Joker in Batman V Superman? Il “mistero” del tweet cancellato.

Scritto da Raffaele Radaelli il 1 Aprile 2015 in Cinema, film e animazione con nessun commento

Sappiamo già che il 2016 sarà attesissimo per i fan della DC al cinema. Sarà infatti l’anno di uscita sia di “Batman V Superman” sia del film sulla “Suicide Squad“.
Ovviamente sappiamo già che nel film che unirà per la prima volta i due pilastri della DC Comics, comparirà Jesse Eisenberg nei panni di Lex Luthor.

 

lex-luthor_jpg_1003x0_crop_q85

E sappiamo anche che Jared Leto interpreterà Joker nel film sulla “Suicide Squad“.

112808
Quello che non sapevamo finora era che anche il Clown potrebbe unirsi alla “festa” organizzata da Luthor per Superman e Batman. D’altronde sappiamo che Joker non è tipo da lasciarsi tagliare fuori. Chi ha letto Crisi Infinita potrebbe capire di cosa stiamo parlando.

31-1

La conferma arriva proprio da Jared Leto che, attraverso il suo profilo twitter, ha lanciato un tweet molto particolare, poi cancellato.
È stata la cancellazione a destare qualche sospetto, forse dovuta al fatto che la DC e la Warner volevano darne l’annuncio in modo diverso.
Fortunatamente qualcuno ha salvato il tweet, che circola ora in rete:

La risata sembra lasciare ben pochi dubbi e quel “LL” potrebbe facilmente riferirsi proprio a Lex Luthor.

Vedremo quindi i Migliori del Mondo scontrarsi con i due rispettivi villain più pericolosi?
Potrebbe essere il modo ideale per collegare i due film tra loro.

Vi terremo aggiornati!

Fonte: Hollywood Reporter

COME MOLTI AVEVANO CAPITO, QUESTA NOTIZIA ERA IL NOSTRO PESCE D’APRILE!


Informazioni sull'autore

Raffaele Radaelli [Bruce Wayne]Classe 1987, ama sezionare e analizzare fino al più piccolo particolare ogni storia. Affascinato dagli strabilianti risultati che si possono ottenere dalla commistione di testi e immagini, nutre una grande passione per Batman, Morrison, Gaiman, Moore... senza dimenticare il mitico Sergio Toppi, che ha fatto nascere la sua passione per il medium fumetto.Leggi tutti gli articoli di Raffaele Radaelli