Autore Topic: Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro  (Letto 142122 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline DrHouse92

  • Indipendenti
  • *
  • Morrison sotto falso nome
  • Post: 9845
Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
« Risposta #885 il: 09 Marzo 2017, 20:59:14 »
  • Io ho questa
    Spoiler  :

    Ma dentro non c'è traccia del nome del traduttore.



    Offline Zeno

    • Vertigo
    • *
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1278
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #886 il: 09 Marzo 2017, 21:12:13 »
  • Grazie mille per la delucidazione. Adesso non mi resta che scoprire chi abbia tradotto il Deluxe con Batman in copertina in b/n, dato che vorrei un'edizione over size e tradotta come si deve.
    Dici il Deluxe col faccione di Batman in b/n? Nel caso, Susanna Raule.

    Offline AndreKBNS

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 23
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #887 il: 10 Marzo 2017, 19:00:23 »
  • La versione in B/N non è a dmensione standard ma è anch'essa una deluxe.

    Stando ad Alessandro ci sono 8 edizioni Lion del Ritorno del Cav. Oscuro:

    Dc Absolute: ho il volume sotto mano ma all'interno non trovo traccia di chi sia il traduttore...  :blink:
    Dc Deluxe (col faccione di Batman)
    Dc Deluxe 1a ristampa (con Robin sulle spalle di Batman)
    Dc Deluxe Batman Noir: che ho sotto mano ed è tradotto da Matteo casali
    Dc Deluxe Batman Noir Limited per fiere (col faccione di Batman come il Deluxe)
    Grandi Opere DC (con la copertina col fulmine)
    Grandi Opere DC riedizione (con copertina Batman che digrigna i denti e stringe i pugni)
    Dc Limited: edizione in pelle per Lucca

    Mi spiace di non essere più utile

    Hai dimenticato la variant dell'absolute, che ha la stessa copertina della ristampa in formato Grandi Opere DC  :lolle:

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • King Nerd
    • Post: 31371
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #888 il: 11 Marzo 2017, 12:34:33 »
  • Io ho questa
    Spoiler  :

    Ma dentro non c'è traccia del nome del traduttore.
    Grazie mille per la delucidazione. Adesso non mi resta che scoprire chi abbia tradotto il Deluxe con Batman in copertina in b/n, dato che vorrei un'edizione over size e tradotta come si deve.
    Dici il Deluxe col faccione di Batman in b/n? Nel caso, Susanna Raule.


    Mi riferivo ad entrambi, sia quello con i due personaggi che quello con il faccione. Grazie, ragazzi.  :hug:
    Vendo vari Alan Moore, Grant Morrison, Frank Miller




    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 141432
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #889 il: 06 Settembre 2017, 12:36:43 »


  • Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro

    Testi: Frank Miller
    Disegni: Frank Miller
    Edizione Originale: The Dark Knight Returns 1-4 (1986)
    16,8×25,6, B, col.
    17,95 €

    A grande richiesta torna il capolavoro di Frank Miller che ha rivoluzionato la figura del Cavaliere Oscuro. Ambientato in un futuro ostile, dove Batman è scomparso da anni, la televisione è padrona indiscussa delle menti dei cittadini, Superman è un burattino nelle mani del governo americano e Gotham City è infestata dalla gang dei mutanti, la storia di Miller pone le basi per il Batman dark e cupo che conosciamo.
    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Offline Dick Grayson

    • Batman Inc.
    • *
    • Casa sua è un cesso, ma i fumetti sono imbustati
    • Post: 2799
    • ...colui che fù Batman
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #890 il: 23 Marzo 2018, 10:01:26 »
  • L'ho riletto un paio di settimane fa dopo qualche tempo.

    Diciamo che ho iniziato tutta una rilettura del Batman di Miller, e l ho trovato a tratti LENTO.

    Amo questo fumetto, con tutto me stesso.

    Ma è come quelle letture che leggi da ragazzo e ti fanno innamorare, e poi quando le rileggi con occhi più adulti a tratti lo apprezzi di più ma a tratti lo apprezzi un pò meno.

    Miller è Miller e non c'è mai stato dubbio. Però, ci sono parti di questo capolavoro che durano troppo, a discapito di altre che invece volano via.

    Resta una pietra miliare a mio avviso, testimone di un periodo dei comics che probabilmente non esiste più.

    Ma a tratti ripeto, è TROPPO. Troppo bello, troppo lento, troppo cruento, troppo fascista, troppo TUTTO.

    Troppo Miller.  :batman:

    Offline robocoppola

    • Indipendenti
    • *
    • Nerd geneticamente modificato
    • Post: 3362
      • The Roboblog
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #891 il: 12 Aprile 2018, 15:49:25 »
  • L'ho riletto un paio di settimane fa dopo qualche tempo.

    Diciamo che ho iniziato tutta una rilettura del Batman di Miller, e l ho trovato a tratti LENTO.

    Amo questo fumetto, con tutto me stesso.

    Ma è come quelle letture che leggi da ragazzo e ti fanno innamorare, e poi quando le rileggi con occhi più adulti a tratti lo apprezzi di più ma a tratti lo apprezzi un pò meno.

    Miller è Miller e non c'è mai stato dubbio. Però, ci sono parti di questo capolavoro che durano troppo, a discapito di altre che invece volano via.

    Resta una pietra miliare a mio avviso, testimone di un periodo dei comics che probabilmente non esiste più.

    Ma a tratti ripeto, è TROPPO. Troppo bello, troppo lento, troppo cruento, troppo fascista, troppo TUTTO.

    Troppo Miller.  :batman:

    L'ho riletto anch'io ultimamente. Devo dire che anche io l'ho trovato eccessivamente prolisso e logorroico, alcune parti ho oggettivamente fatto fatica a leggerle e ci ho messo una settimana per finirlo! Mi riferisco soprattutto alle tavole con i talk show in TV, 16 (SEDICI!) vignette a tavola, tutte con roba da leggere mi sembrano oggettivamente troppe!

    Però la storia è fantastica!

    Robo

    Online attitude

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 198
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #892 il: 29 Ottobre 2018, 14:47:40 »
  • Dopo anni che ero interessato ad intraprendere questa lettura, che ho rimandato più volte (il volumone ce l'avevo ancora prima di iniziare a comprare fumetti grazie a mio fratello) per crearmi quella conoscenza e dimestichezza col mondo di Batman e dei comics in generale che pensavo fosse fondamentale per un'opera del genere.
    Alla fine mi ci sono messo sotto...e forse dovevo aspettare ancora.
    Non che non l'abbia apprezzata, anzi, probabilmente è soprattutto un'opera da godere pensando al contesto storico in cui è stata pubblicata e all'influenza che ha avuto su tutto il panorama dei fumetti.
    Tuttavia non so, forse mi ero creato aspettative assurde dopo aver letto per anni che era una di quelle opere imprescindibili, che DEVI leggere, che hanno fatto la storia.
    L'ho trovato molto maturo, quasi "grezzo", sicuramente rivoluzionario, ma anche pesantuccio.
    Di lavori di Miller di Batman mi sono trovato a gradire di più Year One, l'ho trovato più fruibile, per così dire.
    Non so se questo mio apprezzamento molto contenuto dell'opera riguarda ancora una mancanza di maturità e dimestichezza con questo mondo o semplicemente gusto personale, sicuramente prima o poi riproverò la lettura, ma intanto sono soddisfatto perché questa era una grossa lacuna che volevo colmare praticamente sin da quando ho iniziato a leggere fumetti.

    Offline Bruce Wayne

    • Arkham Asylum
    • *
    • Whatever
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 14117
    • Apophenia
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #893 il: 29 Ottobre 2018, 15:55:24 »
  • Anche io mi sono scontrato molto alle prime letture con Anno Uno e TDKR.

    Probabilmente per motivi comuni a molti: da un lato aspettative molto diverse (sono opere molto particolari, molto diverse dal tipico fumetto supereroistico, per esempio un "Hush" di Loeb e Lee) e dall'altro anche aspettative molto alte (sentendolo sempre definite come capolavori poi uno ci rimane quasi male se non riesce ad apprezzare al primo colpo l'opera per come viene definita da tutti gli altri).

    Già dalla prima rilettura vedrai che le cose cambieranno, perché ora sai già cosa aspettarti e apprezzerai sicuramente aspetti diversi.
    O almeno, nel mio caso è stato così.


    Online attitude

    • *
    • Legge a malapena il suo nome...
    • Post: 198
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #894 il: 30 Ottobre 2018, 14:54:45 »
  • è proprio quello che spero, ad esempio anche The Killing Joke, che  comunque avevo apprezzato maggiormente di TDKR alla prima lettura, l'ho apprezzato maggiormente leggendolo nuovamente dopo un po'.
    Year One anche l'ho letto più di una volta, ma diciamo che quello così come l'ho apprezzato alla prima lettura, così è stato alla seconda, rileggerlo non ha cambiato granché, penso sia un'opera fruibilissima sin da subito anche perfetta per iniziare a leggere Batman.

    Offline Illmatic

    • **
    • Sveglio, ma si impegna poco
    • Post: 542
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #895 il: 30 Ottobre 2018, 23:29:43 »
  • Dopo anni che ero interessato ad intraprendere questa lettura, che ho rimandato più volte (il volumone ce l'avevo ancora prima di iniziare a comprare fumetti grazie a mio fratello) per crearmi quella conoscenza e dimestichezza col mondo di Batman e dei comics in generale che pensavo fosse fondamentale per un'opera del genere.
    Alla fine mi ci sono messo sotto...e forse dovevo aspettare ancora.
    Non che non l'abbia apprezzata, anzi, probabilmente è soprattutto un'opera da godere pensando al contesto storico in cui è stata pubblicata e all'influenza che ha avuto su tutto il panorama dei fumetti.
    Tuttavia non so, forse mi ero creato aspettative assurde dopo aver letto per anni che era una di quelle opere imprescindibili, che DEVI leggere, che hanno fatto la storia.
    L'ho trovato molto maturo, quasi "grezzo", sicuramente rivoluzionario, ma anche pesantuccio.
    Di lavori di Miller di Batman mi sono trovato a gradire di più Year One, l'ho trovato più fruibile, per così dire.
    Non so se questo mio apprezzamento molto contenuto dell'opera riguarda ancora una mancanza di maturità e dimestichezza con questo mondo o semplicemente gusto personale, sicuramente prima o poi riproverò la lettura, ma intanto sono soddisfatto perché questa era una grossa lacuna che volevo colmare praticamente sin da quando ho iniziato a leggere fumetti.
    A me, alla prima lettura, non era piaciuto proprio.
    Poi, dopo anni, l'ho riletto e ne sono rimasto conquistato e meravigliato.
    Quindi, secondo me, ci sta che possa non piacere ad una prima lettura, è quel tipo di storia che bisogna aspettare il "momento giusto" per apprezzarlo.

    Online Azrael

    • Batman Inc.
    • *
    • Moderatore Globale Dell'Ordine di Saint Dumas
    • Azrael V DC Leaguers: Dawn of Nerdness
    • Post: 141432
    • La Vittoria Sta Nei Preparativi
      • Blog Azrael
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #896 il: 30 Ottobre 2018, 23:34:48 »
  • Concordo :ahsisi:
    Fedele all'Ordine di Saint Dumas e al Pipistrello
    Combatteremo le idee con idee migliori

    Online Robin

    • ***
    • Occhialini appannati, gobbetta, sbava sui preview...
    • Post: 1827
    Re:Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
    « Risposta #897 il: 19 Aprile 2019, 18:16:26 »
  • Finalmente dopo un pó di anni, sono passato alla ri-lettura di questa opera....come diversi altri membri del forum, il primo impatto era stato non dei migliori: probabilmente il fatto di aver letto praticamente ovunque "capolavoro imprescindibile" aveva creato anche a me aspettative gigantesche e avevo trovato troppe parti veramente tanto lente, direi anche troppo.
    La lettura effettuata ora invece migliora decisamente il mio giudizio su questa opera....devo peró dire a mio gusto personale che Anno Uno la preferisco a questa...e nel mio processo di recupero e lettura delle opere di Miller il ciclo su daredevil é il top tra le sue scritture