Autore Topic: The Legend of Zelda - La serie  (Letto 17572 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Det. Bullock

  • Arkham Asylum
  • *
  • Concubina di Geoff Johns
  • Post: 7229
  • Madman with a Box
Re:The Legend of Zelda - La serie
« Risposta #210 il: 02 Marzo 2017, 19:23:05 »
  • Sia chiaro che non metto in dubbio la qualità del gioco,che pare essere molto elevata,però secondo me questi 10 sono anche frutto dell'importanza del brand

    Molto probabile, i fanboy degli Zelda in 3D sono come drogati in crisi di astinenza pronti a iniettarsi il veleno per topi a stò punto.  :lolle:

    Battute di cattivo gusto a parte, io non credo esistano giochi da dieci (neppure Tie Fighter) e sono sempre scettico di riviste che danno il massimo che per definizione è irrangiugibile.

    Poi vabbé, sono consollari, si impressionano facile.  :lolle:
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Offline Professor Zoom

    • Speed Force
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6164
    • Il fulmine colpisce sempre due volte
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #211 il: 02 Marzo 2017, 20:12:29 »
  • Sono ovviamente tutte recensioni pagate, il gioco è mediocre e vecchio di almeno 5 anni. -_-

    Spoiler  :
    Voglio una WiiU :cry:
    Tu scherzi, ma in giro è pieno di rosiconi che continuano a sbandierare questo mantra da mesi :asd:
    Lo so bene, tu però devi ancora trovarmi le WiiU a 30€. :lolle:

    Offline King Mob

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12556
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #212 il: 02 Marzo 2017, 21:11:39 »
  • C'è una curva di preferenza fra i recensori, qualcosa che si può notare su Metacritic in particolare, per tutt'una serie di brand esclusivi per consolle, oppure prodotti dal tale gradimento da essere superiori al media stesso ed essere molto famosi anche per gente che normalmente non gioca, o lo fa rarissime volte.

    Le esclusive Sony? Uncharted, The Last of Us, God of War, Metal Gear Solid (mi riferisco in particolare al 4, ma di riflesso anche Phantom Pain) tutti con voti astronomici, sebbene si tratti di titoli che non credo si possano definire per lo più universalmente dei capolavori. Concedo The Last of Us al massimo, non sono d'accordo ma è una cosa di cui abbiamo già discusso.

    XBox? I voti di Halo e Gears of War non stanno nè in cielo nè in terra, ma così è, Halo va poi ben oltre visto l'impatto culturale che ha avuto in generale anche al di fuori dei DVD.

    Nintendo? Apriti cielo. Mario e Zelda a capeggiarla ovviamente, non esiste un Zelda 3D che non abbia avuto voti inferiori a 95 con l'eccezione di Skyward Sword, che ha comunque ricevuto molto amore dai grandi siti (vedi IGN).

    Poi a fare il paio con questi c'era la roba Rare di fine anni '90 (Goldeneye, Perfect Dark, il primo in particolare è comprensibile visto quel che ha generato).

    Ed i titoloni Rockstar (tutta la saga di GTA gravita intorno al 95).

    E gli "RPG" free roaming Bethesda (Fallout meno, Elder Scrolls altissimi).

    Chi mi conosce sa che, con l'eccezione forse dei due Zelda 3D che ho giocato e SM64, nessuno di questi titoli per me è così vicino alla perfezione. Morrowind è meraviglioso, ok, ma in effetti aveva i suoi difettucci e comunque appartiene ad un'altra epoca, con standard leggermente diversi nel giudizio.

    Bisogna star attenti e riconoscere l'importanza del brand ogni volta, o comunque tenere cose come Metacritic come primo approccio e seguire giudizi più organici sui videogame, scritti o in video, che meno si affidino a scale numeriche.

    Comunque, questo Zelda mi ispira. Per me potrebbe essere un ritorno alle origini profondo, ante-Ocarina of Time, per la filosofia di gioco. Il che è davveeeero interessante.

    P.S.

    Ricordo anche il voto di Arkham City su metacritic. Con tutto il bene ma... lol.

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Online Solomon

    • B.P.R.D.
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5504
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #213 il: 02 Marzo 2017, 21:28:26 »
  • Poi vabbé, sono consollari, si impressionano facile.  :lolle:
    Come se su PC (la mia piattaforma di riferimento, tra l'altro :asd:) la situazione fosse rose e fiori :asd:

    Lo so bene, tu però devi ancora trovarmi le WiiU a 30€. :lolle:
    Non scherzare, che forse entro questo fine settimana ne trovo una a 0 €, visto che me la prestano :w00t:
    FORSE, però :o

    Ashel

    • Visitatore
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #214 il: 02 Marzo 2017, 21:52:40 »
  • Delle recensioni, ripeto, c'è poco da fidarsi. Come quelle sui libri, che sono "pagate", lasciano il tempo che trovano.
    Delle volte leggo quelle su multiplayer per avere un'idea perlomeno generale di cosa mi aspetta, del gameplay e cose del genere, ma più di una volta giocandoci mi sono trovata davanti a una realtà completamente diversa da quella a cui mi avevano preparato.
    Esempio zeldiano: Windwaker HD.

    Gli youtuber non li seguo proprio. Cioè, gente che crede che giocare ai videogiochi e postare video a riguardo sia un lavoro è come minimo da rinchiudere, non certo da ascoltare con la bava alla bocca.

    Online Solomon

    • B.P.R.D.
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5504
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #215 il: 02 Marzo 2017, 21:57:08 »
  • Delle volte leggo quelle su multiplayer per avere un'idea perlomeno generale di cosa mi aspetta
    Va beh, ma Multi è uno dei peggiori siti italiani (davvero, monnezza pura - e lo dico io che sono un utente del loro forum :asd:), non lo prenderei come esempio :lolle:
    Siti - rimanendo in Italia - come Everyeye sono sicuramente più equilibrati e meno venduti.

    Gli youtuber non li seguo proprio. Cioè, gente che crede che giocare ai videogiochi e postare video a riguardo sia un lavoro è come minimo da rinchiudere, non certo da ascoltare con la bava alla bocca.
    Neanch'io ne seguo, ma la colpa di tutto ciò non è sicuramente loro, quanto delle persone disposte a seguirli, e delle aziende disposte a pagarli.
    Se a nessuno gliene fregasse niente di questi fenomeni, sicuramente non ci sarebbero neanche publisher pronti a rifornire il loro conto in banca, ed "essere youtuber" tornerebbe a diventare quello che era in origine: un passatempo come un altro.
    « Ultima modifica: 02 Marzo 2017, 22:02:31 da Solomon »

    Ashel

    • Visitatore
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #216 il: 02 Marzo 2017, 21:58:19 »
  • Bo, alla fine come lettura da bagno penso ci stia bene no? :sisi:

    Online Solomon

    • B.P.R.D.
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5504
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #217 il: 02 Marzo 2017, 22:01:23 »
  • Bo, alla fine come lettura da bagno penso ci stia bene no? :sisi:
    Ah, ma se è per quello penso ci siano cose di gran lunga più divertenti da leggere sulla tazza :asd:

    Offline King Mob

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12556
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #218 il: 02 Marzo 2017, 23:21:57 »
  • Si sta andando off, ma chiaramente devo dire la mia sull'argomento Youtuber.

    Il grosso dei recensori che seguo lavora su Youtube, per lo più come unica piattaforma o principale piattaforma.

    E non mi riferisco solo a mostri sacri del settore come Yathzee e Jim Sterling, ma a tutta una serie di gente che fa approfondimenti, studi tecnici e recensioni di videogames ad un livello che le grandi testate se le sognano: Superbunny Hop, Errant Signal, Ragnarox, MrBTongue, Noah Caldewell-Gervais, Mark Brown.

    Onestamente questi "fenomeni" non solo mi aiutano mensilmente a discernere senza mai dare giudizi perentori su nulla (ok, Sterling e Yathzee tendono a farlo ma sono molto più navigati, e tendenzialmente più comedy), ma hanno contribuito a formarmi come videogiocatore.  :sisi:

    Non pensiate che Youtube e Videogame siano esclusivamente assimilabili in Gamer, perché chi porta i gameplay dei giochi su YT è un'altra risma di persone che molto meno m'interessano.

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Offline Professor Zoom

    • Speed Force
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6164
    • Il fulmine colpisce sempre due volte
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #219 il: 03 Marzo 2017, 00:39:46 »
  • Si sta andando off, ma chiaramente devo dire la mia sull'argomento Youtuber.

    Il grosso dei recensori che seguo lavora su Youtube, per lo più come unica piattaforma o principale piattaforma.

    E non mi riferisco solo a mostri sacri del settore come Yathzee e Jim Sterling, ma a tutta una serie di gente che fa approfondimenti, studi tecnici e recensioni di videogames ad un livello che le grandi testate se le sognano: Superbunny Hop, Errant Signal, Ragnarox, MrBTongue, Noah Caldewell-Gervais, Mark Brown.

    Onestamente questi "fenomeni" non solo mi aiutano mensilmente a discernere senza mai dare giudizi perentori su nulla (ok, Sterling e Yathzee tendono a farlo ma sono molto più navigati, e tendenzialmente più comedy), ma hanno contribuito a formarmi come videogiocatore.  :sisi:

    Non pensiate che Youtube e Videogame siano esclusivamente assimilabili in Gamer, perché chi porta i gameplay dei giochi su YT è un'altra risma di persone che molto meno m'interessano.
    Sono d'accordo con King Mob, gente come Jim Sterling o Total Biscuit di videogiochi ne sa a pacchi e poco importa quale sia la piattaforma sulla quale lavora.
    Peccato che in Italia non ci sia nulla a quel livello.

    Offline Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7229
    • Madman with a Box
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #220 il: 03 Marzo 2017, 02:13:45 »
  • Delle recensioni, ripeto, c'è poco da fidarsi. Come quelle sui libri, che sono "pagate", lasciano il tempo che trovano.
    Delle volte leggo quelle su multiplayer per avere un'idea perlomeno generale di cosa mi aspetta, del gameplay e cose del genere, ma più di una volta giocandoci mi sono trovata davanti a una realtà completamente diversa da quella a cui mi avevano preparato.
    Esempio zeldiano: Windwaker HD.

    Gli youtuber non li seguo proprio. Cioè, gente che crede che giocare ai videogiochi e postare video a riguardo sia un lavoro è come minimo da rinchiudere, non certo da ascoltare con la bava alla bocca.

    Insomma, diciamo che per la metà sono "pagate", l'altra metà è che i recensori sono spesso dei fanboy in crisi negazionista perché i videogiochi sono una forma d'arte giovane e ancora quelli che hanno una cultura accademica del medium sono pochi.
    E quei pochi di solito vengono presi d'assalto dai forcaioli che si lamentano che non hanno dato il 10 all'ultimo Uncharted quindi sui grossi portali non li trovi.

    Ci sono youtuber e youtuber, Jim Sterling e Superbunnyhop (tra l'altro è uno che quando tutti stavano a sbavare su Battlefront ha deciso di fare una retrospettiva su Tie Fighter, lo stimerei anche solo per questo :asd: ) di certo non sono dei let's player da quattro soldi che fanno milioni di sottoscrizioni.
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Ashel

    • Visitatore
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #221 il: 03 Marzo 2017, 07:13:08 »
  • Non saprei, il gaming a differenza di letteratura o cinema non è una materia accademica (non ancora, almeno) e quindi per quanto mi riguarda ci sono i seguenti soggetti che se ne occupano: i guru, i tecnici e gli appassionati.

    I guru non sono credibili, perché trovo che quelli che "ne sanno a pacchi" siano in realtà dei nerd psicopatici che, come tutti i nerd senza approcci alla vita pratica, esagerino nel parlare di videogame.
    Ingrandiscono tutto nel tentativo di far sentire gli altri ignoranti e la spocchia che spesso li contraddistingue mi impedisce di discerene ciò che di buono c'è nei loro discorsi.

    I tecnici spesso sono pagati o comprati, o comunque devono attenersi a quanto detto loro da chi li paga.
    Gli indipendenti a volte dicono cose interessanti, ma che poi si rivelano false.

    Gli appassionati sono i migliori, che per quanto mi riguarda sono gente come me che però ne sa molto più di me, per i quali il gaming è un hobby e un'occasione di divertimento e qualche volta anche un'esperienza di qualità.
    Ma queste opinioni spesso possono essere poco oggettive. 

    Offline Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7229
    • Madman with a Box
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #222 il: 03 Marzo 2017, 13:24:30 »
  • Non saprei, il gaming a differenza di letteratura o cinema non è una materia accademica (non ancora, almeno) e quindi per quanto mi riguarda ci sono i seguenti soggetti che se ne occupano: i guru, i tecnici e gli appassionati.

    I guru non sono credibili, perché trovo che quelli che "ne sanno a pacchi" siano in realtà dei nerd psicopatici che, come tutti i nerd senza approcci alla vita pratica, esagerino nel parlare di videogame.
    Ingrandiscono tutto nel tentativo di far sentire gli altri ignoranti e la spocchia che spesso li contraddistingue mi impedisce di discerene ciò che di buono c'è nei loro discorsi.

    I tecnici spesso sono pagati o comprati, o comunque devono attenersi a quanto detto loro da chi li paga.
    Gli indipendenti a volte dicono cose interessanti, ma che poi si rivelano false.

    Gli appassionati sono i migliori, che per quanto mi riguarda sono gente come me che però ne sa molto più di me, per i quali il gaming è un hobby e un'occasione di divertimento e qualche volta anche un'esperienza di qualità.
    Ma queste opinioni spesso possono essere poco oggettive. 
    Questo è antiintellettualismo, hai mai letto qualsiasi critica seria di un romanzo o un film?
    Suonano sempre "spocchiose"e i coi videogiochi non si fa eccezione.

    E gli appassionati spesso sono i peggiori proprio perché non c'è bisogno di pagarli, basta fargli fare un giro in esclusiva alla sede del team di sviluppo e vanno in brodo di giuggiole.
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Ashel

    • Visitatore
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #223 il: 03 Marzo 2017, 14:45:13 »
  • Non c'entra niente.
    Cinema, letteratura e musica sono discipline con una solida base accademica e epistemologica.
    La scienza dei videogames non esiste ancora e per questo motivo è molto difficile distinguere fonti affidabili da altre inaffidabili. Al momento la critica videoludica è fatta esclusivamente da dilettanti, com'è stato per la storia dell'arte o per il cinema ai loro albori. 
    Per questo ritengo di non doverla prendere sul serio. Tutt'al più usiamola per farci un'idea, ma rimaniamo con i piedi per terra quando la maneggiamo.

    Nel caso di Zelda, ci credo che i voti sono alti.
    Sono anni che si aspettava un titolo che non fosse in remake e per essere onesti bisogna dire che raramente Nintendo ha deluso con un titolo della saga. Forse solo con Skyward Sword, che comunque rimane un gioco gradevole.
    « Ultima modifica: 03 Marzo 2017, 15:01:56 da Ashel »

    Online Solomon

    • B.P.R.D.
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 5504
    Re:The Legend of Zelda - La serie
    « Risposta #224 il: 03 Marzo 2017, 15:13:49 »
  • Da studente di storia dell'arte confermo che prima dell'introduzione della materia nei programmi accademici era praticata esclusivamente da dilettanti. Quindi il paragone può stare in piedi :ahsisi: