Jeeg Robot d’Acciaio

Scritto da Marco Cecini il 2 Gennaio 2015 in Anime e cartoni animati giapponesi con un commento

jeeg_Robot_Gazzetta dello Sport

Go Nagai è uno dei più importanti fumettisti giapponesi di sempre.
Le sue opere visionarie e apocalittiche negli anni ’70 sconvolsero un’intera generazione di lettori e telespettatori, risultando rivoluzionarie per un genere, quello dei super-robot, che fu quasi completamente edificato dal suo genio.
Dalle sue opere trasuda una profondissima analisi psicologica, un viaggio nell’intimo più profondo della natura del genere umano, da Nagai raccontato senza false speranze né pietose indulgenze, ma con l’occhio disincantato di chi considera gli uomini depositari del potere di essere Titani o Mostri, a seconda di dove si indirizzi il libero arbitrio che ci è stato dato in sorte.
Lo stile di Go Nagai è eccessivo, violento, grottesco a tratti, ammiccante allo splatter. Nelle trasposizioni a cartoni tale stile viene certamente stemperato per adattarsi ad un palato più giovane di spettatori, e tuttavia non perde il fascino che lo ha reso immortale.
Un paio di generazioni di italiani sono cresciute imparando dalle opere di Go Nagai cosa fosse l’epicità, il coraggio, l’eroismo, il sacrificio. Crescendo abbiamo trovato nei suoi diversi lavori tematiche ricorrenti, quali:

una fiducia incompleta nella scienza, che si dimostra l’unica arma che il genere umano può adottare per difendersi, ma al tempo stesso uno strumento utilizzato da pazzi e mostri per generare distruzione

una sottile linea di distinzione fra bene e male, laddove i nemici dell’umanità non sono semplici “cattivi” senza spessore ma piuttosto depositari di una sofferenza e di una drammaticità che ne approfondisce le motivazioni; così come i “buoni” sono tormentati da psicologie disturbate che li rendono talvolta addirittura più spaventosi dei mostri che combattono

esaltazione delle giovani generazioni, la cui mentalità aperta e flessibile viene considerata l’unica speranza per combattere i terribili pericoli cui Nagai espone la Terra nelle sue opere… Contrapposto all’entusiasmo, alla forza e alla volontà di questi giovani eroi spesso troviamo dei villain che sono al contrario vecchi, con lunghe barbe e capelli bianchi, nostalgici di un mondo ormai perduto che vorrebbero riproporre con la violenza, e incapaci di comprendere il mondo moderno che, pertanto, vorrebbero distruggere. Considerate la caratura di una tematica di tale peso “sociale” nel contesto storico degli anni ’70…

il citazionismo, dal cinema occidentale, al mondo antico sia esso di matrice greco-romana classica, oppure giapponese… In Jeeg Robot, in particolare, i nemici sono ispirati all’antico regno giapponese di Yamatai, con i soldati nemici che richiamano incredibilmente da vicino le statuette votive che si possono trovare proprio nelle tombe giapponesi dell’epoca citata.

La collezione

Da oggi, venerdì 2 gennaio, grazie ad un’iniziativa de La Gazzetta dello Sport e Il Corriere della Sera, oltre a Ufo Robot Goldrake arriva in edicola in una nuova edizione imperdibile anche Jeeg robot d’acciaio.
Trasmessa per la prima volta in Italia nel 1979, la serie ebbe un successo clamoroso e non inferiore a quello maturato da fenomeni di massa come Mazinga o Goldrake.
La serie verrà proposta in edizione integrale grazie ad una collezione completa di 12 DVD per 46 episodi, con audio e video completamente rimasterizzati. Ogni DVD conterrà inoltre un booklet contenente i bozzetti originali (settei) di Go Nagai. La serie integrale verrà proposta con doppio audio italiano e giapponese, con sottotitoli italiani tradotti fedelmente dall’originale.

jeeg_Robot_dvd

Trama

Il professor Shiba, durante alcuni scavi archeologici in Giappone, riporta alla luce un’antica campana di bronzo dai misteriosi poteri, appartenuta al popolo Yamatai della perfida regina Himika.

Il popolo Yamatai non si è estinto, si è ibernato nella roccia in attesa di ritornare in vita: la magica campana di bronzo gli consentirebbe di soggiogare gli altri esseri umani e conquistare il mondo.

Per questo, il professore decide di nascondere la campana e, approfittando di un grave incidente di laboratorio in cui viene disgraziatamente coinvolto suo figlio Hiroshi, gli miniaturizza nel petto la campana, rendendolo invulnerabile e capace di trasformarsi nella testa di Jeeg, il robot d’acciaio, destinato a difendere l’umanità dai perfidi mostri Haniwa della regina Himika.

 

Il Costo

La prima uscita sarà disponibile in edicola ad un prezzo speciale di 1,99€; la seconda, comprensiva del cofanetto per raccogliere i 12 dvd, al prezzo di 5,99 €; per la terza (che includerà un mega poster da collezione) e le successive, il prezzo sarà di 9,99€.

Una collezione assolutamente da non perdere!

Data prima uscita
: 02 gennaio 2015

Cadenza: settimanale

Store Gazzetta: http://goo.gl/ftnqAo

 

#JeegRobot #CollateralGazzetta


Informazioni sull'autore

Marco Cecini [Barry Allen]Nato a Roma, classe 1982. Appassionato, volitivo, amante di tutto ciò che è epico, eroico, e che rimanda al sapore antico e primigenio del vivere. In quanto tale, il fumetto supereroistico rientra di diritto nel novero delle sue passioni più grandi.Leggi tutti gli articoli di Marco Cecini