Autore Topic: La Morte di Superman  (Letto 57178 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Hugostrange70

  • ***
  • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
  • Post: 1245
Re:La Morte di Superman
« Risposta #330 il: 01 Ottobre 2020, 21:25:14 »
  • Si ma quel disegno è di bogdanove e ci credo che sia una ciofeca  :lol:

    Offline Colosso

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 89
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #331 il: 01 Ottobre 2020, 22:56:51 »
  • Si ma quel disegno è di bogdanove e ci credo che sia una ciofeca  :lol:

    A me comunque piacevano i disegni di Bogdanove su Superman... li trovavo dinamici e molto adatti a rendere le scene di combattimento. Per i momenti privi di azione effettivamente c'erano disegnatori migliori.
    E' vero il discorso che chi ha cominciato a leggere comics negli anni 80 (io ho cominciato nel 1990 ma le storie erano quelle del decennio precedente) è meno esigente sulla modernità dei disegni e apprezza opere di tutti i tipi.

    Offline Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6618
    • Gotham City
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #332 il: 01 Ottobre 2020, 22:59:50 »
  • Io quasi quasi preferisco quello del '92 :lol:


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline Bobby Drake

    • X-Men
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2903
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #333 il: 01 Ottobre 2020, 23:05:39 »
  • Si sui disegni ti posso dare ragione non erano eccezionali, ma mi ricordo che all epoca non vedevo l ora che uscisse il numero successivo, parlo del quindicinale play press. Parlo del regno dei superman.


    Mamma mia quanto hai ragione, io chiedevo all'edicolante tutti i giorni se era uscito il numero successivo anche se sapevo che non era possibile #stavoalleelementari

    Offline Largand

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 10276
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #334 il: 02 Ottobre 2020, 00:31:39 »
  • Questa é la differenza di cui parlavo nel post precedente.

    1992


    Bella forza!
    Come diceva Hugostrange70 è un disegno di Bogdanove, ed è un qualcosa di osceno.
    Ti prendo io qualche disegno del 1992.

    Che ne dici di questo...



    ...o questo...

    Spoiler  :


    ...o questo...?

    Spoiler  :
    Sono un cittadino dello spazio. Mi ritengo quindi Apolide...e non italiano.

    Online Hugostrange70

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1245
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #335 il: 02 Ottobre 2020, 05:43:58 »
  • Si sui disegni ti posso dare ragione non erano eccezionali, ma mi ricordo che all epoca non vedevo l ora che uscisse il numero successivo, parlo del quindicinale play press. Parlo del regno dei superman.


    Mamma mia quanto hai ragione, io chiedevo all'edicolante tutti i giorni se era uscito il numero successivo anche se sapevo che non era possibile #stavoalleelementari
    Io ero più grandicello (eufemismo) ma l entusiasmo era identico, l idea dei quattro superman che reclamavano il mantello della azzurrone mi gasava da morire. Ricordo che era un epoca in cui difficilmente potevi sapere in America cosa stava succedendo, e le storie te le gustavi all ennesima potenza :w00t:

    Online ClarkArrow46

    • Kryptoniani
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1336
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #336 il: 02 Ottobre 2020, 08:21:29 »
  • Questa é la differenza di cui parlavo nel post precedente.

    1992


    Bella forza!
    Come diceva Hugostrange70 è un disegno di Bogdanove, ed è un qualcosa di osceno.
    Ti prendo io qualche disegno del 1992.

    Che ne dici di questo...



    ...o questo...

    Spoiler  :


    ...o questo...?

    Spoiler  :

    2016



    Lar quelli che hai aggiunto te sono un po' meglio di quello che avevo messo io del '92 ma comunque..

    Tutto ciò che vedo io sono le differenze imbarazzanti nelle gradazioni di colore, negli effetti speciali, nella scelta delle luce e delle ombre, nei dettagli, negli sfondi, nell'enfasi dei movimenti... Non c'è contesto.

    Ti rispetto tantissimo Lar, su questo non ci piove, solo ti chiedo di provare a vederla da un'altro punto di vista.

    E' come chiedere ad un ragazzino di oggi se vuole vedere un film in bianco e nero pluripremiato oppure l'ennesimo film pieno di azione ed effetti speciali di oggi. Non c'è proprio storia. Il secondo.
    Chiamalo salto generazionale, chiamale gusti e tendenze del momento ma ormai sono cose semplicemente sorpassate. Non so come altro spiegarti come la vedo io e credo la maggioranza dei giovani di oggi.

    Per questo il mio sogno per questa storia sarebbe di vederla riproposta ai giorni nostri con disegni moderni, sarebbe davvero strepitosa!



    Offline Clod

    • Moderatore
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 26100
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #337 il: 02 Ottobre 2020, 09:10:45 »
  • Onestamente preferisco che le storie vengano mantenute con il comparto grafico con cui siano uscite.

    Passino i restauri di colori o delle chine, ma per quanto riguarda i disegni, non transigo: a cambiarli si verrebbe a perdere il contesto in cui uscirono le storie all'epoca.

    Anche perché capirei Bogdanove, che fa schifo pure a me, ma Jurgens è uno di quei disegnatori che secondo me sappia dire la sua ancora oggi.

    Inviato dal mio SM-A705FN utilizzando Tapatalk


    We are called Cybermen. We were exactly like you once, but our cybernetic scientists realised that our race was getting weak. Our lifespan was getting shorter, so our scientists and doctors devised spare parts for our bodies until we could be almost completely replaced. Our brains are just like yours, except that certain weaknesses have been removed. Weaknesses like... emotions, pain. You will become like us. You will be upgraded.

    Offline Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6618
    • Gotham City
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #338 il: 02 Ottobre 2020, 11:26:46 »
  • I film dipende. Se in b/n mi fai vedere Stanlio e Olio, A Qualcuno Piace Caldo, La Parola ai Giurati, Lo Spaccone, Gli Spostati, Quarto Potere, ecc o qualsiasi cinecomics del MCU attuale, i Fast an Furious et simili, ti dico tutta la vita i primi e perchè torturarmi facendomi vedere i secondi?

    Coi disegni per me è la stessa cosa, c'è disegno passato bellissimo da vedere ancora oggi e disegno di oggi brutto. I disegni di Lar io li preferisco e di molto da quello postato da Clark che proprio non mi piace nel volto, nella colorazione e illuminazione, mi pare troppo freddo e per nulla fumettoso, non so se mi spiego, eppure non sono anziano, ho iniziato a leggere i supereroi nei primi '00.
    Infine non cambierai mai disegni aduna storia, ma proprio mai, diventerebbe altro, un po' come fare i remake di un film, bello o brutto che esca, sarà sempre un'altra cosa.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline WolveRick

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 123
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #339 il: 02 Ottobre 2020, 12:08:10 »
  • Ragazzi, ognuno ha i suoi gusti e ci mancherebbe.
    Oggi ci sono disegnatori strepitosi, come ce n'erano in passato. I fumetti super-eroistici di oggi tendenzialmente sono più incentrati sull'azione e sul dinamismo, con tante splash pages ad effetto che una volta non c'erano. In passato si costruiva molto la storia sul dialogo, con varie vignette piene di baloon che oggi risulterebbero obsolete e stancanti per gran parte dei lettori. Eppure lavori come questa saga di Superman sono rimaste nei ricordi di tutti proprio perchè erano effettivamente valide. Passi qualche ciofeca dei guest artists (Bogdanove, ma non sempre come dicono moltt, e Immonen in qualche momento) ma mediamente il comparto grafico era totalmente appagante.
    Io non sono un nostalgico, leggo moltissima roba anche dei giorni nostri, ma rabbrividisco a pensare alla saga della Morte+Resurrezione ridisegnata oggi con i colori digitali e i volti del Superman "moderno" (quello nella foto del 2016 non si può vedere, peraltro senza mutandoni).
    Reis, Fabok, Daniel etc. mi piacciono moltissimo alle matite, ma Jurgens su Superman non ha nulla da imparare da nessuno, per quanto mi riguarda.

    Offline Largand

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 10276
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #340 il: 02 Ottobre 2020, 12:26:35 »
  • I disegni di Lar io li preferisco e di molto da quello postato da Clark che proprio non mi piace nel volto, nella colorazione e illuminazione, mi pare troppo freddo e per nulla fumettoso, non so se mi spiego, eppure non sono anziano, ho iniziato a leggere i supereroi nei primi '00.
    Perché non conta IL QUANDO hai iniziato a leggere fumetti, ma il gusto personale (ad esempio al forumista Colosso Bogdanove piaceva, e rispetto i suoi gusti, anche se a me Bogdanove non è mai piaciuto).
    Quindi può capitare che un lettore che inizi oggi sia più in sintonia coi disegni di 30-40 anni fa, rispetto a quelli di adesso.
    Io ne ho avuto la prova con mia moglie, che anche se non aveva mai letto prima i super eroi, gradiva di più leggere la mia collezione di Spiderman di Lee/Romita rispetto alle storie ed ai disegni di quel periodo.
    Provai a fargli leggere (era il 1993) lo spiderman di Michelinie-McFarlane/Larsen e quasi mi tirò l'albo in testa  :lolle:.
    Io ad esempio adoro lo stile dei disegnatori dal tratto morbido (tipo Alan Davis, Dale Keown), di quelli bravissimi nei dettagli (George Perez o Tom Grummett per dirne due), e comunque non mi faccio "frenare" dal fatto che magari è un disegnatore di oggi e non del passato.
    Ricordo, tanto per nominarne uno, che mi piacciono moltissimo i disegni di Yldiray Cinar...

    Spoiler  :


    ...e questo disegnatore è in giro da poco più di 10 anni.
    Perché non conta se il disegno è di oggi, di 10 anni fa o di 50 anni fa, quello che fa la differenza è se lo stile del disegnatore incontra o no il nostro gradimento.
    Non dipende dal periodo.

       
    Sono un cittadino dello spazio. Mi ritengo quindi Apolide...e non italiano.

    Offline Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6618
    • Gotham City
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #341 il: 02 Ottobre 2020, 12:35:37 »
  • Concordo e lo stesso discorso infatti vale per i film. Cinar piace molto anche a me.
    Io ad esempio anche se per molti meriterei di essere malmenato, non riesco ad apprezzare quando le storie sono disegnate da Ross, Bermejo o Dell'Otto.

    Un altro fattore che per me conta molto è la colorazione, nel disegno moderno di Clark a me non piace proprio la colorazione così fredda e anche il volto di Superman lo trovo orribile, nei disegni postati da te invece ritrovo uno stile più fumettoso in tutti questi comparti, tolto il viso di Superman che nel mio immaginario è sempre quello un po' mascellone e spigoloso come anche per Batman.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!

    Offline moebius

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1544
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #342 il: 02 Ottobre 2020, 13:06:27 »
  • A me onestamente questo "iperrealismo digitale" di cui si fregiano tanti artisti moderni fa tendenzialmente inorridire in confronto alla maggior parte degli artisti del secolo scorso... Ovviamente dipende da chi e da come e da quale fumetto, non se ne può fare un discorso generale... Per me liquidare la questione con un "siamo giovani preferiamo il peggiore dei disegnatori contemporanei al migliore dei disegnatori vecchi" è assurdo. Anche perché la maggior parte dei disegnatori contemporanei lavorano in questo anonimissimo digitale che è totalmente dimenticabile e artificioso, senza "anima", finto, non rimane nulla di ciò che si legge già dopo 30 minuti. Per dire quella tavola del 2016 che è stata postata non la trovo particolarmente memorabile...

    Per dire, è vero che un ragazzino oggi non si va a vedere "luci della città" di Chaplin (così oltre al b&w andiamo addirittura sul muto :asd:), però ciò non toglie che sia uno dei più bei film della storia del cinema e che se avesse la pazienza di vederlo e capirlo e immagazzinarlo si farebbe un gran favore personale :asd:

    Detto ciò ci aggiungo una considerazione in Spoiler per non appesantire l'OT:
    Spoiler  :
    trovo estremamente interessante il fatto che la contemporaneità del nostro amato medium fumettistico stia tornando molto pesantemente verso questo realismo, considerando che il fumetto nasce come arte pop da un filone artistico di netta contrapposizione al realismo... Per l'arte in generale questo discorso non vale e si passa nel tempo dai quadri di Caravaggio alle tele tagliate di Fontana. Quello che dice @ClarkArrow46 sottintende in qualche modo che un ragazzino di oggi si trovi molto più a suo agio con un Caravaggio (1600) rispetto a un Fontana (1900), cosa di cui io sono profondamente convinto e che ha a che fare con la fruibilità delle opere. Espressioni artistiche molto più vicine a noi (più astratte e concettuali) sono anche state sviluppate come molto meno accessibili, e quindi si torna automaticamente alle espressioni vecchie. Ma non facciamoci il dispetto di confondere "accessibile" con "nuovo" :sisi: perché tendenzialmente è l'esatto contrario, e non è così inverosimile accomunare il nuovissimo Fast&Furious 9 del 2021 al cinema delle attrazioni dei Lumière del primo '900 più che al cinema moderno di Kubrick (anni '50-'80) o autoriale di Haneke (dagli anni '90 a oggi) con cui veramente non ha nulla da spartire.
    P.s. specifico che ho 24 anni e quindi non posso che concordare con @Largand sul discorso dell'età... Però @Cosmonauta ti prego non toccarmi Dell'Otto :asd: per me lui è su un altro piano dimensionale, anche se paragonato a Ross (lapidatemi pure ora)
    « Ultima modifica: 02 Ottobre 2020, 13:09:00 da moebius »

    Offline Largand

    • Lanterne Verdi
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 10276
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #343 il: 02 Ottobre 2020, 13:14:47 »
  • nel disegno moderno di Clark a me non piace proprio la colorazione così fredda e anche il volto di Superman lo trovo orribile, nei disegni postati da te invece ritrovo uno stile più fumettoso in tutti questi comparti
    Guarda i colori brillanti di questo scontro tra Superman e Doomsday disegnato da Dan Jurgens...

     :ahsisi:
    (Devi ridurre l'immagine del browser al 25% per apprezzare il disegno nella sua interezza)

    Spoiler  :
    Sono un cittadino dello spazio. Mi ritengo quindi Apolide...e non italiano.

    Offline Cosmonauta

    • Batman Inc.
    • *
    • Concubina di Geoff Johns
    • Post: 6618
    • Gotham City
    Re:La Morte di Superman
    « Risposta #344 il: 02 Ottobre 2020, 13:31:39 »
  • @moebius Ma a me Dell'Otto piace tantisismo, ma come copertinista o artisti di tavole singole, la stessa cosa vale per Ross e Bermejo, è quando sono i disegnatori completi di una storia che non riesco ad apprezzarli e mi appesantiscono la lettura.

    @Largand Bellissima quella tavola, mi piace tantissimo sia il disegno, sia la colorazione. Il mio gusto e preferenza è molto legato a quello stile, io ci vedo tanto fumetto. Questo è lo stile che preferisco, colori belli accesi (poi chiaro dipenda dalla storia) e tratto che va al cartoon al realistico, tracciando una linea centrale perfetta. Infatti i miei disegnatori preferiti sono Lee, Fabok, Frank, Finch, Immonen, ecc proprio perchè stanno in questo tracciante centrale.


    Oh mio Dio! Il futuro! I miei genitori, tutti i miei conoscenti, la mia ragazza... perduti, perduti per sempre! Yahoo!