Autore Topic: Superman: Diritto di Nascita (Birthright)  (Letto 39889 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Rain

  • Lanterne Verdi
  • *
  • Concubina di Geoff Johns
  • Post: 6211
  • When It Rains...
Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
« Risposta #165 il: 20 Luglio 2014, 15:38:53 »
  • Davvero piacevole questo volume, una storia dallo stampo classico ma con idee interessanti.

    Ho apprezzato molto il fatto che Clark
    Spoiler: ShowHide
    sia vegetariano.. di fatto me lo sono sempre un pò chiesto. Nel senso che il boy-scout si nutre di sole, vento cosmico , aria pulita... vedendo il suo rapporto "fraterno" con gli animali (sottolineato nelle prime pagine) non poteva essere altrimenti.

    anche se la cosa non è approfondita per nulla, c'è in una mezza riga di dialogo, si può dire che questo Superman per quanto americano, non si sogna certo di associarsi alle grandi multinazionali del fast food... che in america hanno portato una parte considerevole della popolazione ad essere obesa, cardiopatica e diabetica... ma visto che non è un programma di Jamie Oliver non si poteva pretendere una posizione più decisa su questo problema... 

    al contrario
    Spoiler: ShowHide
    dei vari tumulti africani, sempre in lotta per i propri diritti e la povertà... Clark parte subito dalla parte più sofferente del mondo.. è come una doccia gelata che ricorda che il mondo non è metropolis.. in questo senso se la struttura dell'opera si fosse sviluppata maggiormente su vari servizi giornalistici di Clark penso che la storia ne avrebbe guadagnato in originalità... di fatto quando si torna agli ambienti classici si perde un pò l'attenzione... 


    come avrete capito questi primi due capitoli mi hanno colpito molto! senza dimenticarci di Yu che rende davvero immaginifiche le tavole che riguardano Kripton  :clap:  (e credo sia il suo maggior merito di una buona lunga prova, ma tutto sommato sotto le aspettative... ha alti e bassi abbastanza vistosi, in alcune parti ho visto tavole un pò trascurate..  )

    credo che sia un pò altalenante nel ritmo, andando avanti c'è un bel confronto
    Spoiler: ShowHide
    tra pà e Clark... si può dire che tutta la complessità della situazione di Superman e la Terra si riassuma perfettamente con questo scontro... il signor Kent comincia a capire di avere forti dubbi sulla vera essenza di Clark e quello che si sviluppa dopo con gli abitanti di Metropolis sembra fargli eco..


    i capitoli con i giovani Clark e Lex mi sono piaciuti molto, c'è un buon approfondimento di come Lex diventi sempre più ossessionato
    Spoiler: ShowHide
    dalle forme di vita aliene... che poi lo porteranno a vedere fin da subito in Superman un antagonista... tanto da cercare di screditarlo agli occhi del mondo con una finta invasione...  l'idea è interessante


    ho letto che la si paragona un pò alla novel di JMS Terra Uno... penso che questa abbia spunti più interessanti per la psicologia dei personaggi e in generale la storia pur con i suoi alti e bassi funziona di più. (quella di JMS ha il pregio di essere disegnata meglio però..)
    ho anche le origini di Byrne (credo..è il primo volume delle "avventure di Superman" giusto?) ecco forse quella è meglio di entrambe, poche lungaggini e subito al punto. mi mancherebbe la storia di Johns..  :mmm:
    insomma, volume più che buono che ci regala un Superman con la S maiuscola!  :up:

    La pioggia è vita; la pioggia è la discesa del cielo sulla terra; senza la pioggia, non ci potrebbe essere vita. (John Updike)

    Sostieni DC Leaguers
    http://www.dcleaguers.it/forum/new-leaguers/aiuto-per-rinnovo-201920/

    Offline Lillo

    • Kryptoniani
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2162
    • “...Believe That!”
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #166 il: 20 Luglio 2014, 17:06:24 »
  • vero non ricordavo che qua Clark
    Spoiler: ShowHide
     fosse un vegetariano

    io personalmente non c'è lo vedo per niente ed infatti in più di un occasione si è visto di sfuggita fare il contrario.
    ci mancherebbe altro! è cresciuto in Kansas! :lolle:
    Spoiler: ShowHide
    secondo me davanti ad una bella bistecca di manzo con l'osso ben cotta non si tira indietro anzi,me lo sono sempre immaginato di ottima forchetta da buon americano del Midwest :lolle:

    Offline cybertroniano

    • ****
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2921
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #167 il: 31 Luglio 2014, 21:16:30 »
  • waid+yu+supes = compro  :sisi:
    il solo e unico modo per non godersi il presente è pensare al prossimo futuro

    Offline Rambo

    • Batman Inc.
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1938
    • Criminale da Forum/Bannato e Risorto
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #168 il: 05 Settembre 2014, 00:13:51 »
  • Queste sono le origini che preferisco in assoluto. Molto superiore come storia a mio dire di quella di Johns.
    La prima metà del volume non mi stava particolarmente facendo impazzire, ma quando inizia ad ingranare è tutto un crescendo meraviglioso. Epico.  :wub:
    "I bet your parents taught you that you mean something, that you're here for a reason. My parents taught me a different lesson, dying in the gutter for no reason at all... They taught me the world only makes sense if you force it to.'' - "I'll make you a promise: Martha won't die tonight"

    Offline Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 153992
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #169 il: 22 Ottobre 2014, 17:02:21 »


  • SUPERMAN: DIRITTO DI NASCITA N.2 di 2

    di Mark Waid, Leinil Yu
    Contiene: Superman Birthright 7-12
    16,8x25,6, B+al, 180 pp, col.
    € 15,95

    Si conclude la rivisitazione delle origini di Superman realizzata da Mark Waid (KINGDOM COME) e Leinil Yu nel 2003. Una rielaborazione moderna del mito fondante di tutto il fumetto supereroico americano! Un’opera imperdibile per ogni Super-fan!!!
    INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE



    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Online Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 19131
    • Sostieni DCLeaguers!
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #170 il: 10 Gennaio 2015, 15:25:59 »
  • Bellissima storia!
    Rambo me l'aveva consigliata, dicendomi che era valida, per cui avevo grandi aspettative, che non sono state ridimensionate dalla lettura.
    Waid fornisce le rocce a cui possiamo aggrapparci, ci offre tutti gli elementi che conosciamo e abbiamo imparato ad amare di Superman, ma non si limita a questo. Amplifica la melodia che abbiamo già ascoltato mille volte e la arricchisce, ne sviscera ogni nota. L'autore presenta un eroe e i suoi due mondi a tutto tondo, senza tralasciare nemmeno un particolare.
    Ho provato veramente, leggendo, le difficoltà di Kal ad essere Clark, mi ha quasi irritato l'eccessiva mitezza di Clark, ma è talmente ben scritta che non può non essere giustificata, compresa. Ero teso mentre Lex metteva a ferro e fuoco Metropolis, per screditare Superman: temevo davvero che il Nostro potesse non farcela. Non tanto a "sconfiggere" Lex, quanto piuttosto a conquistare la fiducia dell'umanità.
    Non amo molto Luthor, ma in questa storia, come in quella di Azzarello, l'ho apprezzato. Waid ci mostra la giovinezza della nemesi dell'Uomo d'acciaio, senza rallentare il ritmo, senza cadere nello stereotipo del cattivone che vuole conquistare la Terra. Lex è un genio, è un emarginato, è un uomo solo. Come Clark, come Kal.
    Ho letto con interesse tutta la prima parte, ambientata in Africa, credo sia stata pensata con intelligenza, ancorando all'attualità le origini del mito supermaniano.

    Non sono un grande estimatore di Yu, ma qui i suoi disegni, anche grazie ai colori stupendi, sono perfetti.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)

    Offline Rambo

    • Batman Inc.
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1938
    • Criminale da Forum/Bannato e Risorto
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #171 il: 10 Gennaio 2015, 15:50:01 »
  • Bellissima storia!
    Rambo me l'aveva consigliata, dicendomi che era valida, per cui avevo grandi aspettative, che non sono state ridimensionate dalla lettura.
    Waid fornisce le rocce a cui possiamo aggrapparci, ci offre tutti gli elementi che conosciamo e abbiamo imparato ad amare di Superman, ma non si limita a questo. Amplifica la melodia che abbiamo già ascoltato mille volte e la arricchisce, ne sviscera ogni nota. L'autore presenta un eroe e i suoi due mondi a tutto tondo, senza tralasciare nemmeno un particolare.
    Ho provato veramente, leggendo, le difficoltà di Kal ad essere Clark, mi ha quasi irritato l'eccessiva mitezza di Clark, ma è talmente ben scritta che non può non essere giustificata, compresa. Ero teso mentre Lex metteva a ferro e fuoco Metropolis, per screditare Superman: temevo davvero che il Nostro potesse non farcela. Non tanto a "sconfiggere" Lex, quanto piuttosto a conquistare la fiducia dell'umanità.
    Non amo molto Luthor, ma in questa storia, come in quella di Azzarello, l'ho apprezzato. Waid ci mostra la giovinezza della nemesi dell'Uomo d'acciaio, senza rallentare il ritmo, senza cadere nello stereotipo del cattivone che vuole conquistare la Terra. Lex è un genio, è un emarginato, è un uomo solo. Come Clark, come Kal.
    Ho letto con interesse tutta la prima parte, ambientata in Africa, credo sia stata pensata con intelligenza, ancorando all'attualità le origini del mito supermaniano.

    Non sono un grande estimatore di Yu, ma qui i suoi disegni, anche grazie ai colori stupendi, sono perfetti.


     :clap: Bel commento !
    Sono contento ti sia piaciuta !  :supes2:
    "I bet your parents taught you that you mean something, that you're here for a reason. My parents taught me a different lesson, dying in the gutter for no reason at all... They taught me the world only makes sense if you force it to.'' - "I'll make you a promise: Martha won't die tonight"

    Online Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 19131
    • Sostieni DCLeaguers!
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #172 il: 10 Gennaio 2015, 16:29:55 »
  • Bellissima storia!
    Rambo me l'aveva consigliata, dicendomi che era valida, per cui avevo grandi aspettative, che non sono state ridimensionate dalla lettura.
    Waid fornisce le rocce a cui possiamo aggrapparci, ci offre tutti gli elementi che conosciamo e abbiamo imparato ad amare di Superman, ma non si limita a questo. Amplifica la melodia che abbiamo già ascoltato mille volte e la arricchisce, ne sviscera ogni nota. L'autore presenta un eroe e i suoi due mondi a tutto tondo, senza tralasciare nemmeno un particolare.
    Ho provato veramente, leggendo, le difficoltà di Kal ad essere Clark, mi ha quasi irritato l'eccessiva mitezza di Clark, ma è talmente ben scritta che non può non essere giustificata, compresa. Ero teso mentre Lex metteva a ferro e fuoco Metropolis, per screditare Superman: temevo davvero che il Nostro potesse non farcela. Non tanto a "sconfiggere" Lex, quanto piuttosto a conquistare la fiducia dell'umanità.
    Non amo molto Luthor, ma in questa storia, come in quella di Azzarello, l'ho apprezzato. Waid ci mostra la giovinezza della nemesi dell'Uomo d'acciaio, senza rallentare il ritmo, senza cadere nello stereotipo del cattivone che vuole conquistare la Terra. Lex è un genio, è un emarginato, è un uomo solo. Come Clark, come Kal.
    Ho letto con interesse tutta la prima parte, ambientata in Africa, credo sia stata pensata con intelligenza, ancorando all'attualità le origini del mito supermaniano.

    Non sono un grande estimatore di Yu, ma qui i suoi disegni, anche grazie ai colori stupendi, sono perfetti.


     :clap: Bel commento !
    Sono contento ti sia piaciuta !  :supes2:

    Grazie Rambo  :hug: :supes2:
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)

    Offline Granamir

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1433
      • http://theartofgranamir.blogspot.it/
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #173 il: 11 Gennaio 2015, 10:55:11 »
  • Io ho il volume unico e spesso lo rileggo perchè è veramente una bellissima storia!

    Offline Spawn

    • X-Men
    • *
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 592
    • Give my mind back to me!
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #174 il: 13 Gennaio 2015, 14:21:08 »
  • Le migliori origini di Superman imho

    Offline Mancino

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1037
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #175 il: 15 Marzo 2016, 09:48:10 »
  • Non avevo letto mai niente di Superman e non sono un fan sfegatato del personaggio. In fiera ho trovato questo volume che volevo recuperare per avere qualcosa che parlasse di Kal El :) Mai scelta fu più azzeccata! Letto in poco tempo e veramente molto bello.  Di Waid avevo letto la run di Flash e poco altro, sta scalando la top 5 dei miei autori preferiti.  Il racconto e un ottimo punto di partenza per chi vuole avere un origine del personaggio e una storia classica che ripercorre la gioventù del super eroe, una sorta di anno uno, le origini :) Consigliato ! ( Fantastico Lex Luthor !).

    Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk


    Offline Arkham Knight

    • Justice League
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2773
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #176 il: 29 Marzo 2016, 01:12:20 »
  • Letto tutto oggi, inizio non entusiasmante poi prende ritmo e si stabilizza sul 7 come voto finale, ultime pagine quasi commuoventi e Lois in gran spolvero. Consigliato a chi vuole leggere le origini del personaggio.

    Online Hermit

    • Justice League
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5069
    • Hail to the king
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #177 il: 03 Aprile 2016, 11:28:03 »
  • Prima o poi devo recuperarlo questo

    Offline Dean McCoppin

    • Kryptoniani
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1616
    • Fortuna Favet Fortibus
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #178 il: 01 Giugno 2017, 15:06:06 »
  • Prima o poi devo recuperarlo questo

    Io l'ho ordinato ieri, dopo quasi 2 anni in wishlist :asd:
    Per Aspera Ad Astra


    Online Hermit

    • Justice League
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5069
    • Hail to the king
    Re:Superman: Diritto di Nascita (Birthright)
    « Risposta #179 il: 18 Giugno 2017, 11:54:28 »
  • Letto Birthright
    Davvero stupendo  :wub: Alla fine è una storia semplice che narra le origini di Superman e il suo primo incontro con i suoi "comprimari". Finale emozionante e disegni (per la maggior parte delle volte) spettacolari