INTERVISTA AD ALAN GRANT!

Scritto da Elena Pizzi il 28 agosto 2011 in Batman e Fumetti DC Comics e Interviste con un commento

La Planeta DeAgostini sta pubblicando da qualche mese raccolte dedicate ad un dinamico duo fra i più inossidabili della storia Batmaniana, Alan Grant e Norm Breyfogle, grazie a due collane che stanno catturando l’attenzione degli appassionati:


Il grande ALAN GRANT ha rilasciato al nostro sito un’intervista straordinaria in cui parla di Batman, DC e fumetti fra presente, passato e futuro. Leggetela con noi!

 (Dopo la versione originale potete trovare quella tradotta in italiano – NdA)

 

1) Do you see any difference between the contemporary popolular writers/artists and the old ones? Some of them now are considered real stars: could this create exaggerations, moving readers’ attetion away from stories and charaters? Sometimes it’s difficult to talk about the real features of a story, because people’s interest seems focused only on the authors.

Yes, that’s kind of strange. I think of it in terms of comic circulations – how many copies do they sell? Back in the late 1980s Detective Comics was selling 75,000 copies per month. After the release of the first Tim Burton movie, sales shot up to 650,00 a month – which ensured that my work on Batman was exposed to a massive audience. When I was promoted to Batman Monthly, it was selling almost a million copies a month, and when Norm and I were given our own comic, Shadow of the Bat, the first issue sold 750,000 copies.

I believe that Batman now sells only around 50,000 copies a month. I realise that sales have fallen because of the InterNet, the growing popularity of computer games and the number of comic-related movies available. But the focus should NEVER be on the writers and artists – it should ALWAYS be on the stories and characters.

Strangely enough, DC have never seen fit to release any of my and Norm’s Batman stories in collected editions in the USA and Britain, although I believe the collections are very popular in Europe.

Go figure! (as they say in America.)

2) You created a lot of villains in your Batman’s amazingstories. Is there a “bad guy” you love the most? Did you get the inspiration from something/somebody in particular to create them?

I guess my favourite villain is the very first one created by John Wagner and myself, in the very first issue of Detective Comics that we wrote – The Ventriloquist and his dummy, Scarface. John and I originally created Ventriloquist and Scarface to use in a 2000AD story we were writing at the time, “The Mean Arena” (if memory serves). However, we decided not to use the characters in that particular story because they didn’t really seem to fit, and they stayed in our “Ideas” file for a while afterwards. It was only when we were asked to write Batman by Senior Editor Denny O’Neil that we realised they made perfect villains for Gotham City – the mild-mannered Ventriloquist and his violently insane dummy. It was a good choice, because 20 years later Scarface and the Ventriloquist are still popular. Both John and I had been fans of ventriloquist acts, which were popular on British TV when we were younger. There was no particular act which inspired us, because all of the ones on TV usually featured polite, though humorous, dummies. We wanted to see a dummy which was really psychotically evil, which is why we decided to have him carved from the wood of Gotham Gallows Tree, on which – again if memory serves – something like 113 men had been hung by the neck until dead.

(I’d also like to give an honourable mention to the villain known as Cormelius Stirk, a.k.a. The Fear, because I thought Norm Breyfogle’s artwork really brought that character to life. When I read over the first Stirk story now, there seems to be something almost poetic about it.)
One of my own personal favourite stories was “The Nobody” in Shadow of the Bat 13, which explained why Batman does what he does. It doesn’t feature any supervillains, it’s just a simple little tale about a real character who, before he dies, wants to know why Batman does what he does.

3) Are there other characters you created that you love beside the villains?

We-ell…I don’t know if I should admit this, but I was never really a  Robin fan. I much preferrred to see Batman fighting crime on his own, and I never really believed that he’d have a teenage sidekick. However, a while after Dick Grayson left to become Nightwing, and the second Robin had been killed off in DC’s infamous Phone-In poll, Denny O’Neil  insisted that we revive the character – he said that Robin was a necessary part of the Batman mythos and popular with many, many readers. I objected at first, but Denny’s word was Law when it came to Batman -  and quite rightly, too, as Denny was the best editor I ever worked for.  We introduced Tim Drake slowly, and built up his character before he  was ever allowed to don the Robin costume, and by the time he finally  appeared in the new costume (designed by Norm) I have to confess that  I’d become very fond of him. Of course, I can’t claim to have created  Tim Drake – Marv Wolfman did that. But Marv had left by the time he  first appeared as Robin, so I think I can fairly claim credit as  co-creator.

I also liked Harold, the misshapen weapons master who appeared in our stories for a while. But I can’t claim to have created him, either Denny O’Neil had introduced him in a previous story.
But my very favourite character – and I say this quite immodestly – has to be Anarky. Anarky was only a 15-year-old kid, but he knew who the real villains of this world are, and he set out to try to bring them down. I believe DC have used Anarky in several other stories over the years, but I’ve never been able to bring myself to read these stories,  because Anarky was so personal to Norm and myself that I find it hard to believe anyone else could handle him in the same way. He was  immensely popular in Mexico, Argentina and other South American countries, where the people had direct and recent experience of living under military dictatorships. That was also why they liked my take on  Batman – a hero who fought for justice for “the little man”, whose  voice is silenced by the violence of the rulers, and never heard.  Anarky simply has to be my all-time favourite Batman character…and I  think Norm’s as well.

I had originally hoped, when I wrote the first Anarky story, that Anarky would eventually end up as the new Robin. But, unknown to me,  Denny was already working in secret with Marv Wolfman to create Tim Drake. When Norm and I stopped working on Batman, we tried to buy back the rights to Anarky, we loved him that much. But the DC Vice-President to  whom we pitched this idea just laughed and said “That’s not the way we do things at DC.”

4) In the Italian introduction of the first “Shadow of the Bat” volume we read that because of coinciding publishing overlappings you didn’t write Batman #500 at the time. Did that disappoint you?

Yes, it did disappoint me at the time. But the truth was, I was working on the first issues of Shadow of the Bat – a comic which was specifically created for Norm and myself, an incredible honour (although Norm left soon after the first issues were released, as he’d been offered a better deal by another comics company). Norm’s departure disappointed me much more than not writing Batman 500! I thought that Norm and I made a near-perfect team for handling Batman – we became firm friends from our very first meeting at the San Diego Convention way back in 1991 (I think) and it was almost as if we could read each other’s minds.

Our friendship has lasted right up to the present day – we still keep in semi-regular contact – and it was a dream come true for me when we were asked to work together again on the Batman RetroActive series. 

5) Do you still read Batman’s contemporary stories? Do you like them? What do you think about them thematically and stylistically? 

I don’t read them regularly, although I have read some issues here and there over the years. They’re a different take on Batman from the one Norm and I popularised. We much preferred to involve Batman in what you might call real-life stories, where he had to interact with real Gotham people, and where the emotional content had as much to do with those “real” people as with fighting super-villains. To be honest, I don’t much care for superheroes or super-villains, although I was a big fan when I was a teenager. I liked to think of Batman as the kind of hero any one of us could have become – if our parents had been murdered before our eyes and we devoted our entire lives to helping save other innocents from the same fate!

For that reason, I don’t like to see Batman when he’s used, for instance, in the Justice League – even though the JLA would be unthinkable without him – or even in Superman tales. I always preferred to see Batman working on his own, the true Dark Knight of Gotham City.

(By the way, that was one thing about the Batman movies which I truly hated – the way they pumped up the costume to make him look muscular and strong. For me, Batman was always a creature of the night, a wraith who appeared and disappeared in almost supernatural fashion – even though he was firmly grounded in reality. That was one of the great strengths of Norm Breyfogle’s artwork, that the Batman he drew was precisely the Batman I envisaged.)

6) Grant Morrison and Geoff Johns are DC’s present demiurges. What do you think about their work?

I’ve never read anything by Geoff Johns. Grant Morrison is one of the cleverest writers I know. I make a point of never criticising other writers, because we all have a different take on every character…but I much preferred the version of Batman that I used to write!

7) “Silver Age heroes in a darker world”: this expression can be the synthesis of DC Comics reflection on heroism that has been carried on since Infinite Crisis. Do you agree? Do you think that icons as Wonder Woman, Superman, Batman, Barry Allen, Aquaman and Hal Jordan can still be relevant nowadays in a moment of global fear and economical crisis?

To be honest, I don’t think that they are as relevant nowadays. That  doesn’t mean that they couldn’t be, but the few times I’ve read their comics in recent years, I always found myself wondering: why are they fighting alien assassins and villains who want to take over or destroy the world, when they could be fighting against famine in Africa, the New World Order or corruption in politicians? It’s almost as if the DC Universe has been completely severed from the  world of real-life; not that there’s anything wrong with this, everybody – including me – loves escapist entertainment. It’s just that  I, personally, would have handled all of these characters very differently.

8) Batman is one of the most popluar characters ever: which are the features that make him interesting and fascinating from your point of view? Where did you get the inspiration to write him for so long? You really wrote years and years of stories about him.

I think I wrote him on a regular monthly basis for 13 years, plus all of the one-shot specials and annuals. I was inspired to continue writing him for so long for the very reason that I was inspired to  write that first story for Detective Comics. Batman is a real man, not a superhero; he didn’t need to be bitten by a radioactive spider,he didn’t need to be bathed in cosmic rays or have a mixture of chemicals splashed all over him, he didn’t need an alien to give him a magical green battery. He became a hero through sheer will-power, through the determination that the trauma and grief which Bruce Wayne experienced as a child was something he could save other people from going through.

Added to that was Batman’s ability to wear the night itself as a cloak, to weave his way in and out of stories like a ghost so the villains he fought against never knew if he was real or not. In an ideal world, any or all of us could become Batman. To my mind, that’s what makes him the greatest of all the heroes, for now and forever.

9) Your plots at the time were so dense, full of characters and ideas, and they allowed to gifted new artits (Tim Sale for example) to show their talent. Do you think it’s still possible to experiment so much in a mainstream series?

As a child, I started reading Batman, Superman, Flash, Wonder Woman comics when I was 4 years old. I read them until I was 11, when Stan Lee brought out the new Marvel Comics line. These Marvel heroes were refreshing not only because they introduced new characters, but those new characters were often set in the real world – SpiderMan in New York City, for instance.

At the same time, I’d been a keen reader of British comics. At that time, few UK comics featured superheroes – their heroes were almost always set in real-life situations – sports stars, soldiers, rebels against authority – where real people and real emotions were an important part of every story. I think it was the combination of those British real-life stories with my memories of American superheroics which made my run on Batman so popular.

I don’t read many comics nowadays, so I’m not really in a position to say if such experimentation would still be possible in a mainstream series. I’d like to think it is…but I honestly don’t know.

10) Your Batman stories really dealt with burning topics such as abuses, drugs, terrorism. Nowadays Batman an DC’s stories in general are more oriented on deep reflections about heroism and its relationship with contemporary world. Do you think it’s still possibile to use that kind of approach? Could (mainstream) comics still be a privileged tool to develop important social and political themes?

Yes, mainstream comics could still be a tool for developing social and political themes…in fact, they should be such a tool! But it all depends on the writers and the editors – and if they’d rather handle  reflections on heroism in the contemporary world, then that is their privilege. It’s just not my way of doing things.

In fact, when I was asked to write characters like The Demon Etrigan and Lobo, the only way I felt that I could do it was to play them up for as much comedy as I possibly could. I could never write a “serious” Lobo story, although I must say that Etrigan was a different matter. He could be used for a serious focus on what evil is, and what makes some people inclined towards evil rather than good.

One of my favourite Batman stories, of which I’m still proud, was the 3-part story “Tulpa” which began in Detective Comics *601. In the final part of the series, Batman is forced to battle against Etrigan, despite knowing that the fight can only end one way…in Batman’s own death. But Etrigan changes his mind and makes a little speech to Batman: “I like you, man. I like your style. I wonder what force stirs your bile. Eh? What dark demon drives you on, to fight when even hope is gone? Cheer up. It’s over. Go your own way – free. Because there’s something deep inside you, man, that’s very much like me!”

For me, that’s what sums up Batman’s heroism. “To fight when even hope is gone.”

11) You wrote Batman for a long time, but you didn’t use the Joker too much, even if the fans still remember the amazing story “The King of  Comedy” started in Shadow of the Bat #37. What do you think about Batman’s most famous nemesis?

I never liked the Joker that much, even when I was a child. The stories in which he featured always seemed to play up his madness to the extent that there was no other element to his personality. But I had a slight epiphany – if that’s not too pretentious a word – when I met Jerry Robertson, the Joker’s creator, at a convention. We spent many hours talking together, and I came to realise that The Joker was really the modern-day reincarnation of the ancient hero/villain The Trickster.

Almost every culture on Earth has a Trickster character in their religions…he really is world-wide, and that is what makes him such a popular character. His psychotic madness is only one side of the coin, though. The other side, which is rarely if ever seen in the comic stories, is that he is the helper of Mankind.

12) You are working with Norm Breyfogle on “DC Retroactive” initiative. How do you feel? Was it nice/particular to work with your historical artistic partner after so many years? What do you think about the project?

I feel fantastic! I said before – Norm and I hit it off right from the start. His art expressed my writing so perfectly. So to be asked to work with him again, on the character we both love more than any other, put me on a real high. I’d say my story is perhaps a little rusty - it’s 11 years since I last wrote a Batman tale – but Norm’s artwork has only matured and become even more awesome during that time.

I thought the RetroActive Project was a great idea – a chance for readers to see how differently Batman has been handled over the decades.

Norm and I both enjoyed working on RetroActive so much that we asked DC if there was any other Batman material that we could work on together. Sadly, the answer seems to be “no”.

13) It’s impossibile not to ask you any comment about this: what do you think about the september massive DC relaunch? Is there aseries you would like to write among the new 52s?

Well, I don’t know much about it, really. However, as I understand it, the relaunch involves renumbering the issues of all their comics so they start again as Number 1. Part of me thinks this is just a cynical method of making money, getting fans to buy more copies – Issue *1s are always much more valuable than any subsequent issues. I also think it’s unfair to those faithful fans who’ve been collecting for many years, and who will now never see Detective Comics reach Issue 1,000 for instance.

However, to be more generous to DC, it’s perhaps also a way to get new fans, possibly younger readers, to start buying comics again, unencumbered by the 50 or 60 years of continuity which went before. The one comic I’d have liked to work on would have been The Brave and the Bold, because I think Norm and I could have brought our own distinctive vision to that book. However, a senior editor told me that because of the popularity of the Brave and Bold TV cartoon series, the comic was already being handled by someone else.

(I hadn’t seen the Brave and Bold cartoon series at that time, but I made a point of watching it with my grandchildren a few weeks ago – they’re aged between 5 and 12. The 5 and 7 year old both thought it was “okay”, but the 10 and 12 year olds were very vocal in condemning it as ”rubbish.” I tend to agree with the older ones!)

14) Could you tell us something about you future plans?

I’ve never been a great one for planning my future. I assume that what is meant for me will come to me.

I’ve always loathed the idea of writing historical drama, but I was approached a couple of years ago by the Canadian outfit Renegade Arts Entertainment and asked to write a graphic novel about the 1812 war between Canada and America. I was reluctant…until I started work on the project, when I became fascinated and excited. I’ve written a 100-page graphic novel based on the life of one Canadian family whose life on the Niagara Peninsula is totally disrupted by the war; I was so immersed in it, I even found myself crying when the cruelties of war impinged on them! So I’ve written a children’s novel based on the same story, and I believe the company is now having it written up as an animation project.

After 30 years, I’m still writing the adventures of “Anderson, Psi” for 2000AD, the Britsh science-fiction weekly comic. (She’s acontemporary of Judge Dredd, but being psionic she’s a much more likeable character than Dredd is.) As far as I know, she’s the only character in mainstream comics who has aged in real time – she’s over 50 years old now, and I’ve used my own process of growing older as the basis for everything that’s happened to her. I don’t know if Judge Anderson is known in Italy, but I’d say it’s worthwhile for anyone who liked my Batman work to seek out her adventures. They’re all available in collected editions from Rebellion Inc. Many great artists have worked on the series, but my long-time collaborator Arthur Ranson (recently retired through illness) had precisely the same relationship with me as Norm Breyfogle. It’s almost as if we could read other’s minds – and his work is totally non superhero in style, indeed it’s much more European in its influences and styles.

I’m going to be doing a new comic series for Renegade soon, but it’s still a closely-kept secret in case anyone steals the idea! The same with a novel I’ve been writing on and off – it’s a combination of real life in Scotland with some over the top comic-style characters.

I’ve never been a big movie fan – I tend to like 1940s black and white movies, starring actors like Humphrey Bogart, as well as the comedies of The Marx Brothers, Laurel and Hardy and The 3 Stooges (I always used to view Lobo as a “hardcore 3 Stooges comic”). But I’ve written a script for a German animation studio which features a combination of the real world and funny animals. The project was delayed indefinitely because of the banking crisis – our funding was withdrawn at the last moment – but if the economic situation improves, I hope to see it produced.

15) Would you like to say something to the fans who are approaching  you and Breyfogle’s stories for the first time, thanks to this new edition, and/or to your Italian readers in general?

I hope you enjoy the story, which is called “One Night In The Rest Of My Life.” Like my very first Batman story, it features the Ventriloquist and Scarface as the villains – but it is also a combination of real life and the supernatural. I’m very happy with it.

Although my wife has been to Italy several times, she only took me with her once – on a cruise from Venice. Unfortunately, I got food poisoning – not in Italy, but at Heathrow Airport on the flight out to join the cruise ship – so I spent most of the cruise in the toilet, or lying in bed groaning!

I live in a very small Scottish village – population about 800 – but we have a fantastic Italian restaurant. I love Italian food – and not just pizza!

 

Per finire, ecco per voi l’intervista tradotta in italiano:

1) Noti qualche differenza fra gli artisti/scrittori di ieri e quelli oggi? Alcuni di loro sono considerati delle vere star: questo può distrarre dalle storie e dai personaggi? A volte è difficile soffermarsi sulle reali caratteristiche di una storia, dato che tutta l’attenzione è concentrata sugli autori.

Sì, è strano. Se penso alla circolazione dei fumetti, quante copie vendono?  Sul finire degli anni ’80 Detective Comics vendeva 75000 copie, dopo l’uscita del primo film di Burton passò a 650000 al mese, e ciò assicurò una grandissima visibilità al mio lavoro su Batman. Quando fui “promosso” ad un lavoro mensile sulle sue serie, e quando a me e Norm fu dato il nostro fumetto, Shadow of the Bat, il primo numero vendette 750000 copie.

Credo che al momento ne venda solamente 50000 al mese. Penso che le vendite siano crollate a causa di Internet, della popolarità crescente dei videogiochi a causa del numero di film dedicati ai fumetti disponibili. Ma l’attenzione non deve MAI essere puntata sull’artista, dovrebbe sempre essere concentrata su storie e personaggi. 

E’ strano che la DC non abbia mai sentito la necessità di pubblicare in volume nessuna delle storie mie e di Brayfogle, anche se credo che queste raccolte siano molto popolari in Europa. Vallo a capire!

2) Hai creato tantissimi “villain” nelle tue storie di Batman: ce nè qualcuno a cui sei più affezionato? Ti sei ispirato a qualcosa/qualcuno in particolare per crearlo?

Penso che il mio preferito sia il primo vero cattivo che ho creato insieme a John Wagner, nel primissimo numero di Detective Comics scritto con lui: Il Vetriloquo e il suo manichino, SCARFACE. Lo creammo originariamente per una storia da utilizzare in 2000AD (la celebre rivista specializzata Britannica, ndt) che stavamo scrivendo all’epoca, “The Mean Arena” , se la  memoria non mi inganna.  Comunque decidemmo di non usarlo in quella particolare storia poiché non sembravano andare bene per essa, così rimasero solo un’idea in quel momento. 
Solo quando ci fu chiesto di scrivere Batman dal Senior Editor Denny O’Neil campimmo che sarebbero stati criminali perfetti per Gotham City: il mite Ventriloquo e la sua controparte follemente violenta. Fu una buona scelta, dato che 20 anni dopo Scarface e il Ventriloquo sono ancora popolari. Sia io che John eravamo fan di questo tipo di spettacoli, popolari sulla tv britannica quando eravamo più giovani. Nessuno di questi ci ha ispirato in maniera particolare, dato che tutti avevano per protagonisti pupazzi gentili ma divertenti. Volevamo vederne uno che fosse davvero psicotico e malvagio, ecco perché abbiamo deciso di far risalire la sua origine al legno del Gotham Gallows Tree, al quale furono appesi 113 uomini per il collo fino alla morte. 

(Vorrei concedere una menzione onorevole anche a Cornelius Stirk, conosciuto come “Paura”, dato che penso che il lavoro alla parte artistica di Norm Breyfogle l’abbia davvero portato in vita. Quando leggo la sua prima storia  mi sembra ci sia davvero qualcosa di molto poetico in quelle pagine.) 

Una delle mie storie preferite è “The Nobody” in Shadow of the Bat #13, in cui si spiega il motivo per cui Batman fa quello che fa. Non ci sono supercattivi, è solo un semplice breve racconto riguardante un personaggio reale che, in punto di morte, vuole scoprire il motivo della sua missione.

3) Ci sono altri personaggi creati da te che ami, oltre i cattivi? 

Beh, non so se posso dirlo, ma non sono mai stato un fan di Robin. Mi piaceva di più vedere Batman combattere il crimine da solo, e non ho mai creduto che avrebbe scelto un teenager come sidekick. Comunque, dopo che Dick Grayson divenne Nightwing e il secondo Robin fu ucciso in quel famigerato sondaggio telefonico, Denny O’Neil insistette affinchè ridessimo vita al personaggio, dicendo che era una parte essenziale del mito di Batman, popolare per un sacco di lettori. Obiettai all’inizio, ma la parola di Denny era legge – piuttosto giustamente – quando si trattava di Batman, anche perché si tratta dell’editor più in gamba per il quale abbia mai lavorato. 
Introducemmo Tim Drake lentamente, costruendo il personaggio prima che gli fosse consentito di indossare il costume di Robin, e quando finalmente ciò accadde (il design fu proprio di Norm) devo confessare che ne sono diventato molto orgoglioso. Certo non posso rivendicarne la creazione, quello è merito di Marv Wolfman, ma Marv l’aveva già abbandonato quando comparve come Robin, quindi penso di potermi giustamente definire come suo co-creatore. 

Mi piace anche Harold, il maestro d’armi deforme che apparve nelle nostre storie per un po’. Non posso rivendicarne la creazione anche in questo caso, dato che fu creato in una storia precedente da Denny O’Neil. Ma il mio personaggio preferito – e lo dico in maniera abbastanza immodesta – è Anarky. Era un ragazzino di soli 15 anni, ma sapeva quali fossero i veri malvagi di questo mondo, e si organizzò per eliminarli. Credo che la DC l’abbia usato Anarky in diverse occasioni negli anni, ma non ce l’ho mai fatta a leggere queste storie, perché Anarky era così personale per me e Norm che trovo difficile pensare che qualcun altro potesse utilizzarlo nella stessa maniera. Era immensamente popolare in Argentina, Messico e in altri paesi sudamericani, dove le persone avevano una conoscenza diretta e recente di cosa significasse vivere sotto una dittatura militare. Per lo stesso motivo gradivano il mio punto di vista su Batman, un eroe che combatteva per gli uomini indifesi, la cui voce era messa a tacere dalla violenza dei governanti, e mai ascoltata. Anarky è semplicemente il mio personaggio batmaniano preferito di sempre.. penso che lo stesso valga per Norm. 

Quando scrissi la mia prima storia sperai, originariamente, che Anarky sarebbe diventato il nuovo Robin, ma a mia insaputa Denny O’Neil stave già lavorando con Marv Wolfman per creare Tim Drake. Quando io e Norm terminammo il nostro lavoro su Batman provammo a riottenere i diritti su Anarky, lo amavamo moltissimo. Ma il vice-presidente DC a cui proponemmo l’idea ci disse che “non era il modo di fare le cose alla DC”.

4) Nell’introduzione al primo volume italiano di “Shadow of the Bat” è evidenziato che all’epoca, per una serie di coincidenze editoriali, non sei riuscito a scrivere Batman #500: la cosa a suo tempo ti pesò? 

Sì, all’epoca sì. Ma la verità è che stavo lavorando sul primo numero di Shadow of the Bat, un fumetto creato specificatamente per me e Norm, un onore incredibile (anche se Norm se ne andò poco dopo l’uscita dei primi numeri, dato che gli fu offerto un accordo migliore da un altro editore). La sua partenza mi infastidì molto di più rispetto alla mia mancata partecipazione a Batman #500! Penso che io e lui fossero il team perfetto per scrivere Batman, siamo diventati grandi amici fin dal nostro primo incontro alla Convention di San Diego nel 1991 (credo) ed era come poter leggere i rispettivi pensieri. La nostra amicizia continua ancora oggi, ci teniamo in contatto piuttosto regolarmente, ed è stata la realizzazione di un sogno, per me, quando ci è stato chiesto di poter lavorare sul progetto “Batman Retroactive”.

5) Leggi ancora Batman al momento? Ti piacciono le sue storie? Cosa ne pensi da un punto di vista tematico e stilistico? 

Non le leggo regolarmente, anche se qualche numero qua e là l’ho letto negli anni. E’ un taglio diverso rispetto a quello che io e Norm abbiamo reso popolare. Noi abbiamo preferito coinvolgere Batman molto di più in quelle che si possono chiamare storie di “vita reale”, in cui doveva interagire con la vera gente di Gotham, e la soddisfazione emotiva veniva proprio da questo contatto con le persone reali piuttosto che da un combattimento coi super-criminali. Ad essere onesto non mi interessano molto né i supereroi né i supercattivi, anche se ne ero un grande fan quand’ero un teenager. Mi piaceva pensare a Batman come l’eroe che tutti saremmo potuti diventare se i nostri genitori fossero morti davanti ai nostri occhi, e noi avessimo dedicato la nostra vita intera a salvare gli innocenti dallo stesso destino! 

Ad esempio non mi piace Batman quando è usato nella Justice League o nei racconti di Superman. Mi piace vederlo lavorare da solo, il vero Cavaliere Oscuro di Gotham City.

(A proposito, questa è una delle cose dei film di Batman che ho odiato davvero: il modo in cui il costume veniva gonfiato per farlo apparire muscoloso e forte. Per me Batman è sempre stato una creatura della notte, un fantasma che appariva e scompariva quasi in maniera soprannaturale, anche se era fermamente ancorato alla realtà. Questo è stato uno dei grandi meriti dell’arte di Norm Breyfogle: il Batman che disegnava era esattamente quello che mi immaginavo.)

6) Grant Morrison e Geoff Johns sono gli attuali demiurghi del DC Universe. Cosa pensi del loro lavoro?

Non ho mai letto nulla di Geoff Johns. Morrison è uno degli scrittori più intelligenti che io conosca. Non critico mai gli altri scrittori, tutti abbiamo approcci diversi ad ogni personaggio.. ma preferisco di molto la versione di Batman che scrivevo io!

7) “Eroi Silver Age in un mondo sempre più oscuro”: questa è una delle definizioni che può essere data alle scelte editoriali DC da Crisi Infinita in poi. Pensi che icone come Superman, Wonder Woman, Batman, Aquaman, Barry Allen e Hal Jordan possano ancora dire qualcosa in una società paralizzata dalla crisi economica e vittima di grandi paure? 

A essere onesto non credo che siano così rilevanti oggigiorno. Non significa che non potrebbero esserlo, ma nelle poche occasioni in cui ho letto i loro fumetti negli ultimi anni, mi sono sempre ritrovato a pensare: perché combattono alieni assassini e cattivi che vogliono distruggere il mondo, quando potrebbero combattere contro le carestie in Africa, il nuovo ordine mondiale o la corruzione dei politici? E’ come se il DC Universe si fosse completamente disgiunto dal mondo della vita reale; non che ci sia qualcosa di sbagliato, tutti – incluso me – amano l’intrattenimento che cerca di sfuggire alla realtà. E’ solo che io, personalmente, avrei utilizzato questi personaggi in maniera diversa.

8) Batman è uno dei personaggi più popolari in assoluto: quali sono le caratteristiche che lo rendono interessanti, dal tuo punto di vista? Dove hai trovato l’ispirazione per scriverlo così a lungo? Le tue gestioni sono veramente durate anni e anni.

Penso di averlo scritto mensilmente per 13 anni, più tutti gli albi unici speciali e gli annual. Ero ispirato nel continuare a scriverlo così a lungo per la stessa ragione che mi ha spinto a scrivere quel primo numero di Detective Comics: Batman è un uomo, non un supereroe; non aveva  bisogno di essere morso da un ragno radioattivo, non doveva fare un bagno di raggi cosmici o essere cosparso di intrugli chimici, non necessitava di un alieno che gli desse una lanterna verde magica del potere. E’ diventato eroe grazie alla pura forza di volontà, attraverso la convinzione che il trauma e il dolore che Bruce aveva vissuto da bambino fosse qualcosa da cui lui stesso poteva salvare e preservare le altre persone.

Inoltre c’era l’abilità di Batman di indossare la notte stessa come un mantello, entrando e uscendo dalle storie come un fantasma, così che i suoi avversari non sapessero mai se fosse reale o no. In un mondo ideale, ognuno di noi può diventare Batman. Per  me ciò lo rende il più grande degli eroi, ora e sempre.

9) Le tue trame all’epoca erano densissime, piene di personaggi e idee, e consentivano a nuovi artisti talentuosi (Tim Sale  per esempio) di mostrare la loro bravura. Pensi sia ancora possibile sperimentare così tanto nelle serie mainstream? 

Da bambino cominciai a leggere i fumetti di Batman, Superman, Wonder Woman quando avevo quattro anni. Li ho letti fino a 11 anni, quando Stan Lee introdusse i nuovi personaggi Marvel. Questi furono una boccata d’aria fresca non solo perché furono proposti nuovi volti, ma perchè i personaggi spesso si muovevano in un mondo reale: Spider-Man a New York City, per esempio. 

Allo stesso tempo sono sempre stato un avido lettore di fumetti britannici. All’epoca pochi fumetti del Regno Unito includevano supereroi, gli eroi erano quasi tutti collocati in situazioni di vita reale (star dello sport, soldati, ribelli contro l’autorità) in cui la vera gente e le vere emozioni erano una parte importante della storia. Penso sia stata la combinazione fra i ricordi delle mie letture supereroistiche giovanili e quelle storie britanniche così reali che resero la mia run su Batman così popolare. 

Non leggo molti fumetti oggi, non sono in una posizione quindi che mi consenta di dire se una tale sperimentazione sia ancora possibile nel mainstream. Mi piace pensare che sia così, ma onestamente.. non lo so.

10) Le tue storie di Batman affrontavano veramente temi scottanti come gli abusi, la droga, il terrorismo. Oggigiorno le storie di Batman (e della DC in generale) sono più orientate a una riflessione sull’eroismo e al suo rapporto con il mondo contemporaneo. Pensi sia ancora possibile usare quel tipo di approccio? I fumetti (anche mainstream) potrebbero ancora essere uno strumento d’indagine privilegiato per sviluppare importanti temi sociali e politici?

Sì, I fumetti mainstream potrebbero ancora essere uno strumento utile a sviluppare questi temi, anzi, dovrebbe essere il loro scopo! Ma tutto dipende dagli scrittori e dagli editor, e se preferiscono sviluppare riflessioni sull’eroismo nel nostro mondo, resta dunque una loro scelta. Non è il mio modo di fare le cose, semplicemente. 

Infatti quando mi è stato chiesto di scrivere personaggi come il Demone Etrigan e Lobo, l’unica maniera in cui mi sono sentito di raccontarli è stata attraverso una “commedia” estremamente marcata. Non avrei mai potuto scrivere una storia seria di Lobo, anche se per Etrigan è stato diverso. Può essere usato in maniera seria per ilustrare cosa sia il male, e mostrare cosa renda alcune persone inclini al male piuttosto che al bene. 

Una delle mie storie favorite di Batman, di cui sono ancora orgoglioso, è la storia in tre parti “Tulpa” che inizia in Detective Comics #601. Nella parte finale Batman è costretto a combattere contro Etrigan, anche se è consapevole che il combattimento potrà terminare in un modo solo, la morte stessa di Batman. Ma Etrigan cambia idea e fa un breve discorso a Batman: “Mi piaci proprio. Mi piace il tuo stile. Mi chiedo qual forza ti agiti la bile!
Eh? qual demone è a spronarti, anche quando la speranza vorrebbe abbandonarti?
Allegro, è finita. Sei libero di andare… Perchè dentro di te c’è qualcosa… che mi ricorda proprio me!” (traduzione di Francesco Vanagolli tratta dal secondo volume Planeta dedicato a Grant/Breyfogle). Per me questo racchiude l’eroismo di Batman, combattere quando anche la speranza è perduta.

11) Hai scritto Batman a lungo, ma non hai mai utilizzato il Joker più di tanto. Certo, tutti i fans si ricordano la bellissima storia “The King of Comedy” iniziata all’epoca in “Shadow of the Bat” #27. Cosa pensi della nemesi per eccellenza del Cavaliere Oscuro? 

Non mi è mai piaciuto così tanto il Joker, anche da piccolo. Le storie in cui era protagonista esaltavano la sua follia a tal punto che non c’erano altri elementi nella sua personalità. Ma ebbi una piccola epifania (se non è una parola troppo pretenziosa) quando incontrai Jerry Robertson, il suo creatore, a una convention. Trascorremmo molte ore insieme a parlare, e arrivai a capire che il Joker è davvero la reincarnazione dell’antico eroe/cattivo “Trickster” (si può tradurre in italiano come INGANNATORE: si tratta di una figura mitologico-folklorica antropomorfa con caratteristiche fisiche accentuate mutuate dagli animali, celebre per i suoi imbrogli e una condotta completamente amorale, ndt)

Praticamente ogni cultura sulla terra ha una figura riconducibile all’ingannatore nelle proprie religioni.. è globale, e ciò lo rende popolarissimo. La sua follia psicotica è solo un lato della medaglia. L’altro lato, visto raramente anche nei fumetti, è il suo ruolo come aiutante dell’umanità.

12) Stai lavorando con Norm Breyfogle, il tuo partner artistico storico, al progetto “Retroactive DC”. Cosa pensi di questa iniziativa? Che effetto fa lavorare con Norm dopo tanti anni? 

E’ grandioso! Come ho detto prima io e Norm siamo andati d’accordo fin dall’inizio. La sua arte raccontava le mie storie in maniera così perfetta.. per cui chiedermi di lavorare di nuovo con lui, sul personaggio che amiamo più di tutti, mi ha inebriato. Direi che la mia storia è un po’ arrugginita – sono passati 11 da quando ho scritto un racconto di Batman l’ultima volta – ma il lavoro di Norman è maturato e diventato ancora migliore nel tempo. Penso che il progetto Retroactive sia una grande idea, una possibilità per i lettori di vedere come Batman sia stato raccontato in maniera diversa nel corso dei decenni. 

Io e Norm ci siamo divertiti così tanto su questa iniziativa che abbiamo chiesto alla DC se ci fosse spazio per noi per lavorare insieme su altre storie di Batman, tristemente la risposta sembra essere no.

13) E’ impossibile non chiederti un’opinione su questo: cosa pensi del rilancio DC di settembre? Quale fra le 52 testate ti piacerebbe scrivere?

Non ne so molto. Da quanto ho capito comunque il rilancio implica una nuova numerazione di tutte le serie in modo da poter ripartire dal numero uno. Una parte di me pensa sia solo un modo cinico di fare soldi, spingendo i fan a comprare più copie, i numeri #1 valgono sempre di più di tutte quelli che seguono. Penso sia anche ingiusto per i fan fedeli che collezionano fumetti da anni, e che non vedranno mai Detective Comics arrivare al numero #1000, ad esempio. 

In ogni caso, per essere più generoso con la DC, è forse un modo anche per catturare nuovi fans, possibilmente giovani, di modo che possano cominciare a comprare di nuovo fumetti, senza essere intralciati dai 50-60 anni di continuity precedente. Il solo fumetto sul quale mi sarebbe piaciuto lavorare sarebbe stato “The Brave and The Bold”, dato che penso che io e Norm avremmo potuto portare la nostra visione specifica alla serie. In ogni caso un senior editor mi ha detto che, a causa della popolarità della serie animata televisiva, la testata era già stata affidata ad altri. 

All’epoca non la vedevo, ma ho voluto guardarla coi miei nipoti qualche settimana fa, che hanno fra i 5 e 12 anni. I più piccoli (5 e 7 anni) l’hanno definita “ok”, gli altri due (10 e 12 anni) hanno espresso a voce il loro disappunto con “spazzatura”. Tendo ad essere d’accordo con loro!

14) Puoi dirci qualcosa sui tuoi progetti futuri?

Non sono mai stato molto bravo a programmare il mio futuro, credo che quando le cose mi debbano accadere mi accadano.  

Sono sempre stato restio a cimentarmi col romanzo storico, ma un paio di anni fa sono stato avvicinato dall’organizzazione canadese “Renegade Arts Entertainment” che mi ha chiesto di scrivere una graphic novel sulla guerra del 1812 fra Canada e America. Ero esitante.. finchè non ho cominciato a lavorare al progetto, e ne sono rimasto affascinato ed elettrizzato. Ho scritto una graphic novel di 100 pagine basata sulla vita di una famiglia canadese la cui esistenza sulla Penisola del Niagara è distrutta completamente dalla guerra. Ero così immerso nella storia che mi sono ritrovato a piangere pensando alle crudeltà che la guerra gli aveva inflitto! Così ho scritto una storia per bambini basata sulla stessa storia, e credo che la stessa compagnia nei stia traendo un film di animazione. 

Dopo 30 anni scrivo ancora le avventure di “Anderson, PSI” per 2000AD, la rivista a fumetti fantascientifica settimanale britannica. E’ una coetanea di Giudice Dredd, ma essendo psionica (capace di sfruttare al massimo le potenzialità della mente inducendo fenomeni paranormali, ndt) è un personaggio molto più piacevole rispetto a Dredd. Per quanto ne so credo sia l’unico personaggio dei fumetti invecchiato in tempo reale, adesso ha più di 50 anni, e il mio stesso invecchiamento è la base di partenza per descrivere quello che le succede. 

Non so se Judge Anderson sia famosa in Italia, ma direi che per tutti quelli che hanno amato il mio lavoro su Batman meriti una possibilità. Ci sono le raccolte in volume della Rebellion Inc. Molti grandi artisti hanno lavorato alla serie, ma con il mio collaboratore di lungo corso Arthur Ranson avevo lo stesso rapporto che ho con Norm. Potevamo quasi leggerci i reciproci pensieri, e il suo lavoro è totalmente distante dai supereroi, è più europeo per quanto riguarda stili e influenze. 

Presto realizzerò un altro fumetto per la Renegade Arts, ma è tutto molto segreto per evitare che ci rubino l’idea! Lo stesso si può dire per un romanzo che sto scrivendo a fasi alterne – è una combinazione di vita reale in Scozia con alcuni personaggi sopra le righe, in stile fumetto. 

Non sono mai stato un grande appassionato di film, mi piacciono quelli in bianco e nero degli anni ’40 con attori come Humphrey Bogart, le commedie dei fratelli Marx, Stanlio e Ollio e “I 3 Marmittoni” (un trio comico americano divenuto famoso negli anni ’30, ndt), e ad esempio io ho sempre pensato a Lobo come una versione estremizzata e carica di quel tipo di comicità. Però ho realizzato una sceneggiatura per uno studio di animazione tedesco che combina animali divertenti e il mondo reale. Il progetto è stato rimandato a data da destinarsi a causa della crisi finanziaria, i fondi sono stati ritirati all’ultimo momento, ma se la situazione economica migliora spero di vederlo prodotto.

15) Cosa vuoi dire ai fan che stanno leggendo le tue storie di Batman per la prima volta grazie a questa nuova edizione? E ai tuoi fan italiani in generale? 

Spero che vi piaccia la storia dal titolo “One Night In The Rest Of My Life” (Una notte nel resto della mia vita, ndt): come la mia prima storia ha per protagonisti il Ventriloquo e Scarface come cattivi, ma combina anche vita vera e soprannaturale.. ne sono molto felice. 

Sebbene mia moglie sia stata in Italia diverse volte ci sono andata con lei solo in un’occasione, in crociera a Venezia. Sfortunatamente ho sofferto di un’intossicazione alimentare (presa non in Italia, ma all’aeroporto di Heathrow, sul volo per raggiungere la nave), quindi ho trascorso la maggior parte della crociera in bagno o a lamentarmi sdraiato a letto! 

Vivo in un villaggio scozzese molto piccolo di circa 800 persone, ma abbiamo un ristorante italiano fantastico.. amo il cibo Italiano e non solo la pizza!

Banner HoVistoCose.it

Informazioni sull'autore

Elena Pizzi [Selina Kyle]Abita da tempo a Gotham City, anche se desidera volare per tutto l'universo insieme ad Hal Jordan. Spesso gioviale e sorridente, a volte è inaspettatamente solitaria, ma costantemente alla ricerca di ciò di cui sono fatti i sogni, cioè ciò che giace, spesso sepolto, in fondo a noi stessi. Non rinunciate mai alla forza delle vostre passioni.Leggi tutti gli articoli di Elena Pizzi