Dall’Emerald City Comic Convention alcune novità Marvel

Scritto da Camillo Bongiovanni il 8 marzo 2013 in Fumetti Marvel Comics con nessun commento

ecccLogoCome già avvenuto per la Dc Comics, l’Emerald City Comic Convention (ECCC13) che si è svolta nella città di Seattle negli scorsi giorni (1-3 marzo), anche la Marvel ha illustrato da questo palco i suoi progetti relativi all’immediato futuro.
Dietro la scrivania per confrontarsi con i fan si sono riuniti autori del calibro di Mark Waid, Matt Fraction, Kelly Sue DeConnick, Joe Keatinge ed altri, mentre l’editor Sana Amanat ha voluto scherzare sull’imprevista assenza di Brian Posehn.
La conferenza è iniziata da una delle serie più recenti, ossia Capitan Marvel, che verrà coinvolta a breve in un crossover. Questo fatto sta già “terrorizzando” Kelly Sue DeConnick, dal momento che si tratta della sua prima esperienza di questo tipo, la cui trama prenderà il via da quanto sta per accadere nello story arc “The enemy within”. La sceneggiatrice ha poi discusso del suo modo di lavorare, che nell’ultimo anno ha cercato di mettersi quanto più in sintonia con il singolo disegnatore della serie dedicata a Carol Danvers, adattando lo stile di scrittura alle caratteristiche, e soprattutto ai punti di forza del singolo artista, in modo tale da poter raccontare una storia da diversi punti di vista. In questo è stata anche supportata dall’editor Amanat che ha voluto sottolineare questa volontà di osservare un personaggio già rodato da anni secondo diverse prospettive.
dpool2012001dc11jpg-9d7e99Dopo di lei, Joe Keatinge ha accennato brevemente alla sua testata su Morbius, specificando che nei primi 5 albi ha intenzione di rivelare quale sarà il suo modo personale di affrontare questo personaggio, per poi, a partire dal sesto, reintrodurlo nel Marvel Universe dove innanzitutto incrocerà la sua strada con Superior Spider-Man.
Collegandosi a questa affermazione, Gerry Duggan ha annunciato che anche Deadpool nel numero 7 della sua serie se la dovrà vedere con un altro personaggio del Marvel Universe, ossia Tony Stark.
Fraction-shoots-straight-on-Hawkeye-series-1D1AKPE3-x-largeMatt Fraction ha solo espresso un brevissimo commento sul suo Hawkeye, che vedrà la comparsa all’interno della serie di un certo numero di assassini e del “fratello sfigato” di Hawkeye, mentre Clint Barton se ne andrà in vacanza.
A questo punto si è inserito Sam Humphries, che riallacciandosi alla dichiarazione di Fraction, ha voluto rivelare alcuni dettagli sul futuro dell’Universo Ultimate. Ridendo infatti ha annunciato che anche in questo universo si assisterà all’ingresso del “fratello sfigato Ultimate” di Ultimate Hawkeye.
untitled-3Tralasciando le battute, ha poi proseguito rivelando la sua intenzione di introdurre nella serie Ultimates un team della Costa Ovest, che conterrà le versioni Ultimate di Wonder Man, Tigra, Visione, Black Knight e Quake.
Per quanto riguarda invece la sua gestione di Uncanny X-Force, si profila all’orizzonte una resa dei conti tra il team e Alfiere nei sotterranei di Los Angeles, per poi affrontare alcune avventure di Alfiere nel futuro.
Dopo queste vicende si concentrerà sui tre Fantomex che verranno tutti messi insieme, mentre capiremo come mai la relazione tra Betsy e Fantomex sia finita così miseramente. Successivamente ancora ci sarà l’arrivo di uno dei nemici più famosi tra i fan di vecchia data degli X-Men.
Mark Waid invece ha rivelato che la concezione di una delle prossime storie di Devil gli è scaturita da un sogno, estremamente lucido, che ha fatto. In questa storia vedremo come Devil riuscirà a portare a termine un inseguimento d’auto, stando al volante (!?).
standard_fantasticA parte questo, le vicende più immediate si focalizeranno soprattutto sul rapporto tra Matt e Foggy. Su Indestructible Hulk troveremo uno story arc di tre numeri illustrato da Walt Simonson nel quale Hulk e Thor dovranno combattere insieme contro i Giganti dei Ghiacci.
Sollecitato anche dal pubblico, Waid ha poi fornito alcuni particolari sulla interpretazione che ha fornito della trasformazione di Banner in Hulk: “L’Hulk che viene fuori dopo la trasformazione dipende principalmente dallo stato d’animo di Banner prima di quest’ultima.
Quindi in alcuni casi si ottiene un Hulk mostruoso, in altri un Hulk erudito, in altri ancora un vero e proprio uragano di morte, e non potremo mai sapere quale sta per arrivare…Banner – e su di lui potrei scrivere una vita intera- è un vero e proprio pozzo di potenziale ancora inesplorato.”
comics_age_of_ultron_artworkIn conclusione è stato fatto un accenno a Age of Ultron, che Fraction ha descritto come “il canto del cigno di Bendis sui Vendicatori”. Amanat ha infine dato risalto al ruolo di testate come Guardians of the Galaxy e Nova, che sono riuscite ad espandere l’Universo Marvel in quello propriamente detto. Senza rivelare dettagli, ha però spiegato che di queste due serie sono già state sceneggiate storie che coprono un intero anno e che porteranno a qualcosa di molto più grosso.


Informazioni sull'autore

Camillo Bongiovanni [Silver Surfer]Ingegnere, nato presso i lidi della Superba, oggi vive a Sanremo, unico rappresentante di sesso maschile in una casa che condivide con la sua ragazza, 3 gatte e 3 acquari. Affascinato dai fumetti ancora prima di saper leggere, grazie a Topolino e ai F4, diventa lettore abituale di supereroi a 17 anni e da allora non ha mai smesso. Marveliano della prima ora, scopre la DC con il Batman di Burton. Oggi legge un po' di tutto, con predilezione per i comics made in Usa.Leggi tutti gli articoli di Camillo Bongiovanni