JLA: Anno Uno - di Mark Waid, Brian Augustyn e Barry Kitson

Aperto da Lucifer, 24 Settembre 2010, 14:34:27

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Hugostrange70

 La storia riprende molte delle atmosfere della silver age (sia in senso positivo che negativo) infatti la battaglia contro gli alieni provenienti da appelax credo sia la prima storia originale della Justice League. La storia è molto semplice nel suo svolgimento e  quindi da questo punto di vista niente da dire, è una storia di origini e Waid fa un buon lavoro, però devo dire che ci sono parecchie ingenuità (forse è una cosa voluta?). In pratica Waid verso la fine mette in scena un pò tutti i personaggi della dc comics, per farla breve secondo me la storia manca del giusto pathos che una storia così dovrebbe avere. I disegni classici e puliti di kitson mi sono molto piaciuti, alla fine della fiera posso dire che è stata una lettura piacevole però leggendo un pò I vari commenti credevo meglio sinceramente, se dovessi dare un voto direi un sette pieno

Rain

Eh, forse gli anni non sono stati clementi con questa storia.
Un po' perché la stessa gestione di Waid tra tutte, rimane un po' nel mezzo e spicca poco.
Un po' perché è nella natura stessa dei Super gruppi fare un "anno uno ad ogni nuova gestione"...
Mi vengono in mente la JLI di deMatteis o la JLA di Morrison che nell'immaginario hanno decisamente lasciato il segno.
Se poi ci aggiungiamo Johns che per la sua interpretazione usa Jim Lee per abbagliare tutti...  :ahsisi:
L'effetto nostalgia per una storia come questa deve davvero stupire a livello creativo.
E in effetti ne Il Chiodo ne abbiamo un esempio...
Ma sopratutto in The New Frontier  :wub: in cui tutto diventa iconico.

La pioggia è vita; la pioggia è la discesa del cielo sulla terra; senza la pioggia, non ci potrebbe essere vita. (John Updike)

Sostieni DC Leaguers
http://www.dcleaguers.it/forum/new-leaguers/aiuto-per-rinnovo-201920/

Hugostrange70

Citazione di: Rain il 18 Agosto 2022, 15:58:44Eh, forse gli anni non sono stati clementi con questa storia.
Un po' perché la stessa gestione di Waid tra tutte, rimane un po' nel mezzo e spicca poco.
Un po' perché è nella natura stessa dei Super gruppi fare un "anno uno ad ogni nuova gestione"...
Mi vengono in mente la JLI di deMatteis o la JLA di Morrison che nell'immaginario hanno decisamente lasciato il segno.
Se poi ci aggiungiamo Johns che per la sua interpretazione usa Jim Lee per abbagliare tutti...  :ahsisi:
L'effetto nostalgia per una storia come questa deve davvero stupire a livello creativo.
E in effetti ne Il Chiodo ne abbiamo un esempio...
Ma sopratutto in The New Frontier  :wub: in cui tutto diventa iconico.
Non avrei saputo usare parole migliori, io la run di Waid sulla justice league l'ho adorata secondo me è troppo sottovalutata. Però ecco come dici tu lo scorrere del tempo qui si nota più che da altre parti, è una buona storia ma io avevo aspettative forse troppo alte

Lampo

Una storia piacevole, più nelle piccole cose che nella trama.
Manca tutta la Trinità, per lasciare spazio ad eroi "minori", se possiamo chiamarli così.
Flash spicca su tutti, e si vede che a Waid piaceva.
Disegni piacevoli, trama così così, le cose migliori sono i dettagli come Aquaman che parla sottovoce, o la presenza di praticamente tutti, impegnati a fare qualcosa.
Sembra una storia più vecchia del 1998, ma rimane comunque piacevole da leggere.

Penny-uno

Finalmente me la sono gustata  :)

Devo dire che la storia mi è piaciuta molto soprattutto per due caratteristiche:
- la diffidenza iniziale dei membri della Jla: non si conoscono, non sono abituati a lavorare insieme, hanno un atteggiamento guardingo e diffidente che diventa sfiducia vera e propria verso un componente in particolare. Qui Waid, nel '98, ha praticamente dato un piccolo e gustoso antipasto di quello che capiterà qualche hanno dopo nel periodo Crisi d'identità e Crisi Infinita:ahsisi:
Nelle storie silver age era già capitato qualcosa del genere?
- la maestosità dei capitoli conclusivi, dove compaiono una valanga di personaggi DC per combattere la minaccia finale. Mi ha riportato alla mente CSTI, sia per portata del pericolo che per coralità della risposta dei supereroi.

Su alcuni aspetti però è invecchiata maluccio: i disegni di Kitson qui mi sono sembrati datati anche per una storia del 98: quando l'avevo visto su alcuni numeri di Flash e Superman dello stesso periodo mi era sembrato molto più "in linea" con lo stile di quegli anni. O magari me lo ricordavo male io, ma guardando i disegni mi sembrava una storia di dieci anni prima.
Anche i dialoghi in alcuni momenti sono un pò retrò, eccessivamente lunghi per quello che richiedeva la situazione.

Storia comunque consigliata. Concordo con @Hugostrange70  e direi da 7 pieno.