La Legacy dei Flash

Scritto da Marco Cecini il 12 ottobre 2009 in Comics e fumetti americani e Flash e Fumetti DC Comics con un commento

Uno dei punti più interessanti e controversi dell’Universo DC è la legacy dei Flash.
Flash (The Flash) è un personaggio dei fumetti creato da Gardner Fox e Harry Lampert nel 1940, pubblicato dalla DC Comics.
È un supereroe con il potere di muoversi a velocità straordinaria, sfidando le leggi della fisica. La sua prima apparizione è in Flash Comics #1 (1940).
Soprannominato il “velocista scarlatto” (The Scarlet Speedster), la sua identità è stata assunta da 4 differenti personaggi:

* Jay Garrick (1940 – oggi), Golden Age
* Barry Allen (1956 – 1986), Silver Age
* Wally West (1987 – 2006), Modern Age
* Bart Allen (2006 – 2007)


JAY GARRICK

jay

Appassionato dei fumetti del supereroe Whip Whirlwind, il giovane Jay Garrick non avrebbe mai creduto che il destino lo avrebbe in breve dotato degli stessi poteri.
Iscrittosi alla Midwestern University a Keystone City, conseguì una duplice laurea in chimica e fisica. Durante un esperimento fallito sull’acqua pesante, venne a contatto con elementi chimici gassosi che, lascinadolo svenuto a inspirarli per tutta una notte, ne accelerarono il metabolismo e lo dotarono di straordinari poteri di velocista. Da quel momento, decise di sfruttarli assumendo l’identità segreta di Flash.
Jay è un membro di vecchia data e uno dei fondatori della Justice Society of America. Come il resto dei suoi compagni, ama ricordare con nostalgia e orgoglio i vecchi tempi andati. Ha la forza fisica e i poteri proporzionali a un uomo di età avanzata che si allena regolarmente, resta comunque una grandissima mente della chimica e della fisica. Nel suo curriculum risalta un impiego presso la Chemical Research Incorporated, prima di fondare una propria ditta a Keystone City, la Garrick Laboratories.
Dopo aver lasciato il suo manto a Barry Allen per un periodo, Jay continuò a lavorare come chimico e anche come eroe, in fugaci apparizioni in aiuto di Barry e Wally.
In una famosa battaglia contro il Professor Zoom, le gambe di Jay furono spezzate e la sua corsa interrotta.
Una volta guarito, riprese la sua sporadica attività di supereroe in supporto agli altri Flash di Keystone City. Dopo gli eventi di Crisi Infinita, assieme a Ted Grant e Alan Scott, decise di rimettere insieme la JSA, dedicando inoltre parte del suo tempo ad aiutare Bart Allen, l’ultimo erede della dinastia dei Flash, a proteggere la loro città natale.
Recentemente, proprio il giovane Bart gli ha salvato la vita facendo ripartire il suo cuore dopo che questo si era quasi arrestato in seguito auna massiccia esposizione radiattiva.

BARRY ALLEN

barry

Barry Allen e il suo gemello nacquero il 13 maggio da Henry e Nora Allen, con due settimane di ritardo, nella piccola città di Fallville, Iowa.
Il fratello di Barry fu dichiarato morto dal Dottor Gilmore, tuttavia in realtà egli era nato in piena salute, ma affidato a un’altra famiglia, i Thawne, il cui bambino era morto effettivamente durante la gravidanza.
La nascita ritardata di Barry fu antesignana di uno dei maggiori difetti del nostro eroe: la cattiva abitudine di arrivare sempre in ritardo. Il giovane crebbe leggendo le avventure del suo supereroe preferito, Jay Garrick, il Flash originale, e si divertì a imitarne le avventure assieme all’amica e futura attrice Daphne Dean.
Questa situazione illogica e paradossale verrà poi spiegata dal fatto che la Terra su cui vive il Flash della Golden Age, detta Terra 2, è in un altro mondo parallelo rispetto a quello di Barry e degli altri eroi della Silver Age, infatti lo stesso Barry Allen scopre incontrando Garrick nelle pagine di Flash dei due mondi pubblicato nel 1961, che lo scrittore delle storie del primo Flash nel sonno si connetteva telepaticamente a Terra due.
Al liceo, Barry aveva reputazione di essere lento e facilone. Barry amò la chimica sin dalla giovane età, e questo aiutò a migliorare le sue capacità come agricoltore nelle tenute di famiglia. Vinse il primo premio al Fallville Conty Fair Agricultural Competition, un premio che includeva l’iscrizione alla Sun City University. Si laureò in tre anni con il massimo dei voti, specializzandosi in chimica organica e conseguendo un titolo minoritario anche in criminologia.
Dopo aver aiutato le autorità a scoprire l’identità di un noto ladro di banche, gli fu offerto un posto come poliziotto della scientifica al Dipartimento di Central City. Si trasferì a Central City, e lì prese un appartamento dotato di mini-laboratorio privato. Cominciò poi a frequentarsi con Iris West, reporter presso il Picture News, che rimase colpita dalla sincerità e dalla stabilità che Barry poteva offrirle.
Una notte, durante una tempesta elettrica, Barry tornò a lavorare a un suo esperimento dopo una breve pausa.
Improvvisamente, un fulmine attraversò la finestra del laboratorio, gettandolo a terra ed andando a rovesciare sul corpo di Barry una serie di sostanze chimiche: la forza elettrica combinata a queste sostanze lo stordirono, ma non lo uccisero.
Smarrito e confuso, decise di tornare a casa in taxi. Ne chiamò uno, ma questi proseguì la sua corsa senza accorgersi di lui.
Gli corse dietro, salvo poi accorgersi che in un istante che con un solo scatto lo aveva superato di gran lunga.
Bastarono pochi altri espedienti per fargli capire che quell’incidente lo aveva dotato di poteri sovrumani.
Decise di usare i suoi nuovi poteri per aiutare l’umanità, e si disegnò uno speciale costume. Usò uno speciale tessuto di poliestere che aveva sviluppato all’università, che poteva essere miniaturizzato a materiale liquido e poi riallargato attraverso il contatto con l’idrogeno nell’aria. Lo inserì all’interno di un anello che egli portava sempre al dito, così da avere sempre il costume pronto all’occorrenza. Assunse il nome di Flash come tributo all’eroe della sua infanzia, ma al contrario di lui, non lasciò il suo viso scoperto adottando una maschera sul costume.
In poco tempo divenne uno dei membri fondatori della JLA, amico personale di Hal Jordan e di Jay Garrick, che nel frattempo aveva scoperto essere una persona reale e non un personaggio fittizio.
Un giorno il nipote di Iris, Wally West, la accompagnò a Central City. Era un fan accanito di Flash, e dopo aver saputo che il fidanzato di sua zia era un amico dell’eroe, chiese insistentemente di incontrarlo. Flash rispondette a tutte le domande di Wally e, quando questi gli chiese spiegazioni sull’incidente nel laboratorio, Barry mise insieme tutti gli elementi chimici e i prodotti che lo avevano trasformato in Flash, per spiegare al ragazzo come era stato possibile quel miracolo. Accidentalmente, proprio in quel momento un fulmine cadde dal cielo e replicò l’incidente che anni prima aveva dato i poteri a Barry, stavolta tramutando Wally in un Kid Flash!
Qualche tempo dopo Barry e Iris si sposarono. La donna, che aveva sentito parlare Barry nel sonno, aveva scoperto la vera identità dell’eroe sin dalla prima notte di nozze. Barry però decise di rivelarle il suo segreto solo dopo un anno, quando la coppia ebbe la certezza di poter avere dei figli nonostante la mutazione dell’uomo.
Anche i supercriminali cominciarono ad apparire: Barry combatté contro nemici come Capitan Gelo, Onda di Calore, Abra Kadabra. Ma uno più di tutti fu il suo letale nemico: il Professor Eobard Thawne, nato nel XXX secolo, poteva essere il Flash della sua epoca, perché, ossessionato dalla vita di Barry Allen, riprodusse il bagno chimico con il quale Barry acquisì i suoi poteri acquisendoli anche lui. Assunse il nome di battaglia di professor Zoom e tornò indietro nel tempo causando il caos nella vita di Barry, finché un giorno tornò dalla sua epoca e uccise sua moglie Iris, alla quale nel frattempo Barry aveva rivelato di essere Flash. Il professor Zoom o l’”Anti-Flash” era forte e veloce come Barry ma più spregiudicato e sprezzante del pericolo. Però un fattore giocava a suo vantaggio: con la sua conoscenza del futuro sapeva cosa sarebbe successo. Dopo aver ucciso sua moglie, Barry lo inseguì attraverso il tempo finché un tunnel temporale non gli portò via la vendetta.
Barry si rifece una vita, e, sebbene non riuscisse a dimenticare Iris, riuscì a fidanzarsi di nuovo. Quando fu la vigilia delle nozze, il professor Zoom riapparì e tentò di uccidere la futura signora Allen. Per fermarlo, Barry fu costretto ad ucciderlo, e per questo fu processato. Quando fu costretto a rivelare la propria identità in pubblico, si fece una plastica facciale cosi da risultare irriconoscibile. È qui che succede qualcosa di incredibile. La giuria era pronta ad assolvere Flash, quando Kadabra, tornato dalla sua dimensione, li ipnotizzò per condannare Barry. Ma una rediviva Iris West aiutò Barry affinché la giuria lo giudicasse innocente. Iris era riuscita a sopravvivere perché una frazione di secondo prima della sua morte, i suoi genitori, provenienti dal futuro, ingabbiarono la sua energia vitale in un suo perfetto clone cosi da farla “rivivere”. La loro vita ricominciò normalmente, ma nel XXX secolo.
Infatti Barry e Iris si trasferirono per un po’ in quell’epoca e fu proprio allora che Allen incontrò la sua fine. L’Anti-Monitor, un distruttore di dimensioni, si voleva impossessare di tutto il creato riplasmandolo a suo piacere. L’unica maniera per fermarlo era quella di distruggere il cannone anti-materia, da dove attingeva energia. Barry sapeva che avrebbe dovuto correre più di quanto non avesse mai fatto. Quando dovette scegliere se vivere o morire non esitò: corse sempre più velocemente da fare collassare il cannone su se stesso, scomparendo fisicamente, lasciando solo il suo costume vuoto come prova della sua esistenza. Questo eroico sacrificio è narrato nella saga Crisi sulle Terre infinite.
Recentemente Barry ha fatto il suo ritorno nel DC Universe, precisamente su Crisi Infinita prima e su Crisi Finale n.2 poi, dopo più di 20 anni di assenza dalle pagine dei fumetti.  Le motivazioni e le cause del suo ritorno sono ancora sconosciute.

WALLY WEST

wally

Wally West è il nipote di Iris West, moglie di Barry Allen, l’alter ego del velocista scarlato di Central City, Flash. Cresciuto a Keystone City, aveva un pessimo rapporto col burbero padre, Rudolph, e per questo motivo, appena possibile, andava a trovare l’amata zia Iris.
Un giorno suo zio Barry gli “presento” Flash, il suo eroe preferito: proprio mentre questi gli raccontava dell’incredibile incidente che gli aveva donato i suoi poteri, per un’incredile coincidenza un fulmine colpì lo scaffale pieno di sostanza chimiche e, ripetendosi il medesimo incidente, anche Wally acquisì la capacità di correre alla velocità della luce.
Nei panni di Kid Flash Wally affiancò suo zio per anni e fu fondatore dei Teen Titans, assieme a Robin e Aqualad.
Dopo gli eventi di Crisi sulle Terre infinite, Barry Allen sacrificò la sua vita per fermare l’Anti-Monitor e salvare la terra, e Wally decise di onorarlo indossandone il costume. Inizialmente credeva che suo zio sarebbe tornato a breve, e decise di rivestire il ruolo di Flash ad interim. Quando si rese conto che Barry era morto e non sarebbe più tornato, con grande dolore ma grande orgoglio decise di prendere su di sé la resposabilità di quel retaggio in via definitiva.
Per un certo periodo la supervelocità di Wally si ridimensionò parecchio (scendendo alla velocità del suono) e, dopo lo sforzo, Wally doveva mangiare enormi quantità di cibo per riequilibrare il proprio metabolismo iper-accelerato. In seguito Wally venne a contatto con la Forza della Velocità (Speed Force) un’energia extra-dimensionale dalla quale attingono i propri superpoteri tutti i supervelocisti della DC, compresi Jay Garrick e Barry Allen, tornando a correre alla velocità della luce.
Dopo alcuni anni trascorsi passando di fidanzata in fidanzata, Wally si è sposato con la giornalista Linda Park ed ha avuto da lei due gemelli, Iris e Jay.
Durante la recente Crisi, Wally, con l’aiuto di Kid Flash, di un redivivo Barry, di Max Mercury e Johnny Quick, riuscirono a soggiogare Superboy Prime gettandolo all’interno della Speed Force. Lui e tutti gli altri velocisti, assieme a Linda e ai gemelli, furono mandati su una terra alternativa, quella di un altro Jay Garrick che operava lì come Flash di quella Terra. Decisero di far assorbire la Speed Force da Bart e lo mandarono sulla nostra Terra a combattere contro Superboy Prime.
Wally decise così di lasciare il manto di Flash a Bart, e di crescere i proprio figli assieme a Linda sul pianeta alieno di Savoth, dove tutti gli abitanti sembravano avere simpatia e stima per la dinastia dei Flash.
Lì i due gemelli di Wally cominciarono a crescere rapidamente, troppo rapidamente, ma i Savotiani, molto ferrati nella biologia velocistica, riuscirono a invertire il processo e ad aiutare Linda nello gestire l’invecchiamento precoce dei propri figli.
Nella storia The Lightning Saga di Brad Meltzer, Wally e la sua famiglia sono stati riportati sulla Terra da sette membri della Legione dei Supereroi, e di lì a poco Wally verrà reinvitato a entrare nella rinata JLA.
Tornati a Keystone City, Wally e Linda, affranti dal pensiero che i due gemelli sarebbero potuti invecchiare precocemente e morire altrettanto rapidamente, lasciarono che i bambini vivessero la loro vita appieno, aiutando il padre a combattere il crimine. Recentemente l’invecchiamento dei due è stato interrotto da Wally, attraverso un immane sforzo di controllo della Speed Force all’interno dei suoi figli. Non si sa ancora se l’interruzione del processo di invecchiamento sia momentanea o definitiva.

BART ALLEN

bart

Nato nel tardo 30° secolo da Don Allen, figlio di Barry Allen, e sua moglie Meloni, la figlia del Presidente Thawne della Terra e discendente del professore Zoom, Bart Allen venne al mondo ereditanto la velocità di suo nonno.
La sua ipervelocità lo portò però ad invecchiare precocemente, tanto che a due anni sembrava averne dodici. Dopo che i Thawne, a causa di un odio atavico e secolare per gli Allen, uccisero sia Don che sua sorella gemella Dawn, Bart venne rinchiuso in una realtà alternativa creata dai membri del governo di suo nonno, dove egli potesse invecchiare di pari passo sia mentalmente che fisicamente.
Non riuscendo però a trovare una reale soluzione al suo problema, la nonna paterna Iris decise di spedirlo nella nostra realtà, affinché egli potesse giovarsi dell’aiuto di Flash-Wally.
In effetti Wally riuscì a trovare una soluzione al problema, spingendo il ragazzo a correre talmente veloce da stabilizzare il proprio metabolismo.
Si trasferì in Alabama dove, sotto la guida di Max Mercury, assunse l’identità di Kid Flash e divenne uno dei membri fondatori della Joung Justice. Dopo la sparizione di Max Mercury, Bart viene affidato alle cure di Jay Garrick e di sua moglie Joan.
Entra nei Teen Titans, e dopo uno scontro con Deathstroke, che gli rompe un ginocchio, il giovane deve subire un’operazione che per la costruzione di un ginocchio artificiale. Nonostante la protesi, riesce comunque a correre a una velocità prossima a quella della luce.
Dopo aver aiutato gli altri velocisti a sconfiggere Superboy Prime, rinuncia al manto di supereroe e lascia che sia Jay Garrick, ancora una volta, l’Uomo più veloce del Mondo.
Tuttavia il suo ritirò durò molto poco, e in poco tempo Bart decise di indossare il manto di quarto Flash.
Il supervillain Inertia, allettato dalla Speed Force latente all’interno di Bart, che egli voleva prendere per sé, costruì una macchina capace di “rubare” i poteri di Flash. La trovata riuscì, ma l’imbrigliata Speed Force minacciava di esplodere con la forza di numerose bombe atomiche. Bart decise di sacrificare se stesso per salvare il mondo, morendo.
Al suo funerale a Keystone City presero parte numerosi eroi da tutto il mondo.
Dopo gli elogi di Jay e dei membri dei Titans, Bart fu omaggiato con la trasmissione pubblica di un video che egli stesso aveva girato affinché fosse mostrato in occasione della sua morte.

Banner HoVistoCose.it

Informazioni sull'autore

Marco Cecini [Barry Allen]Nato a Roma, classe 1982. Appassionato, volitivo, amante di tutto ciò che è epico, eroico, e che rimanda al sapore antico e primigenio del vivere. In quanto tale, il fumetto supereroistico rientra di diritto nel novero delle sue passioni più grandi.Leggi tutti gli articoli di Marco Cecini