Slaine: Il Dio Cornuto

Scritto da Giuseppe La Greca il 17 aprile 2010 in Fumetti Europei e Sudamericani con nessun commento

Testi: Pat Mills
Disegni: Simon Bisley
Edizione Italiana: Magic Press, brossurato, Euro 17, col.

In un tempo senza tempo,
In un luogo che non è luogo,
Io scrivo.
Di un grande Re, Slaine Mac Roth,
Che regnò su un impero che non era un impero,
In un passato che non era il passato,
O il futuro,
Ma l’eternità.
Perchè le leggende sono eterne.

Questo è l’incipit di Slaine: Il Dio Cornuto, la graphic novel fantasy più venduta in Europa pubblicata a puntate sulla famosa rivista britannica 2000 A.D., dove i più grandi autori del panorama fumettistico mondiale (Moore, Morrison, Talbot, tanto per fare qualche nome) si sono fatti le ossa dando inizio alla loro straordinaria carriera.

Il successo di questo fumetto è dovuto in gran parte ai suoi autori: Pat Mills, fondatore e primo editor di 2000 A.D. e Simon Bisley, artista dallo stile inconfondibile e perfettamente a suo agio col fantasy e la fantascienza.
Mills ha svolto un ottimo lavoro di ricostruzione delle usanze e dei miti Celtici trasponendoli perfettamente in un fumetto d’intrattenimento, ed è qui che entra in gioco il talento di Bisley, in quest’opera all’apice della sua arte, con frequenti cambi di stile perfettamente in sintonia con lo svolgersi della trama.

Slaine Mac Roth è un guerriero della tribù dei Sessair ansioso di liberare le genti di Tir-Nan-Og dal dominio dei Signori di Drune, misteriosi druidi che venerano il lato oscuro di Danu, la Dea Terra dal triplice aspetto.
Per compiere quest’impresa, Slaine deve riunire i quattro Re di Tir-Nan-Og e usare le armi magiche in loro possesso.
Venuto a sapere le incredibili verità che da sempre i druidi hanno gelosamente custodito, Slaine intraprende la Via del Dio Cornuto, il sentiero della pace e dell’armonia, l’invito alla gioia di vivere “la risata che risuona nei boschi…”.

Ciò non deve però essere fuorviante: Slaine è pur sempre un guerriero, degno epigono del Conan di Howard. Pertanto, non mancheranno violente scene di battaglie magistralmente illustrate da Simon Bisley, il cui stile è riconducibile a quello di Frank Frazetta, famoso illustratore di Conan il Barbaro e abilissimo nel ritrarre spaventosi mostri mitologici e sensuali donne formose.

L’eccelente ricostruzione storica e mitolgica operata da Mills e lo stile di disegno mutante di Bisley da un lato rendono questo fumetto unico nel suo genere, ma dall’altro rendono un pò ostica la comprensione globale della trama: i nomi celtici, ad esempio, sono difficili da memorizzare e possono generare un pò di confusione.
Per quanto riguarda i comprimari, menzione speciale merita Ukko il nano, simpatico ed inseparabile compagno di Slaine nonchè suo cronista dalla forte componente comica, capace di strappare al lettore qualche risata tra uno spasmo torcente e il massacro che ne consegue.

La mitologia celtica non è mai stata così rilevante e attraente come in questo fumetto.

E voi? Cosa aspettate a intraprendere la Via del Dio Cornuto?


Informazioni sull'autore

Giuseppe La GrecaGiuseppe, meglio conosciuto come IL BARBARO (anche senza articolo), omaggio ad un certo Cimmero, è nato nel secolo sbagliato, anzi, molto probabilmente sarebbe dovuto nascere in un altro universo! Innamorato da sempre della fantascienza e dello sword & sorcery, considera Robert Ervin Howard il suo maestro spirituale. Agnostico tendente all'ateismo, per lui gli esseri più vicini alla condizione divina sono le donne, anche se sta iniziando a nutrire qualche dubbio in proposito.Leggi tutti gli articoli di Giuseppe La Greca