Batman: Le Strade di Gotham

Scritto da Luca Massari il 6 settembre 2010 in Batman e Fumetti DC Comics con nessun commento

Streets of Gotham

Testi: Paul Dini, Kevin Grevioux, Kevin Shinick, Mike Raicht,
Disegni: Dustin Nguyen, Calyton Henry, Rafa Garrés, Grey
Edizione originale: Batman: The Streets of Gotham 1-4, Batman 80-Page Giant 1
Edizione italiana: BATMAN: LE STRADE DI GOTHAM N. 1 (Planeta DeAgostini)

Batman: Le strade di Gotham è la nuova serie regolare che, direttamente dopo “Battaglia per il mantello”, ci narra le avventure degli ex-detenuti di Arkham ora sotto il comando di Maschera Nera.
Si, i veri protagonisti della serie sono loro, i criminali, che rivestono decisamente più importanza rispetto al dinamico duo, che in alcuni numeri si limita alla sola comparsata.
La particolarità è che la serie non si concentra, almeno per ora, sui “big one”, ma tenta di conferire nuovo spessore a character che, in passato, si limitavano alla comparsata di turno, tanto per riempire l’albo del mese: troviamo quindi Firefly, che attua un inquietante piano per “dar fuoco” a quante più persone possibili, oppure la figura del Broker, in una particolarissima storia che mostra come anche i più duri,a Gotham, in fondo possiedono un’anima. Torna anche lo Squalo Bianco (nato sulle pagine di Arkham Asylum: Living Hell) accompagnato da Hush…ma non vi svelo nulla a riguardo.
Dini come al solito confeziona una prosa eccellente, tanto semplice quanto avvincente, che viene ottimamente supportata dal tratto di Nguyen, essenziale e funzionale.
Due parole anche sull’80 Page Giant (che, onestamente, non capisco cosa c’entri con la serie, ma tant’è), che offre brevi racconti che si concentrano su vari personaggi (Mr Freeze e Gordon, un aspirante ladro e suo figlio, tre ragazzi che decidono, emulando Batman, di pattugliare sul loro quartiere)…non capolavori, ma decisamente interessanti.
Anche questa volta mi trovo a dover segnalare degli errori decisamente fastidiosi: un balloon invertito, alcuni accapo sbagliati…insomma, la solita solfa in stilePlaneta, ma il volume merita moltissimo, soprattutto se amate Dini e Nguyen (ottime le cover degli albi).