Autore Topic: Jupiter's Circle - di Mark Millar, Torres, Quitely, Sprouse  (Letto 5218 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Arkin Torsen

  • Arkham Asylum
  • *
  • Spamma di meno, per la miseria!
  • Post: 14624
  • Mmmmmadness
Re:Jupiter's Circle - di Mark Millar, Torres, Quitely, Sprouse
« Risposta #60 il: 06 Luglio 2019, 12:27:10 »
  • Sì.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere

    Offline Ryo Narushima

    • **
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 744
    Re:Jupiter's Circle - di Mark Millar, Wilfredo Torres
    « Risposta #61 il: 14 Luglio 2019, 13:47:31 »


  • JUPITER'S CIRCLE

    Ho letto i primi 6 capitoli che concludono il primo [vol.] della serie.

    Resta il senso di decostruzione supereroistica del primo Jupiter, però qui è tutto in salsa Silver Age. I primi eroi erano abbastanza decadenti e immorali, ma come si comportavano i loro predecessori? I vecchi super salvavano il mondo ed erano statuari, ma nel privato erano davvero così perfetti?

    Una risposta di Millar che ricorda un po' quella di Ennis con The Boys, solo che non ci sono quei pugni allo stomaco e quella violenza così forti. Circle adotta una stile più soft, quasi da slice of life supereroistico, affrontando temi come il tradimento, l'omosessualità e la famiglia. Personaggi ''super'' ma tratteggiati in modo molto ''umano'', quindi perfetti fuori ma instabili dentro.

    I disegni strizzano l'occhio al retrò, ma risultano comunque moderni e grafici, con soluzioni quasi cartoon molto asciutte e basilari, quasi plastiche per sottolineare un'epoca con meno reference e tecnologie per simulare maggiore dinamicità. Prodotto visivo gradevolissimo.

    Per adesso una lettura molto piacevole e ''vera'' nei temi, con un Millar sintetico e mai noioso.
    ''La via d'uscita non è la vendetta. È perdonare i mostri e voltare loro le spalle.''