• 16 Aprile 2014, 18:01:07

Autore Topic: [TUTTI] Back to where We've never been.  (Letto 400 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Etrigan

  • Justice League
  • *
  • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
  • Post: 2884
[TUTTI] Back to where We've never been.
« il: 04 Aprile 2012, 14:40:15 »
  • Citazione

    INDICAZIONI IMPORTANTI

    In questa quest dovete rielaborare i vostri personaggi a piacimento, sia nelle origini che nel resto. Data la complessità del mondo in cui è ambientata, che non essendo canonico è ancora un po' da affinare, vi chiedo di contattarmi preventivamente con l'idea per il vostro personaggio in modo che possa dirvi se crea problemi o meno. Per il resto siete liberissimi di fare ciò che volete con il vostro personaggio (buono, cattivo, vivo, morto, con un identità diversa, con poteri diversi ecc... sbizzarritevi)

    Se avete domande chiedete pure via pm o nel topic apposito. Essendo un universo nuovo, ci si lavorerà man mano







    Futuro. Uno dei tanti possibili...
    Dieci anni da ora...

    Un futuro in cui due mondi divennero uno.
    Un unico universo popolato da eroi e malvagi, prima separati e ora riuniti sotto lo stesso cielo.

    Un pianeta devastato da un cataclisma di proporzioni bibliche e lasciato a se stesso
    dove ora regna la legge del più forte e la terra è divisa in zone, governate con la paura

    Passato presente e futuro, hanno modificato il loro corso a causa di un evento
     di cui nessuno ricorda.
    Ciò doveva accadere non è accaduto.
    Ciò che dovrebbe essere non è.
    Ciò che avrebbe dovuto essere non sarà.

    Cosa accadrà d'ora in poi non è dato sapere...
    Il fato di questi eroi ha modificato il suo corso
    diventando imprevedibile per chiunque.


    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


    Io sono il Dottor Stephen Strange....








    LANTERNA VERDE DEL SETTORE 2814.


    O almeno così mi pare avesse detto il tizio che era passato di qui anni fa... Per il momento sono solo un chirurgo molto famoso, che opera dietro compenso, e in un tempo come il nostro in cui molta gente non ha nemmeno da mangiare, devo ammettere di non passarmela male....
    pochi si possono permettere i miei servigi, ma quei pochi che possono li pagano bene. E gli altri...beh...al diavolo!



    Ma credo sia meglio cominciare questa storia dall'inizio...

    C'è stato un tempo in cui studiavo per diventare neurochirurgo... Mi recai persino in Tibet per aiutare i poveri e apprendere la medicina omeopatica...chissà cosa pensavo...
    Poi un giorno ebbi un incidente mentre sciavo i montagna. Rimasi a letto per molto tempo, mi ripresi con il passare del tempo, ma le mani...

    Le mie mani non guarirono. Erano completamente distrutte. Persi tutto. Tutto quello che avevo. Ero uno dei chirurghi più promettenti della mia generazione, e di colpo non potevo più operare. Non potevo nemmeno tenere in mano il bisturi senza tremare...





    Così cercai qualsiasi rimedio, diedi fondo a qualsiasi cosa avessi, perdendo quel poco che mi restava...
    Poi partì per il Tibet, nella speranza che le leggende fossero vere...che ci fosse qualcuno in grado di guarirmi, magari con la magia, non so.... Avevo sentito parlare in un uomo chiamato “l'Antico”, che forse avrebbe potuto curarmi...

    Ma mentre mi trovavo il pellegrinaggio sulle montagne stremato dalla fatica, accadde qualcosa...un astronave mi precipitò davanti...

    Si avete capito bene, un ASTRONAVE!

    Con alieno annesso... mi diede il suo anello, mi disse che avevo l'abilità di superare la paura e che la mia volontà non avesse eguali. Disse anche di essere una lanterna verde. Lanterna verde che nome idiota. Poi morì, per le ferite...
    Un altro di questi alieni seguì...Sinestro. Mi spiegò che cosa era l'anello, cosa lo faceva funzionare. Mi disse come usarlo per creare cose, o come ricaricarlo con la lanterna. Mi raccontò di questo corpo di polizia intergalattica....
    Purtroppo per lui morì ucciso da un altro di questi alieni. Atrocitus, che poi scappò. Forse avrei potuto aiutarlo, salvargli la vita, ma alla fine quello che conta è badare a se stessi, solo così si resta vivi e si fa strada. Questo è tutto quello che conta...

    E così grazie all'anello e alla mia volontà di guarire, ho sistemato le mie mani. E ora vivo a New York al 177A di Bleecker Street, dove ho creato il Sancta Sanctorum, una clinica, per persone ricche, che mi ha permesso di diventare uno degli uomini più facoltosi d'America...o di quello che ne resta almeno...

    Ora con il potere dell'anello posso fare cose che nessuno può fare. Sostituire organi, modificare i tratti del viso in un momento, far camminare gli infermi...basta volerlo. Ovviamente tutto questo se possono pagare o restituirmi il favore.

    E' quasi come se avessi dei poteri magici. Come se la magia esistesse davvero... Chissà se poi quel vecchio era reale o meno. Non l'ho mai scoperto. Non che mi freghi ovviamente...






    Online Morfeo

    • B.P.R.D.
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 14622
    • ..il Dottore è qui..
      • Yggdrasil
    Re: [TUTTI] Back to where We've never been.
    « Risposta #1 il: 08 Aprile 2012, 12:02:19 »
  • Sono John Constantine.
    Sua Maestà John Constantine Primo di Inghilterra per i miei sudditi.



    Si lo so sembro un gran coglione vestito così.
    Ma Londra e l'Inghilterra non esistono più solo nel piano reale.
    Ho riportato la magia a Londra.
    Ho sposato Zatanna la maga.



    E il mio regno è il primo in cui vige la Magocrazia.
    Grazie ai miei poteri ho riportato il regno fatato in questa isola felice.
    Ognuno di noi è diventato l'immagine di quello che è nel regno che gli uomini hanno dimenticato.
    Ecco spiegati capelli e vestiti sgargianti.
    Nella mia corte non è difficile incontrare folletti, fate, unicorni, burocrati (la specie più strana), leprecauni e molte altre cose ancora.
    Le nebbie che proteggono il nostro regno poi lo rendono inaccessibile per gli ospiti inderiderati.
    Con i nostri poteri messi in comune Zatanna ed io abbiamo riportato in questa dimensione la perduta Avalon.
    Purtroppo Re Artù ha avuto qualcosa da ridire riguardo alla corona e lo abbiamo dovuto sistemare.
    Ah dimenticavo ora Excalibur è mia.
    Excalibur è anche il nome del primo veliero che i miei maghi e scienziati hanno costruito.
    Qualche anno fa ha volato per la prima volta e abbiamo cominciato così la colonizzazione dello spazio.
    Ora, grazie alla mia guida illuminata, Il Regno può contare su una fortezza orbitante, Farstar, da cui possiamo lanciare attacchi contro quanti vogliano invadere la nostra terra.
    E come non parlare dei satelliti perduti di Atlantide?
    Anch'essi in orbita e capaci di spazzare via una città con un solo pensiero.
    Fortunatamente per tutti siamo piuttosto pacifici, non ci frega un bel niente di attaccare briga con le altre Nazioni.
    Gli unici nostri problemi sono con i regni fatati.
    La nostra alleanza con re Oberon regge fortunatamente.
    Lo stesso non si può dire di certo dell'alleanza con Asgard.
    Maledetti vichinghi.
    I formoriani, tornati a reclamare una terra che mai è stata loro, secondo i ricordi dei miei consiglieri Firbolghi, sono tornati e siamo in una guerra senza quartiere che si svolge nei confini magici.
    Tutto questo è riportato sotto forma di canti dai nostri Bardi.
    Si, dopotutto, l'Inghilterra è di nuovo un regno felice.
    « Ultima modifica: 08 Aprile 2012, 16:03:54 da Morfeo »
    ehi.. ragazzo.. ricordi quello che ti ho detto sulla terra, ai vecchi tempi.. su ordine e caos e quelle cazzate? L'ordine. Ciarpame.Il caos spazzatura. Erano solo nomi che descrivevano la stessa cosa: il gorgogliare, il vorticare e lo zampillare di protoplasma, illuso che ci sia un senso al mondo.. non c'è nessun senso.. c'è solo carne e morte..
    Vi veri Vniversum Vivus Vici

    Offline Corto Maltese

    • Vertigo
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4210
    • Gentiluomo di Fortuna
    Re: [TUTTI] Back to where We've never been.
    « Risposta #2 il: 15 Aprile 2012, 12:59:56 »

  • Il mio nome è Kathy. E questa è la mia storia. Non è ancora finita però... anche se tutto sarebbe più semplice, forse. Mi hanno detto che la morte non è la fine di tutto. Ma non è di questo di cui voglio parlare. Anche se la morte è un ottimo punto di partenza.

    Per me la morte ha un nome: Troy Grenzer. L'uomo che ha massacrato i miei genitori. Perché l'ha fatto? Ancora non lo so. Credo che nemmeno lui lo sappia... credo per lui fosse solo un impulso. Un gioco infantile. I media lo definiscono un serial killer. Io meglio che non lo definisca, starei male io e stareste male voi. Oh perché devo raccontarvi tutto questo? Me l'ha detto Shade...
    Comunque, i miei genitori non sono gli unici che mi ha portato via. No, si è portato via il mio Roger. Il mio bellissimo uomo, l'uomo di una vita. Era di colore, sapete? Per me non è mai stato un problema... ma in Lousiana, dove sono cresciuta, sì. So che non lo dovrei dire ma... Stati sudisti del cazzo. Quando Grenzer, dopo aver ucciso i miei davanti ai miei occhi, si accorse di me... mi assalì, tentando di aggiungermi alla sua collezione di omicidi. Ma il mio Roger si mise in mezzo, salvandomi. Peccato che i poliziotti, quei PORCI RAZZISTI, sopraggiunti un momento dopo, hanno creduto che l'assassino fosse Roger e non Troy. E hanno sparato... al MIO Roger.

    Sapere che quel figlio di puttana è finito sulla sedia elettrica a farsi friggere il cervello mi è stato d'aiuto, ma non abbastanza. Sono stata per un paio d'anni in un manicomio. Voi non sapete come sono quei posti... affermano di voler curare la tua mente, ma... insomma, quando mi avevano dimesso non avevo più nulla. L'unico aiuto, o almeno sembrava tale, l'ho trovato in fondo a una bottiglia. O meglio a tante, tantissime bottiglie così tante che non si possono contare. E poi... e poi è arrivato lui. O lei. I medici dicono che non esiste, che esiste solo nella mia mente... ma io non gli credo e anche se fosse vero, beh, ora solo lui mi dà conforto. Shade, l'Uomo/Donna Cangiante. Il mio amico/a, amante, padre/madre, fratello/sorella e aiutante.


    Ho vissuto di stenti per molto tempo, così tanto da non saperlo contare, con solo l'alcool e Shade al mio fianco. E una notte, per difendermi e su consiglio di Shade, ho ferito degli uomini minacciosi. O forse non era per difendermi e li ho aggrediti io. I ricordi si fanno sbiaditi.
    Mi hanno risbattuta in un ospedale psichiatrico. Stavolta criminale. Strana parola "criminale", viene abusata un po' troppo spesso secondo me. Comunque... in quel posto orribile, vedo Shade sempre più spesso (meno male, sennò sarei impazzita VERAMENTE!). E quando sono con lui... ma solo con lui... mi basta pensare che gli oggetti si spostano, e questi si spostano. Che le porte si aprano e queste si aprono. Che la gente diventi verme e questi... sono vermi! Dei medici hanno notato queste cose (che, detti fra noi, sono davvero buffe!) e qualcuno, pare esperto di "superpoteri" e di "paranormale", li ha definiti "poteri psichici e di alterazione della realtà". Qualsiasi cosa voglia dire... spero solo di non essere come una di quei cosi, i mutanti!

    Quindi, hanno ritenuto opportuno trasferirmi. In un posto chiamato Arkham. Quel posto col clown che ride, l'uomo con due facce, lo spaventapasseri triste e la donna-fiore. Insomma sono stata lì un po' di tempo, però Shade mi diceva che me ne sarei dovuta andare. Cazzo, se aveva ragione! Un pomeriggio, dopo una sonno pieno di incubi, Shade mi è apparso e ha distrutto il muro che mi separava dalla libertà, e a me è bastato solo desiderarlo!

    Adesso sono fuori, finalmente nel mondo esterno alle mura di un grigio manicomio. Dicono che sia cambiato, che qualcosa di terribile sia accaduto e adesso tutto il mondo è a pezzi. Non mi importa, nessuna apocalisse mi impedirà di vivere di nuovo sotto i raggi del sole. E so che nulla andrà male se Shade sarà accanto a me!
    "Sarebbe bello vivere in una favola."

    Offline Barry Allen

    • Amministratore
    • *
    • Ikki di Phoenix
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 20079
    • Cavaliere Oscuro
      • www.dcleaguers.it
    Re: [TUTTI] Back to where We've never been.
    « Risposta #3 il: 16 Aprile 2012, 21:23:04 »
  • Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

    Azazel, rappresentante mutante al Consiglio permanente

    “Il rappresentante israeliano Rabin e quello palestinese Al Hassain saranno certamente lieti di sapere che Lord Magnus saluta con vibrante soddisfazione la positiva conclusione delle trattative di pace in Palestina.
    Nessuno più di lui ha mai avuto a cuore la causa del popolo ebraico, e nessuno più di lui nel consesso dei Capi di Stato può dire di aver subito sulla propria pelle le conseguenze di una persecuzione.”


    Al Hassain, ministro degli esteri palestinese in video-conferenza con il Consiglio

    “E noi siamo grati che Allah abbia voluto inviare un uomo di pace della levatura di Lord Magnus come strumento per ottenere la tanto desiderata armonia fra i nostri due popoli.”

    Yasser Rabin, ministro degli esteri israeliano in video-conferenza con il Consiglio

    “Nei suoi natali e nella sua sofferenza il popolo ebraico e quello palestinese hanno saputo riconoscere una storia comune e una comune speranza, quella di saper costruire un futuro migliore insieme.”

    Isola di Genosha



    “Non devi ringraziarmi, Barack. Noi siamo artefici del nostro destino solo nella misura in cui possiamo accettare ed utilizzare gli strumenti con cui il destino ci favorisce.
    Fintanto che il problema energetico non fosse stato radicalmente risolto su scala globale, era gioco forza ritenere che l’energia nucleare non sarebbe mai stata archiviata come fonte d’energia in primis, e nella sua applicazione bellica in secundis. La corsa agli armamenti, è innanzitutto una corsa a nuove tecnologie, a nuove fonti energetiche.
    Era anche nel mio interesse far sì che questo crescendo conoscesse una fine radicale, dopotutto un olocausto nucleare avrebbe ripercussioni su tutto il mondo, Genosha compresa. Miliardi di persone aspettavano di svegliarsi da quest’incubo.”


    Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti d’America.

    “Nondimeno il mondo ti deve i suoi ringraziamenti. La tecnologia elettro-magnetica sviluppata qui a Genosha e da voi condivisa recentemente con il resto del mondo segna una rivoluzione pari forse soltanto alla scoperta del fuoco. Energia pulita, inesauribile e gratis per tutto il mondo. E la tua sola presenza rappresenta un deterrente anti-atomico formidabile, considerato il controllo che potresti avere su qualsiasi missile o centrale nucleare. Anche solo una tua parola in questo senso è bastata ad ottenere l’accordo unanime della comunità internazionale allo smantellamento di centrali e armamenti a base atomica. Hanno paura di te e del tuo potenziale, sanno che potresti far esplodere una centrale solo con un pensiero… Eppure, se ho imparato un po’ a conoscerti in questi anni, so che non ne saresti mai capace.”

    Erik Magnus Lehnsherr, Magneto. Presidente a vita di Genosha, la Nazione X.

    “Cosa posso dirti? Magari non mi conosci poi così bene…”

    « Ultima modifica: 16 Aprile 2012, 21:29:25 da Barry Allen »


    "Il fuoco… Un ardore fiammeggiante quale non avevo mai sentito prima di allora, un odio spropositato e dirompente mi sovrastava…
    Nel mio animo sembrava fluire una magma incandescente, come se il mio cuore avesse preso ad eruttare lava come un vulcano improvvisamente ridestatosi dopo anni di silenzio…
    Quella folgore, quella brace che sembrava sopita dentro di me aveva ripreso a bruciare, inarrestabile… Ogni centimetro della mia carne ribolliva e gridava, fremendo di una rabbia antica, primitiva, quasi di una fiera liberata dopo anni di prigionia.
    In quel momento tutto svanì: il giusto, il buono, il dovere, l'amore. Sentiii tutta la forza della mia anima calpestata esplodermi in petto…
    Una smania irrefrenabile di uccidere mi assaliva. Dovevo saziarla."