Autore Topic: Batman Vol.5: Regole d'Ingaggio - di T. King  (Letto 9127 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline MadMack

  • ****
  • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
  • Post: 2565
Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
« Risposta #45 il: 07 Agosto 2018, 14:25:52 »
  • Si anche a me ha stupito il finale!! Bat rules!!

    Offline attitude

    • Batman Inc.
    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 364
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #46 il: 08 Agosto 2018, 09:00:04 »
  • Letti entrambi questi mini-arc di preparazione al matrimonio tra il pipistrello e la gatta.

    Spoiler  :
    Nel primo, The rules of engagement, ho trovato interessante ed anche in un certo senso necessario la scelta di includere Talia, e quindi Damian (come del resto gli altri membri principali della Bat-Family) nel post-proposta di matrimonio, considerando l'importanza che queste persone hanno nella vita di Bruce era un passo quasi obbligato, ed ero particolarmente interessato alla reazione di Talia...ma devo dire che ne sono rimasto un po' deluso, alla fine il tutto si è ridotto ad una banale approvazione della figlia del Demone per la nuova consorte del suo amato...meh.
    Per il resto però il livello di scrittura di King è sempre molto alto, ed in particolare mi piace il rapporto tra Dick e Damian.
    A seguire, Super Friends, una storia leggera e soprattutto dannatamente divertente! Si parte col primo capitolo in in cui viene sviscerato quello che Bruce pensa di Clark e viceversa, di certo  non una cosa nuova, ma con King a dirigere il tutto era chiaro che ne sarebbe uscito qualcosa di ottimo! è sempre molto bello vedere il rispetto e quasi direi la deferenza che c'è tra questi due personaggi, che l'uno al confronto con l'altro si sminuiscono, tanto è il rispetto che hanno dell'altro. Nel capitolo seguente c'è appunto l'appuntamento a quattro con i costumi scambiati, una di quelle idee che solo a sentirla ti si stampa un sorriso in fronte, sorriso poi confermato quando vedi Superman burbero e col "no" pronto, un Batman "minchione" con gli occhiali sopra il costume... :D
    Anche qui gran bel lavoro, mi piacciono questi numeri che non propongono grandi avanzamenti della trama o grandi crisi, ma che divertono e comunque servono ad esaminare maggiormente questi iconici personaggi.

    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 152837
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #47 il: 19 Agosto 2018, 05:41:06 »
  • Riletto in ITA Superamici

    Bellissimo, mi piace tutto tutto.
    Da come si stuzzicano, come se fossero ragazzini al rapporto tra Lois e Selina.
    Grande finale :batman:
    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori
    I promise you, Bruce.
    You were right to pick me.

    Offline Illmatic

    • **
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 568
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #48 il: 24 Agosto 2018, 00:33:14 »
  • Ho letto i due mini-arc.
    Sono senza dubbio due storie simpatiche, in particolare Super-amici
    Ma, ancora, in entrambe le storie, ci sono riflessioni e discorsi su Batman, la sua psicologia, il suo ruolo, ecc.
    Che ci starebbe anche, in storie che sono evidentemente di transizione ed incentrate sull'intimità dei personaggi, se non fosse che tutta la run di King è così! E' fin dal primo arc che si fanno questi discorsi, non ne posso più di pensose elucubrazioni su Batman!

    Il problema è che non voglio nemmeno mollare la run, perché comunque sono curioso di vedere dove vuole andare a parare con il matrimonio, ma in tutta onestà non posso dire che mi stia piacendo.
    Nonostante King sia un brillante sceneggiatore, alcuni dialoghi sono davvero belli, il secondo numero di Super-Amici è eccezionale, ma ci sono anche momenti in cui mi sentivo in imbarazzo per i personaggi, per le cose che dicono.
    Perché il secondo grande difetto della run batmaniana di King, è che i suoi personaggi sono innaturali.
    Spoiler  :
    I discorsi che Bruce e Clark fanno alle loro rispettive compagne, in merito a cosa pensano dell'altro.. solo a me sembrano forzatissimi? O Talia che approva il matrimonio? O Damian con le sue turbe, tra l'altro personaggio a cui King palesemente vuole dare meno spazio possibile

    Questi fanno sempre dialoghi profondi, magari conditi da qualche battuta, ma sempre poi a tornare a dire cose profonde, analisi psicologiche, e quant'altro.

    E però non posso mollare, la curiosità è tanta.

    Offline Amazo

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 422
    • Vai con le tele
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #49 il: 02 Settembre 2018, 16:57:08 »
  • Ho letto i due mini-arc.
    Sono senza dubbio due storie simpatiche, in particolare Super-amici
    Ma, ancora, in entrambe le storie, ci sono riflessioni e discorsi su Batman, la sua psicologia, il suo ruolo, ecc.
    Che ci starebbe anche, in storie che sono evidentemente di transizione ed incentrate sull'intimità dei personaggi, se non fosse che tutta la run di King è così! E' fin dal primo arc che si fanno questi discorsi, non ne posso più di pensose elucubrazioni su Batman!

    Il problema è che non voglio nemmeno mollare la run, perché comunque sono curioso di vedere dove vuole andare a parare con il matrimonio, ma in tutta onestà non posso dire che mi stia piacendo.
    Nonostante King sia un brillante sceneggiatore, alcuni dialoghi sono davvero belli, il secondo numero di Super-Amici è eccezionale, ma ci sono anche momenti in cui mi sentivo in imbarazzo per i personaggi, per le cose che dicono.
    Perché il secondo grande difetto della run batmaniana di King, è che i suoi personaggi sono innaturali.
    Spoiler  :
    I discorsi che Bruce e Clark fanno alle loro rispettive compagne, in merito a cosa pensano dell'altro.. solo a me sembrano forzatissimi? O Talia che approva il matrimonio? O Damian con le sue turbe, tra l'altro personaggio a cui King palesemente vuole dare meno spazio possibile

    Questi fanno sempre dialoghi profondi, magari conditi da qualche battuta, ma sempre poi a tornare a dire cose profonde, analisi psicologiche, e quant'altro.

    E però non posso mollare, la curiosità è tanta.
    Concordo pienamente con te. Alla fine della mini saga con Talia avevo scritto un commento simile, proprio in questo topic, ma sinceramente sei riuscito a esternare il mio pensiero meglio di quanto abbia fatto io.
    Condivido soprattutto quello che dici sulle "elucubrazioni": anche io trovo le storie di King su Bats troppo "auliche", eccessivamente riflessive su se stesse e sul protagonista. Però, allo stesso tempo, non si può dire siano storie brutte. Anzi! La regia della pagina, la qualità dei disegni... non mi sorprende che la serie sia candidata agli Eisner Awards. Però, però, però... qualche scazzottata ogni tanto non mi dispiacerebbe, eh. Per farti capire, secondo me la miglior saga finora è stata Io Sono Bane: non era esente da questo stile lirico che caratterizza questa run di King, ma allo stesso tempo si sviluppava una trama interessante con molti cliffhanger che culminava con un bello scontro fra Batman e Bane. Bello perché oltre a essere fisico, era uno scontro dialogico (Batman che faceva tutto quel discorso sul fatto che si rialza sempre). Non mi dispiacerebbe nemmeno qualche interazione col resto del cast, considerato che per l'80% Bats parla solo con Selina  :lol: . Ok che ci sono le serie Detective Comics, Nightwing, Batgirl, le due dei Titani... però i membri della Bat-Family non hanno mai giocato un ruolo centrale nelle trame. Qualche cameo, ogni tanto, peraltro in abiti civili (non ricordo di aver mai visto i Robin in costume in una storia di King). Comunque sì: King è bravo, probabilmente è un problema mio di percezione del personaggio. Però, ecco, forse di suo preferisco rileggermi il suo Visione o anche Mr Miracle (forse il fumetto più bello che abbia letto quest'anno). Ma la serie secondo me è da continuare.

    Offline Illmatic

    • **
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 568
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #50 il: 03 Settembre 2018, 19:18:38 »
  • Ho letto i due mini-arc.
    Sono senza dubbio due storie simpatiche, in particolare Super-amici
    Ma, ancora, in entrambe le storie, ci sono riflessioni e discorsi su Batman, la sua psicologia, il suo ruolo, ecc.
    Che ci starebbe anche, in storie che sono evidentemente di transizione ed incentrate sull'intimità dei personaggi, se non fosse che tutta la run di King è così! E' fin dal primo arc che si fanno questi discorsi, non ne posso più di pensose elucubrazioni su Batman!

    Il problema è che non voglio nemmeno mollare la run, perché comunque sono curioso di vedere dove vuole andare a parare con il matrimonio, ma in tutta onestà non posso dire che mi stia piacendo.
    Nonostante King sia un brillante sceneggiatore, alcuni dialoghi sono davvero belli, il secondo numero di Super-Amici è eccezionale, ma ci sono anche momenti in cui mi sentivo in imbarazzo per i personaggi, per le cose che dicono.
    Perché il secondo grande difetto della run batmaniana di King, è che i suoi personaggi sono innaturali.
    Spoiler  :
    I discorsi che Bruce e Clark fanno alle loro rispettive compagne, in merito a cosa pensano dell'altro.. solo a me sembrano forzatissimi? O Talia che approva il matrimonio? O Damian con le sue turbe, tra l'altro personaggio a cui King palesemente vuole dare meno spazio possibile

    Questi fanno sempre dialoghi profondi, magari conditi da qualche battuta, ma sempre poi a tornare a dire cose profonde, analisi psicologiche, e quant'altro.

    E però non posso mollare, la curiosità è tanta.
    Concordo pienamente con te. Alla fine della mini saga con Talia avevo scritto un commento simile, proprio in questo topic, ma sinceramente sei riuscito a esternare il mio pensiero meglio di quanto abbia fatto io.
    Condivido soprattutto quello che dici sulle "elucubrazioni": anche io trovo le storie di King su Bats troppo "auliche", eccessivamente riflessive su se stesse e sul protagonista. Però, allo stesso tempo, non si può dire siano storie brutte. Anzi! La regia della pagina, la qualità dei disegni... non mi sorprende che la serie sia candidata agli Eisner Awards. Però, però, però... qualche scazzottata ogni tanto non mi dispiacerebbe, eh. Per farti capire, secondo me la miglior saga finora è stata Io Sono Bane: non era esente da questo stile lirico che caratterizza questa run di King, ma allo stesso tempo si sviluppava una trama interessante con molti cliffhanger che culminava con un bello scontro fra Batman e Bane. Bello perché oltre a essere fisico, era uno scontro dialogico (Batman che faceva tutto quel discorso sul fatto che si rialza sempre). Non mi dispiacerebbe nemmeno qualche interazione col resto del cast, considerato che per l'80% Bats parla solo con Selina  :lol: . Ok che ci sono le serie Detective Comics, Nightwing, Batgirl, le due dei Titani... però i membri della Bat-Family non hanno mai giocato un ruolo centrale nelle trame. Qualche cameo, ogni tanto, peraltro in abiti civili (non ricordo di aver mai visto i Robin in costume in una storia di King). Comunque sì: King è bravo, probabilmente è un problema mio di percezione del personaggio. Però, ecco, forse di suo preferisco rileggermi il suo Visione o anche Mr Miracle (forse il fumetto più bello che abbia letto quest'anno). Ma la serie secondo me è da continuare.
    Le tre miniserie da 12 numeri di King che ho letto finora (Visione, Omega Men, Sheriff of Babylon), mi sono piaciute tantissimo, e sono sicuro che anche Mr. Miracle mi piacerà molto.
    Penso che sia un autore bravissimo, che non solo è capace di narrare come si deve, ma che ha anche "cose da dire".

    Ma su Batman... beh, mi lascia perplesso, per i motivi che ho detto prima. Finora, la storia che mi è piaciuta di più è quella dell'Enigmista e Joker, dove per un po' si libera da quella continua analisi su Batman.
    Ho l'impressione che King sia un po' schiacciato dal "peso" di un personaggio come Batman.
    Sullo scarso utilizzo degli altri personaggi dell'universo batmaniano sono d'accordo, anche se forse è meglio così. Damian è un personaggio che in teoria avrebbe dovuto apparire più spesso, in una serie come "intimista", in fondo è il figlio di Batman! Ma se lo deve scrivere a cavolo come ha fatto in questo arc, allora meglio lasciar perdere.
    Oppure, se deve sprecare in questo modo un villain dall'alto potenziale di figaggine come Talia, avrei preferito che l'avesse lasciata in pace  <_<

    Comunque è senza dubbio una serie da proseguire (anche se il sesto arc lo salto, visto che non credo abbia cose importanti), perché la curiosità su questo matrimonio è tanta. Immagino che qualcosa succederà!

    Online Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6674
    • Gotham City
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #51 il: 04 Settembre 2018, 14:40:44 »
  • Letto il #36 (USA)

    Bellissima questa prima parte di superamici.
    Bruce e Clark, così diversi, ma così simili.
    Entrambi hanno il timore di fare quella chiamata, entrambi credono che l'altro sia meglio di sè, in tutto questo due testardi e spinti dalle proprie partner a ragionare e a sbrigarsi a fare quella chiamata che in fondo entrambi vorrebbero rivecere :lol:

    Quando King fa questi capitoli su Batman, lo adoro troppo!
    Dopo il parallelismo con Bane, anche questo con Superman ci sta veramente a pennello, nonostante le maggiori ed evidenti diversità!

    Mann veramente buono, autore che migliora sempre di più, mi piace troppo come disegna i volti femminili.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline Ryo Narushima

    • ****
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2167
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #52 il: 04 Settembre 2018, 15:27:47 »
  • Letto il #36 (USA)

    Bellissima questa prima parte di superamici.
    Bruce e Clark, così diversi, ma così simili.
    Entrambi hanno il timore di fare quella chiamata, entrambi credono che l'altro sia meglio di sè, in tutto questo due testardi e spinti dalle proprie partner a ragionare e a sbrigarsi a fare quella chiamata che in fondo entrambi vorrebbero rivecere :lol:

    Quando King fa questi capitoli su Batman, lo adoro troppo!
    Dopo il parallelismo con Bane, anche questo con Superman ci sta veramente a pennello, nonostante le maggiori ed evidenti diversità!

    Mann veramente buono, autore che migliora sempre di più, mi piace troppo come disegna i volti femminili.

    A me nel complesso la sua run piace sopratutto per queste piccole chicche. Il prossimo capitolo nel suo essere atipico è spassoso. Il bello delle relazioni fisse è che porta proprio a questo tipo di svecchiamento del personaggio.
    ''Perchè così ho scelto''


    Online Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6674
    • Gotham City
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #53 il: 04 Settembre 2018, 20:59:40 »
  • Letto il #37 (USA)

    Secondo e ultimo capitolo di Superamici, meno d'effetto rispetto al primo, ma comunque molto divertente anche lui.
    Qui si gioca più sulle battute e il lato psicologico dei due personaggi viene visto più nel lato bizzarro, ed il tutto è molto simpatico.

    King è bravo a tratteggiare queste storie che sui supereroi ho sempre amato, perchè danno un bel rispero e relax tra una saga più supereroistica e l'altra e poi le partner sono sempre la grande marcia in più di ogni personaggio, spero che continuino a puntarci perchè è sempre una delle migliori caratteristiche per far risaltare al massimo i protagonisti che sotto la scorza da super, sono umani come noi.

    Spoiler  :
    NO.
    Voto all'arco narrativo 8.5


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline EMC2

    • Speed Force
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4953
    • I live to do the impossible!
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #54 il: 17 Settembre 2018, 16:08:26 »
  • E niente, a me King piace davvero un sacco, ed è simpatico invece vedere come quelli che per me sono pregi per gli altri utenti siano difetti, è proprio vero che il gusto è soggettivo :lol:
    A me queste riflessioni intimiste continue sulla figura di Batman piacciono moltissimo perchè sono sempre funzionali alla trama e alle azioni del personaggio, non le trovo mai prolisse e buttate lì senza un senso.
    Tutto il parallelismo tra Supes e Batman nel mini arc Superamici l'ho trovato davvero fantastico


    Whenever I entered the Speed Force, I knew that I still had an anchor to the real world.
    A love like a lightning rod. I could always find my way back to her ..
    find my way home ...
    so long as our bond wasn't broken


    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 17893
    • I have spoken
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #55 il: 13 Ottobre 2018, 17:59:00 »
  • Come al solito sono rimasto indietro!

    #34-35
    Con questi due capitoli prosegue e termina "Le regole del fidanzamento", breve arco narrativo in tre parti.
    La prima mi aveva lasciato un po' perplesso, ma i due numeri successivi mi sono piaciuti.
    King è stato bravo a gestire i dialoghi tra Damian e Dick, ma soprattutto a presentare Batman con due diversi punti di vista.
    Spoiler  :
    Bruce metterà sempre davanti a tutto e a tutti il suo giuramento. È un pazzo. Continua a dare retta al bimbo di 10 anni.
    Allo stesso tempo però lui salva tutti, tutti vengono prima di lui. Non è felice, perché per essere felici bisogna chiedere e lui non è abituato.

    Hanno funzionato meno i combattimenti: Batman viene subito sconfitto da Talia, mentre Selina ha la meglio... Bah.
    Ok, Bruce non voleva combattere e va ko, ma Selina come fa a vincere così facilmente? Soprattutto a fronte dei pipponi di Talia...
    Voto 7,5
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)
    I believe hopelessness is an aberration. But it is also a state of mind. Thankfully not shared by me. (Lando Calrissian)
    With all of you Legion people...names, powers, planets, alien races... But this--this is Christmas! (Jon Kent)


    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 17893
    • I have spoken
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #56 il: 13 Ottobre 2018, 18:31:13 »
  • #36-37
    Beh...ecco perché amo i supereroi. Leggo tantissimi altri fumetti, ma amo i supereroi. Continuo ad amarli. Continuo ad amare i fumetti dei supereroi.
    Li amo perché mi emozionano, perché mi fanno trovare quello che sono io, quello che mi piace, quello che detesto di me, quello che vorrei essere e quello che temo di essere.
    Ero Bruce che dice sempre "no", anche quando in realtà è "sì". Ora non sono diventato Clark che dice sempre che è tutto bellissimo. Un po' e un po'. Ma è giusto che loro siano così, mentre noi stiamo nel mezzo.
    Sono Bruce che vuole sfidare l'impossibile, ma ha paura di chiamare il suo migliore amico e si intestardisce. Sono Clark che si sente "sbagliato" anche quando si comporta bene. Sono come loro due che, mettendo da parte le differenze, si divertono e si confidano.
    Non sono un supereroe, ma sono un semplice uomo. Anche Bruce e Clark lo sono. I supereroi sono semplicemente uomini. Come noi.
    King l'ha capito, come tanti prima di lui e tanti dopo di lui. Quando gli autori scrivono queste storie mi ricordo perché da bambino mi sono innamorato degli eroi e a 26 anni ancora li leggo. Perché a volte con loro non mi serve la qualità delle storie...mi servono loro. Ed emozioni come quelle che mi ha regalato King con i due capitoli di "Superamici", come quelle che mi hanno regalato Johns, Miller, Millar, Morrison, ma anche Azzarello, Bendis, Rucka, persino un Venditti o un Bunn qualche volta, gli altri fumetti, magari qualitativamente più belli, più ricercati, più elaborati, non me le regalano.
    Voto 9
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)
    I believe hopelessness is an aberration. But it is also a state of mind. Thankfully not shared by me. (Lando Calrissian)
    With all of you Legion people...names, powers, planets, alien races... But this--this is Christmas! (Jon Kent)


    Online katzenberg

    • Avengers
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7348
    • Friendly Neighborhood
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #57 il: 13 Ottobre 2018, 21:57:34 »
  • #36-37
    Beh...ecco perché amo i supereroi. Leggo tantissimi altri fumetti, ma amo i supereroi. Continuo ad amarli. Continuo ad amare i fumetti dei supereroi.
    Li amo perché mi emozionano, perché mi fanno trovare quello che sono io, quello che mi piace, quello che detesto di me, quello che vorrei essere e quello che temo di essere.
    Ero Bruce che dice sempre "no", anche quando in realtà è "sì". Ora non sono diventato Clark che dice sempre che è tutto bellissimo. Un po' e un po'. Ma è giusto che loro siano così, mentre noi stiamo nel mezzo.
    Sono Bruce che vuole sfidare l'impossibile, ma ha paura di chiamare il suo migliore amico e si intestardisce. Sono Clark che si sente "sbagliato" anche quando si comporta bene. Sono come loro due che, mettendo da parte le differenze, si divertono e si confidano.
    Non sono un supereroe, ma sono un semplice uomo. Anche Bruce e Clark lo sono. I supereroi sono semplicemente uomini. Come noi.
    King l'ha capito, come tanti prima di lui e tanti dopo di lui. Quando gli autori scrivono queste storie mi ricordo perché da bambino mi sono innamorato degli eroi e a 26 anni ancora li leggo. Perché a volte con loro non mi serve la qualità delle storie...mi servono loro. Ed emozioni come quelle che mi ha regalato King con i due capitoli di "Superamici", come quelle che mi hanno regalato Johns, Miller, Millar, Morrison, ma anche Azzarello, Bendis, Rucka, persino un Venditti o un Bunn qualche volta, gli altri fumetti, magari qualitativamente più belli, più ricercati, più elaborati, non me le regalano.
    Voto 9

     :clap: :clap: :clap:

    Online Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6674
    • Gotham City
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #58 il: 14 Ottobre 2018, 00:50:10 »
  • #36-37
    Beh...ecco perché amo i supereroi. Leggo tantissimi altri fumetti, ma amo i supereroi. Continuo ad amarli. Continuo ad amare i fumetti dei supereroi.
    Li amo perché mi emozionano, perché mi fanno trovare quello che sono io, quello che mi piace, quello che detesto di me, quello che vorrei essere e quello che temo di essere.
    Ero Bruce che dice sempre "no", anche quando in realtà è "sì". Ora non sono diventato Clark che dice sempre che è tutto bellissimo. Un po' e un po'. Ma è giusto che loro siano così, mentre noi stiamo nel mezzo.
    Sono Bruce che vuole sfidare l'impossibile, ma ha paura di chiamare il suo migliore amico e si intestardisce. Sono Clark che si sente "sbagliato" anche quando si comporta bene. Sono come loro due che, mettendo da parte le differenze, si divertono e si confidano.
    Non sono un supereroe, ma sono un semplice uomo. Anche Bruce e Clark lo sono. I supereroi sono semplicemente uomini. Come noi.
    King l'ha capito, come tanti prima di lui e tanti dopo di lui. Quando gli autori scrivono queste storie mi ricordo perché da bambino mi sono innamorato degli eroi e a 26 anni ancora li leggo. Perché a volte con loro non mi serve la qualità delle storie...mi servono loro. Ed emozioni come quelle che mi ha regalato King con i due capitoli di "Superamici", come quelle che mi hanno regalato Johns, Miller, Millar, Morrison, ma anche Azzarello, Bendis, Rucka, persino un Venditti o un Bunn qualche volta, gli altri fumetti, magari qualitativamente più belli, più ricercati, più elaborati, non me le regalano.
    Voto 9

    Concordo troppo tanto, i supereroi voglio o no, sono quelli che mi hanno sempre dato più emozioni, pure di tantissimi fumetti più blasonati.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 152837
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re:Batman Vol.5: Le Regole del Fidanzamento - di T. King
    « Risposta #59 il: 14 Ottobre 2018, 00:51:55 »
  • Grande Arkin :up:
    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori
    I promise you, Bruce.
    You were right to pick me.