• 27 Agosto 2014, 23:04:35

Autore Topic: [DC][Quest per Batman e John Constantine] Anime Infrante  (Letto 860 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Grimnir

  • B.P.R.D.
  • *
  • Spamma di meno, per la miseria!
  • Post: 14917
  • Mr. Wednesday in incognito
    • Yggdrasil

Citazione
Dato il tipo di quest di natura introspettiva e investigativa per ora è aperta solo per Batman e John Constantine


Questo posto fa talmente schifo che è quasi meglio l'inferno.
Ogni passo rumore di vetri rotti e cavi tagliati.
Il tempo scandito da gocce che cadono da qualche tubatura rotta... o forse sangue che scivola da qualche cadavere.
Non oggi nè ieri, non sento la sua presenza... l'istinto però mi dice che lei è stata qui.
Di solito bazzico sempre tra i peggiori, gli ultimi che non saranno mai primi.
Qualche giorno fa però questa mia amica, Julie Carter mi ha chiamato.
Era tanto che non la sentivo.
Pensavo fosse fuggita dall'isola e avevo ragione.
Aveva trovato una nuova vita qui a Gotham, impiegata nelle industrie di Wayne, si era inserita, stava andando tutto bene per lei e la figlia fino a qualche settimana fa.
La bambina è scomparsa.
Elizabeth si chiama.
Nè la polizia nè il pipistrello sono riusciti a trovarla.
E così Julie disperata ha chiamato me, mi ha offerto persino i soldi.
Al diavolo non sono così figlio di puttana per queste cose il mio cuore d'oro si scioglie.
Ho fatto la valigia al volo e sono volato qui.
Ieri sono arrivato, il tempo di recuperare le forze e di parlare con Julie ed eccomi qui.
Un suo oggetto personale legato ad una catenella ed una cartina mi hanno portato in questo magazzino abbandonato.
Adoro i miei giochetti magici.
Ad ogni dannato passo scricchiola qualcosa come se il pavimento stesso mi maledicesse per il dolore che gli infliggo calpestandolo.
Le mie facoltà da medium non mi stanno venendo incontro.
Sento qualcosa, vedo qualcosa ma non è niente che mi lasci tranquillo.
Le voci che sento sono rimaste intrappolate qui chissà da quanto tempo.
Con la coda dell'occhio vedo fugaci sagome di fanciulli che fuggono.
Di recente qui è stato versato del sangue.
Concentrati John concentrati.
Come se fossi guidato da un angelo nero salgo le scale che portano ai piani superiori.
Siringhe rotte, preservativi, garze e alcol etilico tutto intorno.
Cerco nelle stanze ogni volta che entro la paura che qualche tossico possa rifilarmi qualche coltellata.
Mano a mano il sentore che qui ci sia qualcosa che non và si fa sempre più forte.
L'ultima stanza è ampia, con grandi finestre dai vetri rotti e un alto soffitto.
Le finestre rotte danno su un cortile vuoto.
Se solo fosse giorno potrei vedere qualcosa di più e di sicuro questa torcia non è di aiuto.
Come una risposta alle mie preghiere un lampo squarcia la notte e per un attimo temo di cagarmi sotto.
Sul muro le icone del male mi guardano e ridono.
Uno squarcio rosso e due pozze nere che mi fissano.



Il clown ride.
Il clown tira fuori da una tasca un coltello e comincia ad agitarlo.
Ogni movimento sottolineato da scie rosse sangue e urla attutite da nastro adesivo e terrore.
La maschera e il trucco si mescolano con il sangue.
Può fare di meglio.
Sa che può fare di meglio

La visione mi è esplosa nel cervello.
Maledetto bastardo.
Io ti troverò.
Strapperò la tua anima dal tuo cuore e la darò in pasto ai peggiori demoni degli abissi... parola di John Constantine.
« Ultima modifica: 08 Marzo 2012, 17:31:55 da Morfeo »
Il fu Morfeo
ehi.. ragazzo.. ricordi quello che ti ho detto sulla terra, ai vecchi tempi.. su ordine e caos e quelle cazzate? L'ordine. Ciarpame.Il caos spazzatura. Erano solo nomi che descrivevano la stessa cosa: il gorgogliare, il vorticare e lo zampillare di protoplasma, illuso che ci sia un senso al mondo.. non c'è nessun senso.. c'è solo carne e morte..
Vi veri Vniversum Vivus Vici

Offline Bruce Wayne

  • Arkham Asylum
  • *
  • Moderatore globale
  • Spamma di meno, per la miseria!
  • Post: 11671
  • Apophenia
Re: [DC][Quest per Batman e John Constantine] Anime Infrante
« Risposta #1 il: 09 Marzo 2012, 15:18:07 »
  • Elizabeth.
    Scomparsa da qualche settimana.
    La polizia ha perso le speranze.
    Quando sul tetto del commissariato, Jim ha detto alla madre che non avevamo ancora trovato nulla, lei ha inveito contro di me. Ha detto che io potevo fare di più, che se le fosse successo qualcosa sarebbe stata colpa mia per non essere riuscito a salvarla.
    Ha ragione. La colpa sarebbe mia. Anni di preparazione e di allenamenti e troppo spesso arrivo troppo tardi.
    Sempre ad inseguire questi pazzi psicopatici nei cunicoli buoi e contorti delle loro menti.
    Devo sempre risolvere il loro gioco. Attenermi ai loro schemi, alle loro patologie.

    Esiste un limite oltre il quale non posso spingermi? Oppure ogni volta che supero me stesso costringo anche i miei nemici a fare altrettanto?

    Elizabeth.

    Nessuna traccia per settimane, poi qualche giorno fa...
    Indizi spuntano come funghi. Niente di realmente utile. Nessuno schema apparente, ma so che lo schema c'è, devo solo trovarlo.

    Apophenia.

    Nei luoghi abitualmente frequentati dalla bambina, casa, scuola, parchetto, palestra in cui seguiva il corso di danza, sono stati trovati alcuni oggetti, ciascuno con un post-it attaccato sopra, recante un numero e il nome "Elizabeth".
    1- un criceto morto
    2- una radiografia dei denti
    3- 8 di picche
    4- 1 pacco da 1 kg di zucchero, all'interno è stato messo un pezzo di spago

    Nessuna impronta digitale. La radiografia risulta essere di una persona deceduta da più di quarant'anni. Gli indizi mi ricordano il MO di Joker o dell'Enigmista.

    Elizabeth.

    Riosservo gli oggetti posti di fronte a me.

    Apophenia.

    Criceto. Radiografia. Denti. 8. Picche. Zucchero. Chilo. Spago.
    Criceto. Ruota. Gabbia. Morto. Radiografia. Raggi. Denti. Panoramica. 8. Picche. Carta. Gioco. Zucchero. Chilo. Spago. Filo.
    Ruota. Panoramica. 8. Volante. Zucchero. Filo.

    Ruota panoramica.
    Ottovolante.
    Zucchero Filato.

    Luna Park.

    Una risata risuona nella mia testa.

    Indizi. Schemi nascosti. Il Joker si prende gioco di me?
    Quando ride... ride di me?

    Questa sfida è il suo ennesimo affronto?

    Elizabeth.

    E se fosse solo un enorme scherzo?

    Luna Park.
    Dove tenne imprigionato Jim......

    Devo controllare di persona.

    Elizabeth.






    Offline Grimnir

    • B.P.R.D.
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 14917
    • Mr. Wednesday in incognito
      • Yggdrasil
    Re: [DC][Quest per Batman e John Constantine] Anime Infrante
    « Risposta #2 il: 09 Marzo 2012, 19:34:25 »
  • Il pendolino non è più utilizzabile.
    Continua a indicarmi il magazzino eppure ho cercato da cima a fondo e non ho trovato niente... devo cercare altrove.. almeno la notte è ancora lunga.

    Conosco quei simboli sul muro.
    Il Joker.
    Un fottuto stronzo che si diverte a massacrare gente e a spargere il terrore.
    Quel bastardo pensa che sia divertente scatenare l'inferno in terra, pensa di essere un diavolo, uno che è capace di portare il male nel cuore della civiltà.
    Non sa quanto si sbaglia.
    Non riesce a immaginare che lì sotto è pieno di esseri che passerebbero l'eternità a scorticarlo senza ritegno.
    Povero bastardo.
    La pagherai e quando avrò finito con te non rimarranno nemmeno i resti della tua anima nera nel tuo corpo.
    Potrei andare a casa, evocare qualche tizio, gettargli una maledizione terribile, mettergli dietro un segugio infernale o qualche spirito vendicatore.
    Non posso farlo ora purtroppo devo prima trovare Elizabeth e poi potrò vendicarmi.
    Affidarsi alla magia è un processo che stanca e devo essere in forze.
    Stavolta dovrò affidarmi alla mia abilità investigativa.

    Comincio dai barboni attorno al magazzino, gli offro una sigaretta, gli lascio una sterlina (per ricevere in risposta sguardi offesi) e gli chiedo se è successo qualcosa di strano.
    Mi parlano di risate miste ad urla nel bel mezzo della notte.
    Di urla furiose e disumane e canti blasfemi che li hanno svegliati e diamine non gli hanno permesso di dormire per settimane.
    Qualcosa non torna.
    Sembra quasi che tutti siano daccordo nel dire si trattasse di gruppi di persone che non si sono nemmeno disturbati troppo per aver fatto un casino di inferno.
    Gli chiedo come mai nessuno abbia avvertito la polizia allora.. dallo sguardo di risposta capisco che a Gotham devono avere un grande problema con la corruzione.
    Qualche barbone ha fatto persino un nome, ha detto che più di una volta ha sentito cori di voci deliranti parlare di "Bambini delle Tenebre".
    L'affare si fa sempre più losco e mostruoso.
    Sembrano però tutti daccordo nel dire che il magazzino è stato usato solo nella settimana in cui è scomparsa Elizabeth.

    Accendo una sigaretta, una boccata di nicotina è proprio quello che ci vuole per schiarire il pensiero.


    Dopo aver parlato con i barboni mi rimane ben poco da fare.
    Passeggio nella notte e passo davanti a negozi, prostitute, supermercati.
    Gotham devi essere davvero una ragazzaccia..
    Afferro un giornale lasciato per terra e rimango colpito dal numero di crimini sventati dal pipistrello.
    In basso in un trafiletto si parla del tredicesimo bambino scomparso da un anno a questa parte.
    Tredici bambini. "Bambini delle Tenebre".
    Pensa John, pensa.

    Più mi caccio dentro questa storia e più vorrei uscirne.
    Lo schifo che rischia di essere vomitato fuori è qualcosa di grosso e sicuramente poco piacevole.
    Non mi rimane che giocare la carta magica alla fine.
    Ho già provato a contattare lo spirito della bambina ma non mi ha risposto.
    Pensavo fosse qualcosa di positivo ma adesso temo per l'anima di quella ragazzina.
    Stavolta contatterò qualcuno che sicuramente la sa più lunga di me e sono sicuro che mi darà le risposte che cerco.
    Trovo un posto tranquillo per non dare nell'occhio.
    Mi siedo, gambe incrociate e mani che formano mudra.
    Chiudo gli occhi e lo visualizzo.

    Fermo l'immagine nella mente e lo chiamo.

    "Aleister... sono John Constantine puoi sentirmi?"

    "Parla, cane rognoso"

    "Sono contento di sentirti anche io. Purtroppo non abbiamo tempo per queste stronzate. Voglio delle informazioni."

    "Informazioni? Riguardo cosa, figlio di una cagna"

    "Traffico di anime. Voglio sapere se i tuoi padroni ultimamente se la sono spassata. Con anime di bambini magari"

    "Cosa ti fa pensare che io ne sappia qualcosa?"

    "Andiamo Ally, sappiamo benissimo che sei uno dei più grossi figli di puttana li dentro"

    Faccio appello alla mia forza di volontà, non scendo a patti, sono io a comandare e lo spirito ubbidirà.

    "Forse so qualcosa"

    ****

    Il bastardo, come previsto, ha parlato.
    Devo dire che lo sforzo mi ha affaticato molto.
    Tra qualche ora sarà l'alba e il taxi finalmente è arrivato.
    Scendo giù e quello che vedo mi fa cagare sotto.
    Per la seconda volta in una notte.


    Il fu Morfeo
    ehi.. ragazzo.. ricordi quello che ti ho detto sulla terra, ai vecchi tempi.. su ordine e caos e quelle cazzate? L'ordine. Ciarpame.Il caos spazzatura. Erano solo nomi che descrivevano la stessa cosa: il gorgogliare, il vorticare e lo zampillare di protoplasma, illuso che ci sia un senso al mondo.. non c'è nessun senso.. c'è solo carne e morte..
    Vi veri Vniversum Vivus Vici

    Offline Etrigan

    • Justice League
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2896
    Re: [DC][Quest per Batman e John Constantine] Anime Infrante
    « Risposta #3 il: 14 Marzo 2012, 14:49:58 »
  • Talia mia cara figlia,

    Ti scrivo con le mie ultime indicazioni in quanto testa di demone.
    Da alcune settimana mi trovo nell'istituto di Arkham, dopo il mio ultimo incontro con il detective.
    Esigo che nessuno tenti di farmi evadere poiché sono qui per mia scelta, e sempre per mia volontà lasco la guida della setta. Persegui l'obbiettivo che ritieni più opportuno con essa, sarai la mai degna erede.

    Alla luce dell'ennesima sconfitta per mano del tuo amato ho deciso di terminare le ostilità, quando mi ha risparmiato la vita.
    Una faccenda di poco conto dato che sono destinato a morire entro breve tempo. Ho quindi deciso di porre fine al nostro scontro dopo anni riconoscendo con riluttanza la superiorità del mio avversario. Un buon stratega deve saper fare anche questo.

    Come risultato resterò in questa fogna per ciò che resta della mia vita, ho accettato di buon grado la decisione del detective di portarmi qui. Credo non esista un posto dove porre fine alla propria vita, questo vale come qualsiasi altro.
    Ironico che ciò che mi ha tenuto in vita in tutti questi secoli sia anche la cosa che mi sta uccidendo, ma immagino sia il prezzo da pagare per le proprie azioni passate.

    In queste settimane, sdegno a parte, per questo luogo, e per la feccia che lo popola, solo un altra cosa ha attirato la mia attenzione. Una bambina è stata rapita, normalmente per me sarebbe stata una faccenda di nessun conto, ma credo che non quel poco tempo che mi resta dovrò accontentarmi di ciò che la sorte si degnerà di portare alla mia attenzione.
    Ho poche notizie a riguardo ma ho fatto pressione sull'esecutivo dell'istituto affinché assecondino una mia richiesta incontrare il detective. Dato che per loro sembro essere un caso  molto interessante, immagino mi asseconderanno.

    In Fede

    Tuo padre.

    Offline Bruce Wayne

    • Arkham Asylum
    • *
    • Moderatore globale
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 11671
    • Apophenia
    Re: [DC][Quest per Batman e John Constantine] Anime Infrante
    « Risposta #4 il: 16 Marzo 2012, 15:48:43 »

  • Mi avvicino sempre di più al Luna Park maledetto.

    Ricordo ancora cosa ha fatto quel pervertito di un clown a Jim. A Barbara....


    Supero la ruota panoramica. Mi guardo intorno ma sembra non ci sia nessuno. Nessun rumore. Nessun indizio. Perchè il Joker mi ha portato qui?

    Continuo a camminare, cercando, analizzando, ripensando agli indizi.

    C'è qualcosa là per terra....

    Spoiler for Hiden:




    La bambola di Elizabeth. L'aveva con lei quando è stata rapita, stando alla testimonianza della madre.

    Se Joker le ha torto solo un capello giuro che....


    Spoiler for Hiden:

    Il "Tunnel dell'Amore". E' un luogo nascosto (come se ce ne fosse bisogno... in questo posto non ci viene più nessuno dopo il terremoto...), protetto. Meglio controllare.


    Prima di entrare mi chino di fronte all'ingresso. Nel terreno, o meglio, nella fanghiglia, ci sono impronte. Difficile dire con esattezza a quando risalgono ma sembrerebbero piuttosto recenti. Da giovedì scorso non piove. Le impronte quindi sono sicuramente successive.
    E sono di persone diverse. Almeno tre.

    E' una trappola? Per quale motivo Joker mi sta attirando qui?


    Entro dentro. Analizzo ogni centimetro. All'erta, nel caso scatti qualche trabochetto o diavoleria del clown.
    Nulla.
    Non succede nulla.


    Non è da lui.

    Chi ci guadagna?

    Joker non usa questo posto da anni. Da quella notte con Jim... perchè tornare qui?
    Non usa mai due volte lo stesso posto, lo stesso covo...
    Contravvenire a questa sua regola sarebbe la sua ennesima barzelletta, il suo ennesimo scherzo ai miei danni.

    Continuo a procedere sul camminamento laterale di sicurezza. Per terra trovo delle macchie bianche. Mi chino ad analizzarle. Ogni indizio è importante.
    Sembra cera, solidificata. Al più tardi risalente a due giorni fa. Qualcuno è entrato illuminando il percorso con delle candele?

    In una rientranza laterale c'è una porta. "Staff only".
    E' aperta. Per terra si notano di nuovo alcune impronte. Forse sono sulla buona strada...

    Seguendo le tracce arrivo ad un'altra porta. Anch'essa già aperta. Una striscia di sangue, quasi una freccia, mi invita ad entrare.

    All'interno c'è una stanza buia, leggermente illuminata da lame di luce che entrano da piccole finestrelle al livello del terreno. Una sorta di magazzino interrato. Ciò che conteneva in origine era sparito da un pezzo. Ladri, razziatori, ricettatori.. Gotham ne è piena.

    Sfilo dalla cintura una torcia portatile e illumino intorno.

    Sul muro di fronte a me, due cerchi neri e una linea rossa ricambiano il mio sguardo.


    Sul pavimento sporcizia, rifiuti e mozziconi di candela, spenti. Ma non solo... c'è come uno strano disegno tutto intorno, a terra. Gessetti rossi.
    Formano strani segni, come un cerchio. Le candele non sono poste in modo casuale... ma dove le diverse linee si incrociano.

    Un qualche rituale magico.....

    E Joker? Osservi di nuovo il dipinto su lmuro.
    Forse sono solo un gruppo di svitati, fan del pagliaccio. Ma per Joker potrebbero essere più un fastidio che altro...
    Potrebbe avermi dato quegli indizi in modo da levarglieli dai piedi.

    Elizabeth.

    Cosa le hanno fatto?

    Queste persone hanno davvero poteri magici? Se fossero semplici rapitori, psicopatici, Joker li avrebbe già uccisi di sua mano.

    Elizabeth.

    Spoiler for Hiden:

    Dei rumori provengono dal corridoio alle mie spalle.
    Spegno la torcia e la rimetto nella cintura.

    Silenzioso come la notte sparisco fra le ombre.
    Spero che chiunque entri da quella porta mi dia le informazioni che cerco...
    Altrimenti si ritroverà a sperare di non essere mai nato.