without that justification, what kind of moral decisions would he make? Could he become a decent person? A good person? I want to explore the nature of evil, both as an external force, personified by The Darkness, and as a constant ethical battle we all fight every day.

By humanizing Jackie and giving him the kind of life he always wanted with people he loves, you should hopefully be identifying with Jackie very strongly, so when the horror strikes home it is much more intense.

We’re also taking him back to his roots in a way, by giving Jackie back control over the former Franchetti mob and showing the conflict of trying to be a decent family guy, while taking on an Eastern European gang that is trying to muscle in on his territory in New York. The Darkness is still there of course, and it’s bigger and badder than ever before. Limbs will be removed, bodies eviscerated, brains splattered, but The Darkness will also work in subtler ways on the bodies and the lives of our characters, like a disease that eats away from the inside out.

13- In Spawn’s credits, during the final part of your run, McFarlarne was indicated as the co-author of the series. How much freedom did you have on the book? Are there any untold stories left that you didn’t have the possibility to write?

Todd gave me and editor Brian Haberlin total freedom for more than two years, but he did feel we were taking the book away from the direction he wanted and at that point he gave us six months to wind up what we were doing. For the final few months he had more direct input, rewriting some elements of the script and changing dialogue. Towards the end Todd decided to remove Al Simmons and introduce a new Spawn. I like the idea of Al Simmons trapped in Hell, wandering endlessly across a plain of human faces, which is how I left him. Todd brought him back from Hell and blew his head off. In the end we had a different tonal approach to the character, but Todd was very generous for the period that I wrote the book. No complaints there at all. Of course there were many other Spawn stories that I had planned. I particularly wanted to work on Spawns from history, after the success of Gunslinger Spawn and Warspawn. Gunslinger Spawn was literally based on an existing toy, as was the Samurai Spawn one-shot. I would have liked to do something similar with Pirate Spawn. Ideally a fairly long series based on real-world pirate history. I think that would have been very cool. Who knows? Perhaps one day. I was very fond of Spawn.

14- You worked both for Marvel and DC Comics. What are the main differences between the mainstream and the independent market?

At heart I prefer independent comics. There is so much more creative freedom and you don’t have to stick to the genre of super heroes, which doesn’t really appeal to me that much. I know I have written a lot of the big name ‘super hero’ characters, but most of the stories weren’t typical super hero adventures. When I did work on the bigger crossover events, I found it too restricting and they weren’t the most successful books I worked on. To me, telling a good story is the main priority, but in mainstream publishing the editors are more concerned with the characters, the franchise, the commercial aspects of the book. There’s nothing wrong with that. X-Men, Batman, Spider-Man, Green Lantern, these are all big franchises for the companies that own them. Working within those narrow parameters was a good discipline for me and my writing improved a lot. It also gave my work a much bigger profile than I would have had with independent comics and has actually made it easier for me to pitch my ideas to indie publishers like Image, so I have no regrets at all. It’s tougher to make a living in independent publishing, but that is where I’m concentrating my efforts now, and creatively I think the results will be more satisfying. I only hope the people who have followed my work will agree.

15- Would you like to add something about your future plans or say something to Italian fans?

It has been great to hear from readers in Italy. It’s not so easy to keep in touch with fans outside of the English-speaking world. Most of the time I don’t even know what editions of my work are being published outside of the USA and the UK, so it’s always good to hear from readers of foreign language editions. One day, I hope that Strange Embrace and The Bulletproof Coffin will make it into Italian, French, Spanish and other editions – though translating The Bulletproof Coffin may prove problematic! For the moment, look out for more Image/Top Cow books. The new series of The Bulletproof Coffin starts in January, my run on The Darkness begins in March and I will soon be announcing two more books from another independent publisher as well as a graphic novel for a UK publisher. Oh, and in March, from Image, Elephantmen #41 features a story I have written and drawn!




1- In “Arkham Reborn” ti sei cimentato con un simbolo della mitologia batmaniana come l’Arkham Asylum. Black Mask costituiva il vero centro della storia, ma ti piacerebbe scrivere altri cattivi legati a Batman? Sono famosi quanto lui.

Per me sono sempre stati i villains a rendere Batman interessante, su di loro ho anche scritto una storia con protagonista Due Facce per la raccolta di one-shot  “Joker’s Asylum”. Inoltre sono apparsi brevemente anche Mr. Freeze, Killer Croc e un paio d’altri “cattivi” in Arkham Reborn. Se potessi scegliere un villain tra quelli esistenti penso che opterei per lo Spaventapasseri o The Mortician (creato da Devin Grayson su “Gotham Knights”, ndt), cioè  i personaggi veramente legati all’horror. Due Facce e Joker ad esempio sono fantastici, ma su di loro è stato scritto così tanto e da autori così grandi che non è facile trovare nuovi modi per rappresentarli. Per questo preferisco la sfida di creare nuovi personaggi e nuovi avversari.

2- Scrivere e disegnare fumetti significa essere artisti, e gli artisti sono considerati pazzi ed eccentrici, a volte. Chiuderesti qualcuno dei tuoi colleghi ad Arkham? Stiamo scherzando ovviamente.

Penso che tu abbia ragione. La maggior parte delle persone con cui lavoro ha sicuramente qualche problemino. Ad esempio il mio collaboratore per “The Bulletproof Coffin” (una serie Image di stampo fantascientifico, ndt), Shaky Kanem, ha passato del tempo in un istituto, ma ne è uscito più pazzo di quanto lo fosse all’inizio, adesso però sta bene, almeno finché prende le medicine.

3- “Arkham Reborn” è un’autentica discesa nei meandri più oscuri della mente umana. Molti scrittori pensano che per sconfiggere un pazzo sia necessario un altro pazzo, e Batman può essere considerato folle in molti modi. Sei d’accordo? Perché il legame fra Batman e i suoi freaks è così indistruttibile?

Bruce Wayne è stato spinto al limite il giorno in cui sono morti i suoi genitori. Ciò è ben noto, e la sua soluzione (diventare una creatura della notte che combatte il crimine) era probabilmente l’unica che gli consentisse di mantenere una certa sanità mentale. Nonostante ciò c’è chi ritiene che le sua ossessione sia la vera causa della comparsa di tutti i villains che deve combattere e sicuramente deve esserci una ragione per cui tutti i pazzi sono attratti da Gotham. In un certo senso tutti questi personaggi sono un riflesso distorto di Batman, sono tutti una versione estrema di una psicosi. Ognuno di loro rappresenta un aspetto della natura umana che Batman rifugge (odia), nonostante esso sia ben presente anche nella sua anima e per quanto lui cerchi di sopprimere questo suo lato oscuro esso sembra riemergere attraverso qualche villain che lo incarna. Secondo me Gotham può essere vista come una metafora per il subconscio di Bruce Wayne, che si trova a dover combattere costantemente contro i propri demoni interiori.

4- Raggedy Man è una presenza inquientante in “Arkham Reborn”  e dovrebbe essere ispirato a una filastrocca per bambini quasi sconosciuta in Italia. Si tratta di un ricordo d’infanzia? Come hai deciso di utilizzarla e creare un personaggio attorno ad essa?

“The Raggedy Man” è una filastrocca molto popolare negli USA e non è collegata alla mia infanzia in Inghilterra. Stavo cercando ispirazione per un nuovo cattivo, e ho sempre pensato che le migliori ninna-nanne avessero degli elementi disturbanti: così, navigando un po’ su internet alla ricerca di qualche canzone per bambini poco conosciuta che potesse servirmi come ispirazione, mi sono trovato davanti ad una stranissima versione animata di James Whitcomb Riley (un celebre poeta per l’infanzia statunitense, ndt) che legge la sua opera. Questa cosa mi ha mandato completamente fuori di testa e mi è servita come idea da cui sviluppare il mio spaventoso personaggio. Questo è il link: The Raggedy Man.

Credo che parecchi dei miei lettori americani conoscano la poesia. Le parole sono molto disturbanti, e sebbene Raggedy Man all’inizio appaia innocuo, ci sono elementi molto sinistri riguardanti il modo in cui gioca con i bambini e l’incendio di un fienile. Leggendo e ascoltando la storia, la perversa figura di questo assassino di bambini si è materializzata, insieme al suo costume fatto di “souvenir” collezionati dai bimbi che ha ucciso.

5- In “Batman: Impostors” prevale l’azione, rendendo la storia differente da “Arkham Reborn”. La dimensione intima del manicomio è rimpiazzata dal caos urbano: è corretto? Qual è la ragione di questa scelta? E David, non ti piace il fenomeno dei Flash Mob?

Io adoro I Flash Mob, aggiungono degli elementi di caos nella vita urbana che sono decisamente i benvenuti. Hai ragione nel dire che per Batman: Impostors ho usato un approccio molto differente rispetto al mio lavoro precedente. Quando la storia veniva pubblicata su “Detective Comics” non potevo parlare della fonte di ispirazione per il concept poiché era ancora in fase di sviluppo, ma adesso posso dire che era il gioco Gotham City Impostors, ormai prossimo al rilascio, tant’è che una versione beta è già disponibile. Ecco il link: Gotham City Impostors: Sito Ufficiale.

Tornando al 2010, all’epoca mi fu chiesto di realizzare una storia in quattro parti basata sul gioco. Lo sviluppo andava avanti da anni e a quel tempo i personaggi e il contesto erano già pronti, mentre l’animazione era solo all’inizio. Mi erano stati forniti una serie di screen shots degli oggetti, dei personaggi e dei costumi e il mio compito era quello di crearci attorno una storia. C’era chiaramente un forte elemento di humor nel modo in cui i cittadini di Gotham emulavano Batman e il Joker creando bande rivali e portando l’anarchia nelle strade. Questo era totalmente in contrasto con l’oscurità delle precedenti storie, e andando avanti mi accorgevo che ci sarebbero stati molti lettori abituali a cui non sarebbe piaciuta.

Con questa storia ho avuto anche la possibilità di scrivere il personaggio di Batman in maniera generica, in modo che i lettori non fossero sicuri di chi si celasse e sotto la maschera, se Dick Grayson o Bruce Wayne. Molti fan l’hanno trovato disorientante, ed è così che doveva essere. Questa storia doveva andare passo a passo col videogioco, e nel momento in cui fosse uscito, Bruce doveva già essere tornato nuovamente ad indossare il manto. Se si legge con attenzione la storia infatti si possono vedere un paio di flashback dove erano presenti sia Bruce (come Batman) che Dick (come Robin) e quindi il Batman della storia poteva essere tranquillamente uno dei due.

In sintesi sono molto soddisfatto del risultato finale, anche perché lo humor iniziale diventa molto oscuro nel momento in cui l’origine del Joker impostore viene rivelata. Detto questo la storia dovrebbe essere letta a sé, non collegata alla continuity del momento.

6-  In Italia all’inizio del 2012 uscirà “Giudizio su Gotham”, un crossover con “Red Robin” e “Gotham City Sirens”. Tu hai scritto le parti dedicate a Batman, puoi presentare la storia ai fan?

Questa storia fu progettata dato che la mia run su Azrael ormai volgeva al termine. Le vendite sono state basse fin dall’inizio e speravo che con l’arrivo del disegnatore Guillem March le cose sarebbero cambiate, ma la parabola discendente era troppo forte ormai. Alcune recensioni erano state grandiose, in particolare quelle dedicate allo storyarc “Killer of Saints”, ma le vendite continuarono a calare. Gli ultimi numeri di “Azrael” proponevano un personaggio dotato di superpoteri di fede islamica denominato “Fireball”, che aveva deciso di scagliare sull’America, in segno di vendetta, il fuoco di Dio.

Manipolato da Ra’s Al Ghul, Azrael è convinto ad unirsi a lui, e i piani a lungo termine per la serie vedevano lui protagonista di una seconda venuta di Cristo, nel contesto di una guerra apocalittica. Ra’s avrebbe dovuto governare il mondo e Azrael sarebbe diventato il Messia di una nuova religione che univa Musulmani, Ebrei, Cristiani e probabilmente anche altri credo.
Ovviamente Batman avrebbe cercato di fermarlo, si trattava di una trama ad ampio raggio, ma con la serie sull’orlo della chiusura mi fu invece offerta la possibilità di svilupparla in un breve crossover. E’ una versione estremamente troncata di quello che volevo raccontare, ma mi ha permesso di concludere la vicenda legata ad Azrael.

La premessa della storia vede Azrael determinato a giudicare Gotham nella stessa maniera in cui Dio giudicò Sodoma e Gomorra. Nella Bibbia Abramo venne sfidato da Dio a trovare dieci uomini giusti, e, se ce l’avesse fatta, la città sarebbe stata risparmiata. Ciò ovviamente non accadde e Sodoma e Gomorra vennero distrutte. A Batman viene richiesto invece di trovare un eroe “giusto” a Gotham, e gli eventi portano a mettere alla prova Catwoman, Red Robin e Batman stesso. Se non ci riuscirà, Gotham è destinata a  bruciare. Nel corso della storia scopriremo anche alcune motivazioni che hanno portato Dick ad essere Batman, più complesse di quanto pensassimo.

7- Negli ultimi due anni hai scritto diverse storie legate al bat-mondo, incluso uno storyarc per “Batman e Robin”. “Arkham Reborn” è una vera gemma: qual è la tua idea sulle pubblicazioni batmaniane al momento? Bruce Wayne e i suoi alleati hanno attraversato un sacco di cambiamenti, e il Cavaliere Oscuro è perfetto per il tuo stile.

Ci sono molti elementi horror ed eccentrici legati a Batman, e lo trovo affascinante. Il personaggio si è sempre adattato alla psicanalisi, come il Dr Fredric Wertham (psichiatra statunitense e autore del famoso testo “Seduction of the Innocent”  – 1954 – che causò l’entrata in vigore del Comics Code nei fumetti d’oltreoceano, ndt) aveva rilevato negli anni ’50. Molte sue osservazioni erano giuste credo, solo che sfortunatamente la sua preoccupazione per le giovani menti degli adolescenti lo spinse a promuovere una campagna di censura all’interno dei comics.

Amo tutto ciò che Grant Morrison ha fatto con il personaggio. Ha un incredibile talento nel raccontare il vero cuore, l’anima dei personaggi iconici del fumetto USA, trovando un nuovo modo per narrarli senza tradirne l’essenza. Li spoglia fino alla loro essenza più pura e li spinge al limite. Sono curioso di vedere come il personaggio si svilupperà nei “Nuovi 52”.

8- “Batman Incorporated” di Grant Morrison ti ha concesso l’opportunità di scrivere Nightrunner, il Batman parigino, nella storia inclusa in Batman Annual #28/Detective Comics Annual #12. L’hai creato insieme a Kyle Higgins, puoi dirci qualcosa di più sul personaggio? Ti sei divertito a giocare con gli elementi tipici del Pipistrello (il commissario, il manicomio, i cattivi) in un contesto diverso?

Mi è stato chiesto dall’editor responsabile delle testate batmaniane, Mike Marts, di scrivere una storia in due parti sugli Annual che fosse legata all’idea di “Batman Inc.” e includesse un personaggio non ancora raccontato. La mia compagna (sto con lei da tanti anni) è francese, e ho vissuto con lei a Parigi per un po’, quindi conosco la Francia abbastanza bene. Mi sono divertito infatti a creare le versioni alternative di Gordon e in particolare del Jardin Noir, l’Arkham locale, senza dimenticare i pazienti, che sono comparsi brevemente anche nella one-shot di “Batman e Robin”. Mi piacerebbe tornare al “Jardin Noir” in futuro ed esplorare alcune delle cose folli che avvengono lì.

Per quanto riguarda il Batman francese, volevo un personaggio che fosse diverso da Bruce Wayne. Doveva provenire dalla strada: chi indossa il manto di Batman deve essere un grande atleta e saper combattere il crimine senza superpoteri. Questa è sempre stata l’essenza di Batman: a differenza degli altri supereroi non ha superpoteri. E’ un uomo comune che spinge le sue abilità fisiche e mentali al massimo. Amo l’intera cultura nata intorno al Parkour (da wiki: Il Parkour è una disciplina metropolitana nata in Francia agli inizi degli anni ‘80. Consiste nel superare qualsiasi genere di ostacolo, all’interno di un percorso, adattando il proprio corpo all’ambiente circostante) e tutto ciò mi sembrava costituisse il perfetto background francese per Batman.

Volevo che questo personaggio facesse parte di un gruppo minoritario, anche perchè ci sono state un sacco di manifestazioni e tafferugli legati ai disagi dei meno privilegiati, a Parigi. L’inquietudine è legata alle minoranze etniche che hanno il tasso di disoccupazione più alto e gli standard di vita più bassi. Ho scelto un francese-algerino, rappresentando cioè un gruppo che ha subito molte discriminazioni nella società francese. E’ l’opposto del ricco, sofisticato, uomo di mondo Bruce Wayne.

Mike voleva dare a Kyle Higgins la possibilità di cimentarsi con un personaggio importante, così gli ha suggerito di dedicarsi alle storie in coda agli Annual dedicate alle origini di Nightrunner. Gli ho inviato un sacco di materiale e reperti fotografici che riguardavano i disordini nelle Banlieues di Parigi, e Kyle ha creato una storia di origini grandiosa.

9- La storia di Nightrunner ti ha consentito di analizzare importanti temi sociali. Pensi sia importante farlo attraverso i fumetti? Come valuti le controversie nate attorno al personaggio?

E’ inevitabile a un certo punto che alcune tematiche sociali vengano affrontate. Non voglio dare l’idea di fare una predica, quindi esse non sono al centro della storia di solito, ma da qualche parte, nelle mie trame, c’è spesso un sottotesto politico o sociale. Penso che il mio ateismo sia emerso in maniera abbastanza decisa in “Azrael” e sono stato chiamato diverse volte “comunista”, tanto che non faccio fatica a credere che le mie convinzioni politiche siano evidenti. Non sono comunista e l’ateismo è il solo “ismo” a cui dichiaro di appartenere, ma ho una posizione socialista sulla maggior parte dei temi.

La “controversia” legata a Nightrunner è stata costruita da alcuni siti estremisti anti-islamici, che credo si trovassero negli Stati Uniti. Il personaggio non era stato scritto per creare controversie, ma ci sono bigotti a questo mondo che schiumano quando sentono la parola “Musulmano”. Un eroe musulmano? Quindi? Incredibilmente alcuni hanno pensato che fossi Islamista. E’ meglio ignorare i bigotti e gli idioti.

10- Le tue storie  legate al progetto “Spider-Man Noir”, disegnate dall’artista italiano Carmine Di Giandomenico hanno ottenuto molto successo. La riscrittura di personaggi principali come Zia May, Ben Urich, Spidey ovviamente, ci è piaciuta molto, senza dimenticare i cattivi. Qual è la tua opinione su questo progetto? Pensi che storie, atmosfere e personaggi ispirati agli anni ’30-’40 siano così popolari dato che stiamo vivendo un momento di crisi economica e politica?

Penso che quando Fabrice Sapolsky (scrittore americano in forza alla Marvel, ndt) abbia suggerito all’epoca l’idea di uno “Spider-Man Pulp” la crisi economica dovesse ancora iniziare, ma forse hai ragione nel dire che la sua popolarità è un riflesso dei problemi attuali. Ho notato che le vendite in volume hanno di nuovo subito un’impennata di recente. Fabrice e io amiamo molto i pulp e i film noir, ed è stata una grossa opportunità poter scrivere uno dei nostri personaggi preferiti in quelle vesti.

Una volta deciso il momento storico ci è sembrato naturale seguire lo sviluppo della Depressione e dell’ascesa del Nazismo, e la corsa verso la seconda guerra mondiale è diventata parte integrante della trama. Ho adorato l’idea di rendere Zia May e Zio Ben comunisti, dato che molti americani all’epoca lo erano, in particolare la classe operaia e i disoccupati. Mi sono divertito anche a rendere i cattivi “freak” da festa popolare: abbiamo ripescato diversi titoli pulp dell’epoca, e i nostri X-Men sarebbero stati appunto freak da carrozzone, con il Professor X proprietario dello spettacolo.

Carmine con i disegni ha fatto un lavoro pazzesco, è sempre bravissimo nel rappresentare gli elementi legati a un’ambientazione specifica, e ha un “sentire” europeo legato all’arte che adoro. La maggior parte dei miei artisti preferiti del mondo del fumetto sono europei (Tardi, Pratt, Loustal, Hermann) ed è bello vedere qualcuno disegnare i personaggi Marvel in maniera non supereroistica.

Penso che la linea Noir sia ormai giunta a fine corsa, forse sono stati pubblicati troppi titoli in poco tempo. Ma rimane uno dei miei lavori che preferisco.

11- Per la Marvel hai scritto una storia, Devil: Redenzione, che esplora il rapporto tra giustizia e l’essere vigilanti e quindi il conflitto tra Matt Murdock e la sua identità segreta, includendo una serie di elementi attinenti all’ambito legale. Come mai hai scelto di concentrarti sull’aspetto di Matt come avvocato piuttosto che come eroe?

Quando la Marvel mi contattò per scrivere una storia per loro, non ero molto esperto in fatto di supereroi; chiaramente avevo collezionato molte serie quando ero giovane, ma col tempo mi ero spostato verso letture di stile underground o alternativo, preferendo poi graphic novels ai classici mensili. Direi che Joe Quesada fu molto aperto di vedute nello scegliermi considerando che il mondo dei supereroi non era il mio. In quel periodo avevo scritto un romanzo per il quale non avevo trovato un editore e alla fine decisi di usarlo come punto di partenza per “Redenzione”. Presi infatti degli elementi da quella storia, che era originariamente ambientata a Londra, e li ho uniti con degli elementi del caso dei Tre di West Memphis.

Questo era un esempio di un lungo processo con gravi errori giudiziari, dove tre uomini furono giudicati colpevoli di un crimine che non avevano certamente commesso, tant’è che erano stati condannati principalmente a causa dei loro gusti musicali e del loro modo di vestire. Era una situazione che avevo molto a cuore e alla fine ha visto gli imputati rilasciati dopo diciotto anni di reclusione (Da wiki: Si tratta di un caso di omicidio avvenuto a Memphis nel 1993 e che vede come vittime tre bambini, ndt).

La storia si presenta come un legal-thriller con Matt Murdock nella parte della difesa. Ho cambiato qualche elemento di partenza, così gli imputati invece di tre giovani sono diventati due ragazzi e una ragazza, ma a parte qualche altra modifica la ricostruzione del caso è molto accurata e fedele. Ho passato parecchi mesi a informarmi sugli avvenimenti e sul sistema legale americano e posso assicurarvi che tutto ciò che leggete è assolutamente autentico. Non a caso mi ha fatto molto piacere sentire dai lettori che lavorano in ambito legale che hanno trovato tutto molto realistico e veritiero, addirittura un lettore ha deciso di diventare avvocato dopo aver letto la storia!

Sono sempre stato molto affascinato dal fatto che Matt Murdock pur essendo un avvocato abbia deciso di essere un vigilante notturno, mi è sembrata quasi un ammissione di fallimento, un po’ come se dicesse che se la legge non funziona è allora necessario cambiare sistema: questo vuole essere il vero messaggio di “Daredevil: Redenzione”. Inoltre spero che sia stato compreso il mio punto di vista, ovvero che una società che condanni a morte dei suoi cittadini non possa essere considerata realmente civile.

12- Nel 2012 scriverai Darkness (dall’albo #101) una delle serie-icona degli anni ’90. Quale sarà il tuo approccio al personaggio? Puoi dirci qualcosa a proposito di questo progetto?

E’ strano che mi sia trovato a lavorare su così tanti personaggi iconici del fumetto Americano. The Darkness è uno dei miei favoriti e insieme a Spawn è uno degli antieroi per eccellenza; entrambi hanno un codice morale molto dubbio, ma hanno anche una grande umanità. Trovo molto più interessante ricercare il buono in un personaggio apparentemente malvagio come Jackie Estacado piuttosto che scrivere del classico eroe immacolato. Riguardo la gestione del personaggio mi è stata data carta bianca; se hai seguito gli eventi di Artifacts saprai che nell’universo della Top Cow c’è stato un evento catastrofico che ha portato ad una rinascita. I nuovi team creativi di Witchblade e di The Darkness stanno portando i personaggi verso nuovi orizzonti. Grazie alla sua popolarità, Ron Marz scriverà una serie su Artifacts, Tim Seeley, autore di Hack/Slash per la Image Comics scriverà Witchblade mentre io mi occuperò appunto di The Darkness con Jeremy Haun, col quale avevo già lavorato per la serie Arkham Reborn.

Stiamo pianificando di dare un indirizzo horror alla serie, il più lontano possibile dai classici temi supereroistici. Il background della serie sarà molto oscuro e vicino alle tematiche di H. P. Lovercraft, e Jeremy rappresenterà la manifestazione demoniaca della Tenebra con uno stile molto astratto, visto che il personaggio è una preistorica forza oscura che risorge dalle tenebre, come un oscuro impulso che nasce dal subconscio.
Jackie Estacado si è trovato connesso a questa entità fin dal concepimento e credo che abbia usato questa cosa come giustificazione per il suo modo di essere. Lui ha commesso atti malvagi perché geneticamente portato. Ma cosa succederebbe se lui fosse in grado di separarsi dalla Tenebra? Senza questa giustificazione, che tipo di decisioni morali prenderebbe? Potrebbe diventare una persona decente o addirittura buona? Il mio obiettivo è esplorare la natura del male, sia come forza esterna incarnata dalla Tenebra sia come una costante battaglia etica che combattiamo giornalmente.

Umanizzando Jackie e dandogli il tipo di vita che ha sempre voluto con le persone che ama, ci si potrebbe immedesimare fortemente con lui, così quando l’orrore colpisce qualcosa di famigliare questo ci sconvolge molto di più.
Inoltre stiamo anche riportando il personaggio alle origini, dando a Jackie il controllo sulla precedente banda di malavitosi Franchetti e mostrando il suo tentativo di essere un decente padre di famiglia mentre cerca di avere la meglio su una gang dell’Europa dell’est che cerca di rafforzare il proprio controllo su New York. La Tenebra chiaramente continuerà ad essere presente, più grande e cattiva di quanto lo sia mai stata; vedrete arti staccati, corpi sviscerati e cervelli spappolati, ma essa lavorerà anche in modi più subdoli sui corpi e sulle vite dei personaggi, come una malattia che ti divora dall’interno.

13- Nei credits di Spawn, durante la parte finale della tua run, McFarlane è stato indicato come coautore della serie. Quanta libertà ti era stata concessa nello scrivere la serie? Ci sono molte storie che ti sarebbe piaciuto scrivere se ne avessi avuto la possibilità?

Todd diede a me e all’editor Brian Haberlin la più totale libertà per più di due anni, ma ad un certo punto si accorse che la serie stava prendendo una direzione troppo distante da quelli che erano i suoi piani e così ci diede sei mesi per concludere i nostri progetti. Negli ultimi mesi in particolare ci diede molte più indicazioni, riscrivendo alcuni elementi della trama e modificando dei dialoghi, inoltre verso la fine Todd decise di rimuovere Al Simmons e di introdurre un nuovo Spawn. Mi piace molto il modo in cui ho lasciato la serie, con Al Simmons intrappolato nell’inferno che vaga senza fine tra montagne di volti umani. Nonostante questo alla fine Todd ha poi deciso di riportarlo in vita e gli ha tagliato la testa. Nonostante avessimo un differente tipo di approccio al personaggio Todd fu molto generoso nel periodo in cui scrissi la serie e non ho assolutamente alcun rimpianto o lamentela da fare. In particolare avrei voluto lavorare sugli Spawn del passato, dopo le storie sullo Spawn pistolero e quello in azione durante la Prima Guerra Mondiale. Lo Spawn pistolero era basato su un giocattolo esistente, così come la one-shot su Samurai Spawn e avrei voluto fare qualcosa di simile anche per la versione Pirata; in particolare mi sarebbe piaciuto scrivere una serie ambientata nel mondo dei pirati. Credo che sarebbe stato grandioso e chi lo sa, magari accadrà in futuro. Di sicuro sono molto affezionato a Spawn.

14- Nella tua carriera hai lavorato sia per la Marvel che per la DC Comics. Quali sono le differenze tra il mercato mainstream e quello indipendente?

Personalmente preferisco per ragioni di affetto il mondo del fumetto indipendente. C’è una maggior liberà creativa e non devi adeguarti al genere supereroistico, che non sento davvero mio. Lo so di aver scritto molte storie con protagonisti alcuni dei nomi più famosi, ma la maggior parte di esse non erano le classiche storie di supereroi. Quando mi sono trovato alle prese con i grandi crossover ho sempre trovato che ci fossero troppe restrizioni e infatti i risultati non sono mai stati dei migliori. Per me raccontare una bella storia è la cosa più importante ma nel fumetto mainstream la priorità spesso viene data ai personaggi, al marchio e all’aspetto commerciale dell’opera. Non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo, gli  X-Men, Batman, Spider-Man, Lanterna Verde sono tutti personaggi troppo importanti per le loro compagnie per avere completa autonomia e anzi non posso negare che lavorare all’interno dei margini imposti dagli editors è stato un modo per imparare la disciplina e il mio stile ne ha decisamente giovato. Inoltre tutto ciò mi ha permesso di farmi un nome molto più rapidamente che se mi fossi limitato a scrivere nel mondo indipendente e adesso per me è molto più facile far accettare le mie idee ad un editore come la Image, per cui non ho alcun rimpianto. E’ più complicato guadagnarsi da vivere con lavori indipendenti, ma al momento è qui che sto concentrando i miei sforzi a credo che creativamente i risultati siano più soddisfacenti, spero solo che siano d’accordo anche i miei lettori.

15- Vuoi aggiungere qualcosa riguardo I tuoi piani futuri o dire qualcosa di particolare ai tuoi fans italiani?

E’ molto piacevole ricevere notizie dai lettori italiani. Non è facile restare in contatto coi fan al di fuori dei paesi di lingua inglese, considera che la maggior parte delle volte non so neanche quali siano i miei lavori che vengono pubblicati al di fuori degli USA e del Regno Unito, quindi sono sempre felice di avere notizie sulle edizioni straniere. Un giorno spero di veder tradotte anche Strange Embrace e The Bulletproof Coffin in italiano, francese, spagnolo e magari anche in altre lingue, anche se so già che tradurre “The Bulletproof Coffin” potrebbe essere molto complicato! Per il momento però vi consiglio di dare un’occhiata alle nuove uscite della Image e della Top Cow; la nuova serie di “The Bulletproof Coffin” infatti partirà a gennaio mentre la mia run su The Darkness avrà inizio a marzo e inoltre presto annuncerò due nuovi lavori per un altro editore.

Gestione dell’intervista e contatti con David Hine a cura di Raffaele Radaelli. Traduzione di Edoardo Ghiringhelli ed Elena Pizzi, consulenza “Image” di Massimo Rubbino e impaginazione di Simone Sperati. Le domande sono state elaborate dallo staff di DC Leaguers.

Informazioni sull'autore

Edoardo GhiringhelliVentiquattrenne studente di giurisprudenza e amante dei comics, dopo un paio d'anni incentrati principalmente sui "supertizi coi mutandoni" ho ampliato le mie conoscenze con letture Vertigo e indipendenti, ma come sempre il primo amore non si scorda mai!Leggi tutti gli articoli di Edoardo Ghiringhelli