DC Entertainment & Cartoon Network: due nuovi show

Scritto da Simone Sperati il 22 aprile 2010 in Fumetti DC Comics con un commento

Cartoon Network ha appena annunciato due nuovi shows i quali certamente cattureranno l’attenzione di molti:

Per quanto riguarda il primo, MAD MAGAZINE è una serie di sketch animate prodotta dalla Warner Bros. Animation e basata su MAD Magazine, una pubblicazione DC Comics. Da questa serie ci si deve aspettare un mix di stili d’animazione e di humour volti a mostrare ciò che sta dietro a film, show televisivi, giochi e cultura pop.

Potete aspettarvi di vedere volti familiari sullo schermo e grandi nomi dietro le quinte” spiega Diane Nelson, Presidente di DC Entertainment. “Lo show mostrerà l’irriverente approccio di MAD sulla cultura pop e sulle prime pagine di oggi, trattando di personaggi iconici come Alfred E. Neuman e Spy vs Spy. I nostri partner di Warner Bros. Animation e di Cartoon Network stanno aiutando DC Entertainment a rivitalizzare il brand MAD attraverso i media”.

Dietro le quinte si distingueranno diversi nomi. Sam Register (Teen Titans, Ben 10, Batman: The Brave and the Bold) è il produttore esecutivo, coadiuvato dai produttori Kevin Shinick (Robot Chicken) e Mark Marek (KaBlam!, The Andy Milonakis Show).

Passiamo ora al secondo annuncio, ovvero YOUNG JUSTICE. Si tratta di una nuova serie prodotta dalla Warner Bros. Animation e basata sui personaggi DC Comics. Nella serie essere un teenager significa dover continuare a mettersi alla prova davanti ad amici, genitori, insegnanti, mentori e, in definitiva, davanti a sé stessi. Ma cosa succede se al posto di un normale teenager c’è un supereroe? Quanto dev’esser duro mettere alla prova sé stessi in un mondo di superpoteri, supervillains e super segreti? I membri di Young Justice (Robin, Aqualad, Kid Flash, Superboy, Miss Martian e Artemis) dovranno dimostrare di meritare la Justice League!

Ci sono ancora molte cose in arrivo da DC Entertainment” afferma Geoff Johns, Direttore Creativo di DC Entertainment. “Questo è solo l’inizio”.

A cura di Simone Sperati