FATALMENTE BRUBAKER

Scritto da Elena Pizzi il 12 ottobre 2011 in Fumetti Marvel Comics con nessun commento

La notizia circola da qualche giorno sui siti specializzati e farà felice gli appassionati delle storie NOIR: Ed Brubaker e Sean Phillips, uno dei sodalizi artistici contemporanei fra i più prolifici, sono al lavoro su Fatale, maxisaga che si preannuncia almeno di 12 numeri e che esplorerà appunto uno dei generi più cari allo scrittore in forza alla Marvel, il noir appunto.

Si è da poco conclusa la pubblicazione in albetti di The Last of the Innocent (l’uscita del volume americano è prevista per dicembre), il più recente storyarc di Criminal, uno dei progetti brubakeriani targati Marvel-Icon più amati dai fan, e pare che lo scrittore americano non voglia abbandonare queste atmosfere, anzi, è deciso a dare un ulteriore sferzata al proprio lavoro:

“Fatale” è una grande storia, durerà almeno 12 numeri, e porterà con sè un nuovo approccio al noir, o almeno, al mio noir. Nei prossimi mesi vedrete diverse preview on-line e altrove, per cui non voglio svelare troppo, ma sono davvero elettrizzato. E’ un’idea che volevo sviluppare da qualche anno, una storia noir dal tocco epico/horror che attraversa le epoche, partendo dal 1930 fino ad arrivare al presente. 

Dal titolo è possibile ipotizzare una protagonista femminile, dato che l’aggettivo fatale richiama indubbiamente uno degli elementi più seducenti e riconoscibili della narrativa noir, la FEMME FATALE (donna fatale), una figura ammaliante e spesso letale che sa incantare gli uomini tanto quanto può distruggerli. Brubaker, con sfumature diverse (vittime e carnefici) ne ha spesso fatto uso in Criminal, ed è legittimo aspettarsi qualcosa di simile per questo progetto.

Quali trame oscure e sordide seduzioni attendono i protagonisti di queste storie? Restate con noi!

 

AGGIORNAMENTO

Direttamente dal New York Comic Con, ecco alcune immagini d’anteprima!

Banner HoVistoCose.it

Informazioni sull'autore

Elena Pizzi [Selina Kyle]Abita da tempo a Gotham City, anche se desidera volare per tutto l'universo insieme ad Hal Jordan. Spesso gioviale e sorridente, a volte è inaspettatamente solitaria, ma costantemente alla ricerca di ciò di cui sono fatti i sogni, cioè ciò che giace, spesso sepolto, in fondo a noi stessi. Non rinunciate mai alla forza delle vostre passioni.Leggi tutti gli articoli di Elena Pizzi