Autore Topic: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi  (Letto 35625 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Gohan

  • Sinestro Corps
  • *
  • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
  • Post: 1457
  • "La libertà comincia dall'ironia" (Victor Hugo)
    • Fumetti made in Usa
Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
« il: 26 Ottobre 2010, 15:25:35 »


  • Il primo film avente per protagonista il celebre personaggio Marvel creato da Stan Lee e Steve Ditko vide la luce nel 1977; si trattava di un film per la tv intitolato "The Amazing Spider-Man" (l'Uomo Ragno veniva interpretato dall'attore Nicholas Hammond), che costituiva l'episodio pilota dell'omonima serie televisiva. Successivamente, utilizzando alcuni episodi della serie, vennero realizzati altri due film per la tv: "Spider Man Strikes Back" (1978) e "Spider-Man: The Dragon's Challenge".
    Dopo l'uscita di questi tre film tv, di fattura oggettivamente mediocre, a partire dal 1985 il personaggio di Spider-Man fu al centro di numerosi progetti cinematografici che però, per un motivo o per l'altro, non videro mai la luce (fra i vari registi che durante il corso degli anni vennero contatti per la scrittura di una sceneggiatura ci fu anche James Cameron).
    La svolta si ebbe nel 1999, quando la Columbia Pictures, un'associata della Sony Pictures, acquisì i diritti del personaggio affidando la regia del progetto a Sam Raimi.

    Fra il 2002 e il 2007 il connubio fra la Sony e il regista Sam Raimi ha prodotto l'uscita di tre film:
    -"Spider-Man" (2002);
    -"Spider-Man 2" (2004);
    -"Spider-Man 3" (2007).

    Poichè nel 2010 la Sony ha annunciato il riavvio del franchise di Spider-Man affidando il nuovo progetto al regista Marc Webb la saga si Sam Raimi è da considerarsi conclusa con il terzo capitolo.


    La trilogia di Sam Raimi è stata un enorme successo commerciale, incassando globalmente 2.496.346.518 dollari.


    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    "Spider-Man" (2002)
    Regia: Sam Raimi.
    Cast: Tobey Maguire, Kirsten Dunst, Willem Dafoe, James Franco, J. K. Simmons.


    Trama:
    Spoiler: ShowHide
    Il giovane studente Peter Parker (Tobey Maguire) vive con gli anziani zii, studia al college, è innamorato della bella Mary Jane Watson (Kirsten Dunst), ha l'hobby della fotografia ed è molto timido con le ragazze. Peter Parker, in pratica, è un comunissimo adolescente americano.
    Non per molto però, infatti un incidente cambia radicalmente la sua vita: durante una gita con la sua classe in un laboratorio che compie ricerche biologiche, viene morso da un ragno geneticamente modificato che gli procura dei poteri eccezionali. Peter diventa fortissimo, gli scompare la miopia, riesce a percepire il pericolo prima che avvenga, ha un'agilità da ragno e come un ragno produce una ragnatela molto resistente e può arrampicarsi sulle pareti a mani nude.
    Peter cerca di sfruttare subito il suo nuovo stato, ma ben presto, a causa della tragica morte dello zio Ben per mano di un criminale, che viene presto catturato da Peter e dalla polizia, il timido studente assume l'identità segreta di Spider-Man, un supereroe che si ritrova a combattere il crimine vendicandosi dell'assassino di suo zio e soprattutto per scaricare la sua coscienza.
    Il magnate degli armamenti Norman Osborn (Willem Dafoe), scienziato e fondatore della OSCORP, esegue su se' stesso un esperimento su un gas verde per la superforza chiamato Incrementatore di prestazioni ancora in fase sperimentale pur di riuscire a rispettare i termini stabiliti con l'esercito e non perdere il contratto a favore di una compagnia rivale. L'esito del test è drammatico: Osborn quasi muore e il suo collega Mendel Stromm tenta di rianimarlo. Ma appena ripresa conoscenza in un impeto di follia lo uccide.
    Degli avvenimenti non ricorda nulla: in lui iniziano a coesistere due personalità distinte. Il suo lato più oscuro e malvagio prende spesso il sopravvento e, sfruttando la tecnologia della supertuta verde, dell'aliante OSCORP unita alla sua superforza e resistenza e con il viso coperto da un casco dai lineamenti simili alla faccia di un folletto, distrugge la base della compagnia avversaria uccidendone i dirigenti nonché il generale dell'esercito che non aveva fiducia in lui. Le azioni della compagnia vanno alle stelle e Osborn, che non ricorda i suoi misfatti, è molto soddisfatto.
    Quando però i suoi soci del consiglio di amministrazione decidono di vendere la OSCORP contro il suo volere, Osborn si abbandona di nuovo al suo lato malvagio e, durante una manifestazione della Festa del Ringraziamento, li uccide brutalmente lanciando una bomba-zucca sulla balconata dove erano riuniti. In questa occasione si scontra per la prima volta con Spider Man, ossia Peter Parker, migliore amico di suo figlio Harry (James Franco). A quest'ultimo non ha mai dato molta considerazione, preferendogli effettivamente Peter, più intelligente e capace. I giornali etichettano l'identità criminale di Osborn col nome Goblin (in italiano "folletto verde").
    Finalmente Norman si rende conto che lui e il Goblin sono la stessa persona ed elabora un piano per formare un'alleanza con Spider-Man e poi controllare New York. Ovviamente il supereroe rifiuta in ben due occasioni ma nell'ultimo scontro resta ferito ad un braccio. Norman riscontra poi la stessa ferita sul braccio di Peter Parker, mentre stanno pranzando insieme. Sconvolto se ne va e, venuto meno l'affetto che provava nei suoi confronti, viene spinto da Goblin di attaccare Parker colpendo i suoi cari per fargliela pagare. Prima manda in stato di shock la vecchia zia di Peter, May, sfondando una parete della sua casa e minacciandola, e poi rapisce Mary Jane Watson, la ragazza di cui Peter è innamorato.
    Intanto riallaccia anche i rapporti con suo figlio Harry, che dopo tanto tempo sente di aver davvero un padre. Dopo aver portato Mary Jane sul ponte di Brooklyn ingaggia con Spider-Man una battaglia mortale (dove con uno gesto eroico salva Mary Jane e una funivia piena di bambini) che si conclude in una casa abbandonata. Nel cuore del decadente edificio, Peter sta per sconfiggere Goblin quando questi gli svela di esser Norman Osborn, una figura cui comunque il ragazzo è molto legato. Osborn chiede pietà e giustifica i suoi crimini dando la colpa all'influenza di Goblin, ma in realtà ha intenzione di colpire Peter alle spalle con il suo aliante. Peter però si scansa appena in tempo ed è lo stesso Osborn a restare trafitto dal mezzo, morendo. Spider-Man riporta il corpo di Osborn nella sua casa ma è sorpreso da Harry, che si convince che lui lo abbia ucciso e giura vendetta durante il suo funerale. Nonostante ciò, Peter rimane comunque Spider-Man, il paladino di New York.


    Fonte: Wikipedia

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    "Spider-Man 2" (2004)
    Regia: Sam Raimi.
    Cast: Tobey Maguire, Kirsten Dunst, James Franco, Alfred Molina, Rosemary Harris.


    Trama:
    Spoiler: ShowHide
    In questo secondo episodio della saga dell'Uomo Ragno, il giovane Peter Parker si è trasferito in un piccolo appartamento situato nel centro di New York dove si mantiene agli studi con piccoli lavoretti, come il Pizza Express e il fotografo free-lance per il Daily Bugle.
    Il suo amico Harry Osborn ha ereditato dal padre Norman (morto nel primo episodio nei panni del supercriminale Goblin) il pallino per il business della ricerca scientifica e finanzia il quasi premio Nobel dottor Otto Octavius nella ricerca sulla fusione a freddo. Mary Jane, l'amica del cuore di Peter anche lei a New York, tenta invece la strada del successo recitando in teatro e, vista l'indecisione di Peter a impegnarsi sentimentalmente, progetta un matrimonio con il pilota aerospaziale John Jameson, figlio del burbero direttore del Daily Bugle J. Jonah Jameson.
    Tutto procede molto ordinariamente fino a che in seguito ad un incidente nel mezzo di una dimostrazione scientifica, alla quale assistono Peter ed Harry, il dottor Octavius rimane prigioniero dei suoi quattro bracci meccanici collegati tramite un complesso sistema neurale alla sua mente. L'incidente ha conseguenze gravissime sulla psiche del dottore, come si desume dalla strage da lui compiuta degli infermieri che cercano di rimuovere le sue protesi biomeccaniche. Nel giro di poco tempo i tentacoli, irremovibili e non più tenuti a freno da uno speciale chip inibitore (distrutto nell'incidente), assumono il controllo del cervello del dottore, che diventa il supercriminale Doc Ock.
    Il criminale fugge dalla città e si rifugia su una palafitta abbandonata nel porto di New York e decide di rapinare la banca della città per avere i soldi che userà per ricostruire il suo macchinario scientifico. La rapina procede bene, ma interviene Spider-man che nonostante abbia la vittoria in pugno e salvando zia May dal criminale, si fa scappare Doc Ock che fugge con molti milioni. Peter nota di avere dei problemi con i suoi superpoteri, che continuano a scomparire e ricomparire, perciò decide di buttare via il suo costume e di non essere più un supereroe. Anche senza poteri, salva una bambina da un incendio, rischiando la vita mentre il Daily Bugle trova il suo costume appendendolo come un trofeo, con gioia di Jameson ma purtroppo, a causa dell'assenza di Spider-Man, il livello di criminalità a New York sale alle stelle.
    Lo scienziato ha bisogno del "Tritio", necessario per ricostruire la sua macchina e quindi si rivolge a Harry, il quale accetta di consegnarglielo in cambio della cattura di Spider-Man, che lo vuole morto perché lo considera il responsabile della morte del padre. Quindi Octopus rapisce Mary Jane per far uscire allo scoperto supereroe. Peter decide di tornare all'azione prendendo il controllo dei suoi poteri e riprendendosi il costume. Ma dopo un violento scontro e salvataggio di un treno, Octopus sconfigge il supereroe e lo consegna ad Harry.
    Ma quest'ultimo quando si trova Spider-Man davanti ma prima di ucciderlo lo smaschera scoprendo con sgomento che il supereroe è il suo migliore amico Peter e quindi non ha il coraggio di ucciderlo. Nel frattempo Mary Jane è ancora ostaggio di Octavius, che ha ricostruito il suo macchinario e rischia di distruggere la città come la prima volta. Spider-Man arriva appena in tempo per evitare il disastro e salva la ragazza, che scopre che Peter Parker e Spider-Man sono la stessa persona, capendo così il perché di improvvise sparizioni e ritardi. Peter riesce a far tornare in se' Octopus, invitandolo a lasciar perdere l'esperimento che avrebbe solo distrutto la città di New York. Il supercriminale salva la città facendo sprofondare il macchinario sott'acqua. Nel farlo però, Otcavius viene trascinato sott'acqua e muore annegato.
    Mary Jane, poco prima dell'inizio della cerimonia del suo matrimonio con John Jameson, scappa per andare da Peter perché capisce che è lui che ama veramente. Nel frattempo, Harry, dopo una diverbio spirituale con il padre, scopre il covo del Goblin...


    Fonte: Wikipedia

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    "Spider-Man 3" (2007)
    Regia: Sam Raimi.
    Cast: Tobey Maguire, Thomas Haden Church, Topher Grace, Kirsten Dunst, James Franco.


    Trama:
    Spoiler: ShowHide
    I titoli di testa illustrano brevemente quanto accaduto in Spider-Man e Spider-Man 2 attraverso l'utilizzo di alcune scene dei primi due film, incastonate tra le trame di una ragnatela nera e misteriosa.
    Peter Parker (Tobey Maguire) sta vivendo forse il periodo più felice della sua vita: è finalmente riuscito a trovare un equilibrio tra l'amore che prova per Mary Jane Watson (Kirsten Dunst) e i suoi doveri da supereroe Spider-Man, e questo giova a tutte le sue attività. È infatti il primo del corso di fisica del professor Connors e il lavoro di fotografo free-lance per il Daily Bugle gli va a gonfie vele. Anche la carriera di Mary Jane sembra procedere bene, perché esordisce come protagonista in un musical a Broadway.
    Allo spettacolo assiste anche Harry Osborn (James Franco), un tempo amico di Peter che ora però odia perché lo ritiene responsabile della morte di suo padre Norman (Goblin). Sapendo che Peter e Spider-Man sono la stessa persona, Harry giura vendetta e dopo lo spettacolo si sottopone anche lui all'Incrementatore di prestazioni (il gas verde in grado di migliorare le capacità fisiche) diventando New Goblin. Intanto, mentre Peter e Mary Jane osservano romanticamente le stelle, un piccolo meteorite cade poco lontano e da questo esce una strana sostanza nera che si attacca al motorino di Peter, seguendolo fino a casa.
    Soddisfatto di come stanno andando le cose, Peter decide di chiedere a Mary Jane di sposarlo, ma subito dopo essersi fatto dare la fede da zia May viene attaccato da Harry a bordo di un aliante a forma di skateboard e con una nuova tuta da Goblin. Alla fine di una lotta molto acrobatica, Harry sbatte violentemente la testa perdendo i sensi e la memoria. Una volta uscito dall'ospedale, infatti, non ricorda più che Spider-Man è in realtà Peter Parker né che lo pensa responsabile della morte di suo padre, con grande gioia di Peter.
    Nel frattempo, dall'altra parte della città il criminale Flint Marko (Thomas Haden Church) evade di prigione e si rifugia in casa propria per poter rivedere sua moglie e sua figlia, che è malata. È però costretto a scappare di nuovo e finisce per attraversare una zona scientifica recintata, e cade in una fossa piena di sabbia proprio mentre gli scienziati la stanno sottoponendo ad un Acceleratore di particelle ruotante che apparentemente dissolve il criminale. Marko però riesce a sopravvivere, ma l'incidente gli ha cambiato la sua struttura molecolare, rendendolo come la sabbia. Più mutato nella mente che nel corpo, Marko decide di dedicarsi a furti in banche e portavalori, facendosi chiamare Uomo Sabbia.
    Intanto, in un batter d'occhio la relazione di Peter e Mary Jane va a rotoli: le critiche dello spettacolo di Mary Jane sono estremamente negative e viene licenziata, mentre lui non riesce a dedicarle le attenzioni che si era promesso di darle.
    Durante una parata per la consegna delle chiavi della città a Spider-Man, lui stesso si esibisce con acrobazia arrivando a testa in giù sul palco dove ad attenderlo c’è Gwen Stacy (Bryce Dallas Howard), una sua compagnia del college. Quella parata era anche un segno di riconoscimento verso Spider-Man perché grazie a lui Gwen Stacy era stata salvata dal crollo di un grattacielo causato da una gru fuori controllo. Dopo che il pubblico induce i due ad un bacio con un sostegno rumoroso, Mary Jane vede quell'episodio e si rifugia in casa dell’amico Harry.
    Durante il sonno la nera sostanza aliena aggredisce il corpo di Peter, facendo diventare il suo costume compeltamente nero, che ne rimane però soddisfatto poiché sente di aver riacquistato quella forza fisica e di carattere di cui aveva bisogno. Tuttavia il dottor Connors (cui Peter aveva dato un campione delle sostanza per analizzarla) gli suggerisce di tenersi lontano da questo simbionte perché se rimane per troppo tempo attaccato al suo corpo diventerà molto difficile rimuoverlo. Peter non gli da ascolto e non riesce a resistere dall'indossare il suo nuovo affascinante costume da Spider-Man. Qualche giorno dopo, lui e zia May vengono informati dalla polizia che è stato Flint Marko ad uccidere l'amato zio Ben, e non il suo complice come si era sempre creduto. Furioso, quella notte Peter indossa il costume nero e si mette a caccia di Marko. Lo trova in un tunnel sotterraneo della metropolitana e, spinto dal costume che sembra aumentare la sua rabbia, ingaggia una feroce lotta al termine della quale fa discogliere L'Uomo Sabbia nell'acqua, inducendo Peter a credere che Marko sia morto.
    Al Daily Bugle un altro fotografo, chiamato Eddie Brock (Topher Grace), ha delle foto migliori che riguardano Spider-Man con il suo nuovo costume nero e ottiene quel lavoro fisso come fotografo ufficiale tanto sperato da Peter Parker. Il rancore, unito all'aggressività data dal simbionte nero, portano Peter ad umiliare il rivale soffiandogli la ragazza (Gwen Stacy e mostrando che in realtà la foto erano fasulle (un fotomontaggio di una vecchia foto scattata da Peter), facendo licenziare Eddie all’istante.
    Harry Osborn, intanto, riacquista la memoria perduta e rammenta di dover portare a termine la sua vendetta nei confronti di Peter. Costringe così Mary Jane a lasciarlo e a fingere di amare di nuovo Harry. A casa di quest'ultimo i due si affrontano: Peter è spinto dalla negatività del nuovo costume e, dopo averlo sconfitto ed umiliato a parole, gli fa volontariamente esplodere vicino una mina-zucca, che sfigura Harry al lato destro del volto. Tornato a casa, Peter riceve una telefonata dal dottor Connors, che preoccupato lo avvisa che il simbionte, oltre ad amplificare le prestazioni fisiche, è in grado di far emergere i comportamenti più oscuri e negativi della personalità. Peter però non lo ascolta neanche, troppo felice per la vittoria su Harry.
    A questo punto Peter Parker si reca con Gwen Stacy nel locale dove Mary Jane deve umilmente lavorare come cameriera e cantante jazz. Peter prima si esibisce in un ballo sfrenato mettendo la sua ex in imbarazzo, poi provoca una rissa durante la quale finisce per colpirla mandandola a terra. Disgustato dal suo comportamento, Peter vestito da Spider-Man nero si rifugia nel campanile di una chiesa cattolica per tentare di togliersi il malvagio costume, che però gli si è ormai attaccato. Quando la campana comincia a suonare, la sostanza nera, indebolita dal suono, comincia a staccarsi dal corpo di Peter, che inizia a strapparsela e riesce a togliersela. Eddie Brock, che era nella chiesa per pregare, ed è furibondo per quello che Peter gli ha fatto, raggiunge il campanile incuriosito dalle urla che sente e incappa nella sostanza aliena, che staccandosi dal corpo di Peter gli cade addosso e lo trasforma in una oscura, mostruosa e sadica creatura: Venom. Intanto, L'Uomo Sabbia si riprende dalla liquefazione subita da Spider-Man e vuole vendicarsi.
    Venom e L'Uomo Sabbia, volendo entrambi eliminare Spider-Man, decidono di unirsi e di tendergli una trappola: catturano Mary Jane e la intrappolano in un taxi sopra un grattacielo e attendono l'arrivo del supereroe, sicuri che si sarebbe recato sul posto per salvare la ragazza. Spider-Man, quando viene a sapere dell'accaduto si reca a casa di Harry, sperando nel suo aiuto, ma questi rifiuta decisamente. Tuttavia Harry viene a sapere dal suo maggiordomo Bernard Shaw che il padre non era stato in effetti ucciso per mano di Spider-Man, ma che si era trattato di un incidente.
    Durante la lotta tra Venom, L'Uomo Sabbia e Spider-Man, quest'ultimo non ha più forze ed è destinato ad una morte certa ma a questo punto arriva Harry con i propri poteri in suo aiuto. Insieme, liberano Mary Jane e fianco a fianco ingaggiano un vertiginoso combattimento contro i due supercriminali. L'Uomo Sabbia viene messo K.O. dall'aliante di Harry, il quale, durante lo scontro, viene trafitto dalle lame del suo stesso aliante da Venom. Furioso, Spider-Man capisce che l'unico modo per sconfiggere Venom è di sfilargli il costume, e per far ciò utilizza le vibrazioni provocate dai pali di ferro incassati nel pavimento, circondandolo a gabbia. Una volta che Eddie è stato diviso dal costume, Peter vi scaglia dentro una mina-zucca di Harry, ma all'ultimo istante Eddie si getta nuovamente dentro il mostro e l'esplosione uccide entrambi.
    Harry non riesce a sopravvivere dalla ferita, ma avrà tempo per un ultimo struggente addio a Mary Jane e Peter, di nuovo il suo migliore amico. L'Uomo Sabbia si riprende e rivela a Peter che lui non voleva uccidere suo zio, ma è stato un incidente, in quanto mentre lui intimava a suo zio di dargli l'auto, il complice l'aveva violentemente urtato, facendo partire lo sparo che l'aveva ucciso. Marko viene perdonato da Peter, il quale riprende la felice relazione con Mary Jane, mentre Marko si dissolve nell'aria tornando dalla sua famiglia.
    Il film si conclude con il funerale di Harry dove Peter dice allo spettatore che tutti possono cambiare la strada dal male al bene.


    Fonte: Wikipedia

    -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    C'è poco da dire, per un fan dell'Uomo Ragno questa trilogia ha rappresentato la realizzazione di un sogno.
    Un plauso al lavoro realizzato da Sam Raimi.


    spiderman kiss scene
    « Ultima modifica: 26 Ottobre 2010, 15:58:12 da Gohan »
    "Prima usavamo santificare i nostri eroi. L'orientamento moderno è quello di volgarizzarli.
    Edizioni economiche di grandi libri possono essere deliziose, ma edizioni economiche di grandi uomini sono assolutamente detestabili."

    (Oscar Wilde)



    Daredevil

    • Visitatore
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #1 il: 26 Ottobre 2010, 15:47:41 »
  • Molti belli.
    Li ho adorati tutti e tre, specialmente il secondo (secondo me è il migliore della trilogia).


    Se penso che erano in programma altri 3 film su Spidey di Raimi :dowson:
    « Ultima modifica: 26 Ottobre 2010, 16:01:37 da Matt Murdock »

    Offline Gohan

    • Sinestro Corps
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1457
    • "La libertà comincia dall'ironia" (Victor Hugo)
      • Fumetti made in Usa
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #2 il: 26 Ottobre 2010, 15:56:37 »
  • Per quanto mi riguarda l'uscita del primo è stata indimenticabile, sia per l'attesa frenetica che l'aveva preceduta sia per l'entusiasmo di vedere finalmente il proprio personaggio preferito protagonista per la prima volta di una trasposizione cinematografica degna di questo nome; detto questo anche secondo me "Spider-Man 2" dei tre è quello più bello.

    Sul riavvio del franchise e sulle anticipazioni trapelate fino ad ora preferisco censurarmi e non dire nulla!
    « Ultima modifica: 27 Ottobre 2010, 13:54:11 da Gohan »
    "Prima usavamo santificare i nostri eroi. L'orientamento moderno è quello di volgarizzarli.
    Edizioni economiche di grandi libri possono essere deliziose, ma edizioni economiche di grandi uomini sono assolutamente detestabili."

    (Oscar Wilde)



    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • King Nerd
    • Post: 31387
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #3 il: 26 Ottobre 2010, 16:00:30 »
  • Dei tre preferisco il terzo, ma sono tutti eccezionali, davvero dei film grandiosi.
    Vendo vari Alan Moore, Grant Morrison, Frank Miller




    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Gohan

    • Sinestro Corps
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1457
    • "La libertà comincia dall'ironia" (Victor Hugo)
      • Fumetti made in Usa
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #4 il: 26 Ottobre 2010, 16:19:56 »
  • Soprattutto hanno il merito di essere riusciti a cogliere in pieno lo spirito del personaggio, riuscendo nell'intento di soddisfare sia i lettori del fumetto sia il grande pubblico (obiettivo che per quanto riguarda questo genere di prodotti spesso risulta ostico da conseguire).

    Oltre che a Sam Raimi merita un grande apprezzamento anche il cast.
    Tobey Maguire e Kirsten Dunst sono un Peter Parker e una Mary Jane Watson semplicemente perfetti!


    "Prima usavamo santificare i nostri eroi. L'orientamento moderno è quello di volgarizzarli.
    Edizioni economiche di grandi libri possono essere deliziose, ma edizioni economiche di grandi uomini sono assolutamente detestabili."

    (Oscar Wilde)



    Lois Lane

    • Visitatore
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #5 il: 26 Ottobre 2010, 16:35:30 »
  • moooooolto belli  ;)

    Online Largand

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 10976
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #6 il: 26 Ottobre 2010, 16:35:40 »
  • Il secondo ancor migliore del primo.
    Il terzo così-così.
    (IMHO)
    Sono un cittadino dello spazio. Mi ritengo quindi Apolide...e non italiano.

    Offline Matches Malone

    • Batman Inc.
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12960
    • Imagination is the 5th dimension.
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #7 il: 26 Ottobre 2010, 16:41:43 »
  • Dei tre preferisco il terzo, ma sono tutti eccezionali, davvero dei film grandiosi.

    Anch'io.

    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 154443
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Azrael's Cave IG
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #8 il: 26 Ottobre 2010, 17:09:25 »
  • Mi sono piaciuti molto, il migliore secondo me è il secondo!
    il terzo potrebbe essere il migliore come effetti e tutto solo è che a tratti la trama non è stata bella!!!

    Riuscissero a ripetere il successo con il nuovo film sarebbe fantastico!!
    « Ultima modifica: 09 Luglio 2012, 02:03:56 da Azrael »
    INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE



    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Offline Gohan

    • Sinestro Corps
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1457
    • "La libertà comincia dall'ironia" (Victor Hugo)
      • Fumetti made in Usa
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #9 il: 27 Ottobre 2010, 13:56:29 »
  • Il secondo ancor migliore del primo.
    Il terzo così-così.
    (IMHO)
    Anche la mia personale classifica di gradimento è secondo-primo-terzo.
    Detto ciò li riguardo sempre volentieri tutti e tre.
    "Prima usavamo santificare i nostri eroi. L'orientamento moderno è quello di volgarizzarli.
    Edizioni economiche di grandi libri possono essere deliziose, ma edizioni economiche di grandi uomini sono assolutamente detestabili."

    (Oscar Wilde)



    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 154443
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Azrael's Cave IG
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #10 il: 27 Ottobre 2010, 14:21:43 »
  • Il secondo ancor migliore del primo.
    Il terzo così-così.
    (IMHO)
    Anche la mia personale classifica di gradimento è secondo-primo-terzo.
    Detto ciò li riguardo sempre volentieri tutti e tre.

    Stesso identico pensiero  :ahsisi:
    INSTAGRAM: AZRAEL'S CAVE



    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Offline Morfeo

    • B.P.R.D.
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 14419
    • Mr. Wednesday in incognito
      • Yggdrasil
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #11 il: 27 Ottobre 2010, 16:52:52 »
  • I primi due mi sono piaciuti moltissimo  :wub: :wub: :wub: :wub: :wub:.
    Il fu Morfeo
    ehi.. ragazzo.. ricordi quello che ti ho detto sulla terra, ai vecchi tempi.. su ordine e caos e quelle cazzate? L'ordine. Ciarpame.Il caos spazzatura. Erano solo nomi che descrivevano la stessa cosa: il gorgogliare, il vorticare e lo zampillare di protoplasma, illuso che ci sia un senso al mondo.. non c'è nessun senso.. c'è solo carne e morte..
    Vi veri Vniversum Vivus Vici

    Daredevil

    • Visitatore
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #12 il: 27 Ottobre 2010, 18:31:06 »
  • Il secondo ancor migliore del primo.
    Il terzo così-così.
    (IMHO)
    Anche la mia personale classifica di gradimento è secondo-primo-terzo.
    Detto ciò li riguardo sempre volentieri tutti e tre.
    :up:

    Offline Det. Bullock

    • Arkham Asylum
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 7717
    • Madman with a Box
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #13 il: 27 Ottobre 2010, 19:42:34 »
  • Tutti e tre molto belli! :D
    Il terzo ha solo il problema di essere un po' troppo compresso, per il resto è alla pari degli altri due.
    "I pity the poor shades confined to the euclidean prison that is sanity." - Grant Morrison
    "People assume  that time is a strict progression of cause to effect,  but *actually*  from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more  like a big ball  of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor
    Il mio canale Youtube.

    hey

    • Visitatore
    Re: Spider-Man - La trilogia di Sam Raimi
    « Risposta #14 il: 01 Novembre 2010, 21:29:09 »
  • il primo è il mio preferito il secondo è bellissimerrimo e il terzo non mi ha fatto impazzire :sisi: