Autore Topic: [TV] Daredevil 2.0 (Netflix)  (Letto 48892 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline superxeno

  • *
  • Legge a malapena il suo nome...
  • Post: 283
  • Io sono la speranza
Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
« Risposta #915 il: 23 Gennaio 2019, 12:10:46 »
  • C'è una petizione con più di 200 mila firme sponsorizzata anche dagli attori dello show:

    https://www.change.org/p/netflix-disney-and-marvel-tv-studios-save-daredevil

    Io ho firmato, di solito Netflix si dimostra molto attenta a queste cose.  :sisi:

    anche se fossero un milione,Disney è subentrata, si farà il suo canale di streaming e come tutti immaginano riproporrà le sue versioni di questi eroi

    Siamo abbastanza d'accordo. Netflix però ha ancora 3 anni di gestione del personaggio se partisse oggi potrebbe fare una stagione da 10 episodi in cui banalmente potrebbe far morire Matt. Fare contenti fan e spendere 0 euro aggiuntivi. Tutti ambo le parti felici
    Sometimes I feel so deserted

    Offline Dean Winchester

    • Batman Inc.
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 14445
    • Gwynbleidd
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #916 il: 23 Gennaio 2019, 13:29:45 »
  • C'è ancora tempo per il canale Disney, nel dubbio firmo.

    Offline Bramo

    • Batman Inc.
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1596
      • L'Odore della Pioggia
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #917 il: 09 Maggio 2019, 21:55:10 »
  • Arrivo da buon ultimo, ma finalmente ho visto anch'io la terza stagione di Daredevil.
    Concordo con gli entusiasmi espressi dalla maggioranza degli utenti in queste ultime 10 pagine di topic.

    È una bomba tale che a mio avviso supera persino la prima (che mi sono rivisto, insieme alla seconda e a Defenders, prima di vedere la terza, confermando che al netto di Elektra la season 2 mi ha convinto poco per la trama pur apprezzandone l'atmosfera oppressiva).
    Ma la terza mantiene comunque quell'atmosfera lì, la porta all'estremo e la innesta su una trama claustrofobica pazzesca.

    Matt che si fa terra bruciata allontanando Foggy e Karen, che deve recuperare le proprie abilità ma soprattutto la sua forza d'animo dopo gli eventi precedenti, è una versione tragica del personaggio che trovo sia stata resa benissimo tanto dalla sceneggiatura quanto dall'interpretazione di Charlie Cox, davvero maiuscola.
    Il monologo dell'ultimo episodio, in cui allude alle "possibilità che ha un uomo senza paura", è molto ben scritto e il richiamo al celebre appellativo legato a Daredevil è assai apprezzabile.

    Le influenze da Rinascita e da Guardian Devil sono gestite molto bene: ho apprezzato che si siano utilizzate quelle storie non adattandole in modo pedissequo ma prendendone elementi qua e là, innestandoli sulla macrotrama dello show - che segue regole sue - e amalgamando il tutto in maniera riuscita, ottenendo le stesse atmosfere drammatiche e hard-boiled del Daredevil a cui la serie Netflix più si ispira (quello milleriano).
    Avere un Matt Murdock così disperato e disilluso, così sull'orlo della dannazione, innalza molto il tono della serie e per la prima volta non ho avvertito quello "stretch" eccessivo nella lunghezza della stagione, ma tutti gli episodi e gli snodi mi sono sembrati avere il giusto ritmo narrativo.

    Ottime le figure della suora Maggie, di Padre Lantom, di "Dex" Poindexter, di Nadeem e ovviamente di Wilson Fisk: Vincent D'Onofrio rende il boss glaciale e calcolatore come non mai, superando la sua già superba interpretazione, fornita nella prima stagione.
    Il modo in cui gli episodi raccontano la lenta ma costante crescita di privilegi che il "prigioniero" Fisk riesce a ottenere è inquietante e rende il villain davvero pericoloso.

    Dei comprimari, è soprattutto Karen a spiccare:
    Spoiler  :
    apprezzo che si sia chiusa la faccenda rimasta in sospeso dell'omicidio di Wesley che aveva commesso nella prima stagione e mi è piaciuta anche la puntata con il lungo flashback che la riguarda, e che incrina la candida figura dell'ex segretaria avvicinandola almeno in parte alla versione fumettistica.

    E poi c'è la lunga scena di Matt che deve lottare contro tutte le guardie carcerarie corrotte per uscire dalla prigione, che fa il paio con quella della prima stagione quando andava a salvare il bambino rapito ma che qui riesce a essere ancora migliore, un vero godimento e uno dei punti più alti di tutto il progetto.

    Un prodotto di alta qualità, secondo me, che centra perfettamente il personaggio e il suo ambiente narrativo, riportando fedelmente le atmosfere che meglio calzano addosso a questo eroe.
    Un vero peccato che a livello produttivo le cose siano andate come sono andate, credo che avremmo potuto aspettarci almeno un'altra grande stagione sempre su questa falsariga e invece è tutto finito. Ma almeno abbiamo una racconto compatto e coeso, una trilogia solida e di grande spessore.

    Offline Sogno

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1368
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #918 il: 09 Maggio 2019, 22:12:57 »
  • Ci aspettava una quarta stagione nel segno di Bullseye.
    Peccato davvero non poterla vedere.

    Offline Robin

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1862
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #919 il: 09 Maggio 2019, 23:53:14 »
  • @ Bramo: complimenti x il tuo splendido commento che sottoscrivo in pieno  :clap:

    Offline Ale87reds

    • Arkham Asylum
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2185
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #920 il: 10 Maggio 2019, 15:29:46 »
  • Arrivo da buon ultimo, ma finalmente ho visto anch'io la terza stagione di Daredevil.
    Concordo con gli entusiasmi espressi dalla maggioranza degli utenti in queste ultime 10 pagine di topic.

    È una bomba tale che a mio avviso supera persino la prima (che mi sono rivisto, insieme alla seconda e a Defenders, prima di vedere la terza, confermando che al netto di Elektra la season 2 mi ha convinto poco per la trama pur apprezzandone l'atmosfera oppressiva).
    Ma la terza mantiene comunque quell'atmosfera lì, la porta all'estremo e la innesta su una trama claustrofobica pazzesca.

    Matt che si fa terra bruciata allontanando Foggy e Karen, che deve recuperare le proprie abilità ma soprattutto la sua forza d'animo dopo gli eventi precedenti, è una versione tragica del personaggio che trovo sia stata resa benissimo tanto dalla sceneggiatura quanto dall'interpretazione di Charlie Cox, davvero maiuscola.
    Il monologo dell'ultimo episodio, in cui allude alle "possibilità che ha un uomo senza paura", è molto ben scritto e il richiamo al celebre appellativo legato a Daredevil è assai apprezzabile.

    Le influenze da Rinascita e da Guardian Devil sono gestite molto bene: ho apprezzato che si siano utilizzate quelle storie non adattandole in modo pedissequo ma prendendone elementi qua e là, innestandoli sulla macrotrama dello show - che segue regole sue - e amalgamando il tutto in maniera riuscita, ottenendo le stesse atmosfere drammatiche e hard-boiled del Daredevil a cui la serie Netflix più si ispira (quello milleriano).
    Avere un Matt Murdock così disperato e disilluso, così sull'orlo della dannazione, innalza molto il tono della serie e per la prima volta non ho avvertito quello "stretch" eccessivo nella lunghezza della stagione, ma tutti gli episodi e gli snodi mi sono sembrati avere il giusto ritmo narrativo.

    Ottime le figure della suora Maggie, di Padre Lantom, di "Dex" Poindexter, di Nadeem e ovviamente di Wilson Fisk: Vincent D'Onofrio rende il boss glaciale e calcolatore come non mai, superando la sua già superba interpretazione, fornita nella prima stagione.
    Il modo in cui gli episodi raccontano la lenta ma costante crescita di privilegi che il "prigioniero" Fisk riesce a ottenere è inquietante e rende il villain davvero pericoloso.

    Dei comprimari, è soprattutto Karen a spiccare:
    Spoiler  :
    apprezzo che si sia chiusa la faccenda rimasta in sospeso dell'omicidio di Wesley che aveva commesso nella prima stagione e mi è piaciuta anche la puntata con il lungo flashback che la riguarda, e che incrina la candida figura dell'ex segretaria avvicinandola almeno in parte alla versione fumettistica.

    E poi c'è la lunga scena di Matt che deve lottare contro tutte le guardie carcerarie corrotte per uscire dalla prigione, che fa il paio con quella della prima stagione quando andava a salvare il bambino rapito ma che qui riesce a essere ancora migliore, un vero godimento e uno dei punti più alti di tutto il progetto.

    Un prodotto di alta qualità, secondo me, che centra perfettamente il personaggio e il suo ambiente narrativo, riportando fedelmente le atmosfere che meglio calzano addosso a questo eroe.
    Un vero peccato che a livello produttivo le cose siano andate come sono andate, credo che avremmo potuto aspettarci almeno un'altra grande stagione sempre su questa falsariga e invece è tutto finito. Ma almeno abbiamo una racconto compatto e coeso, una trilogia solida e di grande spessore.



    Già... la mia speranza è che la Disney gli dia una possibilità al cinema

    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 15281
    • Mmmmmadness
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #921 il: 24 Maggio 2019, 11:33:08 »
  • Ho finalmente visto la seconda stagione.

    Spoiler  :
    A differenza della prima, ho impiegato mesi per finirla, un po' perché non mi prendeva poi così tanto, un po' per questioni di tempo e di priorità.
    La stagione ha tre nuclei che ruotano attorno a tre personaggi: Matt, Elektra e Frank. Quest'ultimo è stato per me altalenante: a volte mi ha proprio gasato, come quando è in cella, altre mi ha annoiato.
    Elektra è uno dei miei personaggi femminili preferiti e vederla nella serie è stato un piacere. È stata caratterizzata bene, sebbene la questione Black Sky non mi abbia convinto per niente. Elodie Yung mi ha stregato: è bellissima, elegante e sensuale. La nota negativa è la voce italiana che le hanno assegnato, con annessa l'interpretazione della doppiatrice. In originale è un'altra storia.
    La vicenda di Matt vive di alti e bassi, ma nelle due puntate finali gli eventi mettono in ordine quanto accaduto in precedenza. Il costume mi piace moltissimo.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)
    I believe hopelessness is an aberration. But it is also a state of mind. Thankfully not shared by me. (Lando Calrissian)


    Offline Arkin Torsen

    • Arkham Asylum
    • *
    • Aiutatemi! Ho 4 bambini, non lavoro e devo pagare l'adsl per spammare!
    • Post: 15281
    • Mmmmmadness
    Re:[TV] Daredevil 2.0 (Netflix)
    « Risposta #922 il: 25 Agosto 2019, 19:08:08 »
  • Ho aspettato un po' prima di iniziare la terza stagione, ora l'ho fatto e ho visto le puntate 1-4.
    Le prime tre belle, niente di eccezionale ma mi hanno preso, la quarta straordinaria: tutte le sequenze ambientate nella prigione mi hanno gasato e tenuto con il fiato sospeso. Poi mi è piaciuto molto il momento che ha per protagonista Foggy, in tal senso sono curioso di vedere se il consiglio di Marcy farà bene a mister Nelson. L'attore con i capelli corti mi sembra invecchiato di dieci anni  :lolle:

    La sottotrama di Karen mi lascia perplesso, mentre sto apprezzando la questione religiosa, soprattutto grazie al coinvolgimento del sacerdote e della suora.
    La miglior vendetta è vivere bene, e stronzate del genere (John Constantine)
    I believe hopelessness is an aberration. But it is also a state of mind. Thankfully not shared by me. (Lando Calrissian)