News:

Sostenete DC Leaguers (scopri come).

Menu principale

Sergio Toppi - Topic ufficiale / antologico

Aperto da eddiekrueger, 09 Gennaio 2017, 10:52:13

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

moebius

#195


Solitudinis Morbus

di Sergio Toppi
Cartonato, 21x30 cm, 64 pp., b/n, 16,90 €, Edizioni NPE

Questo straordinario cartonato raccoglie tre rari gioielli del grande maestro milanese.
In Bois Brocèlan 1909 faremo un picnic nella foresta di Brocelandia... ma attenzione a certe donne anziane che indossano un cappello a punta e sanno volare sulle loro scope!
Black and Tan 1920 è ambientato nei primi del Novecento, durante gli scontri tra l'esercito britannico e gli indipendentisti dell'Armata Repubblicana Irlandese (IRA): una storia che stavolta si fonderà con il mondo magico delle leggende irlandesi.
Nel racconto che dà il titolo al volume, vedremo quello che può provocare la troppa solitudine alla fervida fantasia del guardiano di un faro: il sonno della ragione genera mostri!

Anche in questo volume l'arte di Toppi esplode in tutto il suo fragore e ogni sequenza ha un suo senso e una sua logica ben precisa all'interno del messaggio finale dell'opera: il Maestro non rompe mai la gabbia ma vi costruisce attorno la storia.

«Rompere la gabbia significa dire al lettore che le regole sono cambiate, che il ritmo scandito da forma e posizione viene cambiato, che la velocità è stravolta. In questa tavola la gabbia non è rotta poiché non dice se le regole sono state rotte o meno. Il linguaggio del fumetto è complesso tanto quanto quello cinematografico, quello pittorico, quello letterale e quello musicale messi assieme. Tutto viene regolamentato da un semplice elemento visivo che permette al nostro cervello di indagare nel pensiero dell'artista: lo spazio bianco. Cosa succede tra due vignette? Cosa avrebbe inserito l'artista per riempire quel divario?»

(dalla prefazione di Roberto Diglio).

Anche in questo splendido volume che avete tra le mani Il Maestro dei Maestri diventa quindi creatore del "non detto". Ecco perché l'opera di Toppi continua a far sognare in ogni sua forma: perché nessuno potrà mai riempire quello spazio di cui solo l'autore conosce il contenuto.

«Una straordinario caleidoscopio di stili di cui solo il grande Maestro poteva essere capace.»

Solomon

#196
La storia titolare viene dall'epoca della rivista Corto Maltese (anni ottanta-novanta), quando Toppi si era lanciato in storie sempre da autore completo e sempre in stile "realismo magico", ma un po' più lunghe rispetto a quelle del periodo alter alter (anni settanta). Personalmente lo amo di meno rispetto al Toppi della produzione precedente.
Il volume ospita però in appendice proprio due storie brevi di questo primo periodo, molto belle, facenti parte del ciclo di Sacsahuaman, una delle quali mai ristampata in volume dai tempi dell'originale pubblicazione su rivista.
Lo consiglio.

moebius

Come sempre @Solomon ne sai una più del diavolo :dsi: grazie mille :hug:

Texhnolyze

In quanto a lunghezza, insomma, nello specifico Solitudinis Morbus ha più o meno la stessa foliazione delle altre 2, 16 pp. Solitudinis Morbus però è una delle storie più atipiche di Toppi perché presenta una narrazione più gravosa e meno da "realismo magico", ciò è dovuto anche al tema di questa patologia psicologica. In pratica, è più introspettivo.

Comunque, onestamente, fin quando seguiranno la Mosquito pubblicheranno solo il meglio della sua produzione. In altre parole, solo le storie veramente "toppiane". Personalmente salterei L'Isola Gentile. Se poi dovessero proseguire, le storie religiose o con personaggi storici, si potrebbero saltare.
Il Celestiale Bibendum:"Mi è impedito di attaccarmi alla realtà? Mi attaccherò al resto, sapessi quanto è vasto"

Perramus:"In questa lotta, non scompare solo la gente. Avete visto un tentativo di far scomparire la città stessa ..."

Otto, L'Uomo Riscritto: "Più si rendeva conto di essere legato al passato, più si sentiva libero nel presente"

Compro: Alvar Mayor 3

Solomon

Ah, la ricordavo un po' più lunga.
La Mosquito ha mai ristampato Sacsahuaman? Forse la storia più bella che ho letto di Toppi, davvero inquietante.

Texhnolyze

Stranamente non l'hanno ancora pubblicata.
Il Celestiale Bibendum:"Mi è impedito di attaccarmi alla realtà? Mi attaccherò al resto, sapessi quanto è vasto"

Perramus:"In questa lotta, non scompare solo la gente. Avete visto un tentativo di far scomparire la città stessa ..."

Otto, L'Uomo Riscritto: "Più si rendeva conto di essere legato al passato, più si sentiva libero nel presente"

Compro: Alvar Mayor 3

Lev

Ragazzi, perdonate l'ignoranza. Non potendo recuperare tutti i volumi di Toppi, mi indicate 2-3 volumi "imprescindibili". Puttroppo devo necessariamente fare scelte causa spazio in libreria

Grazie

Arkin Torsen

La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)

Fuller

Non so se è il topic adatto... Mi sono imbattuto in alcune tavole di Toppi e son rimasto a dir poco intrigato. Pensavo di recuperare i vari volumi editi da NPE e mi chiedevo se avessero tutti la stessa veste grafica e formato. Cosa sapete dirmi in merito? E cosa consigliate?


Bruce Wayne

Sheraz-De e Collezionista.

Ma con Toppi per quanto mi riguarda si va sempre sul sicuro.

Cliff_Steele

purtroppo i racconti magici/sovrannaturali creati per Alter e Linus, opere fra le migliori di Toppi, sono sparsi in differenti volumi;

volendo stare su pochi titoli e recenti direi anchio Sharaz-de e Collezionista; spingendosi nell'antiquariato Sachsauaman della Milano Libri è un must

eddiekrueger



CHAPUNGO

di Sergio Toppi
Cartonato, 21x30 cm, 64 pp., b/n, 16,90 €, Edizioni NPE

Con l'arrivo dei conquistadores gli antichi dèi aztechi muoiono nel sangue. Ancora una volta, con Toppi, la storia si immerge nel fantastico...
Tzoa Cotlan 1521. In questa storia Toppi ci racconta l'arrivo dei conquistadores in Messico. Quematzin invocherà gli dèi per quello che sembra essere il suo ultimo combattimento.
San Isidro Maxtlacingo 1850. In un Messico già cristianizzato, gli antichi dèi si nascondono dietro la tonaca dei preti. Intanto il villaggio abbandonato di San Isidro nasconderà più di un mistero.
Chapungo. Nella storia che dà il titolo al volume, il giovane Chapungo è ossessionato da ciò che gli ha rivelato suo padre: un velivolo che pare trasportasse oro si schianterà contro la montagna. Ma non sarà la sete d'oro a far girare la testa a Chapungo.

Fuller



moebius

questo lo prendo, mi intriga assolutamente  :wub:

Solomon

#209
Fai bene. San Isidro e soprattutto Tzoa Cotlan sono fra i massimi capolavori dell'autore, inquietantissimi.

Citazione di: Fuller il 21 Aprile 2021, 16:36:14
Prima o poi qualcosa recupero.
Questo in uscita è un'ottima scelta.

C'è un pregiudizio diffuso - in parte condivisibilissimo, intendiamoci - nei riguardi delle storie brevi, tanto in letteratura, quanto nel fumetto, quanto al cinema (i cortometraggi, relegati ai festival da cinefili).
Esistono però autori davvero formidabili nel genere, e il Toppi dell'epoca di alter alter lo era senz'altro.

Tzoa Cotlan è devastante. Mi viene un po' da storcere il naso quando si cita questo o quel fumetto horror perché fa "genuinamente paura", e poi quando mi ci accosto... boh.
Provate un po' a leggere questa.

"Gli dèi stavano davvero morendo, e non si disturba chi sta per morire" (la ricordo a memoria).