Le Probabili Strategie della Warner per la DC in Live Action (al Cinema e in TV)

Scritto da Ada Vittoria Baldi il 27 agosto 2013 in Cinema, film e animazione e Serie TV con un commento

Man of Steel

Se le strategie della Marvel e della Disney per i loro franchise cinematografici sono ben chiare quelle della Warner/DC lo sono molto meno, anche perchè finora non hanno sfruttato molto l’universo DC al cinema, ma gli indizi che abbiamo al momento mostrano che stanno prendendo una strada radicalmente diversa da quella dei rivali Marvel.

 

Stando alle ultime notizie sia Ben Affleck, il nuovo Batman, che l’attore scelto per interpretare Luthor (che non è ancora stato confermato ufficialmente) avrebbero firmato dei contratti multifilm per un numero veramente alto di apparizioni e questo unito al fatto che il sequel dell’Uomo d’Acciaio vedrà anche il nuovo Batman tra i suoi personaggi fa pensare che la Warner abbia tutte le intenzioni di non tenere rigidamente separati i suoi franchising cinematografici (come fa la Marvel) ma consentire citazioni e apparizioni di vari personaggi al di fuori dei rispettivi film e della Justice League.
La Justice League è sicuramente al centro dell’interesse e dei programmi cinematografici della Warner e questo è confermato dalla presenza di Batman nel sequel di Man of Steel dovuta, a mio avviso, principalmente al bisogno urgente di riavviare il franchise di Batman per lasciarsi alle spalle una volta per tutte la trilogia di Nolan che (anche se ha fatto guadagnare tantissimo alla Warner nell’immediato) è stata uno dei più grossi problemi della Warner perchè bloccava Batman in un universo dove lui era l’unico supereroe del mondo, rendendo quindi la trilogia e Christian Bale inutilizzabili per un film sulla Justice League e rendendo anche complicato sviluppare in contemporanea un’altra versione di Batman, con un attore diverso, per la JL.
Adesso la trilogia è finita e reintrodurre Batman, stavolta come parte di un universo in cui esistono più supereroi è una priorità per la Warner che è finalmente riuscita a trovare il giusto modo di riproporre Superman al cinema e farlo proprio nel secondo film di Superman è la strada più logica per evitare un diretto ed immediato confronto con la trilogia e mostrare chiaramente che Superman e Batman esistono ed agiscono nello stesso universo. Inoltre non bisogna dimenticare che, oltre al fatto che per molti anni nei fumetti, Superman e Batman hanno fatto diverse apparizioni nelle storie, sia dell’uno che dell’altro, il personaggio di Luthor è un altro punto di contatto tra i due, essendo la nemesi di Superman e uno dei più grossi rivali in affari di Bruce Wayne, quindi c’è una forte possibilità che nel film Batman e Superman si alleino contro Luthor (situazione ricorrente nei loro vari team-up fumettistici).

Superman - Batman (1)

Le voci sui vari film DC in lavorazione, oltre ad alcuni possibili casting, che confermano l’importanza della Justice League nei piani futuri Warner, danno anche un’altra interessante informazione: la Warner e la DC hanno intenzione di tenere le serie televisive completamente separate dai franchising cinematografici, anche se questo significa dover introdurre due diversi attori per lo stesso ruolo (uno in tv e l’altro al cinema) a breve distanza l’uno dall’altro  ed avere contemporaneamente due diverse versioni del personaggio nei due media.

CW - Smallville

CW - Arrow
La Warner a mio parere vuole usare cinema e TV in due modi molto differenti: storie e personaggi più classici per il cinema, e reinterpretazioni dei personaggi e maggiore sperimentazione per la tv, anche perché le serie tv sono dirette ad un pubblico molto più specifico e ristretto dei film. In fin dei conti negli ultimi anni abbiamo visto che gli autori delle serie televisive legate all’universo DC (Smallville e Arrow)  non si sono fatti nessun problema a modificare pesantemente, se non stravolgere, le relazioni tra i vari personaggi, modificare loro o le storie e introdurre personaggi creati da zero in ruoli centrali e ovviamente tutto questo rende praticamente impossibile creare un universo unico e coeso che comprenda allo stesso tempo film e telefilm. E inoltre la separazione tra film e telefilm, serve a rafforzare il concetto di Multiverso tanto caro alla DC (ovvero la compresenza di più versioni dello stesso personaggio ognuna nel proprio universo) e quindi a separare il nuovo universo cinematografico dalle precedenti trasposizioni dei personaggi.

CW - The Flash


Informazioni sull'autore

Ada Vittoria Baldi [Carol Danvers]Studentessa napoletana, adora la Marvel, la DC, la Silver Age, la Legione dei Supereroi, la Justice League, la Justice Society, Barbara Gordon, Dick Grayson, Courtney Whitmore, Kara Zor-El, Booster Gold, Steve Rogers, Carol Danvers, Clint Barton, Kate Bishop, lo SHIELD, la storia, il fantasy, la fantascienza e i gatti. I suoi autori di fumetti preferiti sono: Geoff Johns, Mark Waid, James Robinson, Paul Levitz, Paul Dini, Greg Rucka, Dan Jurgens, Bendis, Hickman, Fraction, George Perez, Gary Franks, Ivan Reis, Dustin Nguyen, Ethan Van SciverLeggi tutti gli articoli di Ada Vittoria Baldi