Autore Topic: Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.  (Letto 1569 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Cosmonauta

  • Batman Inc.
  • *
  • Concubina di Geoff Johns
  • Post: 7001
  • Gotham City
Re:Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.
« Risposta #45 il: 01 Marzo 2021, 20:26:18 »
  • Si è bellissimo, io me lo sono rivisto più volte :asd: tra l'altro c'è questo e anche un altro sempre dei supereroi.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline Scarecrow

    • Arkham Asylum
    • *
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 816
    • Knick knack paddy whack, give a dog a bone.
      • Jacopinik
    Re:Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.
    « Risposta #46 il: 18 Marzo 2021, 08:31:05 »
  • Io mi sa che questa edizione la salto; ho il primo volume della Batman Chronicles della Lion e nonostante le storie mi piacquero, vedo che dovrei per forza prendermi il primo volume, trovandomi così doppie le prime storie :cry:
    Vecchio nick: Crow

    Online Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7001
    • Gotham City
    Re:Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.
    « Risposta #47 il: 14 Aprile 2021, 14:30:05 »
  • BATMAN CLASSIC #1 - GOLDEN AGE
    Di Bill Finger & Bob Kane

    Maggio 1939 è la data d'uscita di Detective Comics #27, la nascita di un mito, la nascita di BATMAN.

    Nel 1939 alla National Allied Publications, che in futuro diventerà DC Comics, era tempo di grande fibrillazione dopo la nascita di Superman dell'anno precedente. A Bob Kane e Bill Finger venne dato il difficile compito di creare un nuovo supereroe che potesse riscuotere un notevole successo, fu così che nacque Batman, uno degli eroi simbolo della gloriosa Golden Age.

    Pensato inizialmente da Kane come un uomo dai capelli chiari con due ali di pipistrello e una maglia rossa, Finger ne rimodellò l'aspetto, cambiando sia il colore dei capelli, sia il costume, aggiungendo un mantello e un cappuccio con due orecchie come quelle di un pipistrello, con colori nero e grigio in modo da ricordare la notte.
    Nei primi numeri l'aspetto del costume cambiava ad ogni numero, arrivando all'aspetto più canonico in Detective Comics #31 (da qui in avanti DetCom) del Settembre del 1939, numero che vedrà anche l'esordio della primissima fidanzata di Bruce Wayne, ovvero Julie Madison.

    Sul finire degli anni '30 negli Stati Uniti, vi fu un accrescimento della criminalità organizzata nelle grandi metropoli, che sarà la fonte d'ispirazione per le origini di Batman, partendo da New York City e non da Gotham City come si pensa spesso.
    Proprio per questo motivo, in moltissime avventure, i nemici saranno semplici gangster e criminali di strada. Per vedere il primo nemico storico bisognerà aspettare DetCom #36 con la presenza di Hugo Strange.

    Con una serie ormai ben avviata e che riscuoteva consensi del pubblico, bisognava aggiungere qualcosa che rendesse la serie meno cupa e tetra, maggiormente adatta ad un pubblico di ragazzini. Fu così che, dopo solo un anno su DetCom #38, nacque Robin, ovvero Dick Grayson, il ragazzo meraviglia, più solare e meno ombroso di Bruce, che diventerà presenza fissa e spalla di Bruce nella lotta al crimine. Entrambi condivideranno la tragedia della perdita dei propri genitori a causa di loschi criminali, ed è per questo che Robin sarà il secondo alleato di Batman, oltre a Jim Gordon apparso nel primo volume.

    Nella primavera del 1940 uscì Batman #1, testata personale del crociato incappucciato con l'esordio del Joker, un numero fondamentale e seminale per il personaggio, una storia che a distanza di 80 anni rimane ancora un gioiello di perfezione nella stesura e costruzione.
    Nello stesso numero troviamo anche l'entrata in scena della bellissima e sfuggente Selina Kyle, alias Catwoman, sprovvista per ora del suo abito caratteristico, ma in grado di far sobbalzare il cuore di Bruce.
    Proseguendo verso fine volume, nel #40 di DetCom c'è spazio anche per l'introduzione di Basil Karlo, il primo e più iconico Clayface, anche se non ancora trasformato nel mostro d'argilla che conosciamo oggi.

    Finger e Kane scrivono e disegnano le basi del fenomeno Batman, ancora attuale e alla ribalta al giorno d'oggi nella cultura pop, segnando quindi uno dei personaggi di fantasia più famosi e apprezzati della storia.
    Le storie nonostante l'età e in piccola parte all'ingenuità del periodo, risultato apprezzabili anche oggi grazie alla loro breve durata. Si tratta infatti, spesso e volentieri, di storie intorno alle 10 pagine che risultano di facile fruizione e con un tratto che è fedele alla sua epoca, ovvero quella gloriosa e indimenticabile Golden Age che ha dato i natali ad alcuni dei supereroi più importanti.

    Prima di chiudere ci tengo anche a fare una precisazione. Spesso si usa dire che il personaggio di Batman ai suoi esordi era solito uccidere i criminali, ed è vero ma solo in parte, poichè eccetto un'unico caso, le morti non sono mai volute, ma accidentali o figlie di scontri tra il protagonista ed i criminali.

    Consigliato? Se siete dei fan di Batman dovreste già conoscere questa risposta. Qui troviamo, oltre ad un ordine cronologico d'uscita delle storie, tutto quello che ha creato e definito il mito del personaggio, con alcune storie come la prima apparizione del Joker che ancora oggi come già detto non sentono affatto il peso degli anni. Il volume è consigliato anche a chi vuole conoscere i primi passi di un'icona pop.

    "Giuro sulle anime dei miei genitori che vendicherò la loro morte dedicando la mia vita a combattere il crimine."


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline Penny-uno

    • Batman Inc.
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1180
    Re:Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.
    « Risposta #48 il: 14 Aprile 2021, 19:14:47 »
  • Grande Cosmo! Bellissimo approfondimento.  :clap:

    Non sapevo la genesi del costume, che quindi è un'idea principalmente di Finger...

    Peccato che già dopo un anno abbiano voluto alleggerire l'atmosfera con l'introduzione di Robin, perchè a me non dispiaceva affatto l'oscurità dei primi numeri.

    Online Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7001
    • Gotham City
    Re:Batman (DC Classic) di Bob Kane, Bill Finger & AA.VV.
    « Risposta #49 il: 14 Aprile 2021, 20:13:10 »
  • Grande Cosmo! Bellissimo approfondimento.  :clap:

    Non sapevo la genesi del costume, che quindi è un'idea principalmente di Finger...

    Peccato che già dopo un anno abbiano voluto alleggerire l'atmosfera con l'introduzione di Robin, perchè a me non dispiaceva affatto l'oscurità dei primi numeri.

    Ti ringrazio :hug:

    Anche a me non dispiaceva, però forse per i tempi e per l'obiettivo delgi editori, c'erano troppi morti e tutto poteva risultare meno interessante per i bambini dell'epoca.
    Robin non rende tutto troppo leggero, però diciamo che lui è più solare come personaggio.

    Il costume all'inizio cambia tanto:

    DetCom #27 - Mantello ad ali di pipistrello, guanti viola e cornino del cappuccio molto larghi
    DetCom #28 - Niente guanti
    DetCom #29 - Guanti blu
    DetCom #31 - Guanti lunghi e cappuccio più moderno
    DetCom #36 - Guanti lunghi coi famosi aculei e quindi un design più definitivo che durerà nei numeri a seguire.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!