Autore Topic: Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori  (Letto 2586 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Det. Bullock

  • Arkham Asylum
  • *
  • Concubina di Geoff Johns
  • Post: 7352
  • Madman with a Box
Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
« Risposta #30 il: 25 Febbraio 2019, 18:47:58 »
  • l'academy non si smentisce. :lolle:

    Le polemiche contro l'accademy sono una consuetudine che non riuscirò mai a comprendere...
    Diciamo che quando premiano un film mediocre perché piace alla stragrande maggioranza di attori cinquantenni e più la gente un pochetto si affronta, è come dare il premio studente modello a uno che ha la media del 7 e fuma nei bagni invece che a quello che ha la media del 10 ed è veramente uno studente modello perché quest'ultimo porta i capelli da Rasta.
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Offline phoenix_81

    • *****
    • Nerd geneticamente modificato
    • Post: 3263
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #31 il: 25 Febbraio 2019, 19:25:02 »
  • l'academy non si smentisce. :lolle:

    Le polemiche contro l'accademy sono una consuetudine che non riuscirò mai a comprendere...
    Diciamo che quando premiano un film mediocre perché piace alla stragrande maggioranza di attori cinquantenni e più la gente un pochetto si affronta, è come dare il premio studente modello a uno che ha la media del 7 e fuma nei bagni invece che a quello che ha la media del 10 ed è veramente uno studente modello perché quest'ultimo porta i capelli da Rasta.

    Io capisco che si possa non essere d'accordo con l'assegnazione dei premi, ma da qui a considerare l'accademy una massa di incompetenti, venduti e chissà cos'altro (ne ho sentite tante nel corso degli anni) ce ne passa. Quando negli anni '90 venivano premiati blockbuster come Forrest Gump, Braveheart o Titanic venivano criticati per assecondare troppo i gusti del grande pubblico. Negli ultimi anni premiando film come The Millionaire, The Hurt Locker, The Artist ecc. sono diventati degli snob con la puzza sotto il naso.
    Insomma, un po' come per qualunque altro concorso, a prescindere dal vincitore c'è sempre qualcuno in disaccordo che deve gridare allo scandalo. Ma a conti fatti si tratta di critiche futili che non si basano su alcun criterio oggettivo e che non tengono minimamente conto del lavoro che l'accademy svolge nel corso dell'intero anno (non solo in occasione della premiazione degli oscar) per l'industria cinematografica americana.

    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 17164
    • Mmmmmadness
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #32 il: 25 Febbraio 2019, 19:42:37 »
  • Ma tanto, per citare Andonio, "la sdoria la sgrive ghi vinge". Gli altri si lamentano.
    In generale, eh.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)
    I believe hopelessness is an aberration. But it is also a state of mind. Thankfully not shared by me. (Lando Calrissian)
    With all of you Legion people...names, powers, planets, alien races... But this--this is Christmas! (Jon Kent)


    Offline pumui75

    • X-Men
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6056
    • marvel zombie, fissato con i crossover e star trek
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #33 il: 25 Febbraio 2019, 19:55:08 »
  • ma quando mai L'ACCADEMIA ha tenuto in considerazione gusti della massa ?
    in genere premiano solo film particolari proprio per stimolarne il mercato !
    Poi ci sono state eccezioni come LORD OF  THE , TITANIC , AVATAR ma questo è un altro discorso ..
    saluti dal colle ASTAGNO DI ANCONA

    Offline Electric_Dreams

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 301
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #34 il: 25 Febbraio 2019, 20:28:01 »
  • Be le critiche sono legittime, ci sono ogni anno per ogni tipo di premiazione (vedi Premio Campiello, Premio Strega, Leone di Venezia, i festival musicali).
    Immagino che in qualche modo influiscano sul mercato quindi ho diversi dubbi sul fatto che le giurie siano davvero "super partes".

    Online Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7352
    • Madman with a Box
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #35 il: 25 Febbraio 2019, 20:49:42 »
  • l'academy non si smentisce. :lolle:

    Le polemiche contro l'accademy sono una consuetudine che non riuscirò mai a comprendere...
    Diciamo che quando premiano un film mediocre perché piace alla stragrande maggioranza di attori cinquantenni e più la gente un pochetto si affronta, è come dare il premio studente modello a uno che ha la media del 7 e fuma nei bagni invece che a quello che ha la media del 10 ed è veramente uno studente modello perché quest'ultimo porta i capelli da Rasta.

    Io capisco che si possa non essere d'accordo con l'assegnazione dei premi, ma da qui a considerare l'accademy una massa di incompetenti, venduti e chissà cos'altro (ne ho sentite tante nel corso degli anni) ce ne passa. Quando negli anni '90 venivano premiati blockbuster come Forrest Gump, Braveheart o Titanic venivano criticati per assecondare troppo i gusti del grande pubblico. Negli ultimi anni premiando film come The Millionaire, The Hurt Locker, The Artist ecc. sono diventati degli snob con la puzza sotto il naso.
    Insomma, un po' come per qualunque altro concorso, a prescindere dal vincitore c'è sempre qualcuno in disaccordo che deve gridare allo scandalo. Ma a conti fatti si tratta di critiche futili che non si basano su alcun criterio oggettivo e che non tengono minimamente conto del lavoro che l'accademy svolge nel corso dell'intero anno (non solo in occasione della premiazione degli oscar) per l'industria cinematografica americana.

    Ma non è nemmeno snobismo, è questo il punto, è che l'academy non premia nemmeno i film snob se osano essere troppo radicali. Basti pensare che una critica che seguo ha commentato: "A distanza di trant'anni Spike Lee perde ancora contro A Spasso Con Daisy", stiamo milgiorando nel senso che almeno qualche nomination e un oscar per la sceneaggiatura lo ha avuto mentre con l'osannato Fa' la cosa giusta rimase a bocca asciutta però la situazione rimane molto simile con l'academy che invece di puntare sull'autoriale vero va sul filmetto mediocre che di autoriale ha solo la patina.

    Il punto è che l'academy non è né "accademia" vera né critica, né pubblico ma addetti ai lavori e al 90% quegli addetti ai lavori sono attori avanti con gli anni che probabilmente di film come tanti attori non ne capiscono una beneamata minchia e non gli va di vedere film che sfidano il loro angolino confortevole.

    È anche per questo che si parla di oscar bait ovvero "esca per gli oscar", si usa l'espressione per indicare quei film autoriali mediocri che vengono fatti apposta per beccarsi nomination e premi soppiantando altri film ben più meritevoli della nomea di film d'autore ma più scomodi.
    « Ultima modifica: 25 Febbraio 2019, 20:55:16 da Det. Bullock »
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Offline phoenix_81

    • *****
    • Nerd geneticamente modificato
    • Post: 3263
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #36 il: 25 Febbraio 2019, 22:13:53 »
  • l'academy non si smentisce. :lolle:

    Le polemiche contro l'accademy sono una consuetudine che non riuscirò mai a comprendere...
    Diciamo che quando premiano un film mediocre perché piace alla stragrande maggioranza di attori cinquantenni e più la gente un pochetto si affronta, è come dare il premio studente modello a uno che ha la media del 7 e fuma nei bagni invece che a quello che ha la media del 10 ed è veramente uno studente modello perché quest'ultimo porta i capelli da Rasta.

    Io capisco che si possa non essere d'accordo con l'assegnazione dei premi, ma da qui a considerare l'accademy una massa di incompetenti, venduti e chissà cos'altro (ne ho sentite tante nel corso degli anni) ce ne passa. Quando negli anni '90 venivano premiati blockbuster come Forrest Gump, Braveheart o Titanic venivano criticati per assecondare troppo i gusti del grande pubblico. Negli ultimi anni premiando film come The Millionaire, The Hurt Locker, The Artist ecc. sono diventati degli snob con la puzza sotto il naso.
    Insomma, un po' come per qualunque altro concorso, a prescindere dal vincitore c'è sempre qualcuno in disaccordo che deve gridare allo scandalo. Ma a conti fatti si tratta di critiche futili che non si basano su alcun criterio oggettivo e che non tengono minimamente conto del lavoro che l'accademy svolge nel corso dell'intero anno (non solo in occasione della premiazione degli oscar) per l'industria cinematografica americana.

    Il punto è che l'academy non è né "accademia" vera né critica, né pubblico ma addetti ai lavori e al 90% quegli addetti ai lavori sono attori avanti con gli anni che probabilmente di film come tanti attori non ne capiscono una beneamata minchia  e non gli va di vedere film che sfidano il loro angolino confortevole

    Queste sono illazioni senza fondamenta messe in piedi solo per screditare le scelte dell'academy. Infatti degli oltre 5000 membri (quindi non parliamo di 4 gatti) appartenenti a 35 nazioni diverse (la maggior parte ovviamente sono statunitensi), circa il 20% sono attori, i restanti appartengono ad altre 16 branche della produzione cinematografica (registi, costumisti, scenografi, produttori, sceneggiatori ecc.) e secondo un recente studio, solo il 50% circa dei membri supera i 60 anni.
    Quindi di cosa stiamo parlando? Di qualche critico snob e frustrato che vuole delegittimare una platea così eterogenea e competente di persone, solo perché il film per cui faceva il tifo non ha vinto qualche statuetta? Ma per favore...

    Offline Largand

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 10199
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #37 il: 25 Febbraio 2019, 22:43:26 »
  • Non è un caso che il topic sui premi Oscar sia nella sezione "Merchandising"  :asd:

    Questi premi nascono solo per il giro di milioni che "volteggiano" attorno ai premiati.
    Negli USA c'è l'Academy, in italia una baggianata simile (una giuria che decide quale è il "prodotto artistico " migliore) si ha con  le giurie del Festival di Sanremo.

    Perché c'è sempre questa voglia di voler premiare OGGETTIVAMENTE un prodotto artistico, mentre notoriamente l'Arte è SOGGETTIVA.

    Meno male che al tempo di Leonardo Da Vinci, Michelangelo, Raffaello & Co. non esisteva la "Critica Artistica".
    Ne avremmo viste delle belle.
    Sono un cittadino dello spazio. Mi ritengo quindi Apolide...e non italiano.

    Online Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7352
    • Madman with a Box
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #38 il: 25 Febbraio 2019, 22:59:19 »
  • Non è un caso che il topic sui premi Oscar sia nella sezione "Merchandising"  :asd:

    Questi premi nascono solo per il giro di milioni che "volteggiano" attorno ai premiati.
    Negli USA c'è l'Academy, in italia una baggianata simile (una giuria che decide quale è il "prodotto artistico " migliore) si ha con  le giurie del Festival di Sanremo.

    Perché c'è sempre questa voglia di voler premiare OGGETTIVAMENTE un prodotto artistico, mentre notoriamente l'Arte è SOGGETTIVA.

    Meno male che al tempo di Leonardo Da Vinci, Michelangelo, Raffaello & Co. non esisteva la "Critica Artistica".
    Ne avremmo viste delle belle.

    Esisteva, esisteva, ma erano i committenti che chiedevano a Caravaggio di rifare i dipinti perché non gli piacevano e per cui oggi fanno la fila nei musei.
    Inoltre siccome la cerchia di chi aveva il potere di decidere era ristrettissima d fatto non si scriveva di critica, dopotutto a che serve quando basta andare alla corte estense per dire direttamente a chi ha i soldi per commissionare quello che si pensa dell'artista X?

    Guarda caso però in certe epoche critica simile a quella moderna spunta fuori, secondo te la poetica di Aristotele cosa era? Lui tragedie da quel che ne so non ne scriveva.

    l'academy non si smentisce. :lolle:

    Le polemiche contro l'accademy sono una consuetudine che non riuscirò mai a comprendere...
    Diciamo che quando premiano un film mediocre perché piace alla stragrande maggioranza di attori cinquantenni e più la gente un pochetto si affronta, è come dare il premio studente modello a uno che ha la media del 7 e fuma nei bagni invece che a quello che ha la media del 10 ed è veramente uno studente modello perché quest'ultimo porta i capelli da Rasta.

    Io capisco che si possa non essere d'accordo con l'assegnazione dei premi, ma da qui a considerare l'accademy una massa di incompetenti, venduti e chissà cos'altro (ne ho sentite tante nel corso degli anni) ce ne passa. Quando negli anni '90 venivano premiati blockbuster come Forrest Gump, Braveheart o Titanic venivano criticati per assecondare troppo i gusti del grande pubblico. Negli ultimi anni premiando film come The Millionaire, The Hurt Locker, The Artist ecc. sono diventati degli snob con la puzza sotto il naso.
    Insomma, un po' come per qualunque altro concorso, a prescindere dal vincitore c'è sempre qualcuno in disaccordo che deve gridare allo scandalo. Ma a conti fatti si tratta di critiche futili che non si basano su alcun criterio oggettivo e che non tengono minimamente conto del lavoro che l'accademy svolge nel corso dell'intero anno (non solo in occasione della premiazione degli oscar) per l'industria cinematografica americana.

    Il punto è che l'academy non è né "accademia" vera né critica, né pubblico ma addetti ai lavori e al 90% quegli addetti ai lavori sono attori avanti con gli anni che probabilmente di film come tanti attori non ne capiscono una beneamata minchia  e non gli va di vedere film che sfidano il loro angolino confortevole

    Queste sono illazioni senza fondamenta messe in piedi solo per screditare le scelte dell'academy. Infatti degli oltre 5000 membri (quindi non parliamo di 4 gatti) appartenenti a 35 nazioni diverse (la maggior parte ovviamente sono statunitensi), circa il 20% sono attori, i restanti appartengono ad altre 16 branche della produzione cinematografica (registi, costumisti, scenografi, produttori, sceneggiatori ecc.) e secondo un recente studio, solo il 50% circa dei membri supera i 60 anni.
    Quindi di cosa stiamo parlando? Di qualche critico snob e frustrato che vuole delegittimare una platea così eterogenea e competente di persone, solo perché il film per cui faceva il tifo non ha vinto qualche statuetta? Ma per favore...
    https://www.digitalspy.com/movies/oscars/a621921/who-votes-for-the-oscars/
    L'anno scorso hanno fatto pulizia dei membri votanti togliendo il voto a chi non lavorava più da un tot di anni e invintando altra gente più giovane, solo un paio di anni fa un oscar a Spike Lee, altri due a un film di Netflix e una nomination a Black Panther non li avrebbero dati nemmeno sotto tortura ma è evidente che la vecchia guardia ha ancora abbastanza potere da avere ancora qualche influenza.

    Per quanto riguarda Green Book non si tratta nemmeno di critica snob, ma proprio di critica più terra-terra  che ha visto il film e vi ha visto tanti problemi di fondo oltre a una generale piaggeria da fiction televisiva (persino la famiglia di uno dei tizi su cui il film è basato si è lamentata di come il personaggio fosse distorto in modo da far fare bella figura al tassista bianco), pure Samuel L. Jackson ha fatto una faccia abbastanza eloquente annunciando Green Book come vincitore.
    « Ultima modifica: 25 Febbraio 2019, 23:07:31 da Det. Bullock »
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

    Offline phoenix_81

    • *****
    • Nerd geneticamente modificato
    • Post: 3263
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #39 il: 25 Febbraio 2019, 23:07:51 »



  • Questi premi nascono solo per il giro di milioni che "volteggiano" attorno ai premiati.
    Negli USA c'è l'Academy, in italia una baggianata simile (una giuria che decide quale è il "prodotto artistico " migliore) si ha con  le giurie del Festival di Sanremo.

    Perché c'è sempre questa voglia di voler premiare OGGETTIVAMENTE un prodotto artistico, mentre notoriamente l'Arte è SOGGETTIVA.


    In linea di massima sono d'accordo con te col dire che qualsiasi concorso (anche Miss maglietta bagnata) serve per smuovere il settore e non può certamente eleggere un vincitore oggettivo che vada bene per chiunque.
    Ma resta il fatto che qualunque artista vorrebbe ottenere un riconoscimento da una platea cosi vasta di colleghi  (non critici incapaci che si limitano a giudicare il lavoro gli altri) e la vera buffonata è tentare di sminuire dall'esterno il valore di questo riconoscimento.

    Offline phoenix_81

    • *****
    • Nerd geneticamente modificato
    • Post: 3263
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #40 il: 25 Febbraio 2019, 23:17:34 »


  • solo un paio di anni fa un oscar a Spike Lee, altri due a un film di Netflix e una nomination a Black Panther non li avrebbero dati nemmeno sotto tortura ma è evidente che la vecchia guardia ha ancora abbastanza potere da avere ancora qualche influenza.

    Quello che è evidente per me è che la cerimonia stava perdendo share e si é cercato di rimediare in qualche modo (vedi anche la proposta di introdurre l'oscar per il miglior film popolare).

    Online Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7352
    • Madman with a Box
    Re:Oscar 2019: nomination, pronostici, vincitori
    « Risposta #41 il: 26 Febbraio 2019, 03:49:45 »


  • solo un paio di anni fa un oscar a Spike Lee, altri due a un film di Netflix e una nomination a Black Panther non li avrebbero dati nemmeno sotto tortura ma è evidente che la vecchia guardia ha ancora abbastanza potere da avere ancora qualche influenza.

    Quello che è evidente per me è che la cerimonia stava perdendo share e si é cercato di rimediare in qualche modo (vedi anche la proposta di introdurre l'oscar per il miglior film popolare).

    Quello era più un caso simile a quello della Bella e la Bestia, quando ricevette la nomination per miglior film l'academy corse subito ai ripari creando la categoria separata per i film d'animazione, un caso di ghettizzazione insomma. Fortunatamente oggigiorno coi social media c'è stata una rivolta e ci hanno rinunciato.
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor