• 23 Luglio 2014, 05:39:26

Autore Topic: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber  (Letto 5526 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Murnau

  • Vertigo
  • *
  • Sociopatico compulsivo da tastiera
  • Post: 29274
  • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
« Risposta #15 il: 23 Aprile 2010, 14:30:17 »
  • Books of Msgic lo sto leggendo in questi mesi, è davvero bello: un fantasy con un ragazzino che scopre d'essere destinato ad essere il più potente mago di tutti i tempi; frequenti i viaggi a Faerie, mondo fiabesco "congelato" in un medioevo fantastico, tra fate, regine e orchi. Praticamente è un sunto di tutto quello che più mi fa schifo al cazzo... però il fumetto è scritto così bene da conquistarmi. Bellisismi i disegni di Peter Gross (American Jesus di Millar) e Peter Snejberg (The Mighty di Tomasi). La Planeta l'ha già pubblicato per intero in Spagna, non credo che lo riproporranno solo per il mercato italiano (è mooooolto di nicchia).

    Di Sandman Mystery Theatre ha scritto una mini che avrebbe dovuto rilanciare il franchise, ma ha floppato... e lui da allora è a spasso. Tra l'altro sono un gran coglione, perché ai tempi la mini non la presi, sicuro che tanto l'avrebbe fatta la Magic Press... invece è rimasta inedita e adesso il TP originale è fuori catalogo.

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Dylan Dog

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12042
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #16 il: 23 Aprile 2010, 15:01:08 »
  • Diamine, cercherò i TP originali o il materiale Magic Press per Books of Magic, voglio troppo bene a questo scrittore .. :°

    E, quando tornerà in giro mi prenderò The Sleep of the Just .. o su e-bay .. troverò qualcosa, diamine. :°

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Offline Dylan Dog

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12042
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #17 il: 24 Aprile 2010, 14:57:36 »
  • .. Ho letto gli Estremisti.  :(

    E' davvero triste vedere una così bella storia trasformarsi in una mezza puttanata negli ultimi due numeri. La trama c'era, è davvero stupenda, ma nella parte finale è scritta in maniera banale e ridicola, svilendo quanto finora fatto.

    Ma soprattutto, la cosa più grave è che negli ultimi due capitoli del fumetto viene sfruttato il personaggio di Nick Fury per 'rimangiarsi' letteralmente tutto il sistema critico-analitico dell'opera sino ad allora e di L'Avversario. Laddove Rieber aveva messo in dubbio il sistema politico Americano, il governo, ed il paese, salvando il popolo ed il sogno e delineando il Capitan America più vero, più vicino alla gente e meno ipocrita che ci sia mai stato sinora, Austen (e credo sotto volontà Marvel soprattutto) fa fare 'pacina' in maniera ridicola a Fury e Cap e sulla fine del fumetto fa difendere al primo il paese con un'orazione pessima. Sta bene la speranza, sta bene il positivismo, ma così ha davvero rovinato tutto.

    Con che premessa posso leggere Ghiaccio ora ?  :cry: :cry: :cry:

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 29274
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #18 il: 24 Aprile 2010, 15:06:33 »
  • Con quella di un soggetto ancora più critico e cinico di quelli che Ney Rieber aveva scritto in precedenza, ma una sceneggiatura (firmata Chuck Austen) pasticciata e confusa.


    Disegni da orgasmo, però.

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Dylan Dog

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12042
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #19 il: 24 Aprile 2010, 15:18:52 »
  • Detesto vedere roba buona mandata all'aria.  :cry:

    Ma lo prenderò, è inevitabile ormai. I disegni di chi sono ? Jae Lee è stata l'unica cosa che mi ha spinto fino infondo alla fine degli Estremisti .. disegna da DIO.  :w00t:

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 29274
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #20 il: 24 Aprile 2010, 15:27:15 »
  • Jae Lee ha disegnato tutto Ghiaccio.  :sisi:

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Dylan Dog

    • Indipendenti
    • *
    • Spamma di meno, per la miseria!
    • Post: 12042
    • Passi tutta la vita a diventare Dio e poi muori.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #21 il: 24 Aprile 2010, 15:30:27 »
  • Jae Lee ha disegnato tutto Ghiaccio.  :sisi:

    Mio.  :wub:

    Ma quanto tempo ci separa dalla prossima estate?

    Green Arrow

    • Visitatore
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #22 il: 24 Aprile 2010, 15:48:16 »
  • Ghiaccio mi era piaciuta tutto sommato, ma si vede tutta l'inesperienza di Austen

    Offline Doktor Sleepless

    • Indipendenti
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4164
    • Ich bin ein Berliner.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #23 il: 14 Maggio 2010, 22:33:02 »
  • Letta.
    Disegni bellissimi.  :ahsisi:
    "So what, no fuckin' ziti now?"



    Vendo e Cerco

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 29274
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #24 il: 14 Maggio 2010, 22:37:27 »
  • Cioé non ti è piaciuta la storia?




     :tsk:

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Doktor Sleepless

    • Indipendenti
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4164
    • Ich bin ein Berliner.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #25 il: 14 Maggio 2010, 22:38:24 »
  • Citazione
    La vicenda può non portare il lettore dritto al punto, ma cerca costantemente di farlo riflettere sul comportamento di tutti gli schieramenti

    In alcuni punti è vero, in altri molto meno.
    Ci odiano perchè invidiano la nostra libertà. La nostra democrazia.  :ahsisi:

    Sembra la propaganda reganiana contro la minaccia rossa negli anni '80.  :sisi:
    "So what, no fuckin' ziti now?"



    Vendo e Cerco

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 29274
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #26 il: 14 Maggio 2010, 22:40:11 »
  • Oh beh, non so tu, ma preferirei cento volte vivere negli USA che in un qualunque paese di religione islamica.

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Doktor Sleepless

    • Indipendenti
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4164
    • Ich bin ein Berliner.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #27 il: 14 Maggio 2010, 22:43:25 »
  • Oh beh, non so tu, ma preferirei cento volte vivere negli USA che in un qualunque paese di religione islamica.

    Non credi sia troppo facile parlare di sogno americano in contrapposizione ai paesi arabi? Non è facile propaganda, questa?

    "So what, no fuckin' ziti now?"



    Vendo e Cerco

    Offline Murnau

    • Vertigo
    • *
    • Sociopatico compulsivo da tastiera
    • Post: 29274
    • Benvenuti tra i rifiuti, non vi cacceremo via.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #28 il: 14 Maggio 2010, 22:51:09 »
  • Un fumetto su Capitan America, icona americana, pubblicato dalla Marvel, quindi esposto a tutti gli attacchi perché notissimo, a ridosso del 11 settembre, con dietro la metafora del "ci siamo meritati tutto quello che ci è successo, perché l'11 settembre è la tempesta che raccogliamo dopo aver seminato vento per decenni".


    No, non era per nulla facile, e come al solito tu dimentichi sia di contestualizzare l'opera, sia di impedire che il tuo pensiero politico di tappi gli occhi. Come diceva Gaber: "qualcuno era comunista perché era così ateo d'aver bisogno di un altro Dio".

    Ecco, tu spesso non riesci a guardare al di là di certi paletti che fissi.

    Tu non sai che cosa voglia dire sentirli tutti addosso, gli anni, e non capirli più.
                                                                                                                                       La notte, 1961

    Non c'è storia più grande della nostra, quella mia e tua. Quella dell'Uomo e della Donna.
                                                                                                                                        Il cielo sopra Berlino, 1987

    Offline Doktor Sleepless

    • Indipendenti
    • *
    • Cena romanticamente con DiDio
    • Post: 4164
    • Ich bin ein Berliner.
    Re: Capitan America L'Avversario - di John Ney Rieber
    « Risposta #29 il: 14 Maggio 2010, 23:06:40 »
  • Un fumetto su Capitan America, icona americana, pubblicato dalla Marvel, quindi esposto a tutti gli attacchi perché notissimo, a ridosso del 11 settembre, con dietro la metafora del "ci siamo meritati tutto quello che ci è successo, perché l'11 settembre è la tempesta che raccogliamo dopo aver seminato vento per decenni".


    Si, per poi correggere immediatamente il tiro: Noi abbiamo imparato dai nostri errori.
    Non cancello duecentocinquant'anni di storia così facilmente.
    Ma tanto, chissene, viva l'american way e la bandiera a stelle e striscie che protegge i suoi eroi. Come tutti i volontari che hanno contribuito a scavare ed a salvare vite umane sotto le macerie delle twin towers, ai quali è stata dedicata una statua proprio a ground zero. Peccato che il giorno dopo venivano dimenticati da tutti: stato, cittadini, parenti dei sopravvissuti. Quasi tutti oggi soffrono di insufficienza polmonare a causa dei detriti respirati l'11 settembre. E indovina? Non avendo un'assicurazione sanitaria, in gran parte sono morti. Gli altri, hanno ricevuto cure gratuite. A Cuba. Esatto, dai comunisti.
    Ma tanto  negli USA funziona così. Si va avanti con i simboli. Bastano questi per nascondere la verità e la storia.
    Che sia Capitan America, che sia la statua dei pompieri a ground zero, che sia la bandiera stellata. Tutti pensano ai simboli e nessuno alle persone. E la gente poi finisce pure per crederci.

    Noi ora sappiamo e quei giorni sono finiti. Abbiamo imparato dai nostri errori.

    « Ultima modifica: 14 Maggio 2010, 23:16:31 da Doktor Sleepless »
    "So what, no fuckin' ziti now?"



    Vendo e Cerco