Hellblazer: come iniziare

Scritto da Alessandro De Rosa il 26 marzo 2011 in Comics e fumetti americani e Fumetti DC Comics con 2 commenti

Hellblazer

John Constantine: mago, manipolatore, truffatore, anticonformista, individualista; adorabile bastardo per chi lo legge, un po’ meno per chi ci ha a che fare. Quante persone ha stregato questo simpatico figlio di buona donna dagli inizi della sua carriera di personaggio dei fumetti, nel lontano 1985, sino ad oggi, a quasi 26 anni di distanza dalle gloriose origini.
Ventisei anni che lo hanno reso, a tutti gli effetti, il personaggio più longevo dell’universo Vertigo, specialmente ora che il suo ‘papà’ Swamp Thing non ne fa più parte. Un uomo, o forse qualcosa in più d’un semplice uomo, che oramai fa parte dell’immaginario comune di tantissimi lettori di Comics.
C’è un po’ di John Constantine in tutti noi, inutile negarlo. Leggere le sue avventure ci aiuta un po’ ad esorcizzare i nostri demoni. E allora quale metodo migliore per farlo se non usando una pratica guida che ci indichi la strada attraverso la valle delle tenebre ?
Il nostro viaggio partirà dalla nascita della testata Hellblazer, scritta da Jamie Delano. Tuttavia, se volete apprezzare il personaggio agli esordi, non potete mancare la lettura di Swamp Thing di Alan Moore, con la prima apparizione di John Constantine all’interno del numero 37 di Saga of the Swamp Thing.

Note: elencherò per completezza le raccolte in lingua da Bookdepository, tuttavia ci tengo a farvi presente che la carta è la classica qualità Vertigo, ovvero ruvida non patinata.

Hellblazer di Jamie Delano (1-24, 28-31, 33-40, 84, 250)

Testi: Jamie Delano
Disegni: John Ridgway, Richard Piers Rayner, Mark Buckingham, Bryan Talbot, Steve Pugh, Sean Phillips, Dave McKean ed altri
Edizione italiana: Hellblazer Planeta Serie Regolare (dal numero 1 al numero 11); ‘Peccati Originali’, la prima saga, è stata stampata in TP Magic Press; Hellblazer Pandemonium Cartonato Planeta (graphic novel scritta di recente, coi disegni del meraviglioso Jock); Hellblazer Sangue Cattivo TP Planeta (elseworld scritta anni fa); Hellblazer Annual Planeta
Edizione originale: Original Sins TP, The Devil You Know TP, The Fear Machine TP, The Family Man TP, Rare Cuts TP (contiene l’episodio 11 già contenuto in The Devil You Know e l’episodio 84, singolo episodio successivo alla run di Ennis, oltre ad altri episodi d’altri autori); Hellblazer Pandemonium TP; manca l’ultima parte della run, mai raccolta in TP, la più bella.

Hellblazer di DelanoLa prima leggendaria run di Hellblazer, il più longevo fumetto Vertigo, e uno degli spin off più longevi della storia del fumetto. Una scommessa riuscita, soprattutto grazie alle enormi capacità di Jamie Delano, un autore molto vicino ad Alan Moore, che è subito riuscito a fare suo il personaggio e ad inserirlo nel circolo di perdizione e sofferenza che diventerà caratteristica immancabile della serie. Il ciclo di storie migliora esponenzialmente passando da una saga all’altra, cominciando quasi in sordina, con una semplice storia di genere, passando per fasti quali The Family Man fino ad arrivare al mosaico della saga conclusiva ed in particolare all’episodio finale, un capolavoro, grazie anche alle matite del signor Dave McKean.

Il miglior Constantine secondo molti: mescola esoterismo, demonologia, critica politica (in particolare Delano sembra disprezzare la Lady di ferro), thriller, spiritualismo, toccando anche più volte il tema dell’importanza del nucleo familiare.
Assolutamente da avere, possibilmente da leggere prima di ogni altra saga.

Note: l’unica ristampa completa che esiste in lingua italiana/inglese a quanto pare è proprio quella Planeta, in brossuratini, quindi fate bene i vostri acquisti. Forse la Planeta ristamperà in volumi tutto l’Hellblazer di Delano, in tal caso tanto di guadagnato.

Hellblazer di Garth Ennis (41-50, 52-83, 129-133)

Testi: Garth Ennis, John Smith (scrive il 51)
Disegni: Steve Dillon, Mike Hoffman, Will Simpson, Sean Phillips, David Lloyd
Edizione italiana: Hellblazer Planeta Serie Regolare (dal numero 11 al numero 21, ancora in corso); Hellblazer di Garth Ennis Planeta (4 volumi); Figlio dell’Uomo TP Planeta (ultima saga di Ennis, non è contenuta nelle due raccolte precitate); Abitudini Pericolose, Sangue Reale, Una Scala per il Paradiso, Paura ed Odio, Amore Corrotto, Fiamma della Distruzione, Il sentiero ai cancelli dell’Inferno, Figlio dell’Uomo (tutti volumi Magic Press)
Edizione originale: Dangerous Habits TP, Bloodlines TP, Fear and Loathing TP, Tainted Love TP, Damnation’s Flame TP, Rake at the Gates of Hell TP (contiene la one-shot Heartland), Son of Man TP, Rare Cuts TP (contiene alcuni episodi di Ennis non raccolti)

Hellblazer di EnnisAltra classica run di Hellblazer, subito successiva a quella di Jamie Delano, è questa di Garth Ennis: e se potevate non essere familiari col signor Delano, ahimé tristemente poco conosciuto, non potrete che vergognarvi se non avete avuto a che fare con questo simpatico cialtrone. Nelle mani di Ennis, John Constantine diviene ben più cazzuto (risoluto ?) rispetto agli esordi della testata, in parte riplasmato dalla verve dell’irlandese, che tuttavia non priva affatto il nostro affezionatissimo di momenti in cui la realtà gli piomba addosso e gli attanaglia le fibre nervose, rendendolo triste ed inerme; quasi un trademark della serie. E che inizio col botto, con l’acclamatissima Abitudini Pericolose, a detta di tutti una delle saghe più belle della storia di Hellblazer ! E non mancate anche la mini-saga post conclusione, Figlio dell’Uomo. Cattivissima, la malvagità concentrata. Insomma, se oltre a mancare Delano mancate anche Ennis, siete veramente indegni.

Note: più fortunata questa run, che è stata tutta ristampata in TP originali (sebbene in gran parte non disponibili adesso), e gode di ben due ristampe Planeta ed una ristampa completa Magic.
P.S. C’è chi dice che questa run sia un po’ un campo di prova per Preacher, a livello di tematiche. Quindi, lettori di Preacher, AMMUNINNE !

Hellblazer di Paul Jenkins (89-128)

Testi: Paul Jenkins
Disegni: Sean Phillips, Warren Pleece, Paul Pope
Edizione italiana: Nozioni Distorte, Massa Critica, Peccati dei Padri, Sotto Tiro, L’Ultimo Baluardo, Alla Disperata Ricerca di Qualcosa, Vacanze Americane, Come Giocare con Il Fuoco (tutti volumi Magic Press)
Edizione originale: Mai raccolte in TP

Hellblazer di JenkinsDifficile dire qualcosa su questa run, molto difficile da recuperare poiché mai raccolta in lingua e mai ristampata in Italia, se si esclude anni fa l’uscita dei volumi Magic Press. Paul Jenkins si allontana dalla tendenza presa durante gli epidosi scritti da Garth Ennis, passando da tematiche cristiano-giudee al folclore inglese, ed introduce tutta una serie di nuovi personaggi.
A parte un primo buono exploit (parlo a detta di chi lo ha letto), pare che questa run sia stata in gran parte deludente, specialmente quando si pensa a quanto la serie Hellblazer era stata coerente qualitativamente parlando sino ad allora, ed a quanto lo stesso Jenkins lo era stato (all’epoca scriveva un capolavoro un giorno e l’altro pure).
Attenti quindi quando scegliete di recuperare questo ciclo di storie … vi conviene farlo a passettini, in modo da non restare delusi e buttare del denaro.

Hellblazer di Warren Ellis (134-143)

Testi: Warren Ellis
Disegni: John Higgins, Tim Bradstreet, Frank Teran, James Romberger, Javier Pulido, Marcelo Frusin
Edizione italiana: Hellblazer di Warren Ellis Planeta; Tormenti (Stregoni), Raccontare Storie (due volumi Magic Press)
Edizione originale: Haunted TP, Setting Sun TP

Hellblazer di EllisJohn Constantine non è di certo una persona gradevole e simpatica, ma al mondo esistono tipi peggiori di lui. Constantine sta per incrociare il suo cammino con uno di questi soggetti, uno che ha commesso l’errore di assassinare brutalmente una passata fi danzata di John. Una volta identifi cato, sarà solo questione di tempo perché Constantine lo trovi e gli mostri il vero signifi cato della parola “vendetta”. Ma Constantine ha molte altre storie da raccontare, storie che gelano il sangue e tormentano i sogni. Sarete abbastanza coraggiosi per leggerle?

In questo volume trovate raccolti i numeri 134-143 di Hellblazer, sceneggiati dal pluripremiato Warren Ellis (Transmetropolitan, The Authority) e disegnati da grandi artisti del calibro di John Higgins, Tim Bradstreet, Javier Pulido e Marcelo Frusin. (Planetadeagostinicomics.it)

Hellblazer di Brian Azzarello (146-174, 250)

Testi: Brian Azzarello
Disegni: Richard Corben, Marcelo Frusin, Steve Dillon, Guy Davis, Giuseppe Camuncoli
Edizione italiana: Hellblazer di Brian Azzarello Planeta Vol 1-2; Tempi Duri, Buone Intenzioni, Come Ghiaccio, Highwater, Cenere alla cenere (tutti volumi Magic Press); Vertigo Presenta dal numero 1 al numero 29
Edizione originale: Hard Time TP, Good Intentions TP, Freezes Over TP, Highwater TP

*Non ho trovato corrispondenze per il volume Highwater*

Hellblazer di AzzarelloDalle fredde pareti di un penitenziario a un folcloristico paese in piena campagna; da una taverna immersa nella neve a un locale da due soldi in piena città. Cosa hanno tutti questi luoghi in comune ? Semplice: John Constantine. Il signor Azzarello ci regala una delle migliori run di sempre di Hellblazer, sospesa fra il pulp e il thriller: può Constantine affrontare un’intero cumulo di galeotti che non vede l’ora di pasteggiare col suo fegato ? Può sopravvivere alle mostruosità che si celano nei boschi e sui monti ? Può John Constantine morire e rinascere ?
Le risposte a queste domande le trovate nei volumi precitati.

 

Note: peccato solo per il finale, veramente affrettato e privo di pathos, quando avrebbe necessitato di almeno un altro numero d’approfondimento.

Hellblazer di Mike Carey (175-215, 229)

Testi: Mike Carey
Disegni: Steve Dillon, Marcelo Frusin, Lee Bermejo, Jock, Chris Brunner, Doug Alexander Gregory, Leonardo Manco, altri
Edizione italiana: Vertigo Presenta ha stampato -in parte- questa run a partire dal numero 31 fino al numero 50 (il numero americano di Hellblazer corrispondente al numero 50 è il 196); la Planeta, mantenendo fedeltà al suo programma iniziale di ristampe prive di qualsivoglia senso, ha stampato la parte iniziale prima e conclusiva poi della saga finale di Mike Carey (totalmente meta, neh ?) : se vi va di buttare soldi trattasi di ‘Giù nella terra dei Morti’ ed a seguire l’albetto RVSP; Tutti i suoi Congegni (spin off stampato dalla Magic Press)
Edizione originale: Red Sepulchre TP, Black Flowers TP, Staring at the Wall TP, Stations of the Cross TP, Reasons to be Cheerful TP, The Gift TP; All His Engines TP (speciale)

Hellblazer di CareySe era difficile dire qualcosa sulla run di Jenkins, ancor più difficile è pronunciarsi su questa di Mike Carey. Ristampata solo in parte dall’antologico Vertigo Presenta, portataci in puro stile ‘mutilazione da riscatto’ dalla Planeta (il volume e l’albetto che formano la saga The Gift ricordano un’orecchio mandato alla famiglia d’un bambino rapito: “Dateci li sordi se no non ristampiamo un cazzo”), sempre allo studio ma mai nelle fumetterie, questa run sembra quasi un miraggio in lingua italiana. Ed in lingua inglese ci sono diversi volumi esauriti.

La cosa terribile, però, è che a differenza della run di Jenkins che pareva, visti i commenti, piuttosto evitabile, questa a detta di tanti è una delle migliori sequenze narrative della serie. Ed avete provato a dare un’occhiata ai disegnatori ? Mi viene da piangere.
Non posso dire molto non avendola letta, ma se vi capite di mettere le mani su qualche lotto completo di volumi in lingua e non ripudiate la carta Vertigo, prendetela senza pensarci due volte e aggiungete il vostro commento !

Hellblazer di Denise Mina (216-228)

Testi: Denise Mina
Disegni: Leonardo Manco
Edizione italiana: Hellblazer di Denise Mina Planeta
Edizione originale: Empathy is the Enemy TP, The Red Right Hand TP

Hellblazer di MinaJohn Constantine: occultista della classe operaia ed esperto manipolatore proveniente dalle strade di Liverpool. Uno dei personaggi più bizzarri e inquietanti del mondo. In quest´ipnotica storia di inganni, omicidi e segreti ambientata in Scozia, Constantine entra in una nuova era della sua macabra carriera e indaga su un mistero che sembra destinato a risolversi solo con la sua morte. Dopo un incontro casuale in un pub di Londra, Constantine verrà trascinato fi no a Glasgow, dove il tasso di omicidi è aumentato vertiginosamente, e dove la dieta popolare più in voga è basata sulle sigarette, sul whisky e sugli zuccheri… in altre parole, una città dove Constantine si sente proprio a casa. Questa volta, però, le cose sono destinate ad andare diversamente. Qualcuno ha scagliato contro Constantine una terribile maledizione: l´empatia verso il resto dell´umanità. John dovrà superare tutto questo prima di affrontare quello che lo attende a Glasgow: un fantasma irascibile, un’antica setta, un mago potente quanto lui e un orrore che va al di là della sua immaginazione. In questo volume trovate raccolti i numeri 216-228 di Hellblazer, sceneggiati dalla premiata scrittrice Denise Mina e disegnati da Leonardo Manco. (Planetadeagostinicomics.it)

Note: questa run attinge un po’ in quanto a tematiche, ma soprattutto in quanto a prosa alla bellissima run di Delano, ma attenzione, non lo fa nel migliore dei modi. Mina non ha la stessa capacità di catalizzare l’attenzione di Delano, la sua prosa alle volte risulta quasi inconcludente ed artefatta. Inoltre il tema dell’empatia, per quanto interessante, viene sfruttato in maniera bislacca e poco incisiva. C’è anche chi ha trovato il finale ridicolo e pretenzioso, io non sono così crudele, forse perché stregato dai disegni di Manco, che sono la vera unica ragione per preferire questo volume a qualsiasi altra cosa. E neanche, a meno che non siate completisti di Manco.

Hellblazer di Andy Diggle (230-244, 247-249)

Testi: Andy Diggle
Disegni: Leonardo Manco, Danijel Zezelj, Giuseppe Camuncoli
Edizione italiana: Hellblazer di Andy Diggle Planeta Vol.1-2-3
Edizione originale: Joyride TP, The Laughing Magician TP, Roots of Coincidence TP

Hellblazer di DiggleSe so che il signor Andy Diggle è un autore capacissimo ed anche molto appassionato, lo so grazie a questa Run. Egli infatti non si limita ad imbastire il suo mosaico, a creare i suoi personali antagonisti ed a ripescare vari personaggi celebri e tematiche dalle vecchie Run. Egli si fa coraggio e scava nella run di Delano, e per la prima volta non si limita a citare: modella quegli eventi, quasi li riscrive. Ed ecco riapparire il Ravenscar, la follia ed il senso di colpa di Constantine personificato, ed è solo una delle chicche ! Diggle riporta Constantine alla sua vera essenza, a prima di Newcastle, e la vista è davvero differente da lì. Ed addirittura riprende il tema del favoloso episodio ‘Il Mago’, conclusivo del ciclo di Delano … oltre che citare un certo ‘Mago ridente alla fine del mondo’: questo vi dice qualcosa ?
Non voglio dirvi altro, e del resto non posso, vi rovinerei questa splendida lettura. Se avete gradito il ciclo di Delano, amerete anche questo. Se non sopportavate la prosa di Delano ma vi piaceva ciò che succedeva in quella run, beh, allora amerete questo anche di più (Diggle sa essere più schietto, meno aulico).
Solo un consiglio: non fate l’errore di leggerlo prima della run di Delano, è troppo importante ai fini della totale comprensione di questo fumetto.

Hellblazer di Peter Milligan (250 – 300)

Testi: Peter Milligan
Disegni: Giuseppe Camuncoli, Simon Bisley, Goran Sudzuka, Eddie Campbell,
Edizione italiana: Hellblazer di Peter Milligan Planeta Vol.1-2-3-4 (in corso)
Edizione originale: Scab TP, Hooked TP, India TP (in corso)

Qui cito come ho già fatto un paio di volte il sito della Planeta, in particolare l’introduzione al primo volume, non avendo ahimé ancora avuto modo di leggere questo ciclo di storie:

Hellblazer di MilliganJohn Constantine ha conosciuto in prima persona gli aspetti più malati e sordidi della società e del mondo sovrannaturale e ne porta le cicatrici addosso. Ultimamente, però, è riuscito a raggiungere una certa stabilità grazie a un’affascinante dottoressa che, a quanto, pare sembra essere l’unica in grado di curare il suo cuore nero.
Purtroppo, c’è una vecchia ferita che non vuole proprio guarire. Molto tempo fa, Constantine ha fatto qualcosa di straordinariamente
meschino persino per uno come lui: riuscì ad “avvelenare” la vita di un povero innocente, che era solo una delle tante pedine nella guerra tra ricchi e poveri che si combatte da innumerevoli ere, dall’epoca della Peste Nera all’attuale di Blair.
Ora un’infezione infernale si sta propagando e Constantine sa che l’unica cura possibile è continuare a scavare in quella ferita purulenta fino a scoprire cosa si nasconde sotto…

 

 

Il leggendario sceneggiatore della Vertigo Peter Milligan (Human Target, Greek Street) e i disegnatori Giuseppe Camuncoli (Batman, Tokyo Days, Bangkok Nights) e Goran Sudžuka (Y, L’ultimo Uomo) uniscono le loro forze per narrarci una storia di Hellblazer che non vi scorderete facilmente. (Planetadeagostinicomics.it)

Appendice delle comparsate

Hold Me

Diversi autori celebri o meno hanno scritto, fra una gestione consistente e l’altra, qualche numero, spesso accompagnati da un buon disegnatore.
Quì elenco queste piccole ‘mini-gestioni’, anteponendo i numeri:

 

  • (25-26) Grant Morrison e David Lloyd (presente in Constantine ed in Hellblazer Planeta 7)
  • (27) Neil Gaiman e Dave McKean (presente in Midnight Days ed in Hellblazer Planeta 8)
  • (32) Dick Foreman (presente in Hellblazer 9)
  • (51) John Smith (già citato nella sezione di Ennis, fa solo da filler writer per un episodio)
  • (85 a 88) Eddie Campbell (presente in Nozioni Distorte, volume Magic Press)
  • (144-145) Darko Macan (mai raccolti)
  • (245-246) Jason Aaron (raccolto di recente in un albo Vertigo Resurrected)

Speciali e Spin Off

Lady Constantine

Anche se questa serie stessa nasce come spin off, dato il suo successo non poteva che produrne altri, come una foresta in piena espansione:

 

 

  • Hellblazer: Papa Midnite (spin off dedicato al personaggio di Hellblazer, praticante voodoo, scritto da Mat Johnson e stampato in TP dalla Planeta qualche anno fa): Papa Midnite
  • Hellblazer: Lady Constantine (spin off dedicato alla celebre antenata di John Constantine, apparsa anche diverse volte in Sandman, scritto da Andy Diggle): Lady Constantine
  • Hellblazer: Reality Nero (speciale scritto da Ian Rankin, edito dalla Planeta di recente): Dark Entries
  • Hellblazer presenta: Chas the Knowledge (speciale scritto da Simon Oliver, inedito in Italia): Chas the Knowledge
  • Hellblazer: City of Demons (di Si Spencer e Sean Murphy, ora disponibile in pre-order): City of Demons
  • Shoot (di Ellis e Jimenez, recuperato da Vertigo Resurrected, dovrebbe essere una storia di Hellblazer mai pubblicata prima)
  • Books of Magice per concludere, alcune delle migliori apparizioni del mago anticonformista sono avvenute proprio all’interno di queste storie, scritte da Gaiman prima e Rieber poi !

 

 

 

 

Books of MagicRecuperatele, a prescindere, perché è roba taaanto buona.

Qui sopra il link del volume inglese; Books of Magic è comunque stato stampato anche dalla Magic Press in volume singolo, e la stessa Magic ha anche stampato tutti i TP successivi della serie, scritti da John Ney Rieber. La Planeta ha inoltre ristampato I cavalieri dell’Apocalisse in Trench, di Ney Rieber, in cui John Constantine ha ovviamente un ruolo fondamentale, essendo protagonisti i quattro maghi di Books Of Magic di Gaiman.

Note di chiusura

John Constantine è ovunque, è stato davvero in ogni luogo. Ha infestato Sandman (n3, Dream a little Dream of Me), Lucifer, Shade, si è persino visto in ‘When is a Door’, una delle Batman: Secret Origins di Gaiman. Celebre inoltre è la sua apparizione in Crisi sulle Terre Infinite, ancor prima della nascita della testata Hellblazer.
Ma resterà soprattutto nell’immaginario comune di noi lettori, qualsiasi cosa avvenga. E’ un simbolo, di tantissime cose ormai. E’ il simbolo della Vertigo gloriosa dei ’90, che aveva preso il posto dei supertizi nei cuori di tutti. E’ il simbolo della Vertigo che resiste, che non si arrende, che non vuole cedere di fronte alla preponderante dominanza del fumetto mainstream, e che anzi vuole continuare a ruttare in cenno di sfida.
Perché è proprio quello che farebbe Constantine, ora come ora. Alzerebbe il suo bel dito medio, sputerebbe per terra e direbbe:

John Constantine